La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Nel corso dellanno scolastico abbiamo imparato a conoscere alcune specie e ad approfondire diversi aspetti della loro vita, il tutto condito con un pizzico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Nel corso dellanno scolastico abbiamo imparato a conoscere alcune specie e ad approfondire diversi aspetti della loro vita, il tutto condito con un pizzico."— Transcript della presentazione:

1 Nel corso dellanno scolastico abbiamo imparato a conoscere alcune specie e ad approfondire diversi aspetti della loro vita, il tutto condito con un pizzico di fantasia. Se vuoi percorrere con noi questo viaggio usa il navigatore, altrimenti puoi collegarti direttamente alle pagine. Pepe dacqua Nontiscordar di me Laneto Il tarassaco Larnica La coda cavallina La melissa Il girasole Il caprifoglio Il Partenio La viola del pensiero

2 Che spavento! Sentivo rumori strani,molti guaiti… velocemente andai a vedere cosa stesse succedendo. Il mio cane zoppicava e da una zampa perdeva sangue. Stavo per mettermi a piangere quando, davanti a me, apparve un piccolo gnomo un po buffo. Aveva un cappello più o meno alto 50 cm che si piegava a metà, con due orecchie grandi grandi,un naso enorme e occhi neri tondi tondi e vispi. Mi disse:Non aver paura,ti voglio aiutare,vai a S.Stefano Belbo,nel prato presso il sentiero pavesiano che tu ben conosci (ti ricordi? Lì hai trovato i fiori più utili per le tue ricerche botaniche) ; troverai delle piante di Pepe dacqua: cercane tre di dimensioni diverse (a diversi livelli di maturazione),una con le infiorescenze sul rosa,una sul verdino e una tendente al bianco. Prendi un po di foglie, schiacciale e poi mettigliele sulla zampa: vedrai che la ferita si cicatrizzerà subito. Io corsi il più velocemente possibile, raccolsi le piantine, tornai a casa e gli curai la zampina. Dopo pochi giorni il mio cane era guarito completamente e io ringraziai lo gnomo, che, prima di andare via, mi disse: Ricorda agli uomini di rispettare la Natura, ma anche di studiarla in modo più approfondito: pensa che luomo, di circa un milione di specie esistenti, ne ha studiate circa Non ti sembra assurdo? In quel momento sentii la mamma che mi chiamava, mi svegliai e capii che era stato un sogno (almeno credo…) Jessica Scavino

3 Il Nontiscordardimé ( Myosotis sylvestris) Un fiore modesto, esaltato da tante leggende con buoni sentimenti, ha saputo conservare la sua semplicità; per questa sua natura genuina, esso è a regione divenuta simbolo di lealtà e damicizia. La leggenda più nota è quella che spiega lorigine del suo nome. Dio nei giorni della creazione distribuì i nomi a tutti agli esseri viventi ma ne dimenticò uno; si fece timidamente avanti questo timido fiore dicendo : O Signore, non ti scordar di me!!. E nontiscordardimé sarà il tuo nome rispose il Signore. Il nome botanico, Myosotis, invece, non ha niente di romantico; è coniato sul greco mys, topo e ous, orecchio. Nessun approva l analogia, anche se le foglie sono soffici e pelose. Più gentile è un altra leggenda persiana che racconta che un angelo cacciato dal paradiso per essersi innamorato di una mortale, fosse costretto come punizione a vagabondare nel mondo seminando il leggendario Myosotis. Per la sua fedeltà verso il suo perduto amore fu perdonato e poté far ritorno in paradiso con la sua compagna divenuta anchessa immortale; entrambi portarono sempre il capo inghirlandato da una corona di nontiscordardimé. Per le sue origini così celesti come ci tramandano le leggende e anche per la lettura che seguì, questo fiore fu sempre legato alle forze del ricordo e alla costanza, il suo messaggio di amore e non dimenticare va inteso anche in senso più ampio, profondo e misterico: di non dimenticare noi stessi, ciò che fummo al principio e dove andiamo. I Myosotis si suddividono in una cinquantina di specie, derivanti dalla sylvatica, originaria dellEuropa. Essa ha dato origine a tante varietà del giardino. Si tratta di una piantina perenne, a volte biennale, alta con sottili e appuntite foglie lanose e fiori profumati, riuniti in piccoli gruppi, e ricordano vividi occhi azzurri con una pupilla gialla. Nasce in luoghi ombrosi e fiorisce tra marzo e maggio. Per gli astrologi il fiore è sotto linfluenza della luna, il pianeta connesso con linconscio, con il mondo delle emozioni e con il segno del toro.

4 La tradizione Come pianta officinale ha poca storia. Gerard ne parla dicendo che Discoride lo utilizzava in pomata contro il morso di animali velenosi: proprietà che gli antichi attribuivano ad una grande quantità di erbe. Plinio ricorda che le fu dato il nome di erba sacra perché era capace di alleviare le pene della vita: forse è la gaiezza del suo azzurro a sembrare un rimedio per ogni tristezza e dolore. Nel secolo scorso le cime fiorite di nontiscordardimé furono impiegate, come il Meliloto, nelle infiammazioni degli occhi e grazie alla sua ricchezza di Sali di potassio, la pianta fu considerata un tonico nervoso. Leone Binet, docente alla facoltà di medicina di Parigi negli anni Cinquanta, celebre fitoterapeuta, la raccomandava vivamente nelle astenie e atonie; in anni recenti le è stata riconosciuta in effetti uninfluenza sulla ghiandola pituitaria e unefficacia nella promozione degli scambi tra le cellule nervose. Lelisir floreale Appartiene ai nuovi elisir ed é il rimedio per la mancanza di memoria e la dimenticanza. Esuggerito ai soggetti con labilità e vuoti di memoria, che mancano di chiarezza di vedute e che nutrono sovente pensieri negativi. E utile a chi dorme sonni agitati, visitati da incubi, a chi è insonne, o parla nel sonno, o soffre di sonnambulismo. Stimolante della regione encefalica, è raccomandato anche nei diversi problemi che si riferiscono al cervello. Durante la gravidanza aiuta a stringere il legame che unisce la madre al nascituro. L elisir è anche utile ai bambini distratti, incapaci di perseveranza. I benefici dellelisir Lelisir agisce soprattutto sul sistema nervoso: stimola lattività neuronale e favorisce il passaggio degli impulsi elettrici, facilitando la ricezione dei messaggi nel cervello e la formazione di un pensiero chiaro. Rilassa e aiuta la presa di coscienza, favorisce un miglior scambio tra linconscio e il conscio; protegge e fortifica il corpo energico.

5 LANETO Laneto è una pianta aromatica annuale che cresce nel bacino del Mediterraneo e ha un profumo di anice. Il nome scientifico deriva dal greco anitho, cioè bruciare, in quanto veniva usato come profumo da bruciare. Il nome inglese dilla, può derivare invece dalla parola sassone a dilla che significa sonnecchiare a causa del suo potere di indurre il sonno nei bambini.Laneto era un ingrediente classico nei filtri damore medievali e veniva appeso alle porte e alle finestre per tenere lontano il malocchio. RIMEDIO ERBORISTICO Lolio volatile contenuto nei semi e nelle foglie dellaneto nellapparato digerente calma le coliche e lindigestione attenuando la nausea e il vomito.Sull apparato respiratorio agisce come antispasmodico ed espettorante e giova in caso di tosse e di asma. Le foglie dellaneto venivano cucinate spesso insieme al pesce per insaporirlo. AROMATERAPIA Lolio essenziale ha proprietà rilassanti e digerenti. Gli oli sono ingredienti essenziali dei linimenti per riscaldare i muscoli e per i massaggi. LESSENZA FLOREALE Laneto è un rimedio ottimo per chi è stressato.

6 IL TARASSACO (Taraxacum officinalis) Spiegano i leontodonti sui campi ormai falciati i loro cerchi doro i raggi circondati, ed il vespero levandosi li invita al riposo. Questa pianta dai fiori vivaci e dalla notevole capacità di resistenza gode da millenni del rispetto universale per le sue virtù terapeutiche. Originaria secondo la tradizione dalla Grecia e lAsia centrale,era usata come pianta medicinale nellantica Grecia. La comparsa del tarassaco sulla terra è legata ad una leggenda. Al tempo in cui il mondo era popolato da fate,elfi e gnomi, i primi esseri uomini causarono loro dei problemi perché, non potendo vedere queste creature elementari, non facevano che calpestarle. Alcune fate amanti del sole,vestite di volgari abiti gialli, non sapevano dove nascondersi, a differenza degli gnomi e degli elfi che si rifugiano dentro le rocce o sottoterra,e allora si trasformarono in fiori di tarassaco. E per questo che, quando si calpesta la pianta,essa si rialza subito di scatto,perché contiene lo spirito delle fate. Questa leggenda appare ispirata dal potere quasi soprannaturale di sopravvivenza del tarassaco,che appena viene estirpato da prati e giardini, ricompare immediatamente. Le capsule dei semi, detti soffioni,contengono numerosi semi aerei, che si spargono al vento,mentre le radici sono lunghe e si aggrappano tenacemente al terreno, con qualsiasi tipo suolo. Non sorprende,quindi, che il tarassaco abbia finito col simboleggiare la fedeltà. Nel linguaggio dei fiori, il tarassaco significa oracolo rustico. Veniva usato dai contadini come orologio, poichè i fiori si aprano alle cinque del mattino e si chiudono nove minuti dopo le otto di sera.

7 I bambini preferivano indicare lora soffiando sulle capsule dei semi, e in tal caso, indicava lora il numero di soffi necessario per spargerli tutti al vento. Le fanciulle usavano i soffioni per scoprire quali fossero i sentimenti delluomo dei loro sogni: Mi ama al primo soffio, Non mi ama al secondo e così via, come se sfogliasse una margherita. Secondo la tradizione, se si sussurravano parole damore soffiando i semi in direzione dellamato, i semi portavano le parole fino a lui; dal canto loro, i bambini credevano che, se fossero riusciti a spargere tutti i semi del soffione in un colpo solo, il loro desiderio si sarebbe avverato. Invece le streghe sostenevano che il desiderio si sarebbe avverato frizionandosi tutto il corpo con il tarassaco. Il termine tarassaco significa disordine e dolore, ma anche rimedio, a causa della grande efficacia terapeutica del tarassaco. Tuttavia alcuni dicono che deriva dalla corruzione araba della parola greca trogemon, nel senso di commestibile. In effetti le foglie sono deliziose in insalata o cucinate come gli spinaci, oltre ad avere un notevole valore nutritivo, in quanto sono ricche di vitamine C, B e di provitamina A, in aggiunta a minerali,principalmente potassio e ferro. Le radici si possono tostare e macinare per ricavarne un surrogato del caffè,gustoso, ma privo di caffeina. Il tarassaco era il cibo che Ecate offrì a Teseo secondo la leggenda greca. Il nome francese Dent de Lion, o dente di leone, si riferisce al margine dentellato delle foglie, o al fatto che i fiori gialli somigliano al colore del leone e alla forma delle sue fauci spalancate.

8 IL RIMEDIO ERBORISTICO Il tarassaco è noto come tonico amaro, dalla blanda azione disintossicante delle scorie e delle sostanze inquinanti, attraverso il fegato e i reni, depurando così il sangue. Il gusto amaro delle radici e delle foglie stimola i ricettori del gusto amaro nella bocca, attivando tutto lapparato digestivo e il fegato, e agevola il flusso dei succhi digestivi, migliorando l apparato e facilitando la digestione. Inoltre, aumentando la produzione e l afflusso della bile, disintossica il fegato, sostenendo la sua azione di principale organo disintossicante del corpo. Le foglie, se consumate fresche in primavera, agiscono come un tonico amaro, liberando l organismo delle scorie che lo intasano, lasciate dagli alimenti e dalle abitudini sedentarie della stagione invernale. La radice di tarassaco si usa per il trattamento delle malattie del fegato, itterizia, epatite,infezioni della cistifellea, oltre che per sciogliere i calcoli biliari. Viene prescritta per risolvere i disturbi legati al fegato pigro, come stanchezza e irritabilità, mal di testa e problemi della pelle. Come altre erbe attive sul fegato, il tarassaco contribuisce ad attenuare il ristagno emotivo e facilita l espressione delle emozioni represse come collera, risentimento e dolore. In questo senso agisce come depurativo e purgante non solo del corpo, ma anche delle emozioni. Leffetto stimolante del tarassaco si estende al pancreas, nel quale aumenta la secrezione di insulina utile sia per il diabete sia per l ipoglicemia;la radice inoltre esercita un effetto lassativo. Il tarassaco, in particolare le foglie, ha un azione diuretica come indica il nome direzionale francese pis- enlit, salutare in caso di ritenzione idrica, cellulite, infezioni urinarie e problemi di prostata. Il decotto di radici e di foglie è un rimedio popolare per sciogliere i calcoli renali e la renella. Mentre i medicinali sottraggono potassio al corpo e quindi richiedono un integratore al potassio, il tarassaco ha un contenuto elevato di questo minerale, che integra quello eliminato attraverso le urine. Dal momento che le foglie di tarassaco migliorano leliminazione dell acido urico, sono un rimedio anche contro la gotta; la tisana ricavata dal tarassaco e dai semi del sedano presa regolarmente, è eccellente per combattere l artrite e i reumatismi. Per uso esterno si usa il succo bianco per eliminare le verruche, applicandolo ogni giorno per alcune settimane. La tisana preparata con le foglie e i fiori è utile per la detersione delle ulcere e delle infiammazioni della pelle, mentre il decotto serve a schiarire le efelidi.

9 L ARNICA Pianta officinali molto nota, ma assai povera di storia e ignorata dall antichità classica, forse perché non appartiene alla flora mediterranea. Originaria dell Europa centrale e della Russia, presente nelle Alpi e negli Appennini, è una pianta vivace, di un meraviglioso colore giallo da non confondersi con l Inula, cui molto rassomiglia, anche se si distingue per le foglie e per il fusto non ramificato e per lodore sgradevole. La tradizione Un sola, ma ben determinata è la virtù dellarnica : quella di attivare la circolazione sanguina, concentrando quindi, dove è necessario, le forze riparatrici. Prescritta da Santa Ildegarda e dalla scuola di Salerno,lodata da Leclerc, si impiega in pomata o tintura su contusione, ecchimosi, distorsioni, in ogni ingiuria del corpo dove ce ferita. Per via interna fu utilizzata nell Ottocento,quanto era chiamata chinino dei poveri.

10 La coda Cavallina Coda cavallina: genere equisetum, arvense, famiglia Equisetacea. Questa pianta detta ovunque equiseto, cresca spontanea nei climi temperati e si raccoglie alla fine dellEstate. Si usa tutta la pianta che si fa seccare allombra e si conserva in sacchetti chiusi da mettere in luoghi freschi e asciutti. Ha proprietà anti infiammatorie (cura le piante) e possiede in oltre virtù diuretiche digestive, astringenti. La pianta ha uno stelo diritto, con dei ciuffi di fogli disposte in cerchio partendo dal fondo verso lalto dal più grande al più piccolo.

11 Storia inventata Cera una volta in un paese lontano una famiglia di topi il papà topo era palla di lardo di nome Gino, aveva il pelo nero la testa calva, gli occhi strabici a causa del vino che bevevo. La moglie si chiamava Cesarina ; aveva la testa ovale, aveva il pelo ispido di color rosso. Solo a vederla faceva paura, il loro figlio si chiamava Ciro era giocherellone ed era uno stuzzicadenti ( magrissimo) era goloso di formaggio. Dove abitava cera un gatto di nome Zampa Infallibile perché non lasciava stare i topi neanche un attimo anche se non aveva più forza per rincorrerli aveva la diarrea. I topi vedendolo così abbattuto andarono alla ricerca della Coda Cavallina che è una pianta officinale. Correndo di qua e di là il piccolo Ciro scorse nellerba la Coda Cavallina. Cesira ne fece una tisana che la diede bere al gatto, esso subito si sentì di nuovo in forma. Da quel giorno il gatto e la famiglia dei topi vissero felici e in pace.

12 La Melissa. Il suo nome e comune è Erba limoncina o Cedronella; la sua famiglia, le Labitate,la sua specie è officinalis e il suo genere è Melissa. La melissa è una pianta perenne il profumo assomiglia a quello del limone. La pianta è alta 20 a 80 cm, ha il fusto e diritto, le sue foglie verde intenso ovali detellate. Cresce lungo le siepi e nei terreni incolti dellEuropa del Sud. Fu coltivata fin dai tempi più antichi come pianta medicinale, intorno al 960 gli Arabi la coltivarono in Spagna e tutto lascia a supporre che siano stati i monaci benedettini ad introdurla a nord delle Alpi. Fra le proprietà attribuite alla pianta, costatiamo come non ci sia quella antispastica e stimolante che essi rilevano. I medici del Medioevo, per primi, lhanno esaltata come cordiale. Aveva la fama di dare allegria, aiutare la digestione, calmare le palpitazioni, scacciare le preoccupazioni e dissipare lansia.

13 La Storia inventata : Ylarie e lErba limoncina. In una città viveva una ragazza di nome Ylarie. E molto alta, ha gli occhi azzurri e i capelli soffici come la neve; ha uno splendido viso da cui i ragazzi sono attratti, oltre dalla sua simpatia semplicità e bontà. Ylarie ha 16 anni, frequenta il secondo anno del Liceo Artistico di Roma. La ragazza ama molto disegnare e, terminate le ore di scuola corre subito a casa a dipingere ciò che vede camminando per le strade. La sua migliore amica si chiama Patti e studia canto.- Vi siete già Chiesti come risono incontrate ? Si sono incontrate per caso in un vicolo quando Ylarie, facendo una passeggiata, ha sentito una voce cantare ed era Patti che si stava esercitando; così da allora sono diventate amiche. Patti è sempre disposta ad aiutare Ylarie anche nei momenti più difficili. Un giorno, mentre le due amiche sono in discoteca, Ylarie riceve una telefonata dal nonno Filippo in cui le dice che la nonna ha forti dolori allo stomaco. Il giorno successivo prende il treno e si reca a Ostia, dove abita la nonna. Nonostante le cure del medico, la signora Beatrice peggiora di attimo in attimo. La cura necessaria è l Erba limoncina, che si trova nei prati. Allora Ylarie parte alla ricerca della pianta della pianta medicinale ma ogni tentativo risulta inutile. Disperata e dispiaciuta, si siede su un muretto ditro casa e voltandosi si per caso trova lerba limoncina. Piena di entusiasmo entra in casa e chiama nonno Filippo che prepara un infuso. La nonna beve linfuso della pianta e subito si sente di nuovo in forma ; ringrazia la nipote e la invita a restare con loro per il week-end. Ritornata a casa, dopo lesperienza vissuta, si ricorda che per il giorno seguente deve ritrarre un soggetto a sua scelta. La ragazza decide di disegnare l erba limoncina per compito. Il professore, vedendo la sua creatività, la ricompensa con uno splendido voto. Ylarie, contenta e felice, ricorderà sempre la pianta medicinale che ha curato la nonna.

14 Il Girasole ( Helianthus annuus ) Immagine del dio Inca, simbolo del sole per gli Incas e per la civiltà azteca, che lo coltivava 3000 anni or sono ; il culto del sole fu anche proprio dellantico Egitto, introdotto dal faraone Amenofi IV. Questo fiore è originario del Perù e del Messico ed è stato importato in Europa dagli Spagnoli nel XVI secolo. Nel paese dorigine si innalza anche oltre i 2 m. e viene chiamato girasole delle pianure interne e ha foglie rozze e ovali. I botanici dicono che ogni petalo del girasole non è un petalo, ma un fiore. La fioritura dipende dallepoca della semina che va da luglio a ottobre. In Occidente il girasole fu considerato come pianta oleifera, infatti si ricava un olio ricco di vitamine, lecitina e sali, ed è uno dei fiori migliori per lalimentazione. John Gerald dice che i fiori prima di sbocciare possono esseri raccolti, lessati e mangiati con sale, burro e pepe. Come rimedio fitoterapico Con questo fiore si prevengono problemi cardiaci e forme degenerative della colonna vertebrale ; è utile per chi è facile alle ustioni solari,per chi ha difficoltà di assimilazione della vitamina D e per gli stati tossici dellepidermide per la scarsa eliminazione di tossine. E indicato inoltre per chi soffre di arteriosclerosi. LElisir floriterapeutico In Floriterapia il Girasole è uno dei rimedi contro linvidualismo, cioè per le persone che mostrano di essere dominate dalla vanità e dallorgoglio. Inoltre i benefici sono dell elisir del girasole sono : esercita un azione equilibratrice, armonizza e libera le tensioni dovute allimmagine paterna introiettata. Lelisir influenza il centro del cuore, stimolando il lato emotivo.

15 IL CAPRIFOGLIO Il fiore dellunità Il caprifoglio è molto amato per il suo dolce profumo, che in estate si diffonde nellaria, non solo nei giardini, ma anche nei boschi e fra le siepi, dove cresce allo stato naturale. Il nome inglese, honeysuckle, risale al principio dellVIII secolo e deriva dalla sua fragranza dolce come il miele (honey), ha ispirato molti scrittori e poeti. Il nome woodbine si riferisce alla sua abitudine di arrampicarsi su qualsiasi sostegno e intrecciarsi agli alberi dei boschi o agli archi dei giardini, con unenergia inesauribile, visto che fiorisce per tutta la primavera, lestate e lautunno. In alcune culture era noto come la pianta dellimmortalità, perché fiorisce anche quando viene potato in modo drastico. La sua fragranza simboleggia dolcezza danimo, mentre il profumo inebriante del caprifoglio selvatico, potrebbe dare alla testa di una fanciulla e diviene allora un simbolo di incostanza in amore. Il nome scientifico Lonicera è stato attribuito alla pianta in onore di Adam Lonicer, un botanico tedesco del Cinquecento. Le capre amano molto il caprifoglio, che si arrampica con lagilità della capra e da qui deriva il nome caprifoglio. Periclymenum deriva da Periclymenus, uno degli Argonauti della mitologia greca che aveva il potere di cambiare forma secondo i suoi desideri. Il fiore del caprifoglio, cambia forma e colore per attirare durante il giorno le farfalle e di notte le falene notturne, perché favoriscono limpollinazione.

16 Rimedio erboristico In medicina si usano dodici specie di caprifoglio, su circa cento esistenti. Foglie e boccioli sono ricchi di acidi salicilici, perciò si possono usare per i sintomi che vengono alleviati dallaspirina, come raffreddori, influenze, febbre, mal di testa, dolori, artrite e reumatismi. Le foglie posseggono proprietà antinfiammatorie e sostanze antibiotiche attive, contro stafilococchi e colibacilli; questo fa di questa pianta, un rimedio utile per le infezioni respiratorie e gastrointestinali. La pianta è antispasmodica, per questo i suoi effetti guariscono gli spasmi, oltre al catarro nel sistema respiratorio, come per esempio nellasma, nella difterite, nella pertosse e nella bronchite. Quando viene usato per curare problemi respiratori, viene somministrato lo sciroppo prodotto dai fiori, ma si può prendere anche una tisana, o la tintura ricavata dalle foglie. Le foglie e i fiori hanno un effetto diuretico e alleviano la ritenzione idrica, i calcoli renali e la gotta. Le foglie, presentano unaffinità con il fegato e la milza; favoriscono la digestione e costituiscono un blando lassativo. La pianta ha unazione calmante sul sistema nervoso ed è utile ogni volta che lansia o la tensione danno luogo a sintomi, come: asma, mal di testa e crampi allo stomaco. Scienziati russi stanno preparando un olio ricavato dal legno della pianta, da usare contro i tumori e i dolori cronici. Lessenza floreale Honeysuckle è un rimedio floreale di Bach, particolarmente indicato per chi vive nel passato e si aggrappa ai ricordi piacevoli di avvenimenti lontani, senza riuscire a entrare pienamente nel presente. Questi individui tendono a esaltare il passato, ricordando gli aspetti positivi e vorrebbero che i bei tempi andati possano tornare, oppure sono infelici, perché questo è impossibile. Di solito incontrano grandi difficoltà nel superare la perdita di una persona cara, soprattutto se sono anziani, escludendosi la possibilità di stabilire nuovi rapporti; possono rimpiangere la vecchia casa dopo un trasloco, oppure la gioventù, quando erano felici e pieni di successo. I bambini possono soffrire di nostalgia. Possono essere bloccati da sensazioni di rimpianto per il passato, per le occasioni perdute o le ricorrenze infelici, oppure per la vecchiaia che avanza. Honeysuckle li aiuta a entrare nel presente e a liberarsi dal passato, o a guardarlo in prospettiva, in modo da poter imparare le lezioni dellesperienza.

17 Tanacetum parthenium (Partenio) I suoi capolini formano un corimbo grande e appiattito. Ogni capolino è discoidale (a forma di disco) circondato da un anello di brattee ovali o lanceolate. I flosculi femminili sono situati attorno al margine della inflorescenza. I flosculi ( parte dellinfiorescenza nelle Composite composta di tanti piccoli fiori )al centro dellinflorescenza sono ermafroditi. I capolini gialli sono una visione frequente nei luoghi incolti e umidi di tutta Italia tranne che in Sardegna. Ciascuna foglia è formata da due file da circa dodici lobi allungati,profondamente e nettamente dentati. E una pianta con rizoma (radice) strisciante e fusti eretti, robusti e angolosi, solitamente rossastri e ramificati nella metà superiore. Le foglie inferiori sono sessili (privi di gambo) Il Partenio è una graziosa pianta che appartiene alla famiglia delle Composite. In passato faceva parte di unaltra sottospecie delle Composite (Matricaria). La Matricaria si chiamava così a causa del beneficio influsso della pianta sulla matrix, la parola latina che significa utero e infatti il Partenio viene usato da secoli per una vasta gamma di problemi femminili.

18 Le radici del Partenio hanno un sapore piccante,purificano lutero, eliminano la placenta e fanno a una donna tutto il bene che si può augurare da una pianta. Il Partenio ha anche altri nomi popolari, che indicano la sua utilità per le donne. Parthenium deriva dalla parola greca che significa vergine ed era chiamata anche erba della vergine, in quanto considerata preziosa per il trattamento di quelle emozioni e disturbi isterici a cui si diceva che fossero soggette le giovani donne. Il nome > deriva dalla tradizione per cui i giovani che desideravano ottenere lamore di una donna portavano in tasca i fiori di questa pianta. Il Partenio cresce in ogni terreno e si riproduce facilmente per mezzo dei semi. Rimedio Erboristico Il Partenio era molto apprezzato ai tempi come rimedio contro la malaria,il raffreddore e il catarro. Inoltre era usato per i problemi mestruali e altri disturbi femminili. Era considerato prezioso per una vasta gamma di disturbi nervosi. Si usa soprattutto per le persone molto nervose,ipersensibili al dolore e soggette a improvvisi accessi di irritazione o di collera. Veniva prescritto contro le convulsioni e per calmare i bambini irrequieti. Più di recente, ha acquisito una notevole fama come rimedio per il mal di testa e lemicrania. Il Partenio ha un gusto amaro ed esercita un effetto benefico sul fegato e sullapparato digerente, stimolando lappetito e la digestione, placando la nausea e il vomito e contribuendo a eliminare calore e tossine. Inoltre allevia il dolore e linfiammazione dellartrite e riduce i sintomi associati a un fegato poco attivo. Agisce come tonico sul sistema nervoso,allentando la tensione. Se assunto sotto forma di infuso caldo,aumenta la traspirazione e fa calare la febbre; agisce anche come decongestionante, liberando dal catarro cronico e alleviando la sinusite e usato anche per lasma. Rimedio omeopatico Viene prescritto per una vasta gamma di sintomi nervosi analoghi a quelli che suggeriscono luso dellerba, fra cui convulsioni,tic,irrequietezza e delirio. Lessenza floreale Come essenza floreale, il Partenio viene prescritto contro mal di testa ed emicrania, soprattutto quelli di cui soffrono periodicamente le donne, in coincidenza con il ciclo dei cambiamenti ormonali.

19 Viola del pensiero Che fiori sono questi? Le viole del pensiero Oh, son per i pensieri dellamore George Chapman (1559?-1634) Nel mito e nella leggenda questo fiore è strettamente legato agli affari di cuore. Il nome di viola del pensiero,o pansè,deriva dal francese pensées, significa pensieri. NellAmleto, Ofelia dice:La viola del pensiero... è per i pensieri,e nel linguaggio dei fiori dellepoca vittoriana significa: >. Inoltre si credeva che portare con sé una viola del pensiero garantisse lamore della persona desiderata. Il nome inglese, heartsease, ovvero Sollievo del cuore,è legato alla sua capacità di guarire il cuore,placando il dolore per la separazione dalla persona amata e risanando un cuore spezzato. Fin dai tempi di Ippocrate, si usava come cordiale(cioè rinforzante) per risollevare lo spirito e curare i disturbi cardiaci e lipertensione. Era popolare anche per la sua efficacia nei filtri damore;infatti svolge un ruolo importante nel Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, come filtro damore che fa innamorare Titania di un asino. Secondo la leggenda, era stata la freccia di Cupido a colorare il fiore, che prima era bianco. Nella campagna francese si chiama erba della trinità, secondo alcuni perché ogni fiore contiene tre colori, in riferimento altre tre persone della trinità. Secondo unaltra leggenda, invece, la storia è diversa:la viola del pensiero aveva un profumo più dolce della sorella, la viola mammola, e le sue belle corolle di fiori punteggiavano i campi, tanto da attirare molte persone che per andare alla sua ricerca, calpestavano il grano, lasciandone ben poco per il raccolto. Allora la viola del pensiero, rattristata, invocò la Santissima Trinità perché le togliesse il profumo, in modo che nessuno calpestasse i campi per coglierla. Il suo desiderio fu esaudito, e da allora è nota col nome di erba della trinità. La viola del pensiero cresce di solito nei luoghi coltivati e sincontra soprattutto nei giardini e suoi campi arati. Si può seminare in terreni leggeri e friabili.

20 Rimedio erboristico La viola del pensiero ha proprietà rinfrescanti, depurative e antinfiammatorie, quindi è un rimedio ideale per i problemi della pelle, fra cui eczema, psoriasi (malattia grave alla pelle) e acne. Si usa specialmente per la costa lattea e leczema nei bambini di pochi mesi, nonché per tutte le affermazioni della pelle che comportano la presenza di croste. Sul sistema respiratorio ha unattenzione lenitiva, grazie alla mucillaggine ( sostanza vegetale capace di assorbire una grande quantità di liquido ), mentre la saponina ha un effetto espettorante che ne fa un rimedio efficace contro la tosse di tipo irritante, lasma, la difterite e la bronchite. Fa calare la febbre e diminuire lingrossamento delle ghiandole, oltre ad agire come diuretico contro la ritenzione di liquidi e la cistite. Il salicilato contenuto nella viola del pensiero allevia le infiammazioni alle articolazioni ed è utile nellartrite e nella gotta, mentre la rutina rafforza i capillari, alleviando quindi le contusioni. Inoltre riduce la pressione del sangue e aiuta nellarteriosclerosi. Rimedio omeopatico :Viola del pensiero Si usa analogamente per il trattamento dei disturbi della pelle, in particolare crosta lattea, eczema del cuoio capelluto e scabbia, nei casi in cui i sintomi tendono a peggiorare con linverno e il freddo. E indicata per coloro che accusano ingrossamento delle ghiandole linfatiche, tosse e catarro alla gola, e contro reumatismi, gotta ed eruzioni accompagnate da prurito nella zona delle articolazioni. Si prescrive inoltre nella terapia dellenuresi notturna per i bambini che sono afflitti da sogni intensi o inquietanti e le cui urine hanno un odore particolarmente intenso, come quelle dei gatti. In riferimento al suo antico uso polare, è utilizzata anche per il trattamento dei disturbi cardiaci legati allansia e le palpitazioni legate alla posizione distesa. Clarke la raccomandava per la tristezza causata da questioni domestiche e la tendenza a spandere lacrime. Si consiglia anche agli adulti che fanno sogni vividi o erotici. Lessenza floreale. Anche lessenza si usa per guarire il cuore. Confronta coloro che si sentono feriti, respinti, soli o con il cuore spezzato. Eindica in caso di delusioni amorose e separazioni, e quando un amore infelice causa disturbi fisici a persone che in precedenza erano sane e felici.


Scaricare ppt "Nel corso dellanno scolastico abbiamo imparato a conoscere alcune specie e ad approfondire diversi aspetti della loro vita, il tutto condito con un pizzico."

Presentazioni simili


Annunci Google