La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G.W.F. Hegel I caposaldi del pensiero hegeliano. La dialettica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G.W.F. Hegel I caposaldi del pensiero hegeliano. La dialettica."— Transcript della presentazione:

1 G.W.F. Hegel I caposaldi del pensiero hegeliano. La dialettica

2 2. La dialettica è il metodo della filosofia e la legge suprema della realtà

3 Contro i romantici Hegel polemizza con la pretesa romantica di cogliere lAssoluto, al di là dellintelletto, in modo immediato, con il sentimento, lintuizione, la fede: non che sia sbagliato oltrepassare lintelletto, che è limitato al finito (cf. Kant); da rifiutare è la pretesa di conoscere lInfinito in modo immediato, ametodico, e perciò ascientifico.

4 Mediazione Per Hegel il vero sapere non si attua nellimmediatezza, ma è mediazione, ossia avviene attraverso un percorso. Perciò implica un metodo (=attraverso la via) che detti i passi di questo cammino. Occorre trovare il metodo che trasformi la filosofia in scienza dellAssoluto.

5 Dialettica: metodo Il metodo della filosofia è costituito dalla dialettica: non più intesa in senso negativo, come per Kant e Aristotele, ma con il valore positivo che aveva in origine nel pensiero greco (cf. Zenone e Platone); che per Hegel assume una nuova forma triadica, corrispondente ai momenti dello sviluppo dellAssoluto.

6 Dialettica triadica Il pensiero non si deve limitare a far emergere delle contrapposizioni (dividere una tesi da unantitesi). Ma deve oltrepassare la contraddizione per ottenere una verità più alta (sintesi). La positività della tesi è recuperata attraverso la negazione della negazione propria dellantitesi.

7 Il filosofo e lAssoluto Il processo dellAssoluto è il processo attraverso cui lo Spirito giunge a conoscere se stesso. Luomo non è fuori di questo processo: la filosofia è propro il luogo di questa autocomprensione dello Spirito; il metodo della filosofia, perciò, non sarà diverso dal movimento attraverso cui lo Spirito esiste e conosce se stesso.

8 Dialettica: legge universale La dialettica è perciò una legge siaontologica che logica (si ricordi che essere = pensiero) ontologica: è il metodo attraverso cui lo Spirito si attua; logica: è il metodo attraverso cui lo Spirito si conosce e luomo conosce lo Spirito (=metodo della filosofia).

9 I lati della dialettica I termini tesi, antitesi e sintesi non si trovano nella pagine di Hegel che, a proposito del pensiero, preferisce parlare di lati: 1.lato astratto o intellettivo; 2.lato dialettico o negativamente razionale; 3.lato speculativo o positivamente razionale.

10 Lato astratto Nel primo lato opera lintelletto che è la facoltà che astrae i concetti, conducendo dal particolare alluniversale. Si tratta di una funzione importantissima e irrinunciabile per la filosofia; il suo limite è considerare i concetti come qualcosa di distinto, definito, separato: luniversale astratto diventa un nuovo particolare.

11 Lato dialettico La ragione fluidifica la rigidità dei concetti astratti provocando lemergere di contraddizioni, prima nascoste: ogni concetto appare contraddittoriamente implicato dal suo contrario: (es.: luno non può pensarsi senza i molti e viceversa). La finitezza/determinatezza dei concetti astratti si rivela per ciò che è: negazione (il finito è se stesso in quanto non è altro).

12 Lato speculativo La ragione supera la contraddizione, non abolendola, ma cogliendo una superiore unità delle determinazioni contrapposte Si tratta di una riaffermazione del positivo della tesi che si attua attraverso la negazione del negativo proprio dellantitesi. E un superare che è al tempo stesso un conservare, come indica il verbo aufheben.

13 Aufheben da un lato vuol dire togliere, negare, e in tal senso dicamo ad esempio che una legge, unistituzione, ecc. sono soppresse, superate (aufgehoben). Daltra parte però aufheben significa anche conservare, e in questo senso diciamo che qualcosa è ben conservato mediante lespressione wohl aufgehoben. Questambivalenza […] non deve essere considerata casuale, […] al contrario, in questambivalenza va riconosciuto lo spirito speculativo della nostra lingua che va al di là della semplice altrenativa o-o propria dellintelletto. Grande Enciclopedia

14


Scaricare ppt "G.W.F. Hegel I caposaldi del pensiero hegeliano. La dialettica."

Presentazioni simili


Annunci Google