La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SISTEMA di CONTROLLO INTERNO Bettina Campedelli - Revisione aziendale e sistemi di controllo 1 si sostanzia in un insieme di direttive, procedure e tecniche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SISTEMA di CONTROLLO INTERNO Bettina Campedelli - Revisione aziendale e sistemi di controllo 1 si sostanzia in un insieme di direttive, procedure e tecniche."— Transcript della presentazione:

1 SISTEMA di CONTROLLO INTERNO Bettina Campedelli - Revisione aziendale e sistemi di controllo 1 si sostanzia in un insieme di direttive, procedure e tecniche atte a raggiungere i seguenti obiettivi: 1.garantire lattendibilità dei dati: corretta registrazione e rendicontazione delle operazioni 2.verificare il rispetto delle procedure interne: sia amministrative che operative atte a garantire lefficienza e lefficacia della gestione 3.identificare, prevenire e gestire i rischi e le frodi: a tutela del patrimonio aziendale 4.garantire il rispetto delle norme di legge

2 VALUTAZIONE del SISTEMA di CONTROLLO INTERNO Bettina Campedelli - Revisione aziendale e sistemi di controllo 2 la comprensione del sistema di controllo interno consente al revisore di: 1.identificare la tipologia di errori potenziali 1.valutare i fattori che incidono sul rischio di errori significativi 1.determinare la natura, la tempistica e lestensione delle procedure di revisione in risposta ai rischi identificati e valutati

3 ELEMENTI del SISTEMA di CONTROLLO INTERNO Bettina Campedelli - Revisione aziendale e sistemi di controllo 3 il sistema di controllo interno è composto da: 1.lambiente di controllo 2.il processo per la valutazione del rischio adottato dallimpresa 3.il sistema di informazione e di comunicazione, ovvero il sistema informativo e i processi di gestione correlati, rilevanti per linformativa economico finanziaria e la comunicazione 4.le attività di controllo 5.il monitoraggio dei controlli

4 SISTEMA di CONTROLLO INTERNO Bettina Campedelli - Revisione aziendale e sistemi di controllo 4 ambiente di controllo elementi del sistema controlli e principi sistema di informazione e di comunicazione processo di valutazione del rischio adottato dallimpresa attività di controllo monitoraggio dei controlli CONTROLLI GENERALI contribuiscono a supportare lìefficacia del controllo interno ai fini dellaffidabilità dellorganizzazione dellazienda e del bilancio, senza riferirsi ad uno specifico saldo CONTROLLI SPECIFICI sono applicabili direttamente ai singoli flussi di transazioni e a saldi di bilancio PRINCIPI influenzano la realizzazione di un adeguato sistema di controllo, volto a prevenire, individuare e correggere i rischi ritenuti più critici e la continuità del monitoraggio del suo funzionamento

5 la valutazione del sistema di controllo interno Bettina Campedelli - Revisione aziendale e sistemi di controllo 5 una valutazione positiva del SCI consente al revisore: adottare un approccio di affidabilità del sistema relativamente alle transazioni ricorrenti focalizzare la revisione sulle transazioni non ricorrenti una valutazione negativa del SCI impone al revisore ladozione di un approccio di sostanza che porta ad estendere le verifiche di detaglio

6 valutazione del sistema di controllo interno Bettina Campedelli - Revisione aziendale e sistemi di controllo 6 comprensione degli elementi che compongono il sistema valutazione dei controlli generali e specifici e del sistema di controllo interno nel suo complesso valutazione positiva valutazione negativa system based approach substantive approach 1)procedure di conformità per verificare leffettiva e corretta applicazione dei controlli predisposti 2)valutazione delle evidenze raccolte

7 Lo schema di riferimento Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo operativo Quadro dei controlli gestionali finalizzato al raggiungimento degli obiettivi di efficienza e di efficacia attraverso le politiche aziendali

8 I controlli di primo livello Il controllo strategico è finalizzato alla valutazione del conseguimento delle strategie definite e della loro attuale validità Il controllo di gestione è lazione di guida svolta dai manager per assicurarsi un impiego efficiente ed efficace delle risorse Il controllo operativo consente di raggiungere i tre obiettivi del controllo interno mediante: Supervisione del lavoro altrui Separazione dei compiti e delle responsabilità Verifiche preventive Restrizioni comportamentali

9 SIC: lo schema di riferimento Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo operativo Collegio Sindacale Introdotto con il c.c. del 1942, assume attualmente compiti di valutazione dellassetto organizzativo, amministrativo e contabile, di conformità legale e, eventualmente, di controllo contabile

10 Approfondimento: i tre organi di controllo endosocietario Con il d.lgs. 37/2004 possono essere adottati anche i modelli monistico e dualistico di governance che prevedono rispettivamente come organo di controllo endosocietario: Il comitato per il controllo di gestione, nominato dal CdA e formato da amministratori privi di funzioni gestionali e con poteri simili a quelli dei sindaci; Il consiglio di sorveglianza, composto da almeno 3 membri anche non soci, nominati dallassemblea, che uniscono ai poteri dei sindaci, alcuni rilevanti poteri assembleari, come lapprovazione del bilancio, la nomina e la revoca dei membri del consiglio di gestione ed il loro compenso

11 SIC: lo schema di riferimento Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo operativo Collegio Sindacale Società di Revisione Attore introdotto in Italia nel 1939, per la revisione contabile volontaria, attualmente certifica i bilanci e ladeguatezza dei sistemi di controllo amministrativo contabile in via obbligatoria per le società quotate, sim e assicurazioni

12 SIC: lo schema di riferimento Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo operativo Collegio Sindacale Società di Revisione Internal Auditing Svolge un controllo di II livello per la verifica del rispetto delle procedure e del funzionamento dei controlli di I livello. Raccomandato dal codice di autodisciplina

13 SIC: lo schema di riferimento Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo operativo Collegio Sindacale Società di Revisione Internal Auditing Garantisce al CdA la presenza ed il corretto funzionamento di un sistema di controllo interno, si rapporta con lIA e con la Società di Revisione. Raccomandato dal codice di autodisciplina Comitato Controllo Interno

14 SIC: lo schema di riferimento Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo operativo Collegio Sindacale Società di Revisione Internal Auditing Comitato Controllo Interno OdV Ex 231 Introdotto con la 231/01, lOdV implementa un sistema di controllo interno e ne garantisce il funzionamento, al fine di eliminare il rischio di sanzioni a carico della società previste dalla norma, derivante da azioni vantaggiose poste in essere dai dirigenti

15 Approfondimento il D. Lgs. 231/2001 Il d.Lgs 231/01 introduce una responsabilità amministrativa (parapenale) in virtù della quale sono previste sanzioni in capo alla società a seguito di un insieme di reati compiuti a suo vantaggio da persone fisiche I presupposti per la sanzione sono: Un soggetto apicale compie un reato Il reato è commesso nellinteresse o a vantaggio della società Il reato è espressione della politica aziendale

16 La clausola esimente Presenza della clausola esimente, che evita lapplicazione della sanzione allorquando la società dimostri che: Lorgano dirigente ha adottato prima della commissione del reato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire il reato stesso; Un organismo vigila sul funzionamento e sullosservanza del modello (Organismo di Vigilanza); Le persone hanno commesso il reato eludendo fraudolentemente il modello; Non cè stata lomessa o insufficiente vigilanza da parte dellOdV

17 Diffusione e composizione dellOdV Graduale introduzione in gran parte delle aziende quotate e non quotate (circa metà di un campione di aziende dichiara di aver introdotto il modello 231). I Gruppi presentano un OdV per ogni legal entity Composizione: Componenti Comitato Controllo Interno 39% Internal Auditor75% Ufficio Legale19% Ufficio Personale 7% Componenti Collegio Sindacale18% Consulenti Esterni12% Altro28%

18 I risultati di una ricerca empirica Nei primi anni la magistratura non si poneva il problema di analizzare il sistema di controllo, dal momento che le società non lo possedevano; In un secondo momento, pur adottando i modelli organizzativi, la magistratura li riteneva non idonei; Su 30 sentenze osservate, la clausola esimente è stata applicata una sola volta! IN SOSTANZA SI E CONDANNATI SIA SE NON SI APPLICA IL MODELLO, SIA SE LO SI APPLICA.

19 SIC: lo schema di riferimento Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo operativo Collegio Sindacale Società di Revisione Internal Auditing Comitato Controllo Interno OdV Ex 231 DP Ex 262 Introdotto con la 262/05, il DP dichiara ladeguatezza e leffettiva applicazione delle procedure, nonché la rispondenza del bilancio ai principi contabili ed alle risultanze delle scritture

20 Approfondimento la legge 262/2005 La legge 262/05 modifica il TUF introducendo larticolo 154 bis. Le successive modifiche attuate con il Dlgs 303/06 e Dlgs 195/07 hanno determinato lattuale responsabilità personale a carico dei dirigenti degli uffici amministrativi e finanziari a garanzia dellindipendenza e dellefficacia delle relative funzioni. La legge introduce la figura del dirigente preposto (DP) alla redazione dei documenti contabili societari per le società quotate

21 I compiti del DP Attestare in una apposita relazione ladeguatezza e leffettiva applicazione delle procedure amministrativo- contabili; la relazione deve essere allegata al bilancio di esercizio, al consolidato ed alla relazione semestrale; Lattestazione dovrà riguardare anche: La corrispondenza dei documenti alle risultanze dei libri e delle scritture contabili La rappresentazione veritiera e corretta offerta dal bilancio La conformità ai principi contabili internazionali La presenza nella relazione sulla gestione di unanalisi attendibile della situazione societaria e dellandamento La descrizione dei principali rischi cui la società ed il gruppo sono esposti

22 La compliance 262/05 nei gruppi societari Stante la necessità di rilasciare unattestazione anche per il bilancio consolidato, allinterno dei gruppi societari con azioni quotate in borsa potranno essere adottate le seguenti soluzioni alternative: Un coinvolgimento diretto del DP della controllante nella costruzione del bilancio delle controllate Un coinvolgimento del DP della controllante limitato ai soli processi significativi delle controllate Limplementazione di un sistema di attestazioni a catena in cui il DP della controllante attesta il bilancio consolidato sulla base di attestazioni dei DP delle controllate

23 Alcuni riscontri empirici Survey su 106 società quotate Tutte le società hanno nominato il DP Nomina effettuata dal CdA Nel 38% dei casi un mandato a tempo indeterminato Nel 86% dei casi il DP si identifica con il CFO o con un Direttore Amministrativo I costi Interventi di società di consulenza esterne (con costi spesso superiori ai Incremento stipendio soggetto incaricato dal 10% al 20% Stipulazione di polizze assicurative per le indennità da rischio legale

24 SIC: lo schema di riferimento Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo Operativo Collegio Sindacale Società di Revisione Internal Auditing Comitato Controllo Interno OdV Ex 231 DP Ex 262 Esperibile da un decimo dei soci (un ventesimo per le quotate) o dal collegio sindacale, può portare alla rimozione di amministratori e sindaci, ad ispezioni del tribunale ad un amministrazione giudiziaria Tribunale Ex 2409 c.c.

25 Denuncia al Tribunale ex 2409 Fondato sospetto di gravi irregolarità compiute dagli amministratori Danni potenziali alle società Esperibile denuncia da parte dei soci o dei sindaci Il tribunale Non ordina lispezione se lassemblea sostituisce amministratori e sindaci al fine di eliminare le violazioni In caso contrario il tribunale avvia lispezione, potendo revocare gli amministratori e nominare un amministratore giudiziario

26 Alcune gravi irregolarità Violazione di norme in materia assembleare (mancata convocazione, omesse le formalità di avviso) Violazione di norme in materia di bilancio (occultamento di elementi attivi, ingiustificato aumento del passivo) Conflitto di interesse (uso personale di beni della società) Atti di gestione (assenza di razionalità economica)

27 SIC: lo schema di riferimento Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo Operativo Collegio Sindacale Società di Revisione Internal Auditing Comitato Controllo Interno OdV Ex 231 DP Ex 262 Tribunale Ex 2409 c.c. Consob Istituita con la L. 216/74, la Consob può convocare gli organi societari, limitare o sospendere gli scambi azionari, chiedere informazioni alla società, effettuare ispezioni e richiedere documenti, raccomandare principi di revisione, vigilare sulla correttezza del informazioni

28 Potenzialità e limiti del quadro descritto Potenzialità Introduzione della cultura del controllo in azienda Completezza Sinergie tra gli attori del controllo Assoluta indipendenza degli organi di controllo esterno Limiti Ridondanza dei controlli Conseguenti possibili inefficienze e conflitti interni Stessa matrice del controllo, identificata nella maggioranza di assemblea o del CdA per la nomina degli organi di controllo interno

29 Limiti Conflitti e sovrapposizioni: Comitato Controllo Interno e Collegio Sindacale DP e Società di Revisione DP e Internal Auditor OdV e Internal Auditor OdV e DP

30 Alcune soluzioni Maggiore coordinamento attraverso: Condivisione delle informazioni, degli strumenti e dei principi guida alla base dei diversi controlli grazie a: Basi di dati comuni Figure chiave inserite allinterno dei diversi organi di controllo Flussi di reportistica Partecipazione di tutti gli attori del controllo alle riunioni dei vari organi (es.: i sindaci partecipano alle riunioni dellOdV) Procedure di pianificazione degli audit che prevedono un ruolo attivo di tutti gli organi di controllo; Coordinamento e sponsorship da parte dellalta direzione, che migliora, più in generale, lambiente di controllo

31 I principali controlli oggetto di studio durante il corso Controllo esterno Controllo Interno Controllo strategico Controllo di gestione Controllo Operativo Collegio Sindacale Società di Revisione Internal Auditing Comitato Controllo Interno OdV Ex 231 DP Ex 262 Tribunale Ex 2409 c.c. Consob


Scaricare ppt "SISTEMA di CONTROLLO INTERNO Bettina Campedelli - Revisione aziendale e sistemi di controllo 1 si sostanzia in un insieme di direttive, procedure e tecniche."

Presentazioni simili


Annunci Google