La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Due lenti divergenti Una sorgente luminosa (laser) Due vetrini da microscopio Della carta velina sottile Uno schermo scuro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Due lenti divergenti Una sorgente luminosa (laser) Due vetrini da microscopio Della carta velina sottile Uno schermo scuro."— Transcript della presentazione:

1

2 Due lenti divergenti Una sorgente luminosa (laser) Due vetrini da microscopio Della carta velina sottile Uno schermo scuro

3 Posizioniamo due lenti divergenti una di fronte allaltra, cosicché limmagine trasmessa del raggio laser risulti più larga possibile. Dopo aver pulito i due vetrini li poniamo accuratamente uno sopra laltro, frapponendo a unestremità un ritaglio di carta velina, mentre allaltra estremità utilizziamo una molletta per tenere fisse e molto strette le lastrine e creare il cuneo daria tra di esse. Poniamo la sorgente di luce laser dietro le lenti divergenti in modo che il fascetto molto sottile della luce laser sia reso più ampio e illumini una porzione dei vetrini. Facciamo incidere il fascetto quasi perpendicolarmente alla superficie, in modo che i raggi riflessi siano tutti molto vicini tra loro e si creino le condizioni per linterferenza. Poniamo uno schermo nero dove prevediamo ci sarà limmagine formata dai raggi riflessi, ovvero limmagine dellinterferenza.

4 Nel disegno 1 si osserva che per ogni raggio del fascio incidente si crea una serie infinita di riflessioni e rifrazioni, e quindi una serie infinita di raggi uscenti. Per semplicità è stata disegnata solo la prima serie, ma si crea un nuovo raggio ad ogni passaggio aria/vetro o vetro/aria; infatti passando da un mezzo ad un altro il raggio di luce in parte si riflette e in parte si rifrange, dando origine a due raggi diversi. Tuttavia le successive serie di raggi hanno un'intensità luminosa molto minore e quindi contribuiscono in maniera ininfluente alla figura di interferenza.

5 Come si vede nella figura, ogni raggio del fascio viene diviso in raggi che arrivano poi nello stesso punto dell'occhio dell'osservatore, che li percepirà quindi come un'unica luce. Il raggio riflesso dalla superficie superiore del primo vetrino non dà contributo allinterferenza a causa dello spessore grande del vetrino. L'interferenza si ha a causa della differenza di fase con cui i raggi 1 e 2 arrivano a destinazione, e che è dovuta a due fattori: l'inversione di fase che il raggio 2 subisce quando viene riflesso dalla lastra inferiore. Infatti, ogni volta che un'onda sta viaggiando da un mezzo ad indice di rifrazione minore (l'aria) verso un mezzo ad indice di rifrazione maggiore(la lastra di vetro), la riflessione che avviene sulla superficie di separazione tra i due mezzi è accompagnata da uno sfasamento di π (180°). la differenza di cammino tra i due raggi: il raggio 2 deve compiere un percorso più lungo, deve infatti attraversare due volte il cuneo d'aria, mentre il raggio 1 non lo attraversa. Lo spessore del cuneo aumenta allontanandosi dal vertice, aumenta quindi il percorso da compiere per il raggio 2 e aumenta anche la differenza di cammino tra i 2 raggi.

6 Quindi spostando il punto di osservazione lungo il cuneo varia l'effetto di questi due fattori combinati: in alcuni punti si ha interferenza costruttiva, in altri interferenza distruttiva, e l'osservatore guardando dovrebbe vedere strisce chiare e strisce scure alternate. Se le lastre fossero effettivamente piane, si dovrebbe quindi osservare un'alternanza regolare di strisce scure e luminose di uguale larghezza.

7 condizioni per l'interferenza costruttiva: la differenza di cammino deve essere uguale a un numero intero di lunghezze d'onda Δx = λ/2 + 2t = mλ m = 0,1,2,3… Δx = differenza di cammino totale λ/2 = differenza di cammino dovuta all'inversione di fase del raggio 2 2t = differenza di cammino dovuta al doppio attraversamento dello spessore del cuneo Si ricava che 2t = mλ - λ/2 = (2m - 1) λ/2 condizioni per l'interferenza distruttiva: la differenza di cammino deve essere uguale a un numero dispari di mezze lunghezze d'onda Δx = λ/2 + 2t = (2m + 1) λ/2 Si ricava che 2t = (2m + 1) λ/2 - λ/2 = (2m) λ/2 = mλ

8 Si può indicare lo spessore t in funzione della distanza x dal vertice del cuneo daria: poiché l'angolo α formato dalle due lastre è molto piccolo, può essere calcolato con la formula: α = t/x quindi t = αx Prima abbiamo trovato che 2t = mλ per l'interferenza distruttiva e quindi m = 2t/λ sostituendo: m = 2(αx)/λ quindi m/x = 2 α/λ dove m/x indica il numero di frange per unità di lunghezza. Quindi, utilizzando luce laser di lunghezza d'onda nota, misurando la lunghezza delle lastre (nel modello ipotizzate come perfettamente piane) e contando il numero di frange scure (o chiare) si può ottenere il valore dell'angolo. (misure di piccoli spessori) Oppure, conoscendo il valore dell'angolo α si può risalire alla lunghezza d'onda della luce monocromatica usata per osservare il fenomeno.

9 La figura a strisce chiare e scure alternate è tuttavia osservabile solo se si utilizzano delle lastre perfettamente lisce, prive di imperfezioni. Lastre cosiffatte sono dette otticamente piane. Le irregolarità di planarità dei vetrini da microscopio si possono osservare illuminando con luce laser un singolo vetrino posto su un fondo scuro e proiettando sullo schermo la figura generata da interferenza per riflessione. Se questa figura è generata da una sola lastra, sovrapponendone un'altra (anch'essa non perfettamente piana) e generando tra le due il cuneo d'aria, la figura che ne risulta non è più una serie parallela di fasce chiare e scure alternate, bensì un sistema di strisce curve dato che le irregolarità del vetro provvedono a creare spazi d'aria tra le lastre. Sono questi spazi casualmente disposti che danno poi origine alle strisce della figura osservata con i due vetrini. Più le lastre sono irregolari, e più la figura risultante sarà varia e complessa. Questo metodo può essere usato per verificare la planarità di una superficie.

10 La reale figura di interferenza Torna allinizio


Scaricare ppt "Due lenti divergenti Una sorgente luminosa (laser) Due vetrini da microscopio Della carta velina sottile Uno schermo scuro."

Presentazioni simili


Annunci Google