La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laura Antichi Modulo di Progettazione Relazione Introduzione ICT nella didattica. Tools, che abbiano un contenuto disciplinare e una forma di relazione:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laura Antichi Modulo di Progettazione Relazione Introduzione ICT nella didattica. Tools, che abbiano un contenuto disciplinare e una forma di relazione:"— Transcript della presentazione:

1 Laura Antichi Modulo di Progettazione Relazione Introduzione ICT nella didattica. Tools, che abbiano un contenuto disciplinare e una forma di relazione: Community, Blog, Audio,Video Le applicazioni didattiche si riferiscono allanno scolastico La scuola è LIstituto Statale Superiore Veronica Gambara di Brescia. Docente: Laura Antichi

2 Laura Antichi Siamo ciò che facciamo ripetutamente. Leccellenza, dunque, non è unazione, ma unabitudine. ARISTOTELE Il motto per le mie classi:

3 Laura Antichi Premessa Nella pratica della scuola le ICT possono essere un fattore molto importante di innovazione se si specifica un modello organizzativo, che supporta la comunità in apprendimento, se si conducono attività trasferibili in competenze, se si implementano conoscenze, se si mappano gli apprendimenti nella relazione. Non è facile passare esattamente da un progetto iniziale alle realizzazioni possibili, perché, nellambito delle classi di insegnamento, sono in gioco molteplici variabili, legate al contesto, agli alunni, ai consigli di classe che mutano, alle nuove preoccupazioni didattiche rispetto a programmi, proposte del territorio, componente genitori ed altro.

4 Laura Antichi Premessa Sono, originariamente, partita con una Griglia di Progetto, a monte rispetto linizio dellanno scolastico, e lho modificata per unalfabetizzazione più estesa dellambiente tecnologico: per diffondere meglio la pluralità dei linguaggi del conoscere; per promuovere ed incentivare momenti di autoformazione degli alunni; per dare documentazione, per valorizzare il momento della inter-operabilità dei gruppi e portabilità delle esperienze.

5 Laura Antichi Premessa Avanzare domande e porre problemi ha, inevitabilmente, consentito di crescere sul progetto originario accogliendo il nuovo, che meglio esprimesse i bisogni. Interessante orientamento, quello assunto, perché ha determinato scelte successive a catena. È stata lidea di partire dal social, dalle pratiche Web degli alunni, che ha mostrato la polivalenza e polifunzionalità delle azioni.

6 Laura Antichi Premessa Ad esempio, la maggior parte degli studenti possiede un Blog, su MSN e/o Myspace e questi luoghi rappresentano un nuovo modo, per i digital native, di comunicare, di raccontarsi, di personalizzazione, di dialogare con coetanei. Partendo da queste realtà, diventava interessante sviluppare strategie di ricongiungimento alla scuola, ai saperi riflessivi. Utilizzando lo zapping multitasking, che caratterizza molti ragazzi, si può farli passare, consapevolmente, a giostrare più linguaggi allinterno delle unità didattiche.

7 Laura Antichi Premessa Se da un lato, la Community Eun.org è servita come tracciamento di esercitazioni e prodotti condivisi, i blog, podcast, video hanno contribuito a sviluppare uno speciale creativo dellessere attraverso la scuola.

8 Laura Antichi La Mappa del Processo e dei Contenuti

9 Laura Antichi

10 Tempi, fasi Anno scolastico 2007/2008. Nelle attività curricolari relative alle discipline: Filosofia, Scienze Sociali, Linguaggi non verbali e multimediali; 2 ore fisse con utilizzo di laboratorio informatico per la classe dei Linguaggi non verbali e multimediali; 1 ora settimanale, in media, per le altre classi con utilizzo di laboratorio informatico. Quindi, le azioni hanno e stanno accompagnando la didattica in modo regolare e pervasivo. ********** Nota: si parla di laboratorio informatico perché le aule non sono dotate di spazi e strumentazioni multimediali.

11 Laura Antichi Protagonisti Studenti, guidati dal Tutor (insegnante), che lavorano in gruppo e che hanno fasi individuali di sviluppo e di approfondimento di strumenti e contenuti

12 Laura Antichi Modalità Molare (fase apprendimento frontale); Molecolare (molti a molti).

13 Laura Antichi Numero di classi 4 classi coinvolte per intero + alcuni alunni di una classe

14 Laura Antichi Cosa è stato utilizzato? 1

15 Laura Antichi Esempi aree

16 Laura Antichi

17 Finalità generali Nel portale europeo, che dal 2005 ho nesso a disposizione dellIstituto, si sviluppa un progetto educativo innovativo e aperto verso le reti scolastiche nazionali e regionali.www.eun.org Il progetto è fortemente impegnato nel potenziamento e nella qualificazione dell'uso delle ICT nella scuola. Questa community, rivolta a insegnanti-tutor e ad alunni, aperta all'Europa, si propone come luogo di crescita comune attraverso la condivisione di esperienze e conoscenze e prefigura in concreto il modello di rete e di e-learning.

18 Laura Antichi Si utilizza questa piattaforma on-line per: 1.scambio di idee, di informazioni e materiali didattici tra gli insegnanti di tutte le discipline; 2.costruire piani di ricerca sullinsegnamento/apprendimento per favorire lo sviluppo di processi negli alunni; 3.favorire la comunicazione tra alunni ed insegnanti; 4.stimolare gli alunni alla discussione su questioni relative alla didattica e alla ricerca; 5.cercare di migliorare il rapporto con la scuola; 6.sviluppare nuove forme di approccio ai problemi; 7.sollecitare luso guidato di Internet.

19 Laura Antichi Tutti accedono alla community con la pw ricevuta. Nello spazio virtuale della community, ciascuno avrà a disposizione un archivio documenti e link, una bacheca, un forum di discussione, un servizio di chat e altre aree opzionali per scambiare idee, condividere esperienze, chiedere informazioni, proporre problemi o soluzioni.

20 Laura Antichi Cosa fanno gli studenti? scaricano i materiali didattici e le esercitazioni dellinsegnante; postano le loro esercitazioni; contribuiscono allarricchimento dei link; interagiscono mediante forum, chat, , interne alla community.

21 Laura Antichi Eun.org viene usata: come piattaforma di apprendimento; come repository di materiali; come luogo di interazioni.

22 Laura Antichi Report esercitazioni studenti per apprendimento pacchetto Office; per elaborazione contenuti attinenti alle discipline; per analisi siti; per orientamento e riflessione su di sé. Sono state postate diverse tipologie di esercitazioni: Gli studenti, in relazione alle richieste, hanno uploadato lavori individuali e/o di gruppo.

23 Laura Antichi ESERCITAZIONI STUDENTI FATTORI POSITIVIFATTORI CHE MERITANO ATTENZIONE Socializzazione, condivisione e confronto nel lavoro di gruppo. Negoziazione dei significati. Ricerca. Estensione delle conoscenze. Apprendimento di procedure. Organizzazione, Rinforzo. Spazialità delocata e semantica. Pluri uso dei linguaggi. Copia/incolla, che porta a scarsa elaborazione. Lasciar fare agli altri. Distrazioni dobiettivo nel navigare. Attrazione ad usare le tecnologie a scuola con scopi personali. Difficoltà ad organizzarsi e automonitorarsi.

24 Laura Antichi Cosa è stato utilizzato? 2 I Blog I Blog, per loro natura, portano a raccontare di sé e sono un potente strumento di comunicazione creativa. Uniscono le facoltà dello scrivere e dellimmaginare nel dare forma a rappresentazioni del mondo. Sono piccole psicoterapie aperte alla socialità.

25 Laura Antichi Cosa è stato utilizzato? 2 I Blog Blog personali e blog-gruppo possono divenire strumenti di lavoro, spazi di pubblicazione. Lesperienza, che i ragazzi già fanno nellinformale, può, con facilità, essere trasferita nella didattica.

26 Laura Antichi Cosa è stato utilizzato? 2 I Blog Sono stati integrati in momenti disciplinari, durante i quali si sono organizzate isole differenziate di apprendimento, situato nello stesso tema: alunni organizzati in piccoli gruppi, specificati da uso di media diversi. Laula, in questo caso, si è aperta nella determinazione di spazi multipli, adiacenti, convergenti.

27 Laura Antichi Quali blog? Perché è Web 2.0, basato sulla condivisione e il social networking, checché ne dica Wikipedia. Dipendente da Google permette accesso gratuito. Lo definiscono blogging puro, e lascia uploadare testi, immagini e video. È semplice da usare e prevede registrazione. È flessibile e dà spazio alla creatività. Ho cercato di utilizzarlo come momento disciplinare di riflessione e di condivisione. PUNTI POSITIVI

28 Laura Antichi Quali blog? PUNTI CRITICI La sua apertura agli altri blog casuali Il Blog successivo potrebbe presentarsi come non pedagogico/educativo. Cè la possibilità di segnalare un blog non appropriato. Ma siamo in presenza sempre di un rischio. Poi dipende dallazione di accompagnamento del tutor, dalla tipologia di classi ed alunni. Nel caso delle mie classi, gli studenti sono consapevoli di questo rischio.

29 Laura Antichi Esempi di blog Il mio per dare avvio ai loro

30 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Marta, Lucia, Margherita

31 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Beatrice ed Ottavia

32 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Giuseppe

33 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Marianna e Marta

34 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Chiara, Francesca e Martina

35 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Anna, Margherita, Angela

36 Laura Antichi Esempi di blog Il blog di Mora, Casagrande, Saresera

37 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Francesco

38 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Arianna

39 Laura Antichi Esempi di blog Il blog di Elisa e Antonella

40 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Ivana

41 Laura Antichi Esempi di blog Il Blog di Roberta e Manuela

42 Laura Antichi NOTE Gli studenti hanno inserito nei loro blog Video da Youtube e slide da Naturalmente molte delle diapositive personali le hanno prima uploadate in dopo essersi registrati.

43 Laura Antichi Cosa è stato utilizzato? 3 Audio e video Solo alcuni, per alunni avanzati, anche se il progetto registrazione e video sta generando molto interesse. Gli alunni hanno imparato ad utilizzare Audacity, associato con Lame per lesportazione dei file audio in.mp3.

44 Laura Antichi Cosa è stato utilizzato? 3 Audio e video Un alunno particolarmente esperto ha prodotto dei video di altissima qualità, utilizzando un software Sony Vegas 6.0. Per fare questo ha avuto bisogno di matrici video, da lui eseguite ed assemblate, di strumenti Photoshop e Nero. I prodotti sono stati seguiti e valutati con interesse da un esperto di cinematografia, Massimo Morelli. Uno dei due Cortometraggi prodotti è disponibile su ri/ Sigarette funebri ri/ Un alunno particolarmente esperto ha prodotto dei video di altissima qualità, utilizzando un software Sony Vegas 6.0. Per fare questo ha avuto bisogno di matrici video, da lui eseguite ed assemblate, di strumenti Photoshop e Nero. I prodotti sono stati seguiti e valutati con interesse da un esperto di cinematografia, Massimo Morelli. Uno dei due Cortometraggi prodotti è disponibile su ri/ Sigarette funebri ri/

45 Laura Antichi Fattori positivi nellintroduzione delle ICT nella didattica 1. Dinamiche didattiche 2. CREATIVITA 3. MULTIPROSPETTICITA 4. APPROFONDIMENTO E RICERCA 5. LAVORO DI GRUPPO 6. VALORIZZAZIONE INTELLIGENZE MULTIPLE 7. BENESSERE DALLA LIBERTA DI LINGUAGGI AUTOSCELTI 8. AUTOREGIA DEL PROPRIO APPRENDIMENTO 9. ALLARGAMENTO DELLA SFERA DEI BISOGNI FORMATIVI 10.CRESCITA CULTURALE 11. RISPETTO DEI RUOLI

46 Laura Antichi Fattori positivi nellintroduzione delle ICT nella didattica 1. Dinamiche didattiche 2. CREATIVITA 3. MULTIPROSPETTICITA 4. APPROFONDIMENTO E RICERCA 5. LAVORO DI GRUPPO 6. VALORIZZAZIONE INTELLIGENZE MULTIPLE 7. BENESSERE DALLA LIBERTA DI LINGUAGGI AUTOSCELTI 8. AUTOREGIA DEL PROPRIO APPRENDIMENTO 9. ALLARGAMENTO DELLA SFERA DEI BISOGNI FORMATIVI 10.CRESCITA CULTURALE 11. RISPETTO DEI RUOLI

47 Laura Antichi Fattori critici nellintroduzione delle ICT nella didattica 1.TEMPI DIDATTICI PIU LUNGHI, LEGATI ALLE UNITA DI INSEGNAMENTO DEI CONTENUTI. 2.DISPERSIONE DELLATTENZIONE IN ALCUNI ALUNNI PIU DEBOLI. 3.PERICOLI GENERICI E SPECIFICI DEL WEB. 4.GENITORI POCO DIGITALI. 5.FATICA A LAVORARE IN GRUPPO E A COORDINARSI CON IL LAVORO DEGLI ALTRI. 6.FATICA PER LINSEGNANTE NELLA GESTIONE COMPLESSA DEL TUTTO e NEL RISPONDERE ALLE ASPETTATIVE PROMESSE.

48 Laura Antichi Difficoltà incontrate, sia tecniche che metodologico -didattiche La configurazione tradizionale degli spazi daula. Laboratori datati e connessione talvolta lenta. Mancanza di un tecnico di laboratorio e la necessità del fai da te riparazioni. Governare il rumore e lordine nella partecipazione. Mantenere le scansioni del programma. Prendere decisioni sempre creative nelle emergenze. Valorizzazione di tutte le intelligenze. Valutazione più complessa. Sostener i pigri.

49 Laura Antichi Abilità acquisite dagli insegnanti e dagli alunni. nell affrontare problemi e situazioni. nello scaffolding; nella cogestione; nelle relazioni; nel principio del muto sostegno ed auto; nella comunicazione (uno a molti, molti a molti); nelluso multitasking dei linguaggi, nella produzione creativa, nel problem solving; nella flessibilità e interscmbiabilità delle soluzioni; nellesercizio di tutte le facoltà; nei processi metacognitivi; nella ricerca; nellapproccio metodologico, nel progetto; nellintraprendere strade inusuali del conoscere; nello sperimentare.

50 Laura Antichi Modalità di relazione osservate tra alunno ed alunno Maggiore attenzione nei confronti dellaltro; capacità di mutuo sostegno ed impegno; maggiore curiosità per le scoperte reciproche; desiderio di condividere; spirito di gruppo

51 Laura Antichi Modalità di relazione osservate tra docente e docente (con coloro che usano solo didattica tradizionale) incomprensione, sopportazione, non condivisione, divisione, supponenza, ironia, ammirazione senza lasciarsi coinvolgere, desiderio di provare qualcosa

52 Laura Antichi Valutazione delle tecnologie e del materiale usato ricchezza da perfezionare, adatti ad una scuola che incontra linformale e le mutate condizioni di ascolto dei digital native, interessante per sviluppare il conoscere in diverse modalità, importante per la socializzazione, determinante per lo sviluppo cognitivo ed emotivo, capace di estendere laccesso e la riflessione sul modo di comunicare comune.

53 Laura Antichi Valutazione dellesperienza in termini di arricchimento professionale 1.Impossibilità di tornare indietro perché l usare certe pratiche e il generarle, attraverso un continuo aggiornamento, costruisce la storia professionale. Questultima è situata nellevento di un processo, che continua e non rimane mai se stesso, se non nellobiettivo fondamentale di aiutare la formazione e conoscenza, dal punto di vista disciplinare per se medesimi e per degli alunni. 2.Le nuove tecnologie sono un linguaggio non neutro, contagiano il fare e lapprendere e sussumono le tradizionali contagiandole e contagiandosi. 3.Passaggi dal brick and mortar al clic and mortar.

54 Laura Antichi Valutazione dellesperienza da parte dei ragazzi si annoiano meno; sviluppano il piacere del fare, valorizzando il loro impegno, vedono valorizzato il mondo; si accostano meglio al mondo dei contenuti; riflettono sul loro modo di essere e di esistere; si esprimono; si sentono potenziati ed autori.


Scaricare ppt "Laura Antichi Modulo di Progettazione Relazione Introduzione ICT nella didattica. Tools, che abbiano un contenuto disciplinare e una forma di relazione:"

Presentazioni simili


Annunci Google