La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PARLIAMO DELLA SALUTE DEI CITTADINI ARETINI ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI AREZZO 11-12 MARZO 2008 RAPPORTI TRA OSPEDALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PARLIAMO DELLA SALUTE DEI CITTADINI ARETINI ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI AREZZO 11-12 MARZO 2008 RAPPORTI TRA OSPEDALE."— Transcript della presentazione:

1 PARLIAMO DELLA SALUTE DEI CITTADINI ARETINI ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI AREZZO MARZO 2008 RAPPORTI TRA OSPEDALE E TERRITORIO Dr. Lorenzo Droandi Medico di Medicina Generale Arezzo FIMMG Arezzo

2 CITTADINO MEDICO DI MEDICINA GENERALE PEDIATRA DI LIBERA SCELTA CONTINUITA ASSISTENZIALE 118 OSPEDALE PRONTO SOCCORSO AMMINISTRATORI POLITICI SOCIETA CIVILE

3 Le LAMENTELE SPECIALISTI Assenza di quesito diagnostico Assenza anamnesi Invii non congrui Altre… MEDICINA GENERALE Dimissioni insufficienti Relazioni insufficienti Mancata redazione di certificazioni Altre…

4 UN PATTO PER LA SALUTE LAVORO IN TEAM CONCORDATO CONDIVISO COORDINATO PROFESSIONALITA SALUTE DEL CITTADINO

5 DOCUMENTI NORMATIVI MAGGIO 1996 RAPPORTI MEDICI DI FAMIGLIA E MEDICI SPECIALISTI USL 8 AREZZO ORDINE DEI MEDICI

6

7

8 Riscrivere la norma non servirà assolutamente a nulla se essa non verrà applicata e nessuno vigilerà e verificherà la sua applicazione

9 Lamentele da approfondire Redazione del primo certificato per infortunio sul lavoro (INAIL) Mancata applicazione della circolare Trizzino in materia di certificazione per assenza da lavoro Delega ad altro collega di prescrizioni le più varie, non ultima quella degli analgesici oppiacei Altre…

10 Delibera 1038/2005

11 LA RIFONDAZIONE DELLA MEDICINA GENERALE SVOLTA EPOCALE NELLA ORGANIZZAZIONE E NELLA GESTIONE DELLA MEDICINA DEL TERRITORIO

12 PDT : PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI

13 PIOT : PERCORSI INTEGRATI OSPEDALE-TERRITORIO

14 PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI Concretezza al PATTO PER LA SALUTE DEI CITTADINI Rapporto ospedale-territorio AGEVOLE e AGIBILE Altre ricadute

15 PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI Percorsi condivisi Cosa deve essere fatto In quale momento Chi deve fare Con quale modalità Con quale strumento

16 MEDICINA DI ATTESA Intercettazione della richiesta per eventi contingenti Percorso unico, definito e condiviso Diagnosi precoce Trattamento ottimale Risoluzione del problema (guarigione)

17 MEDICINA DI INIZIATIVA Diagnosi precoce Trattamento ottimale Prevenzione della progressione della malattia e della comparsa di complicanze Gruppi affetti da malattie croniche Richiamati periodicamente Esami/interventi appropriati alla attuale fase di malattia

18 PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI Definiti sulla base della EBM Condivisi dagli operatori Presa in carico Gestione della complessità Gestione della fragilità Qualità, tempestività, appropriatezza ed economicità della cura

19 PERCORSI INTEGRATI OSPEDALE-TERRITORIO Dimissione dei casi più complessi Bisogni assistenziali da affrontare e risolvere a livello territoriale Adottati dalla Azienda USL Concordati e condivisi tra medicina generale e specialistica Effettiva realizzazione ed applicazione

20 PERCORSI: CONCORDATI COORDINATI CONDIVISI

21 CONTINUUM OSPEDALE-TERRITORIO OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE PER LA SALUTE IL CITTADINO AL CENTRO DEL S.S.N.

22 SUPERAMENTO DELLE LAMENTELE

23 PROIEZIONI DELLOSPEDALE NEL TERRITORIO? Da evitare Utili solo per pochi Depauperamento di professionalità altrimenti utili alla collettività

24 RISORSE UMANE DEL TERRITORIO Sufficienti per la GESTIONE SPECIALIZZATA e SPECIALISTICA di: MEDICINA GENERALE PEDIATRIA DI LIBERA SCELTA CONTINUITA ASSISTENZIALE

25 SPECIALISTICA DISPONIBILE PRONTAMENTE, IN TEMPO REALE PER TEAM TERRITORIALE BISOGNO DECODIFICATO

26 DIPARTIMENTO OSPEDALE-TERRITORIO ??? NO GRAZIE !! VISIONE OSPEDALOCENTRICA

27 DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE Prestazioni sanitarie di: CURA DIAGNOSI PREVENZIONE

28 MEDICO del DIPARTIMENTO DI CURE PRIMARIE Coordina i Percorsi Diagnostico Terapeutici Gestisce la cronicità e la fragilità Dialoga con lospedale attraverso i Percorsi Integrati Ospedale Territorio concordati, condivisi e coordinati

29 ESAMI DIAGNOSTICI 20 anni fa: tempi rapidi per gli esami, diagnosi rapide, terapie in tempi rapidi e adeguati Oggi: tempi lunghi (settimane o mesi) Diagnosi intempestive Fughe dei pazienti verso altre soluzioni

30 ECCESSIVA RICHIESTA DI ESAMI DIAGNOSTICI Invecchiamento della popolazione Incremento della cronicità Aumento della domanda di salute Errata percezione dellarte medica Accondiscendenza del medico Medicina difensiva

31 DISTORSIONI DEL SISTEMA modificabili in tempi lunghi mediante un lavoro educativo e culturale di: cittadini, medici, amministratori, avvocati, magistrati, politici, giornalisti…

32 ECCESSIVO AFFOLLAMENTO DEL PRONTO SOCCORSO GARANZIA DI ESAMI DIAGNOSTICI E CONSULENZE SPECIALISTICHE IN TEMPI BREVI (poche ore)

33 UNA PROVOCAZIONE Dateci gli esami e le consulenze in tempo reale e vi svuoteremo il Pronto Soccorso

34 MALASANITA? MALAORGANIZZAZIONE? ISOLAMENTO E AUTOREFERENZIALITA DEL SINGOLO MEDICO SOLO ERRORI MEDICI? IMPERIZIA - IMPRUDENZA - NEGLIGENZA oppure

35 UNA POSSIBILE STRATEGIA TEAM DI PROFESSIONISTI PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI E PERCORSI INTEGRATI OSPEDALE-TERRITORIO MEDICO DI MEDICINA GENERALE PEDIATRA DI LIBERA SCELTA CONTINUITA ASSISTENZIALE 118 Altre figure SPECIALISTA CONVENZIONATO SPECIALISTA DIPENDENTE INFERMIERE PERSONALE AMMINISTRATIVO ASSISTENTE SOCIALE

36 VECCHIA POLITICA OSPEDALOCENTRICA DA ABBANDONARE

37 NUOVA STAGIONE DI POLITICA SANITARIA CONCENTRARE GLI INVESTIMENTI SUL TERRITORIO

38 INVESTIMENTI SUL TERRITORIO Personale infermieristico Personale amministrativo Strutture Informatica

39 Io credo che se non si aprirà una nuova stagione di politica sanitaria, realmente incentrata sul territorio, se non ci sarà la volontà politica ed amministrativa di lavorare nellinteresse dei cittadini, della loro salute e della res pubblica, del bene comune, allora tutti noi perderemo la scommessa che quotidianamente facciamo: i medici di curare bene i cittadini, gli amministratori di gestire le risorse, i politici di dare indirizzi ideologico-politici.

40 Ma soprattutto noi tutti, in quanto cittadini, temo che perderemo il nostro Sistema Sanitario Nazionale così come lo conosciamo, dilapidando miseramente il patrimonio solidaristico ed universalistico che lo ha da sempre caratterizzato.

41 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "PARLIAMO DELLA SALUTE DEI CITTADINI ARETINI ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI AREZZO 11-12 MARZO 2008 RAPPORTI TRA OSPEDALE."

Presentazioni simili


Annunci Google