La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La valutazione del progetto Il significato, i soggetti, la modalità gli strumenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La valutazione del progetto Il significato, i soggetti, la modalità gli strumenti."— Transcript della presentazione:

1 La valutazione del progetto Il significato, i soggetti, la modalità gli strumenti

2 Sintesi Quando si valuta si mette in atto una pluralità di attività: Laccertamento Il controllo La verifica Il monitoraggio La metavalutazione

3 Definire precisamente che cosa si intende raggiungere. La verifica è un progressivo approfondimento comparativo tra: il progetto i risultati che si suppongono raggiunti con quel progetto

4 La verifica come progressivo approfondimento comparativo. la validità delle ipotesi su cui si basa il progetto didattico lesattezza dei dati raccolti dallaccertamento la corrispondenza dei processi reali e fasi di una procedura lesistenza delle condizioni necessarie per lo sviluppo del processo formativo.

5 In un progetto didattico si distinguono tre tipi di verifica verifica di fattibilità del progetto (analisi delle condizioni, delle risorse, dei vincoli) verifica di coerenza applicativa del progetto (durante ) per portare eventuali modifiche verifica tra obiettivi e risultati (a conclusione) per valutare lefficacia complessiva del progetto

6 I progetti didattici servono da collante tra le verifiche degli insegnamenti e quelli degli apprendimenti Gli obiettivi di insegnamento si verificano in funzione della fattibilità e alla coerenza del progetto. Gli obiettivi di apprendimento si verificano comparando i risultati raggiunti dagli allievi.

7 VALUTAZIONE Valutare = dare valore, esprimere un giudizio VALUTARE Prendere informazioni prendere decisioni

8 S T A D I: 1 preparazione - quali informazioni - come ( tecnica di raccolta, quale strumento ) - quando 2 raccolta delle informazioni rilevanti 3 formulazione di un giudizio - confronto tra le informazioni ottenute e i criteri scelti 4 uso del giudizio per prendere decisioni e preparare il resoconto della valutazione - registrare i dati significativi per scegliere un piano dazione.

9 LE TECNICHE Linchiesta: consiste nel fare domande per conoscere opinioni, interessi, preferenze. Losservazione: consiste nel guardare, ascoltare, sentire o utilizzare qualsiasi organo di senso per capire Lanalisi: è il processo di scomposizione di qualcosa nelle sue parti per avere informazioni su abilità cognitive e psicomotorie, sul risultato dellalunno durante il processo di apprendimento. Testing: quando a tutti gli studenti viene presentata la stessa situazione ( istruzioni, regole…) per valutare la prestazione di solito in termini numerici.

10 LA VALUTAZIONE E SEMPRE NECESSARIA La valutazione riferita allattività scolastica dei disabili deve accompagnare tutto il processo formativo. non un criterio normativo ma un criterio individuale. LA VALUTAZIONE FORMATIVA offre la possibilità di un intervento attivo sullallievo dà informazioni su ciò che è stato gia appreso guida il percorso verso ciò che resta ancora da compiere.

11 Possibili errori rifiuto pregiudiziale del processo di controllo sistematico impiego consapevole di criteri, scale di misura e tecniche di trattamento dei dati in non congruenti con la realtà da conoscere.

12 Come evitare errori Conoscenza delle principali funzioni di controllo degli apprendimenti degli elementi informativi su cui si basa un giudizio di valutazione del significato concettuale della misurazione in campo educativo

13 esempio Lallievo ha svolto una prova di verifica. Attività valutative dellinsegnante: Misura: sommatoria delle risposte positive e/o negative Apprezzamento:comparazione tra i risultati ottenuti rispetto a quelli(suoi) precedenti, e/o a quelli di classe o agli obiettivi prefissati(criteri) Interpretazione: il docente si rende consapevole circa i vissuti inerenti alle prove di verifica

14 La valutazione dei processi Cercare domande tipo: Che senso hanno questi risultati per lo sviluppo dellalunno Quali significati personali lalunno attribuisce al concetto… I processi di mediazione hanno migliorato la qualità dellapprendimento Quale valore lalunno dà al risultato, allimpegno, allo studio È consapevole dellimportanza del contenuto disciplinare Ha compreso che lerrore non è solo infrazione di una regola, ma anche lettura di altra realtà

15 ESIGENZE DI UNA VALUTAZIONE INDIVIDUALIZZATA Rispetto agli alunni disabili le disposizioni legislative ribadiscono il concetto di valutazione individualizzata indicano che LA VALUTAZIONE SCOLASTICA è RELATIVA AGLI INTERVENTI EDUCATIVI E DIDATTICI EFFETTIVAMENTE SVOLTI SULLA BASE DEL PEI ED è RIFERITA AI PROGRESSI IN RAPPORTO ALLE SUE POTENZIALITA E AI LIVELLI DI APPRENDIMENTO INIZIALI.

16 Di che cosa tener conto rapporto tra esigenze poste e finalità comuni possibilità che levoluzione del soggetto non segua percorsi sincronici ma progredisca a velocità diverse a seconda dei settori di sviluppo (Zazzo) nello stesso soggetto possano esistere abilità sviluppate a livelli differenti

17 strumenti di valutazione comuni anche per gli alunni disabili (Calonghi) tenendo presente che: il punto di partenza è diverso per ciascuno i programmi indicano le linee portanti dellazione pedagogico-didattica e i traguardi comuni, ma gli organi collegiali distituto hanno il compito di adeguare le indicazioni alla concreta realtà operativa; le guide alla crescita sono diverse: famiglia, scuola, società e quindi la valutazione non è il giudizio sullalunno, ma la raccolta di dati utili a valutare tutte le variabili in gioco: alunno, guide, metodi, condizioni

18 IL DIRITTO DEL DISABILE ALLA VALUTAZIONE CANEVARO sostiene: la valutazione è utile al nostro soggetto al punto che dovrebbe essere effettuata due volte: in condizioni di adattamento, con i sostegni senza appoggi.

19 WIGOTSKIJ: LA VALUTAZIONE come CONNESSIONE tra EDUCAZIONE e APPRENDIMENTO La disponibilità dellalunno si traduce in oggettiva capacità di apprendimento solo se sollecitata da una guida autorevole; valutazione riferita non solo al rendimento dellallievo, ma anche alla qualità dellazione educativo-didattica in grado di anticipare lo sviluppo.

20 Chi valuta La normativa prevede un gruppo ad hoc per la valutazione: docenti dirigente operatori scolastici e sanitari Gruppo interprofessionale operativo

21 RACCORDO TRA INTERVENTI INDIVIDUALIZZATI E VALUTAZIONE La DIAGNOSI FUNZIONALE e il PROF. DIN. FUNZ concorrono alla conoscenza e definizione della situazione di partenza Il PEI definisce: le finalità Gli obiettivi prioritari di sviluppo Gli interventi della scuola, dellequipe, della famiglia, dell extrascuola Le attività I tempi La verifica I risultati attesi

22 LA SITUAZIONE DI PARTENZA è fondamentale. va interpretata come BISOGNI SPECIFICI e come RISORSE NON POSSONO ESSERE DEFINITE UNA VOLTA PER TUTTE, non sono immodificabili, vanno osservate nel loro dinamico evolversi Richiedono una descrizione personalizzata delle caratteristiche salienti dellalunno.

23 MODELLI DESCRITTIVI MODELLO NORMATIVO EVOLUTIVO: confronto tra livelli di sviluppo reale del soggetto con quello normativo e le tappe di sviluppo dei b. normali (ritardo o precocità) MODELLO ECOLOGICO COMPORTAMENTALE: non ha riferimenti normativi, ma evidenzia il livello di adattamento alle richieste ambientali. Le capacità reali vengono confrontate con le richieste dellambiente quotidiano allo scopo di raggiungere un soddisfacente adattamento ed un buon livello di autonomia

24 QUALE PROGRAMMAZIONE Questo tipo di programmazione si allontana dallo stile LINEARE per area, per obiettivi e unità didattiche. Richiede: * stile CIRCOLARE RETICOLARE E COEVOLUTIVO idea di conoscenza come capacità di cogliere relazioni tra nuovi significati * Programmazione a maglie larghe, aperta *Alunno come protagonista

25 Le responsabilità Tutti i docenti sono responsabili dal momento dellindagine fino alladeguamento delle fasi del processo a quello conclusivo di valutazione

26 VALUTAZIONE ED ORIENTAMENTO VALUTAZIONE FORMATIVA : REGOLA IL PROCESSO FORMATIVO GUIDA LALLIEVO A SVILUPPARE NEL MIGLIOR MODO POSSIBILE LE PROPRIE POTENZIALITA SI COLLEGA ALLA PROGRAMMAZIONE COME COSTANTE ADEGUAMENTO ALLE REALI CONDIZIONI, OTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE, CORREZIONE DI ERRORI HA UN RIFLESSO FORMATIVO SUL SOGG., DEFINISCE I PROGRESSI NELLE CONOSCENZE, E NEI PROCESSI COGNITIVI SI RIFLETTE SUL PROCESSO DI MATURAZIONE CON LA FORMAZIONE DI UN CONCETTO REALISTICO DI SE OFFRE SPUNTI PER LORIENTAMENTO INDICANDO ATTITUDINI, INTERESSI, FAVORICSE LA CAPACITA DI AUTOORIENTARSI E DI PRENDERE DECISIONI NELLA CONSAPEVOLEZZA DELLE POSSIBILI CONSEGUENZE.

27 La valutazione verso il positivo Il positivo è la base dei percorsi formativi 1)Puntare alla trasparenza 2)Condividere 3)Essere consapevoli dei fattori soggettivi 4)Triangolare lo sguardo valutativo

28 La valutazione sommativa È la valutazione riepilogativa di un programma dintervento giunto a conclusione Si valutano gli esiti prodotti

29 Funzione certificativa La valutazione con funzione certificativa comprende documentazione relativa a: Superamento esami Prove, interrogazioni Tappe intermedie di corsi di studi Recentemente documenta i crediti formativi interpretati come accertamento di competenze acquisite


Scaricare ppt "La valutazione del progetto Il significato, i soggetti, la modalità gli strumenti."

Presentazioni simili


Annunci Google