La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Psicologia della Salute A.A. 2010-2011 Catia Ghinelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Psicologia della Salute A.A. 2010-2011 Catia Ghinelli."— Transcript della presentazione:

1 Psicologia della Salute A.A Catia Ghinelli

2 Psicologia della Salute Psicologia della Salute: concetti di base 1)Introduzione alla Psicologia della Salute 4/3/2011 Storia, definizioni, contesto culturale di riferimento (modello biomedico e biopsicosociale) 2) Modelli psicologici prevalenti in psicologia della salute 7/3/2011 In particolare HBM, modello transteoretico e modello di Leventhal 3) Stress e malattia 11/3/2011 Processi psicologici rilevanti per la salute: la componente cognitiva 4) Emozioni e salute 15/3/2011 Processi psicologici rilevanti per la salute: la componente emotiva 5) Sostegno sociale e salute 22/3/2011 Processi psicosociali rilevanti per la salute: il sostegno sociale

3 Psicologia della Salute Psicologia della Salute: alcune applicazioni 6) Psicologia nellassistenza ospedaliera 25/3/2011 Vissuti di malattia e reazioni psicologiche di pazienti e familiari (anche negli stadi avanzati di malattia e nella fase terminale) 7) Psicologia e medicina 29/3/2011 Comunicazione medico-paziente e stress lavoro-correlato nelle équipe curanti: sindrome del burnout 8) Tradurre in parole le esperienze traumatiche 1/4/2011 Scrittura, emozioni e salute: narrazione e autobiografia 11) Modulo integrativo: Psicologia dei processi di cura 5/4/2011 (?) (Prof. Dante Comelli) 12) Modulo integrativo: Psicologia dei processi di cura 8/4/2011 (Prof. Dante Comelli) 8) Qualità della vita e psicologia del dolore cronico 12/4/ ) Cambiare stili di vita non salutari 15/4/2011 Applicazione dei modelli teorici sul cambiamento al counselling ai pazienti 13) Sintesi e conclusione del corso 19/4/2011

4 Psicologia della Salute B. Zani, E. Cicognani, (2000) Psicologia della Salute, Il Mulino, Bologna. P. Benvenuti, (2000) Psicologia e Medicina, Carocci Editore, Roma. G. Majani, (1999) Introduzione alla Psicologia della Salute, Erickson, Trento. L. Pietrantoni, (2001) La psicologia della salute, Carocci Editore,

5 Disciplina accademica, professionale Area di studio, ricerca, intervento Psicologia della Salute

6 Anni 50 e 60: relazione tra malattia fisica e aspetti di vita stressanti Anni 70: rinnovamento culturale sui temi della salute, da bene individuale a bene anche collettivo, partecipazione alla prevenzione

7 1986 EU Conferenza di Tilburg ESHP 1987 ITA Congresso di Roma SIP 1976 USA gruppo di lavoro in APA 1979 USA sezione 38 in APA (Health Psychology) 1997 ITA SIPSa 1998 ITA Rivista Psicologia della Salute

8 La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non consiste soltanto in unassenza di malattia o di infermità. Il possesso del massimo stato di salute che è capace di raggiungere costituisce uno dei diritti fondamentali di ogni essere umano (O.M.S., 1948)

9 La psicologia della salute è linsieme dei contributi specifici (scientifici, professionali, formativi) della disciplina psicologica alla promozione e al mantenimento della salute, alla prevenzione e trattamento della malattia e allidentificazione dei correlati eziologici, diagnostici della salute, della malattia e delle disfunzioni associate. Un ulteriore obiettivo consiste nellanalisi e miglioramento del sistema di cura della salute e nella elaborazione delle politiche della salute (J.D. Matarazzo, 1980)

10 Perché? 1) Cambiamento nelle cause principali di mortalità: da malattie infettive a malattie croniche 2) Fattori economici: prevenire è meglio che curare 3) Sviluppo della psicologia: metodi di intervento efficaci

11 Disciplina ancora in divenire: 1) Bisogno di emanciparsi dal modello medico tradizionale 2) Bisogno di allargare lottica dallindividuale al sociale 3) Bisogno di intersecare loperare dello psicologo e le politiche nel settore della salute e della prevenzione

12 Modello Biomedico Disciplina fondamentale: biologia molecolare Oggetto (studio-intervento): la malattia intesa come alterazione dalla norma di variabili biologiche misurabili Procedure fondamentali: Diagnosi (come definire la presenza di una patologia); Terapia (come intervenire con strategie aventi dimostrata validità )

13 Modello Biomedico Modello dominante e altamente condiviso Natura del modello: biologica e riduzionista Impianto del modello: dualismo corpo-mente

14 Modello Biomedico Identificare e classificare la malattia attraverso i suoi segni e sintomi Contrastare la malattia con un rimedio che si è dimostrato efficace in precedenti studi clinici controllati e randomizzati Enfasi sul potere degli operatori sanitari, detentori delle conoscenze e degli strumenti della medicina, e promozione della posizione passiva del paziente

15 Caratteristiche della Medicina centrata sul Modello Biomedico Semplicità: levento malattia è analizzato attraverso la sua scomposizione in elementi minimi che lo costituiscono e lo esauriscono; lapproccio biologico consente la riduzione di un fenomeno complesso, quale la malattia, a un rapporto semplificato di causa (biologica) – effetto (patologico)

16 Caratteristiche della Medicina centrata sul Modello Biomedico Predittività: la malattia è leffetto di una causa biologicamente identificabile che si ripresenta in soggetti diversi: la costanza dei rapporti di causa- effetto consente al medico non solo di diagnosticare malattie ma di indicarne la prognosi

17 Caratteristiche della Medicina centrata sul Modello Biomedico Chiarezza metodo clinico: sono indicati non solo i grandi obiettivi della medicina (identificare le malattie e trattarle) ma soprattutto sono esplicitati in modo preciso gli obiettivi che il medico nella consultazione deve raggiungere e i passi che deve effettuare per raggiungerli

18 Caratteristiche della Medicina centrata sul Modello Biomedico Verificabilità (1): lapproccio anatomo-patologico garantisce la possibilità di verificare la diagnosi clinica Verificabilità (2): la chiara e semplice identificazione delloggetto di pertinenza della medicina consente la verifica di ipotesi attraverso il disegno sperimentale

19 Caratteristiche della Medicina centrata sul Modello Biomedico Insegnabilità: il metodo clinico, come testimoniano le università, è oggetto di insegnamento e di apprendimento

20 Conseguenze del Modello Biomedico Disumanizzazione Parcellizzazione Ipermedicalizzazione

21 Modello Biopsicosociale (Engel, 1977) Modello di tipo integrato, basato sulla teoria generale dei sistemi Tiene conto dei fattori psicosociali e ritiene che la diagnosi medica debba considerare linterazione degli aspetti biologici, psicologici e sociali nel valutare lo stato di salute dellindividuo e nel prescrivere un trattamento adeguato

22 Comportamenti di salute (Health Behaviors) Abitudini e stili di vita influenzano in modo determinante le cause principali di morbilità e di mortalità. Diventa importante riuscire a individuare le abitudini salutari e quelle dannose, promuovere cambiamenti che aiutino le persone ad abbandonare le seconde e ad adottare le prime.

23 Comportamenti di salute (Health Behaviors) Azioni consistenti nel fare (es. seguire una dieta salutare) I comportamenti di salute sono: Azioni consistenti nellastenersi dal fare (es. non fumare) Eventi mentali o sensazioni

24 Comportamenti di salute (Health Behaviors) Molteplici determinanti: Elementi cognitivi (credenze, aspettative, motivazioni, valori, percezioni) Caratteristiche di personalità (inclusi stati emotivi e affettivi) Pattern comportamentali (azioni e abitudini relative al mantenimento e al miglioramento della salute)

25 Comportamenti di salute (Health Behaviors) Gli attributi personali, individuali sono influenzati e riflettono: Struttura e processi familiari Influenze del gruppo dei pari Determinanti sociali, istituzionali, culturali

26 Fattori che agiscono come determinanti della salute Condizioni generali socioeconomiche, culturali e ambientali Condizioni di vita e di lavoro Influenze sociali e della comunità Stili di vita individuali Sesso, età e fattori ereditari

27 The Alameda Study Studio longitudinale iniziato nel 1965 sullo stato di salute di tutta una comunità (6.928 abitanti della contea di Alameda, California) Due indagini di follow-up: 1974 e 1983

28 The Alameda Study Le diverse dimensioni della salute sono interrelate Risultati: Esistono importanti differenze tra i sottogruppi di abitanti I comportamenti e le abitudini individuali influenzano lo stato di salute presente e futuro

29 The Alameda Study In particolare alcune abitudini sane: 1.Riposo 2.Alimentazione 3.Attività fisica 4.Alcol 5.Fumo 6.Peso

30 The Alameda Study Risultati: Il grado in cui gli individui sono membri attivi della loro comunità influisce sullo stato di salute Adulti, donne, sposati, bianchi, con amici, appartenenti a chiese, associazioni: stato di salute più elevato

31 Non rilevanti solo i comportamenti di salute Fattori psicosociali di vario genere sono in grado di esercitare, e spesso esercitano, un effetto sulla salute e sul funzionamento del corpo

32 Si pone in unottica non più di riparazione del danno ma di PROMOZIONE DELLA SALUTE Interesse della disciplina per linfluenza sulla salute dei fattori psicosociali: Psicologia della salute 1)Dalla lotta alla malattia alla costruzione della salute 2)Ambito di intervento anche le persone sane 3)Prevenzione non solo della malattia ma promozione del benessere

33 Altro ambito della P.S.: la malattia Come le persone si rappresentano la malattia I comportamenti messi in atto quando si avvertono sintomi Strategie utilizzate per far fronte a situazioni di difficoltà (diagnosi, gestione della cronicità, dolore, adattamento alla malattia)

34 Altro ambito della P.S.: la malattia Le caratteristiche personali che predispongono a determinate malattie (es. cancro, infarto, ecc.) I fattori legati allambiente sociale (es. stress) Interazione persona-ambiente

35 Prossima lezione: Modelli psicologici prevalenti in psicologia della salute


Scaricare ppt "Psicologia della Salute A.A. 2010-2011 Catia Ghinelli."

Presentazioni simili


Annunci Google