La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tra salute e sicurezza Storia e prospettive dei percorsi di cura dei malati di mente autori di reato Reggio E., LOPG e i suoi pazienti, dal carcere alla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tra salute e sicurezza Storia e prospettive dei percorsi di cura dei malati di mente autori di reato Reggio E., LOPG e i suoi pazienti, dal carcere alla."— Transcript della presentazione:

1 Tra salute e sicurezza Storia e prospettive dei percorsi di cura dei malati di mente autori di reato Reggio E., LOPG e i suoi pazienti, dal carcere alla comunità, 28 settembre 2010 Angelo Fioritti

2 Immagini della Psichiatria forense

3 Un po di storia 1884 – Sezione maniaci di Aversa diventa manicomio criminale – Apertura dei manicomi criminali di Reggio Emilia e Montelupo Fiorentino 1921 – Apertura di Barcellona P.G., Napoli e Pozzuoli 1931 – Fine della gestione informale. Il nuovo CP: infermità, vizio di mente, misura di sicurezza

4 Un po di storia – LO.P. di Castiglione d. S. diventa manicomio criminale in conv.ne 1975 – L. 354/75 ordinamento penitenziario ribadisce la natura penitenziaria dellOPG La riforma psichiatrica non tocca lOPG

5 Un po di storia 1983 – proposta di legge Vinci Grossi su proscioglimento per infermità mentale 1996 – proposta di legge Corleone 1997 – proposta di legge Toscana/Emilia- Romagna riformista: abolizione del vizio parziale, integrazione nel SSN, riforma dei meccanismi peritali

6 Un po di storia 1999 – DLgs. 230/99 Bindi sul trasferimento delle funzioni sanitarie al SSN, tranne OPG 2000 – DPR 230/00 Nuovo regolamento di esecuzione penitenziaria 2003 – Sent. CCost 253/03 su misure di sicurezza non detentive 2006 – Commissione interministeriale Sanità e Giustizia, ipotesi superamento OPG

7 Un po di storia 2008 – Visita del Comitato per la prevenzione della tortura del Consiglio dEuropa DPCM , trasferimento funzioni, personale, beni, attrezzature e finanziamento sanità penitenziaria al Servizio Sanitario Nazionale –A legislazione penale invariata –Dialettica tra principio di sicurezza e diritto alla salute –Allegato C – Linee guida per il superamento degli OPG

8 Un po di storia 2010 – Commissione Marino visita i 6 OPG

9 Sanità Penitenziaria 2008 Personale sanitario Direttore di OPG 9 Medico incaricato 237 Medico di guardia 1177 Farmacisti 1 Specialisti 1982 Veterinari 3 Infermieri di ruolo 580 Infermieri a convenzione 1358 Tecnici di varie specialità 110

10 La salute mentale in carcere Luogo di pena Popolazione molto cambiata Concetti di salute mentale molto cambiati E possibile parlare di salute mentale in carcere? Torino Genova Firenze Roma Rebibbia Pavia Regione Emilia-Romagna Stato di salute nelle carceri (fonte MinGius) –Grave 2% –Compromesso 3% –Mediocre 8% Tossicodipendenza 21% Patologia psichiatrica 14% 115 decessi, 57 suicidi (2005) Disturbi Asse I – 19.3% –Psicosi 1.3% –Dist. Umore 5.4% –Dist. Ansia 2.4% –Dist. Adattamento 2.6% (fonte, Carrà et al., 2005)

11 Sanità penitenziaria – Gli OPG Sei strutture Capienza nominale 200 posti a struttura Presenze: –Prosciolti mds 51% –Prosciolti ccc 12% –Detenuti mds provv 21% –Detenuti ex 148 8% –Detenuti minorati 3% –Detenuti osservandi 2% Tasso medio di presenze: 1/ abitanti Variazioni regionali fino a 10 vv Personale sanitario di ruolo 289 (169 CdS) Personale sanitario a contratto 162 (0 CdS) Personale di custodia 556 (0 CdS)

12 Commissione interministeriale OPGMSD%MSP%CCC% ART. 148 % Minor. Psich. %Oss.%totale Castiglione 11768,82917,174,1116,510,652,9170 Montelupo 4434,63628,33326,0129,400,021,6127 Napoli 5133,33824,83120,31610,5159,821,3153 Reggio Emilia 16070,83113,700,0156,6125,383,5226 Barcellona 5838,45234,41912,62013,200,021,3151 Aversa 10549,36530,53315,5104,700, Totale 53551,425124,112311,8848,1282,7191,81040

13 In Emilia-Romagna 1997 – proposta di legge 1997/2000 – studio ModiOPG 2002 – Apertura Reparto Antares 2003 – Presidi SerT nelle carceri 2004 – Farmaceutica, laboratoristica e fondo ex-OP aperto ai dimessi OPG 2007 – Specialistica 2008 – L.R. 3/ Ca Zacchera Sadurano

14 MoDiOPG Circa 70% dei pazienti gravi reati, oltre un terzo dei casi recidive di reati oltre 70% gravi patologie di asse I, (sintomi produttivi-positivi), Non elevato livello di disabilità fisica, sociale e lavorativa Disturbi di personalità primari o associati

15 MoDiOPG Rapporti difficili con i servizi prima di entrare in OPG: 61% dei casi in carico al momento del reato. Sostanziale interruzione dei rapporti con i servizi terr. al momento dellinternamento Particolari caratteristiche dei pazienti con reati gravi verso la persona

16 MoDiOPG Fattori giudiziari (tipo di reato, durata prevista della misura di sicurezza, OPG di internamento) prevalenti nel determinare la durata della degenza in OPG. Solo la diagnosi di schizofrenia ed una sintomatologia produttiva delirante hanno ruolo nel predire degenze più lunghe

17 MoDiOPG Il tempo di dimezzamento della coorte è di diciotto mesi. A 18 mesi il 63.8% ed a 36 mesi il 58.5% dei dimessi è in una struttura residenziale. Oltre la metà di queste strutture è privata o convenzionata Il 6% degli ospiti delle SR in Italia è stato in OPG (dal Progres)

18 MoDiOPG Non emergono differenze significative nellutilizzo dei servizi di ricovero ospedaliero (vol.TSO) tra i soggetti dimessi dallOPG ed i loro controlli abbinati; Non emergono differenze significative nel compimento di fatti-reato tra i soggetti (2/3 allinterno dellOPG) ed i loro controlli abbinati. I soggetti subiscono conseguenze giudiziarie più pesanti dei loro controlli abbinati.

19 La riforma DPCM –Legislazione invariata –Trasferimento di funzioni personale Finanziamento Beni e attrezzature –Dialettica sicurezza - salute –Superamento OPG –Necessità di accordi in itinere

20 Due anni di riforma Passaggio amministrativo del personale Accordi stato-regioni Eterogeneità dellazione delle regioni Esperienze alternative Incremento (e poi stabilizzazione?) della popolazione carceraria ed OPG

21 I sei OPG Castiglione delle Stiviere Reggio Emilia Montelupo Fiorentino Aversa – Napoli Barcellona Pozzo di Gotto

22 Accordo Stato Regioni Novembre 09 Scenario di medio periodo Riduzione della popolazione OPG sotto le 900 unità –300 dimissioni straordinarie –Potenziamento dei reparti carcerari (osservandi e sopravvenute infermità) –Utilizzo per bacini Reggio E.: ER, Triveneto e Marche

23 La riforma in Emilia-Romagna Trasferimento del personale DGR 1063/08 Assetto organizzativo DGR 314/09 –Responsabile programma e referente –No UO spcifiche –Afferenza ai dipartimenti territoriali Programma salute nelle carceri - DGR 2/2010

24 Psichiatria forense in ER Attivazione di presidi di salute mentale in ogni carcere Reparto a Piacenza OPG allAUSL di Reggio Emilia –Doppia direzione –Radicale ricambio di personale (72 assunzioni) –Programma di apertura dei reparti –Superamento delle contenzioni –Estensione della filosofia Antares –Collegamento regionale con i DSM-DP e Sadurano

25 DGR 18 e 288/10 - Accordo con AP Superamento di Reggio Emilia Rispetto delle assegnazioni per bacini Programma di dimissioni straordinario Attivazione di una struttura sanitaria a Castelfranco Emilia per dieci anni Attivazione di una rete di strutture e programmi volti al suo superamento

26 REGIONEPRESENTILICENZATOTALE RER TRIVENETO64973 MARCHE10111 BACINO LOMBARDIA ALTRI77481 EXTRA- BACINO TOTALE

27 Prospettive Uno scenario completamente nuovo: –Intervento sanitario del SSN negli IIPP –Detenuti e internati c/o strutture SSN –Incremento attività medico-legale –Posizione di garanzia

28 2000 Penale - penitenziarioServizio sanitario nazionale Perizia Carcere OPG Esecuzione esterna Diagnosi cura riabilitazione Rete CSM SPDC Residenze etc

29 2010 Funzione giudiziaria – funzione penitenziaria Funzione sanitaria Perizia Detenzione carcere MdS OPG Esecuzione esterna Perizie Certificazioni Documentazione Rete CSM Arresti SPDC MdS Residenze

30 2010 Opportunità –Qualificazione della cura negli IIPP –Approccio di popolazione –Continuità delle cure –Prevenzione –Qualificazione degli aspetti medico-legali Rischi –Delega del controllo negli IIPP –Uso giudiziario delle strutture sanitarie –Uso delle attività sanitarie per finalità legali –Confidenzialità delle informazioni sanitarie

31 2010 Resistere –Difesa del mandato alla cura –No mandato di controllo –Distinzione di ruoli e funzioni –Difendere privacy –Lottare per labolizione dellinfermità mentale Reinterpretare –Esplicitare ruoli e funzioni: legali, sanitarie e medico- legali –Esplicitare garanzie al cittadino: libertà, controllo, privacy –Programmare il sistema sanitario –Formare i professionisti

32 Programmare il sistema sanitario Qualificazione dellintervento psichiatrico nelle carceri (DGR 2/2010) Disaggregare lOPG e costruire una rete qualificata: alta, media e bassa sicurezza Piena integrazione nel SSN –Afferenza ai DSM-DP –Bacini territoriali –Continuità terapeutica –Ampliamento delle alternative alla MdS detentiva –Coinvolgimento del DSM in tutte le fasi della esecuzione penale e della MdS

33 Formare i professionisti Lincontro con la giustizia non è occasionale Tutti i professionisti devono essere preparati sotto il profilo medico-legale Alcuni professionisti possono acquisire competenze specifiche –Personale SSN negli IIPP (>> OPG) –Personale dei DSM (>> SPDC, Residenze, CSM)

34 Verso lo psichiatra forense? Poter sostenere credibilmente un confronto con le AG Svolgere funzioni di cura in contesti penitenziari Professionisti competenti in: –Elementi di criminologia e sociologia della devianza –Diritto e procedure penali e penitenziarie –Etica, deontologia e medicina-legale –Epidemiologia clinica e forense –Clinica psichiatrica in ambito penitenziario Sindromi istituzionali Rapporto malattia mentale e violenza Il problema dellinsight/rielaborazione –Neurobiologia e psicofarmacologia della aggressività e della violenza –Interventi psicoterapici e sociali su questioni specifiche (ad es: sex offenders)

35 Conclusioni Ogni riforma importante prevede cambiamenti, alcuni ovvi, altri meno Avere abbattuto un confine tra IIPP e SSN richiede cambiamenti su entrambi i versanti Trasparenza, competenza e senso etico sono le migliori garanzie che il SSN può offrire al cittadino per la tutela della salute e della dignità. Soprattutto per una categoria doppiamente a rischio come i malati di mente autori di reato


Scaricare ppt "Tra salute e sicurezza Storia e prospettive dei percorsi di cura dei malati di mente autori di reato Reggio E., LOPG e i suoi pazienti, dal carcere alla."

Presentazioni simili


Annunci Google