La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Accessibilità degli ascensori ai disabili: norme europee e norme nazionali Paolo Tattoli ANACAM TOSCANA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Accessibilità degli ascensori ai disabili: norme europee e norme nazionali Paolo Tattoli ANACAM TOSCANA."— Transcript della presentazione:

1 Accessibilità degli ascensori ai disabili: norme europee e norme nazionali Paolo Tattoli ANACAM TOSCANA

2 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana La situazione a livello europeo

3 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Allegato I direttiva 95/16/CE punto 1.2 "... Se l'ascensore è destinato al trasporto di persone e le dimensioni lo permettono, la cabina deve essere progettata e costruita in modo da non ostacolare o impedire tramite le sue caratteristiche strutturali l'accesso e l'uso da parte dei disabili e in modo da permettere tutti gli adeguamenti appropriati destinati a facilitarne l'utilizzazione" "... Se l'ascensore è destinato al trasporto di persone e le dimensioni lo permettono, la cabina deve essere progettata e costruita in modo da non ostacolare o impedire tramite le sue caratteristiche strutturali l'accesso e l'uso da parte dei disabili e in modo da permettere tutti gli adeguamenti appropriati destinati a facilitarne l'utilizzazione"

4 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Allegato I direttiva 95/16/CE punto "I comandi degli ascensori destinati al trasporto dei disabili non accompagnati devono essere opportunamente progettati e disposti" "I comandi degli ascensori destinati al trasporto dei disabili non accompagnati devono essere opportunamente progettati e disposti"

5 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana direttiva 95/16/CE art. 2 "... gli Stati membri prendono tutte le misure utili affinché la persona responsabile della realizzazione dell'edificio o della costruzione e l'installatore dell'ascensore si comunichino reciprocamente gli elementi necessari e prendano le misure adeguate per garantire il corretto funzionamento e la sicurezza di utilizzazione dell'ascensore..." "... gli Stati membri prendono tutte le misure utili affinché la persona responsabile della realizzazione dell'edificio o della costruzione e l'installatore dell'ascensore si comunichino reciprocamente gli elementi necessari e prendano le misure adeguate per garantire il corretto funzionamento e la sicurezza di utilizzazione dell'ascensore..."

6 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana La legislazione nazionale (fino al ?) Le dimensioni e le caratteristiche degli ascensori per disabili sono/erano indicate nel Le dimensioni e le caratteristiche degli ascensori per disabili sono/erano indicate nel DM 236/89 (decreto di attuazione della Legge 13/89) e nel DM 236/89 (decreto di attuazione della Legge 13/89) e nel DPR 503/96 (che rimanda al DM 236/89) DPR 503/96 (che rimanda al DM 236/89)

7 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

8 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

9 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

10 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Altre caratteristiche generali di un ascensore secondo le norme nazionali

11 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

12 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

13 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana La EN 81-70:2003 (UNI EN 81-70:2004) Entrata in vigore dal 6 agosto 2005

14 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

15 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

16 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana EN 81-70:2003 Regole di sicurezza per la costruzione e linstallazione di ascensori – Accessibilità agli ascensori per persone, incluse quelle disabili Regole di sicurezza per la costruzione e linstallazione di ascensori – Accessibilità agli ascensori per persone, incluse quelle disabili Elaborata dal CEN/TC10/WG7 sulla base del mandato 97/32.1 Elaborata dal CEN/TC10/WG7 sulla base del mandato 97/32.1

17 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Obiettivo Il fine è: ognuno deve essere in grado di utilizzare l'ambiente costruito in maniera indipendente e uguale

18 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Accordi Si assume che per ogni contratto siano stati stabiliti accordi tra il cliente e il fornitore/installatore circa: a) l'uso previsto dell'ascensore b) l'attivazione temporanea di dispositivi dell'ascensore c) le condizioni ambientali d) i problemi di ingegneria civile e) altri aspetti relativi al luogo di installazione

19 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana EN 81-70:2003 La EN 81-70:2003 considera l'accessibilità per sedie a ruote con dimensioni definite nelle EN 12183:1999 EN 12183:1999 per sedie a rotelle manuali destinate alluso di una persona con massa non sia maggiore di 100 kg EN 12184:1999 EN 12184:1999 per sedie a rotelle a elettriche e motorette con velocità massima non maggiore di 15 km/h, destinate al trasporto di una persona la cui massa non sia maggiore di 100 kg

20 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

21 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

22 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Disabilità considerate Le disabilità incluse nel campo di applicazione della norma sono indicate in Tabella B.1 Le disabilità incluse nel campo di applicazione della norma sono indicate in Tabella B.1

23 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

24 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Disabilità escluse Le disabilità escluse nel campo di applicazione della norma sono indicate in Tabella B.2 Le disabilità escluse nel campo di applicazione della norma sono indicate in Tabella B.2 Sono escluse le disabilità con requisiti non chiaramente correlati alle funzioni dell'ascensore (es. la claustrofobia)

25 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

26 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Dimensioni delle cabine Le dimensioni delle cabine standardizzate sono tre, e garantiscono diversi livelli di accessibilità da parte dei disabili Le dimensioni delle cabine standardizzate sono tre, e garantiscono diversi livelli di accessibilità da parte dei disabili

27 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana 6 x 8 x 17 x

28 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Accessi – Apertura delle porte L'apertura libera di accesso deve essere non minore di 800 mm Nota: I regolamenti nazionali possono richiedere più di 800 mm - Gli ascensori di tipo 2 devono essere muniti di un'apertura libera di accesso di 900 mm e quelli di tipo 3 di un'apertura libera di accesso di 1100 mm Le porte di cabina e di piano devono essere costruite come porte scorrevoli orizzontalmente automatiche

29 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Rimando alle disposizioni nazionali Ogni stato membro, in accordo con le proprie esigenze sociali e con la propria situazione economica, può scegliere dal prospetto 1 la dimensione minima dell'ascensore appropriata per un dato tipo di edificio e definirne l'applicazione per legge

30 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Corrimano Obbligatorio un corrimano su almeno una parete laterale della cabina: Impugnatura avente dimensioni della sezione tra 30 mm e 45 mm con un raggio minimo di 10 mm Spazio libero tra parete e impugnatura di almeno 35 mm Altezza del bordo superiore dell'impugnatura entro (900 ±25 mm) dal pavimento della cabina Corrimano interrotto se la bottoniera di cabina è posta sulla medesima parete per evitare ostacoli ai bottoni o ai comandi Estremità dei corrimano chiuse e rivolte verso la parete per rendere minimo il rischio di ferite

31 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Sedile ribaltabile Se è previsto un sedile ripiegabile (vedi Introduzione, Accordi) esso deve avere le caratteristiche seguenti: a) altezza del sedile dal pavimento: 500 ± 20 mm b) profondità: mm c) larghezza: mm d) capacità di sostenere un peso di: 100 kg

32 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Specchio Nel caso di cabina di tipo 1 e tipo 2, se un utente su sedia a ruote non può girarsi, deve essere installato un dispositivo (es. uno specchio) per consentire a tale utente di osservare gli ostacoli quando si muove all'indietro per uscire dalla cabina Se si usa uno specchio di vetro, esso deve essere di sicurezza Se ogni parete di cabina è sostanzialmente a specchi, devono essere previste misure per evitare di creare confusione ottica per gli utenti con ridotta capacità visiva (es. vetro decorato, oppure una distanza verticale minima di 300 mm tra pavimento e bordo inferiore dello specchio, ecc.)

33 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Precisione di fermata/livellamento Nel corso dell'uso previsto: - la precisione di fermata della cabina deve essere ± 10 mm - deve essere mantenuta una precisione di livellamento di ± 20 mm

34 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Dispositivi di comando Devono rispettare le indicazioni fornite nella Tabella 2 Devono rispettare le indicazioni fornite nella Tabella 2 Devono essere previsti accordi per stabilire i dispositivi più adatti al tipo di installazione Devono essere previsti accordi per stabilire i dispositivi più adatti al tipo di installazione

35 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

36 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

37 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Dispositivo di comando a tastiera

38 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Dispositivi di comando XL possono essere impiegati in ascensori con portata non inferiore a 630 kg

39 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Disposizione bottoniera di cabina La bottoniera di cabina deve essere posta sulla parete nel modo seguente: a) per porte a chiusura centrale, essa deve essere sul lato destro entrando nella cabina b) per porte a chiusura laterale, essa deve essere dalla parte del lato di chiusura Nel caso di cabina con due ingressi, i requisiti a) o b) devono essere rispettati nel modo in cui siano applicabili

40 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Segnalazioni al piano Per la manovra a pulsanti un segnale udibile al piano deve indicare quando le porte cominciano ad aprirsi. Il rumore della porta è sufficiente se il suo livello è non inferiore a 45 dB(A) Se il sistema di comando, prima di entrare in cabina, stabilisce la prossima direzione di marcia (manovra collettiva), devono essere posti indicatori luminosi a freccia sopra le porte oppure nelle loro vicinanze (vedi EN 81-1:1998 e EN 81-2:1998, paragrafo ) Gli indicatori a freccia devono essere posti tra 1,80 m e 2,50 m dal pavimento con un angolo di visuale dal piano non minore di 140°. L'altezza delle frecce deve essere non minore di 40 mm Un segnale udibile deve accompagnare l'illuminazione delle frecce. I segnali udibili devono impiegare suoni diversi per la salita e la discesa, cioè: – –un suono per la salita – –due suoni per la discesa Questi ultimi requisiti, n Questi ultimi requisiti, nel caso di un ascensore singolo, possono essere soddisfatti da un dispositivo nella cabina che sia visibile e udibile dal piano

41 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Segnalazioni in cabina Un indicatore di posizione deve essere posto all'interno o sopra la bottoniera di cabina. Il baricentro dell'indicatore deve essere posto a una quota tra 1,60 m e 1,80 m dal pavimento della cabina. L'altezza dei numeri dei piani deve essere tra 30 e 60 mm. Un secondo indicatore può essere posto altrove, ad es. sopra la porta di cabina, oppure in una seconda bottoniera di cabina In alternativa l'indicatore nella bottoniera di cabina può essere posto a una quota inferiore a 1,60 m se il secondo indicatore è previsto a una quota elevata (es. sopra la porta di cabina).

42 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Segnalazioni in cabina Quando la cabina si arresta, una voce in almeno una delle lingue ufficiali locali deve indicare la posizione della cabina

43 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Segnalazioni in cabina: Sistema di allarme La EN prescrive alcune integrazioni alla EN (teleallarme): a) un pittogramma giallo illuminato, in aggiunta al segnale sonoro, per allarme inivato b) un pittogramma verde illuminato, in aggiunta al segnale sonoro e collegamento vocale, per indicare che la chiamata/allarme di registrato. Il segnale udibile (collegamento vocale) deve avere un livello sonoro tra 35 dB(A) e 65 dB(A), regolabile per adeguarsi alle condizioni del luogo c) un ausilio alla comunicazione, come un accoppiamento acustico con l'altoparlante, per le persone con ridotta capacità uditiva (accordi preventivi)

44 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana LINEE GUIDA RIGUARDANTI LE CARATTERISTICHE PER PERSONE CON RIDOTTA CAPACITÀ VISIVA Per rendere massimo l'uso di ogni capacità visiva rimanente, possono essere usati contrasti nei colori oppure nei toni, per aiutare a identificare gli oggetti e a evitare situazioni pericolose Un'illuminazione corretta è essenziale in correlazione con i colori Le persone non vedenti hanno necessità di disposizioni tattili e udibili per poter svolgere le proprie funzioni in modo indipendente INFORMATIVA

45 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Illuminazione Riflessione e abbagliamento provocano confusione visiva e disagio L'abbagliamento può essere provocato da illuminazione posizionata in modo non corretto, particolarmente quando l'angolo visivo è tale che la lampada è posta lungo la visuale Un uso accurato di superfici interne non riflettenti e di dispositivi illuminanti accuratamente progettati riduce l'effetto dell'abbagliamento

46 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Illuminazione dei Piani Il colore e il tono delle porte dell'ascensore devono essere in contrasto con le finiture murarie circostanti per aiutare ad individuarne la posizione Il pulsante di chiamata dell'ascensore deve essere in contrasto di colori e di tonalità con le finiture circostanti Una superficie del pavimento che si possa distinguere, circa 1500 mm per 1500 mm all'esterno delle porte, aiuta a individuarne la posizione

47 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Illuminazione della Cabina L'illuminazione interna deve fornire un livello di luminosità minima, uniformemente distribuita, di 100 lux al livello del pavimento, evitando l'uso di riflettori Le pareti interne devono avere una finitura opaca non riflettente, in colore e tonalità contrastanti con il pavimento che deve pure avere una finitura opaca Il pavimento della cabina deve avere una caratteristica della superficie simile a quella dei piani di sbarco I pulsanti di comando devono sporgere qualche millimetro dalla parete della cabina E' raccomandato l'uso della parola come indicazione udibile. La parola può anche fornire informazioni, tra l'altro, sulla disposizione dei negozi e degli uffici posti al piano. E' anche utile un indicatore visivo

48 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Caratteristichegenerali di un ascensore secondo la EN 81-70:2003

49 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

50 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

51 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Richieste di interpretazione

52 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

53 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana

54 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana 5.2.4: Protection devices on doors –Dispositivi di protezione applicati alle porte: viene chiesto di specificare meglio che tipo di oggetto deve essere rilevato, quale dimensione minima deve avere e quale posizione, deve essere rilevato in posizione statica o dinamica, ecc. La risposta del WG1 è la seguente: the intention is to detect human body, children hand for example (not dog leash, blind stick). WG 1 has to investigate for the next meeting the minimum diameter and the static or dynamic detection La risposta del WG1 è la seguente: the intention is to detect human body, children hand for example (not dog leash, blind stick). WG 1 has to investigate for the next meeting the minimum diameter and the static or dynamic detection

55 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana 5.3.1: Car dimensions –Dimensioni della cabina: Le dimensioni della cabina devono essere misurate tra gli elementi strutturali delle pareti. Qualunque finitura decorativa di una parete che riduca le dimensioni minime della cabina fornite dal prospetto 1, non deve superare lo spessore di 15 mm. Come vanno valutate le finiture decorative che superano i 15 mm di spessore o attrezzature come corrimano o sedili? La risposta del WG1 è la seguente: La risposta del WG1 è la seguente: EN has chosen standard car dimensions from ISO ; finishes up to 15 mm thick are considered acceptable as still ensuring adequate space for the accommodation of wheelchair. Other equipment like handrail are not considered in the measurement of the car if they do not reduce clear entrance of the door. In selecting a tip-up seat, there should be a negotiation between the supplier and the purchaser to agree on the position

56 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana : Marking of buttons (-1, 0, 1,..) –il punto prevede la marcatura dei pulsanti di cabina in un certo modo (-1, 0, 1, …). In ascensori con due sole fermate (ad esempio in stazioni), si possono utilizzare altri tipi di marcature (tipo un triangolo verso lalto per salita e un triangolo verso il basso per la discesa) La risposta del WG1 è la seguente: This standard (and the ISO4190-5) is clear and require symbols using figures -1, 0, 1,... Additional marking of buttons is permitted. La risposta del WG1 è la seguente: This standard (and the ISO4190-5) is clear and require symbols using figures -1, 0, 1,... Additional marking of buttons is permitted.

57 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana : Arrangement of car operating panel –Il punto chiede che i comandi in cabina siano posizionati alla destra della porta; ma ne caso di due porte in cabina come ci si comporta? Sono necessarie due serie di comandi? La risposta del WG1 è la seguente: Yes La risposta del WG1 è la seguente: Yes

58 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana h): Button for exit floor –Il punto h) chiede che il pulsante per il piano di sbarco deve essere preferibilmente verde; qui si chiede se debba essere tutto verde o se può essere verde solo parte del pulsante La risposta del WG1 è la seguente: The mandatory requirement is the position of the button; the colour is recommended preferably green (not mandatory). La risposta del WG1 è la seguente: The mandatory requirement is the position of the button; the colour is recommended preferably green (not mandatory).

59 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Situazione attuale Legge 13/89 e DM 236/89 Legge 13/89 e DM 236/89 UNI EN 81-70:2004 UNI EN 81-70:2004 Quale disposto normativo seguire, a livello tecnico? Quale disposto normativo seguire, a livello tecnico?

60 Firenze, 15 ottobre 2005ANACAM Toscana Fine della presentazione


Scaricare ppt "Accessibilità degli ascensori ai disabili: norme europee e norme nazionali Paolo Tattoli ANACAM TOSCANA."

Presentazioni simili


Annunci Google