La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Vittorio Macchitella Direttore Generale Uniontrasporti Ferrara, 31 maggio 2006 RETI DI TRASPORTO E COMPETITIVITA TERRITORIALE: LAREA FERRARESE Larea.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Vittorio Macchitella Direttore Generale Uniontrasporti Ferrara, 31 maggio 2006 RETI DI TRASPORTO E COMPETITIVITA TERRITORIALE: LAREA FERRARESE Larea."— Transcript della presentazione:

1 1 Vittorio Macchitella Direttore Generale Uniontrasporti Ferrara, 31 maggio 2006 RETI DI TRASPORTO E COMPETITIVITA TERRITORIALE: LAREA FERRARESE Larea ferrarese nei progetti infrastrutturali nazionali ed europei: Alta velocità ferroviaria, Corridoio 5, passante di valico

2 2 UNIONTRASPORTI e una società promossa nel 1990 da Unioncamere Italiana e Unioncamere Regionali per sostenere limpegno delle Camere di Commercio nello sviluppo delle infrastrutture, dei trasporti e della logistica UNIONTRASPORTI e un organismo tecnico di supporto alla elaborazione di strategie attraverso studi, analisi, osservatori, iniziative di comunicazione, organizzazione di eventi

3 3 Corridoi europei e trend di sviluppo

4 4 CORRIDOIO V Il Corridoio V coinvolge direttamente ed indirettamente 7 regioni italiane, nelle quali vive il 44% della popolazione, si produce il 57% del PIL nazionale e si concentra il 63% della movimentazione delle merci Le province interessate dal passaggio del Corridoio V concentrano l83% della popolazione del Nord Italia, l81% delle imprese e l84% del valore aggiunto totale dellItalia Settentrionale L'itinerario stradale Orte-Venezia (E45, E 55) costituisce una delle connessioni verso sud del Corridoio V a servizio dei traffici commerciali con i paesi dell'Europa orientale

5 5 CORRIDOIO I Per lItalia lo sviluppo del Corridoio può significare un avvicinamento allEuropa e la risoluzione delle strozzature costituite dalle Alpi (barriere naturali) Per il resto dEuropa, e la Germania in particolare, il Corridoio può significare un avvicinamento al Mediterraneo e ai collegamenti marittimi con il Far East Gli itinerari stradale e ferroviario della variante di Valico rappresentano nel Corridoio I le nuove vie a servizio dei traffici commerciali con i paesi dell'Europa

6 6 CORRIDOIO ADRIATICO Non è stato inserito nelle Reti Ten-T ovvero negli assi strategici dellEuropa Esiste di fatto con: Autostrada A 14 Linea ferroviaria adriatica Porti di Ravenna, Ancona, Pescara, Bari, Brindisi Una alternativa al Corridoio I per il collegamento con il Corridoio VIII (Bari- Varna)

7 7 I Corridoi Europei hanno tre funzioni fondamentali di cui il territorio ferrarese può beneficiare - Facilitare e sviluppare i traffici ad Ovest (Francia, Spagna e oltre Oceano) - Sviluppare il potenziale di crescita verso Est (Nuovi Paesi Ue, Russia, Cina) - Distribuire in modo efficiente il traffico Nord Sud (Austria, Germania, Paesi Bassi e Mediterraneo)

8 8 Import/Export ferrarese Fonte: elaborazione grafica Ufficio Statistica C.C.I.A.A. di Ferrara su dati ISTAT

9 9 Principali Partners commerciali EXPORT IMPORT 1.Germania 2.USA 3.Francia 4.Spagna 5.Austria 1.Germania 2.Francia 3.Paesi Bassi 4.Spagna 5.Argentina 54% 53% Fonte: elaborazione grafica Ufficio Statistica C.C.I.A.A. di Ferrara su dati ISTAT

10 10 Interventi che interessano larea ferrarese Interventi infrastruttutali che agiscono sulla competitività del territorio Orte Mestre Variante di Valico Alta velocità: - Bologna-Firenze (circa 78 Km di cui 29 nel territorio emiliano romagnolo) - Milano-Bologna (182 km di cui 137 nel territorio emiliano romagnolo)

11 11 Orte Mestre Un vero e proprio Corridoio nazionale di 400 km Valida alternativa Nord – Sud allAutosole A1 Asse destinato a collegarsi con la direttrice Est- Ovest del corridoio V trans-europeo allaltezza del nodo di Mestre

12 12 Orte Mestre Connette la zona nord- est del Paese con le Regioni del centro, come lEmilia- Romagna, l'Umbria e con il sud tirrenico Stato attuale: lavori in corso Tempo previsto fine lavori: 2010

13 13 Variante di Valico TRATTA: Sasso Marconi – Barberino del Mugello – Incisa Valdarno TRANSITI: veicoli al giorno con punte di circa camion e pullman Infrastruttura inadeguata alle attuali esigenze di trasporto Stato attuale: lavori in corso Tempo previsto fine lavori: 2010 INTERVENTI Ampliamento a tre corsie dell'autostrada attuale Realizzazione di una nuova autostrada (VARIANTE), in aggiunta a quella attuale Realizzazione di una nuova tratta autostradale a tre corsie Rifacimento dello svincolo di Barberino.

14 14 Variante di Valico Interventi Interventi di riqualificazione ambientale previsti lungo il tracciato e sul territorio stimati fino al 30% del costo totale dell'opera Benefici ambientali derivanti esclusivamente dall'esercizio della nuova autostrada porteranno ad un risparmio annuo di circa 4 milioni di ore di trasporto, corrispondenti a tonnellate di carburante Una significativa riduzione dell'inquinamento e un risparmio dei costi di trasporto di circa 100 milioni di Euro/anno

15 15 Variante di Valico La linea veloce Bologna-Firenze si articola su un percorso di 78,5 km e interessa il territorio di 12 comuni, 5 in provincia di Bologna e 7 in provincia di Firenze Il 93% circa in galleria Una volta operativa, la linea collegherà Bologna e Firenze in 30 minuti Attualmente l'avanzamento complessivo dei lavori ha raggiunto circa l80%Attualmente l'avanzamento complessivo dei lavori ha raggiunto circa l80% Lo scavo delle gallerie di linea è terminatoLo scavo delle gallerie di linea è terminato

16 16 Offerta ferroviaria e Alta Velocità Fonte: elaborazione Uniontrasporti su dati RFI FE

17 17 Offerta ferroviaria e Alta Velocità Tratta Distanza (km) Tempo attuale Tempo stimato con Ac/Av Berlino - Brennero79510h(7h) Brennero - Verona2372h(1h) Verona - Bologna1141h451h Torino -Milano1531h3050 Milano - Bologna2151h4260 Bologna – Firenze Firenze – Roma2541h351h20 Roma – Napoli2141h451h05 Napoli - Palermo7209h6h50

18 18 Da una ricerca sviluppata dal Gruppo Clas, per conto di Uniontrasporti, emerge che, quando il tempo netto richiesto dal singolo spostamento (andata o ritorno) supera le 3 ore, nel costo generalizzato del trasporto si ha un salto, in relazione alla necessità di utilizzare un viaggio di due giorni anziché di uno solo Lapplicazione del modello costruito in seno alla ricerca permette di valutare gli effetti sui singoli sistemi locali: tre oregli effetti positivi sono dati da una combinazione di fattori: la possibilità di attrarre nel raggio delle tre ore importanti aree di domanda a patto di avere un sistema di offerta specializzato il possibile effetto di attrazione da parte di poli più efficienti resi più accessibili dalla nuova infrastruttura Gli effetti del miglioramento delle infrastrutture di trasporto (1)

19 19 Gli effetti del miglioramento delle infrastrutture di trasporto (2) 1.Non accettare in maniera acritica la correlazione: Maggiori collegamenti uguale a maggiore sviluppo 2.Maggiori collegamenti allargano lo spazio economico 3.Per le aziende: più clienti e più fornitori = possibilità di sviluppo più concorrenti = rischio di crisi 4.Per i consumatori: Più fornitori/Più alternative = maggiore sceltaPiù fornitori/Più alternative = maggiore scelta 5.Per i sistemi economici locali: più apertura = opportunità e rischi 6.Vince: Non chi è grande, ma chi sa esprimere punti di eccellenzaNon chi è grande, ma chi sa esprimere punti di eccellenza Chi sa sviluppare ragioni di scambio positive tramite i nuovi collegamentiChi sa sviluppare ragioni di scambio positive tramite i nuovi collegamenti

20 20 Effetti sul territorio ferrarese Per effetto dello sviluppo delle nuove infrastrutture: Ferrara allarga il proprio mercato potenziale di oltre il 15% i consumatori vedranno ampliare lofferta disponibile del 12,3% In un raggio < di 3 ore nel 2015 Ferrara raggiungerà 48 province italiane, contro le attuali 40, di cui 20 in un tempo inferiore ad 1h30, contro le attuali 13 Una popolazione che, solo nei capoluoghi, sarà di circa ab. Un Pil stimato per le province interessate pari a 714 milioni di euro

21 21 Dotazione infrastrutturale del ferrarese L'indice generale di dotazione infrastrutturale fa segnare un valore pari ad 83,4 (Italia=100) Ferrara occupa la 60-esima posizione in ambito nazionale la 15° fra tutte le province del Nord-Est Fonte: elaborazione Uniontrasporti su dati Istituto Tagliacarne, 2004

22 22 Le iniziative nel territorio Ferrovia Ferrovia Nuova linea merci Ferrara-Rimini Interconnessioni con il porto di Ravenna e con lattuale linea Suzzara-Ferrara Elettrificazione Bologna-Portomaggiore e collegamento con la Ferrara-Codigoro Strada Strada Consolidamenti, rifacimenti manti stradali e messa in sicurezza di diverse strade provinciali SS 16 Consandolo-Argenta-Ravenna Superstrada Ferrara mare E 55 Romea commerciale, itinerario alternativo alla A13, alla vecchia Romea e attraendo parte dei traffici sulla A14 Bologna- Rimini Cispadana Ferrara-Reggiolo (RE) Idrovia (attualmente tonn/anno) Idrovia (attualmente tonn/anno) Adeguamenti per il passaggio di natanti di V a classe Europea Riqualificazione Valle Lepri-Porto Garibaldi Ricostruzione della conca di Pontelagoscuro Fonte: La Pianura, rivista quadrimestrale della C.C.I.A.A. di Ferrara

23 23 Gli effetti del miglioramento delle infrastrutture di trasporto sul territorio ferrarese Secondo una classifica elaborata da Osservatorio Attrattività del Sistema Paese Ferrara è attualmente al 44° posto su 103 province italiane per attrattività di contesto Una posizione bassa rispetto al contesto emiliano romagnolo con Piacenza 47°, Forlì al 33°, Ravenna al 31°, Reggio Emilia al 30°, Modena al 20°, Rimini al 13°, Parma al 9°e Bologna al 5° INTEGRAZIONE Con le nuove infrastrutture di trasporto e gli interventi sullesistente Ferrara potrà aumentare la propria attrattività per effetto dellINTEGRAZIONE con i territori limitrofi

24 24 Ma quali settori per il territorio ferrarese ? (1) 1 – Settore turistico agganciandosi a Rimini, che occupa una delle più alte classifiche nazionali per tale comparto macchinari per lindustria alimentare 2 – Settore dei macchinari per lindustria alimentare dove lasse emiliano romagnolo presenta unelevata concentrazione aziende alimentari Un settore che, tra laltro, è molto legato alla presenza sul territorio di aziende alimentari committenti che, grazie ad una stretta interazione, favoriscono linnovazione e lo sviluppo integrato dei due settori

25 25 Ma quali settori per il territorio ferrarese ? (2) food valley Gli interventi sulle infrastrutture permetteranno a Ferrara di agganciarsi alla food valley, cioè a quei sistemi territoriali (territorio padano-veneto) caratterizzati da elevati quozienti di localizzazione nel settore alimentare, per il quale al nostro Paese viene riconosciuta uneccellenza a livello internazionale Fonte: Osservatorio Attrattività, 2006

26 26 Grazie


Scaricare ppt "1 Vittorio Macchitella Direttore Generale Uniontrasporti Ferrara, 31 maggio 2006 RETI DI TRASPORTO E COMPETITIVITA TERRITORIALE: LAREA FERRARESE Larea."

Presentazioni simili


Annunci Google