La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Formulazione di un referto Cosa vuole lutente Dr. Claudio Dario Direttore Generale Azienda ULSS n. 9 Treviso La refertazione: basi, metodologia e condivisione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Formulazione di un referto Cosa vuole lutente Dr. Claudio Dario Direttore Generale Azienda ULSS n. 9 Treviso La refertazione: basi, metodologia e condivisione."— Transcript della presentazione:

1 Formulazione di un referto Cosa vuole lutente Dr. Claudio Dario Direttore Generale Azienda ULSS n. 9 Treviso La refertazione: basi, metodologia e condivisione Cortina DAmpezzo maggio 2007

2 2 Il referto E importante sviluppare cose che servono non solo quelle che piacciono.

3 3

4 4 La complessità dei sistemi sanitari Prospettiva economica Prospettiva del professionista Prospettiva sociale Prospettiva del paziente Missione

5 5 Il servizio di radiologia, per rispondere alla sua mission, deve organizzarsi nella complessa rete che governa il processo che origina, produce e utilizza il referto. Trasformazione da fornitore di prestazioni a fornitore di servizi radicati profondamente nel processo assistenziale, rivolto non solo ai singoli interventi ma al risultato finale per il paziente. La mission

6 6 Il referto: che cosa è Il referto è latto redatto obbligatoriamente in forma scritta con il quale lo specialista dichiara conformi a verità i risultati degli esami diagnostici ottenuti, unitamente allinterpretazione clinica dei risultati stessi, in relazione al quadro clinico ed allanamnesi del paziente Ministero della Salute - Linee guida per la Dematerializzazione, Nov. 2006

7 7 Il referto: che cosa non è Il referto non è un elenco di risultati, puro esito degli esami diagnostici eseguiti da strumenti, semplice lettura di un dato analitico

8 8 Il referto: elementi formali Il referto deve essere Chiaro Corretto Conciso Completo Coerente Competente Condiviso Bonmatì e coll. Schiavon, 2006

9 9 Il referto Chi ne ha la proprietà?

10 10 Il referto A chi è destinato?

11 11 Il referto Quesito diagnostico

12 12 Il referto: visto dal paziente Accessibilità

13 13 Utilizzo di diversi canali distributivi: il referto digitale Legge n. 59/97: Gli atti, dati o documenti formati dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti informatici o telematici,…, la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge… In tutti i documenti informatici la firma autografa è sostituita dalla firma digitale Il referto, una volta validato e firmato digitalmente, è disponibile in rete e può essere aperto e consultato solo da chi ne ha titolo (utente, MMG, specialista, operatori agli sportelli dei punti di distribuzione)

14

15 15 Il referto Semantica, sintassi, modellistica organizzativa

16 16 Il referto HEALTH OPTIMUM (HO) Standards di contenuti

17 17 I problemi giuridici che si affrontano nel cyberspazio sono quelli che si affrontano nel vivere la realtà quotidiana, non cè la necessità di creare un nuovo diritto, ma lesigenza di adattare gli strumenti classici alla nuova realtà Conclusioni

18 18 Il referto: il contenuto Informazione clinica attinente lesame richiesto Modalità di esecuzione Descrizione completa sintetica dei reperti in ordine di importanza Conclusione diagnostica Suggerimento per la prosecuzione delliter diagnostico

19 19 Il medico curante (MMG o Specialista, ambulatoriale e ospedaliero) Il paziente Lautorità giudiziaria La pluralità dellutente

20 20 Lautorità giudiziaria Art. 365 del Codice Penale (Obbligo di referto) Chiunque, avendo nellesercizio di una professione sanitaria prestato la propria assistenza od opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale si debba procedere di ufficio, omette o ritarda di riferirne allAutorità…

21 21 Il referto per lAutorità Giudiziaria Deve essere fatto pervenire allautorità giudiziaria entro 48 ore o immediatamente se il ritardo può causare pericolo Deve indicare –La persona alla quale è stata prestata assistenza –Il luogo, il tempo e tutte le circostanze dellintervento e del fatto –I mezzi con i quali è stato commesso –Gli effetti che ha causato o può causare

22 22 Il medico curante Art. 59. Rapporti con il medico curante. Il medico che presti la propria opera in situazioni di urgenza o per ragioni di specializzazione a un ammalato in cura presso altro collega, previo consenso dellinteressato, è tenuto a dare comunicazione al medico curante o ad altro medico eventualmente indicato dal paziente, degli indirizzi diagnostico terapeutici attuati e delle valutazioni relative … Codice deontologico, 1998

23 23 La scheda sanitaria Il DPR n. 270 del 28 luglio 2000 introduce la scheda sanitaria, con lobbligo giuridico, a carico del medico convenzionato del SSN, di inserirvi tutti i dati relativi allo stato di salute per ciascuno degli assistiti, quale strumento tecnico-professionale finalizzato a migliorare la continuità assistenziale

24 24 Il referto per il medico curante Il medico curante richiede un referto composto da termini tecnici corretti, comprensibili, standardizzati e univoci, con la formulazione di ipotesi diagnostiche plausibili e di suggerimenti per eventuali altri accertamenti.

25 25 Il paziente: Carta dei Servizi (D.L. n. 163/95) Il paziente ha diritto di ottenere dal sanitario informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi, alla terapia proposta ed alla relativa prognosi

26 26 Il referto per il paziente Il paziente, sia per il miglioramento delle condizioni socio-economiche che per lo sviluppo dei mezzi di informazione e di divulgazione, ha maturato la volontà di contare nella gestione della salute e chiede di entrare a pieno titolo nel processo comunicativo, che vuole tempestivo, chiaro e ottenibile con diverse modalità distributive.

27 27 Il referto per il paziente: Tempestività Non il prima possibile, ma in tempo utile per la diagnosi e la terapia, con modalità che consentano il miglior utilizzo del referto nel percorso diagnostico terapeutico

28 28 Il referto per il paziente: Chiarezza Il referto deve contenere gli elementi che consentano di indirizzare correttamente ad un appropriato iter lutente che ne venga direttamente in possesso

29 29 Utilizzo di diversi canali distributivi: il referto digitale Legge n. 59/97: Gli atti, dati o documenti formati dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti informatici o telematici,…, la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge… In tutti i documenti informatici la firma autografa è sostituita dalla firma digitale Il referto, una volta validato e firmato digitalmente, è disponibile in rete e può essere aperto e consultato solo da chi ne ha titolo (utente, MMG, specialista, operatori agli sportelli dei punti di distribuzione)

30 30 I problemi giuridici che si affrontano nel cyberspazio sono quelli che si affrontano nel vivere la realtà quotidiana, non cè la necessità di creare un nuovo diritto, ma lesigenza di adattare gli strumenti classici alla nuova realtà Conclusioni


Scaricare ppt "Formulazione di un referto Cosa vuole lutente Dr. Claudio Dario Direttore Generale Azienda ULSS n. 9 Treviso La refertazione: basi, metodologia e condivisione."

Presentazioni simili


Annunci Google