La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ARTICOLAZIONI. PATOLOGIE DEGENERATIVE DELLE ARTICOLAZIONI : ARTRITI ARTRITE REUMATOIDE ARTRITE REUMATOIDE GIOVANILE ARTRITE ENTEROPATICA ARTRITE PSORIASICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ARTICOLAZIONI. PATOLOGIE DEGENERATIVE DELLE ARTICOLAZIONI : ARTRITI ARTRITE REUMATOIDE ARTRITE REUMATOIDE GIOVANILE ARTRITE ENTEROPATICA ARTRITE PSORIASICA."— Transcript della presentazione:

1 ARTICOLAZIONI

2 PATOLOGIE DEGENERATIVE DELLE ARTICOLAZIONI : ARTRITI ARTRITE REUMATOIDE ARTRITE REUMATOIDE GIOVANILE ARTRITE ENTEROPATICA ARTRITE PSORIASICA ARTRITI INFETTIVE GOTTA

3 ARTRITE REUMATOIDE Lartrite reumatoide (RA) è una malattia infiammatoria cronica sistemica in cui una poliartrite cronica colpisce le diartrosi in maniera simmetrica e bilaterale. Di solito vengono colpite le articolazioni interfalangee e metacarpofalangee, i gomiti, le ginocchia e la colonna vertebrale. La malattia insorge usualmente nella terza e quarta decade, ma la frequenza aumenta con letà fino ai 70 anni. Può comunque presentarsi ad ogni età. Colpisce l1-2% degli adulti e lincidenza è maggiore tra le donne rispetto agli uomini. Di solito le articolazioni degli arti sono interessate contemporaneamente e in modo simmetrico. Il decorso della malattia è variabile e spesso è contraddistinta da remissioni e fasi acute. Lo spettro delle manifestazioni cliniche varia da una malattia poco evidente a una grave, distruttiva e invalidante. Il meccanismo immunologico svolge un ruolo importante nella patogenesi della RA

4 Si ritiene che lartrite reumatoide sia una malattia autoimmune PATOGENESI

5 Edema Infiltrazione di celllule infiammatorie: linfociti B Linfociti T helper plasmacellule macrofagi Aumento della vascolarizzazione Aggregazione di fibrina organizzata che ricopre porzioni di sinoviale e galleggia nella spazio articolare come granuli di riso Accumulo di neutrofili nel liquido sinoviale e sulla superficie della sinoviale Attività osteoclastica nellosso sottostante con formazione di erosioni Formazione di panno, che è una massa di sinoviale e di stroma sinoviale costituito da cellule infiammatorie, tessuto di granulazione e fibroblasti che cresce sulla superficie articolare causandone lerosione Uninfiammazione di tendini, legamenti e occasionalmente del muscolo scheletrico adiacente accompagna spesso lartrite

6 ARTRITE REUMATOIDE Le mani di un paziente con artrite reumatoide avanzata presentano gonfiore delle articolazioni metacarpo-falangee e la tipica deviazione ulnare delle dita.

7

8 NODULO REUMATOIDE A.Un paziente con artrite reumatoide mostra un nodulo di un dito B.Laspetto istologico di un nodulo reumatoide presenta unarea centrale di necrosi circondata da macrofagi e palizzata da un infiltrato infiammatorio cronico.

9 ARTRITE GOTTOSA (GOTTA) La gotta comprende un numero eterogeneo di malattie il cui comune denominatore è un incremento dellacido urico sierico e il deposito di cristalli di urato nella articolazioni e a livello renale. La gotta è caratterizzata da unartrite acuta e cronica.

10 Le basi puriniche vengono sintetizzate a partire da precursori non purinici oppure derivano da purine preformate assunte con la dieta. Sono poi catabolizzate a ipoxantina o incorporate negli acidi nucleici. Anche la degradazione degli acidi nucleici e delle purine della dieta produce ipoxantina. Lipoxantina viene convertita ad acido urico, che poi viene escreto nelle urine. La gotta può derivare da: a) uniperproduzione di purine, b) un aumento del catabolismo degli acidi nucleici, come avviene in caso di ricambio cellulare aumentato c) un diminuito riutilizzo delle basi puriniche libere, d) una diminuzione dellescrezione urinaria di acido urico In un soggetto normale unelevata assuzione nella dieta di cibi ricchi di purine, in particolare carne, non porta a iperuricemia e alla gotta. La maggior parte dei casi (85%) di gotta deriva da un deficit ancora inspiegabile dellescrezione renale di acido urico.

11 ARTRITE GOTTOSA: Risultato finale comune ad un gruppo di disordini metabolici caratterizzati da iperproduzione di acido urico, caratterizzata dalla precipitazione di monourato di sodio nelle articolazioni PATOGENESI

12 A.i tofi gottosi delle mani appaiono come noduli multipli, gommosi, uno dei quali è ulcerato B.La sezione trasversale di un dito mostra la raccolta tofacea di cristalli di urato simili a pasta di dentrificio C.La sezione istologica evidenzia i cristalli di urato di sodio di colore brunastro nellosso D.Limmagine istologica a forte ingrandimento alla luce polarizzata con un filtro compensatorio al quarzo mostra la birifrangenza negativa dei cristalli E.La sezione trasversale del tofo mostra una reazione gigantocellulare che circonda una lesione amorfa, rosacea, in cui i cristalli di urato sono dissolti durante la processazione

13

14 PATOLOGIE DELLE ARTICOLAZIONI : OSTEOARTROSI Losteoartrosi (OA) o artropatia degenerativa, è la più comune affezione articolare ed è una delle condizioni più invalidanti nelle nazioni sviluppate. La malattia si caratterizza per la progressiva erosione della cartilagine articolare, che si manifesta elle articolazioni che sopportano i carichi maggiori e nelle dita degli anziani o nelle articolazioni dei giovani soggette a traumi. Il termine indica una patologia infiammatoria. Tuttavia, benchè possano essere presenti cellule infiammatorie, lOA è considerata una patologia intrinseca della cartilagine articolare in cui le alterazioni biochimiche e metaboliche portano alla sua degradazione. Nella maggioranza dei casi, lOA compare insidiosamente, senza apparente causa iniziale, come un fenomeno di invecchiamento. Nel 5% dei casi lOA può comparire in individui più giovani che presentano qualche condizione predisponente, come precedenti lesioni trumatiche microtrumatiche o macrotraumatiche a una articolazione, una malattia congenita dello sviluppo di una o più articolazioni, o alcune malattie sistemiche di base come diabete o marcata obesità. FATTORI: invecchiamento ed effetti meccanici

15 Grave artrosi con piccole isole di residua cartilagine 1.Superficie articolare eburnea 2.Cisti subcondrale 3.Cartilagine articolare residua

16 Grave artrosi dellanca. Lo spazio articolare è assotigliato, e vi è sclerosi subcondrale con diffuse cisti ovali radiotrasparenti e formazione di osteofiti periferici

17

18 A. Subito dopo una frattura si forma un grande coagulo ematico nel tessuto subperiosteo, nei tessuti molli circostanti e nel canale midollare. Losso nella sede della frattura è frastagliato. B. La fase infiammatoria del processo di guarigione della frattura è caratterizzata dalla neovascolarizzazione e dallinizio dellorganizzazione del coagulo. Poichè gli osteociti nel sito della frattura sono morti, le lacune sono vuote. Gli osteociti della corticale sono necrotici ben oltre la rima della frattura, a causa della recisione traumatica delle arterie perforanti che provengono dal periostio. C. La fase riparativa è caratterizzata dalla formazione del callo cartilagineo e di osso reticolare vicino alla sede della frattura. I margini frastagliati della corticale originaria sono stati rimodellati ed erosi dagli osteoclasti. Il canale midollare è stato rivascolarizzato e contiene osso reticolare, e così anche il periosteo. D. Nella fase di rimodellamento, durante la quale viene rivitalizzata la corticale, losso reattivo può essere lamellare o reticolare. Il nuovo osso si organizza lungo le linee di forza. Viene mantenuta unintensa attività osteoclastica e osteoblastica. GUARIGIONE DI UNA FRATTURA

19

20 PATOGENESI DELLOSTEOMIELITE EMATOGENA A. La metafisi, lepifisi e la cartilagine di accrescimento sono normali. Un piccolo microascesso si sta formando a livello delle anse capillari. B. Lespansione del focolaio settico stimola il riassorbimento delle trabecole dellosso adiacente. Osso reticolare comincia a circondare il focolaio. Lascesso si espande nella cartilaginee stimola la produzione di osso reattivo dal periostio. C. Lascesso, che continua ad espandersi attraverso la corticale al tessuto subperiostale, disseca le arterie perforanti che garantiscono lapporto ematico alla corticale, inducendone a necrosi. D. Questo processo si estende allarticolazione, lepisi, e poi drena attraverso la cute. Losso necrotico è detto sequestro. Losso vitale che circonda il sequestro è detto involucro.

21 OSTEOMIELITE CRONICA A. In questo paziente con osteomielite cronica la cute che sovrasta losso infetto è ulcerata e si nota una fstola sul calcagno. B. Dopo amputazione del piede, una zoa sagittale mostra una fistola (freccia dritta) che collega losso infettato con la superficie cutanea. Il tessuto bianco (freccia curva) è un carcinoma squamoso infiltrante insorto sulla cute.

22 OSTEOMIELITE DEL CORPO VERTEBRALE A. Losteomielite batterica si estende da un corpo vertebrale allaltro per invasione diretta del disco vertebrale e può in realtà spingere anche posteriormente il midollo spinale. La sequenza dagli eventi nel canale midollare è simile a quella delle ossa lunghe. B. Nellosteomielite tubercolare losso è distrutto dal riassorbimento delle trabecole osee, che determina un collasso delle vertebre ed una fuoriuscita del disco intervertebrale. I Bacilli Tubercolari non possono penetrare direttamente nel disco intervertebrale, ma piuttosto si estendono da una vertebra allaltra quando la pressione meccanica fa fuoriuscire il disco.

23 MALATTIE MUSCOLARI Sono tutte le patologie a carico dei muscoli scheletrici volontari che costituiscono le strutture muscolari degli arti superiori ed inferiori, del tronco del collo e della faccia. Coinvolgono la funzione contrattile del muscolo striato, che, nel suo insieme, costituisce il 40% circa della massa corporea totale. Come si presentano: per la maggior parte, le malattie muscolari non neoplastiche si presentano a causa di debolezza, atrofia o dolore muscolare. Si distiguono tre gruppi: 1.DISTROFIE MUSCOLARI (miopatie primarie): malattie muscolari ereditarie, trasmesse per via dominate o recessiva, che di solito provocano una degenerazione progressiva. Sono classificabili a seconda della modalità di trasmissione ereditaria, del quadro clinico dei muscoli interessai e sempre più spesso, man mano che progradiscono le conoscenze sui geni nteressati, con tecniche di biologia genetica molecolare. 2.MIOPATIE: gruppo di condizioni di eziologia diversa, raggruppate insieme a causa di un predominante effetto sul muscolo. 3.MALATTIE NEUROGENE ed, in particolare, malattie dei nervi periferici e dei motoneuroni, causano una atrofia secondaria dei muscoli scheletrici

24 MIOPATIE INFIAMMATORIE Le miopatie infiammatorie rappresentano un gruppo eterogeneo di patologie acquisite caratterizzate da una debolazza simmatrica dei muscoli prossimali, un incremento dei livelli di enzimi muscolari nel siero e uninfiammazione non suppurativa del muscolo scheletrico. Le miopatie infiammatorie sono rare e lincidenza annuale è 1: Si pensa che le miopatie infiammatorie abbiano una genesi autoimmune per a) La loro associazione con altre patologie autoimmuni e con le connettiviti; b) Levidenza patologica di un meccanismo autoimmune di danno alle cellule muscolari; c) Il ritrovamento di autoanticorpi nel siero; d) Il beneficio che si ottiene con farmaci immunosoppressori Le principali caratteristiche morfologiche delle miopatie infiammatorie sono: a)Presenza di cellule infiammatorie b)Necrosi e fagocitosi delle fibre muscolari c)Mescolanza di fibre rigeneranti e di fibre atrofiche d)Fibrosi

25 I PRINCIPALI SINTOMI PRESENTI NEI PAZIENTI AFFETTI DA MIOPATIE

26 PRINCIPALI INDAGINI DIAGNOSTICHE


Scaricare ppt "ARTICOLAZIONI. PATOLOGIE DEGENERATIVE DELLE ARTICOLAZIONI : ARTRITI ARTRITE REUMATOIDE ARTRITE REUMATOIDE GIOVANILE ARTRITE ENTEROPATICA ARTRITE PSORIASICA."

Presentazioni simili


Annunci Google