La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Formazione La gestione integrata del diabete Mellito di tipo II nella Provincia di Reggio Emilia: 10 anni di esperienza 17 FEBBRAIO 2012 Reggio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Formazione La gestione integrata del diabete Mellito di tipo II nella Provincia di Reggio Emilia: 10 anni di esperienza 17 FEBBRAIO 2012 Reggio."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Formazione La gestione integrata del diabete Mellito di tipo II nella Provincia di Reggio Emilia: 10 anni di esperienza 17 FEBBRAIO 2012 Reggio Emilia MASSIMO MICHELINI, ISABELLA SIMONI SERVIZIO DI DIABETOLOGIA-DIPARTIMENTO INTERNISTICO DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE LA GESTIONE INTEGRATA A MONTECCHIO

2 DISTRETTO SD 3500 GI 900 INIZIO GIUGNO 2005 AUDIT per screening da parte del MMG per follow up MMG EUROTOUCH

3 HbA1c 7 % dieta o tp. ipoglicemizzante assenza di complicanze criteri di invio GI

4 PAZIENTE -ECG -Esami eseguiti -OO -Cartella GI SD VISITA FOLLOW UP G.I. SD 1) data VISITA 2) data OO 3) ECG LABORATORIO interno accesso diretto ETS Conversation Maps MMG 1) RICHIESTE: ESAMI / FOLLOW UP G.I./ OO / ECG 2) Cartella G.I. FOLLOW UP ogni 2 aa

5 PRIME VISITE VISITE SUCCESSIVE

6 GI e follow up Tot GI = 900 Tot follow up =393 GI e follow up attesi

7 INDICATORI DI ESITO INTERMEDIO PZ IN GI AL FOLLOW UP 393 HbA1 c pre HbA1 post BMI pre BMI post Circ pre Circ post PAS pre PAS post PAD pre PAD post 6,366,8729,229,397, ,6133,578,876,8 Col T HDL pre HDL post LDL pre LDL post TG pre TG post Micro Pre Micro post ,452,2120,9110,7131,3125,12,913,88

8 DATI DEL DISTRETTO DI MONTECCHIO (GI DATI 2010) 3 NCP: NCP di S.Ilario-Gattatico-Campegine (14 MMG) pop.circa NCP di Montecchio –Cavriago (13 MMG) pop NCP di S.Polo-Bibbiano-Canossa (12 MMG) pop NCP 1 (S.Ilario) NCP 2 (Montecchio) NCP 3 (S.Polo) Distretto MMG che hanno Fornito dati N° pazienti in GI Media pazienti/MM G e range (5-47) 14,11 (4-25) 16,66 (4-42) 17,62

9 HbA1c NCP 1NCP 2NCP 3DISTRETTO N° pz in cui è disponibile il dato N° pz non a target %16,79%17,21%15,38% 16,41% range5,5-11,25-11, ,4 MAU NCP 1NCP 2NCP 3DISTRETTO N° pz in cui è disponibile il dato N° pz non a target %23,90%23,38%20,78% 22,78% range LDL NCP 1NCP 2 NCP 3DISTRETTO N° pz in cui è disponibile il dato N° pz non a target %62,90%59,50%53.03% 58,90% RANGE Glicata con target <= 7,5 MAU con target <= 2 LDL con target <= 100 1) colesterolemia 2) presenza / assenza di diabete 3) pressione arteriosa 4) eta 5) sesso 6) abitudine al fumo di sigaretta Mortalita cardiovascolare Statine Antipertensivi (2 o > di cui almeno ACE-I) ASA Dieta No fumo rischio globale: carta del rischio

10 BUONA ACCETTAZIONE E QUALITA PERCEPITA DEI PZ ALLA GI; AUMENTO DELLE DIAGNOSI PRECOCI; raddoppiate le diagnosi annuali, con aumento della sensibiltà alla malattia; RIDUZIONE DELLE COMPLICANZE presenti alla diagnosi grazie alla precocità della stessa (dimezzata la retinopatia diabetica); MIGLIORAMENTO COMUNICAZIONE TRA i diabetologi ed i MMG rafforzandone la collaborazione (AUDIT annuali) NON CONFORMITA TRA ELENCHI PZ IN GI tra SD E MMG ALLARGAMENTO GI A PZ NON AUTOSUFFICIENTI E ISTITUZIONALIZZATI RISPETTO PRECEDURE DI PERCORSO AMPLIAMENTO GI A MMG FUORI DSTRETTO progetto SOLE criticità opportunità AMPLIAMENTO CRITERI INCLUSIONE IN GI RIDUZIONE NUOVI CASI DI GI TEMPI DEL FOLLOW UP CONTROLLO E RACCOLTA INDICATORI (processo, esito intermedio, esito finale), anche nel file dati AMD NON NUMERO SIGNIFICATIVO DI RIENTRI (SCA, neoplasie); PZ IN COMPENSO METABOLICO AL FOLLOW UP; FLESSIBILITA NELLA RIPRESA IN CARICO TEMPORANEA per scompensi intercorrenti o per urgenze (es. pre intervento); Numero di HbA1c/anno Numero di Microalbuminuria/anno scheda regionale indicatori

11 e prevenzione …per quanto riguarda la selezione della popolazione…si puo rendere necessario limitare il numero di persone inizialmente coinvolte, a quelle classi di popolazione che, per diverse ragioni, potrebbero ottenere significativi benefici da questo modello assistenziale… >> Requisiti clinico-organizzativi essenziali per la gestione integrata del diabete mellito tipo 2 nell adulto, 2007, IGEA … obiettivo: migliorare la prevalenza, ridurre i casi di DMT2 misconosciuti… >> Indicatori e standard di qualita per la gestione del DMT2 in Medicina Generale, SIMG, 2005, Area Metabolica GI come screening RER incontro delle 3 Aree Vaste 2007 Linee Guida Regionali per la gestione integrata del diabete mellito tipo 2, aggiornamento allimplementazione, settembre 2009 glicata < 8 %, stabile nel tempo; associazione ipo orali; microalbuminuria (stabile, no fumo, PA controllata, ACE o sartano, non IRC); RDNP iniziale (PA controllata) IMA stabilizzato ? (definire maggior frequenza controlli) Stabilita glicata (eta > 75 aa); Compliance; Insulina bed time; Ampliamento criteri di inclusione complicanze; Non autosufficienti, o istituzionalizzati ( strutture protette ed ADI) AMPLIAMENTO CRITERI DI INCLUSIONE GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Corso di Formazione La gestione integrata del diabete Mellito di tipo II nella Provincia di Reggio Emilia: 10 anni di esperienza 17 FEBBRAIO 2012 Reggio."

Presentazioni simili


Annunci Google