La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LAPPROPRIATEZZA DELLOFFERTA in un progetto individuale e comunitario di salute Dott.ssa Lina Bianconi coordinatore dei MMG componenti della Unità per lEfficacia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LAPPROPRIATEZZA DELLOFFERTA in un progetto individuale e comunitario di salute Dott.ssa Lina Bianconi coordinatore dei MMG componenti della Unità per lEfficacia."— Transcript della presentazione:

1 LAPPROPRIATEZZA DELLOFFERTA in un progetto individuale e comunitario di salute Dott.ssa Lina Bianconi coordinatore dei MMG componenti della Unità per lEfficacia Clinica (CEU) della ASL di Reggio Emilia e della formazione dei MMG

2 LE LINEE GUIDA SONO SUFFICIENTI PER PRODURRE APPROPRIATEZZA? Per ottenere risultati occorre rispettare delle tappe essenziali: Acquisizione di informazioni relative al problema assistenziale di interesse, attraverso iniziative specifiche di audit clinico occorrono dati precisi per quantificare i problemi e valutare i risultati che ci attendiamo

3 LA TENTAZIONE DI FARE UNA LINEA GUIDA Identificazione delle linee-guida già esistentiIdentificazione delle linee-guida già esistenti –è importante che ci si accerti dellesistenza di linee- guida relative al problema clinico di interesse. In questo caso si tratterà di valutarle criticamente, accertandosi che siano di qualità metodologica tale da essere affidabili e siano sufficientemente aggiornate (strumento AGREE) Costituzione di un gruppo di lavoro multidisciplinare e multiprofessionale per la "traduzione" delle linee-guida in percorsi diagnostico-terapeutici localiCostituzione di un gruppo di lavoro multidisciplinare e multiprofessionale per la "traduzione" delle linee-guida in percorsi diagnostico-terapeutici locali –questo è il passaggio cruciale

4 MA IL PROTOCOLLO MIGLIORE NON E GIA MIGLIORAMENTO DELLA PRATICA CLINICA Adozione di una strategia di implementazione appropriataAdozione di una strategia di implementazione appropriata –definire una appropriata strategia per la rimozione dei fattori di ostacolo allaccettazione della linea- guida, e di efficace disseminazione (formazione) Valutazione dellimpattoValutazione dellimpatto –indicatori misurabili che valutino il cambiamento e permettano il monitoraggio del processo e degli esiti

5 QUALE EFFICACIA HANNO LE STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE? Occorre sempre ricordare che le tecniche di audit e feedbach si sono dimostrate efficaci per il miglioramento della pratica clinica,Occorre sempre ricordare che le tecniche di audit e feedbach si sono dimostrate efficaci per il miglioramento della pratica clinica, e naturalmente lefficacia è tanto maggiore quanto più alta è la disparità della pratica clinica rispetto alle evidenze,e naturalmente lefficacia è tanto maggiore quanto più alta è la disparità della pratica clinica rispetto alle evidenze, mentre tecniche più frontali e meno interattive non hanno dimostrato alcuna efficaciamentre tecniche più frontali e meno interattive non hanno dimostrato alcuna efficacia Cochrane Library, Issue 2, 2005

6 Coniugare, a partire da queste premesse, le linee-guida a conseguenti attività di audit clinico significa costruire il necessario nesso tra gli strumenti tecnici disponibili (le linea-guida) e le finalità di efficacia ed appropriatezza che vorrebbero perseguire Coniugare, a partire da queste premesse, le linee-guida a conseguenti attività di audit clinico significa costruire il necessario nesso tra gli strumenti tecnici disponibili (le linea-guida) e le finalità di efficacia ed appropriatezza che vorrebbero perseguire. Agenzia Sanitaria Regionale agosto 2003

7 PROGETTO DI SALUTE Esiste sicuramente un progetto di salute individuale che ogni cittadino ha in mente e che legittimamente persegue,Esiste sicuramente un progetto di salute individuale che ogni cittadino ha in mente e che legittimamente persegue, ma il medico di medicina generale non può fermarsi lì, nella sua pratica clinica quotidiana deve tener conto anche di un progetto di salute che coinvolge lintera comunità in cui vive.ma il medico di medicina generale non può fermarsi lì, nella sua pratica clinica quotidiana deve tener conto anche di un progetto di salute che coinvolge lintera comunità in cui vive. Comporre e mediare queste esigenze spesso contrastanti fa della medicina ancora unarteComporre e mediare queste esigenze spesso contrastanti fa della medicina ancora unarte

8 COSE LAPPROPRIATEZZA DELLOFFERTA? Coniugare le evidenze e le prove di efficacia,Coniugare le evidenze e le prove di efficacia, con il contesto locale dove operiamo,con il contesto locale dove operiamo, condividendo con tutti gli attori del processo,condividendo con tutti gli attori del processo, e facendo partecipi i cittadini di tutto il processoe facendo partecipi i cittadini di tutto il processo I MEDICI DI MEDICINA GENERALE PARTNER IMPORTANTI IN QUESTO PROCESSO

9 UNA STORIA CHE VIENE DA LONTANO i MMG reggiani sviluppano con metodologia EBM un Prontuario per la medicina generale, i MMG reggiani sviluppano con metodologia EBM un Prontuario per la medicina generale, 1997 prima esperienza di budget sulla spesa farmaceutica basato su prove di efficacia,1997 prima esperienza di budget sulla spesa farmaceutica basato su prove di efficacia, QUALITA COME FINE RISPARMIO COME EFFETTO

10 APPROPRIATEZZA CLINICA E SOLO EBM? Se lAppropriatezza avesse alla base solo la metodologia EBM sarebbe applicabile solo a una piccola parte delle problematiche cliniche che si presentano quotidianamente nelle Cure Primarie,Se lAppropriatezza avesse alla base solo la metodologia EBM sarebbe applicabile solo a una piccola parte delle problematiche cliniche che si presentano quotidianamente nelle Cure Primarie, a questo strumento indispensabile va affiancata una visione globale della salute secondo un modello bio-psico-sociale che si concretizza nella integrazione multiprofessionale intorno al paziente inserito nella sua famiglia, nella sua comunità, e nella sua storiaa questo strumento indispensabile va affiancata una visione globale della salute secondo un modello bio-psico-sociale che si concretizza nella integrazione multiprofessionale intorno al paziente inserito nella sua famiglia, nella sua comunità, e nella sua storia

11 CURE PRIMARIE: MODELLO CULTURALE DI INTEGRAZIONE Le Cure Primarie sono il luogo naturale in cui questa integrazione tra EBM e Contesto concreto è esperienza quotidiana,Le Cure Primarie sono il luogo naturale in cui questa integrazione tra EBM e Contesto concreto è esperienza quotidiana, nel cercare le soluzioni supportate dalle migliori prove di efficacia, ma possibili in quel contesto concreto.nel cercare le soluzioni supportate dalle migliori prove di efficacia, ma possibili in quel contesto concreto.

12 LA C.E.U. RISORSA METODOLOGICA AI TAVOLI DI LAVORO I Tavoli di Lavoro per la appropriatezza clinica hanno alla base un processo di traduzione di evidenze in percorsi diagnostico-terapeutici locali,I Tavoli di Lavoro per la appropriatezza clinica hanno alla base un processo di traduzione di evidenze in percorsi diagnostico-terapeutici locali, in tutti questi tavoli i medici di medicina generale e i colleghi ospedalieri, membri della CEU, danno il loro contributo metodologico, ma i medici di medicina generale danno anche il contributo delle loro competenze specifiche e distintive,in tutti questi tavoli i medici di medicina generale e i colleghi ospedalieri, membri della CEU, danno il loro contributo metodologico, ma i medici di medicina generale danno anche il contributo delle loro competenze specifiche e distintive, la metodologia EBM daltra parte è un terreno comune che permette alle varie professionalità e alle altre componenti di dialogare e integrarsi e arrivare alla condivisionela metodologia EBM daltra parte è un terreno comune che permette alle varie professionalità e alle altre componenti di dialogare e integrarsi e arrivare alla condivisione

13 COSA SI STA FACENDO E COSA CI ATTENDIAMO Protocollo per la appropriatezza in Endocrinologia,Protocollo per la appropriatezza in Endocrinologia, Protocollo per la appropriatezza della diagnostica per immagini nelle patologie del rachide lombo-sacrale, spalla e ginocchio,Protocollo per la appropriatezza della diagnostica per immagini nelle patologie del rachide lombo-sacrale, spalla e ginocchio, Protocollo per la appropriatezza delle indagini di laboratorioProtocollo per la appropriatezza delle indagini di laboratorio

14 LOBIETTIVO E SEMPRE RISOLVERE UN PROBLEMA Le liste di attesa delle visite endocrinologiche,Le liste di attesa delle visite endocrinologiche, Gli esami radiologici a rischio di inappropriatezza, la radioprotezione dei cittadini, le Linee Guida per la diagnostica per immagini pubblicate il 2 maggio 2005 in G.U.Gli esami radiologici a rischio di inappropriatezza, la radioprotezione dei cittadini, le Linee Guida per la diagnostica per immagini pubblicate il 2 maggio 2005 in G.U. Gli esami di laboratorio individuati dalla Regione come a rischio di inappropriatezza,Gli esami di laboratorio individuati dalla Regione come a rischio di inappropriatezza, il costo crescente e lesigenza di razionalizzare luso delle risorseil costo crescente e lesigenza di razionalizzare luso delle risorse

15 MA NON E SOLO QUESTO Lobiettivo fondamentale è migliorare il management di patologie di forte impatto sulla salute:Lobiettivo fondamentale è migliorare il management di patologie di forte impatto sulla salute: –fornire le prestazioni più efficaci, in tempi accettabili e nel setting più idoneo, –con un percorso chiaro e condiviso tra Cure Primarie e secondo livello specialistico ricordando che il fine che abbiamo è spostare risorse da prestazioni non appropriate a quelle appropriate.ricordando che il fine che abbiamo è spostare risorse da prestazioni non appropriate a quelle appropriate.

16 SEMBRA TUTTO FACILE … MA GLI OSTACOLI CI SONO ! Condividere le evidenze con tutti gli attori coinvolti nel processo e raggiungere un sufficiente grado di consenso,Condividere le evidenze con tutti gli attori coinvolti nel processo e raggiungere un sufficiente grado di consenso, condividere con i colleghi il risultato del tavolo di lavoro,condividere con i colleghi il risultato del tavolo di lavoro, comunicare efficacemente con i cittadinicomunicare efficacemente con i cittadini

17 COMUNICARE E LA CHIAVE DI VOLTA DI TUTTO... Se raggiungere il consenso e condividere con i colleghi i risultati ha già dei modelli consolidati,Se raggiungere il consenso e condividere con i colleghi i risultati ha già dei modelli consolidati, la comunicazione con i cittadini ha ancora molto da fare per diventare efficace, anche perché si scontra con la disinformazione spesso interessata dei mediala comunicazione con i cittadini ha ancora molto da fare per diventare efficace, anche perché si scontra con la disinformazione spesso interessata dei media Le Cure Primarie sono luogo privilegiato se danno messaggi univoci

18 UNO SGUARDO AL FUTURO Il miglioramento continuo della appropriatezza della pratica clinica e dei percorsi diventiIl miglioramento continuo della appropriatezza della pratica clinica e dei percorsi diventi sviluppo continuo della professione di tutti gli operatori sanitari esviluppo continuo della professione di tutti gli operatori sanitari e la condivisione diventi patrimonio comunela condivisione diventi patrimonio comune

19 APERTURA ALLA SOCIETA Comunicare con i cittadini in maniera efficace non solo i risultati, ma anche il processo culturale che ci sta dietro,Comunicare con i cittadini in maniera efficace non solo i risultati, ma anche il processo culturale che ci sta dietro, la qualità deve anche essere percepitala qualità deve anche essere percepita

20 PROGETTO DI SALUTE CONDIVISO Condividere il progetto di salute che stiamo costruendo con tutti non è certo facile e richiede anche tempi lunghi, ma è lunica strada per non fare cattedrali nel deserto,Condividere il progetto di salute che stiamo costruendo con tutti non è certo facile e richiede anche tempi lunghi, ma è lunica strada per non fare cattedrali nel deserto, o elite di persone che lavorano tanto ma solo per pochissimio elite di persone che lavorano tanto ma solo per pochissimi

21 PER NON RESTARE A MANI VUOTE La CEU non deve restare una cerchia di intellettuali altrimenti la sua funzione si snatura, ma deve essere come il lievito nella pasta che fa crescere la qualità della offerta che forniamo al cittadinoLa CEU non deve restare una cerchia di intellettuali altrimenti la sua funzione si snatura, ma deve essere come il lievito nella pasta che fa crescere la qualità della offerta che forniamo al cittadino


Scaricare ppt "LAPPROPRIATEZZA DELLOFFERTA in un progetto individuale e comunitario di salute Dott.ssa Lina Bianconi coordinatore dei MMG componenti della Unità per lEfficacia."

Presentazioni simili


Annunci Google