La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

11 LEVOLUZIONE DEL RUOLO DELLINTERNAL AUDITING IN BANCA Area Internal Audit.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "11 LEVOLUZIONE DEL RUOLO DELLINTERNAL AUDITING IN BANCA Area Internal Audit."— Transcript della presentazione:

1 11 LEVOLUZIONE DEL RUOLO DELLINTERNAL AUDITING IN BANCA Area Internal Audit

2 22 IL SISTEMA DEI CONTROLLI - DEFINIZIONE Area Internal Audit COSA E? Il sistema dei controlli è un insieme di regole, procedure e strutture organizzative volte a consentire, attraverso un processo di identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio dei principali rischi, una conduzione dellimpresa sana, corretta e coerente con gli obiettivi prefissati (Definizione AIIA)

3 3 STRATEGIE AZIENDALI fissate dallORGANO di GESTIONE; 1.Assicurare il rispetto delle STRATEGIE AZIENDALI fissate dallORGANO di GESTIONE; EFFICACI EFFICIENTI 2.Rendere EFFICACI (capacità di realizzo) ed EFFICIENTI (rapporto tra grado di raggiungimento degli obiettivi e n°di risorse impiegate) i PROCESSI AZIENDALI; VALORE DELLE ATTIVITA 3.Salvaguardare il VALORE DELLE ATTIVITA (offrendo validi strumenti di protezione dalle perdite); AFFIDABILI le informazioni gestionali e contabili, 4.Rendere AFFIDABILI le informazioni gestionali e contabili, preservandone lintegrità. 3 Area Internal Audit IL SISTEMA DEI CONTROLLI: OBIETTIVI

4 44 Area Internal Audit IL SISTEMA DEI CONTROLLI - STRUTTURA DIRETTORE GENERALE CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE RISK MANAGEMENT (15) INTERNAL AUDIT (1) COMPLIANCE (6) AREA MERCATO (RETE PERIFERICA - DIREZIONI TERRITORIALI e FILIALI) CHIEF FINANCIAL OFFICER AUDIT RISCHI (7) ISPETTORATO (12) PRESIDIO PROCESSI CONTABILI (4)

5 55 IL SISTEMA DEI CONTROLLI - ARTICOLAZIONE Area Internal Audit 2. CONTROLLI SULLA GESTIONE dei RISCHI 3. ATTIVITA di REVISIONE INTERNA 1. CONTROLLI di LINEA LINEA I LIVELLO III LIVELLO II LIVELLO

6 66 IL SISTEMA DEI CONTROLLI: PRINCIPI GENERALI 1) CONTROLLI DI LINEA Sono diretti ad assicurare il corretto svolgimento delle operazioni. Vengono effettuati direttamente dalle stesse strutture produttive o sono incorporati nelle procedure o eseguiti dal back-office; Le diverse strutture periferiche possono (in larga parte) concretizzarli mediante lutilizzo di apposite procedure interne (in genere contenute nella rete locale) Area Internal Audit

7 77 IL SISTEMA DEI CONTROLLI: PRINCIPI GENERALI 2bis) CONTROLLI DI SECONDO LIVELLO Hanno lobiettivo di concorrere alla definizione delle metodologie di misurazione del rischio, di verificare il rispetto dei limiti assegnati alle varie funzioni operative e di controllare la coerenza delloperatività delle singole aree produttive con gli obiettivi di rischio-rendimento assegnati. Essi sono affidati a strutture diverse da quelle produttive. 2) CONTROLLI SULLA GESTIONE DEI RISCHI Hanno lobiettivo di verificare, tramite una struttura terza, nel continuo o periodicamente lesatta esecuzione dei controlli di linea. Tale attività deve essere svolta da strutture appartenenti alla filiera produttiva, e comunque non dalla funzione di revisione interna. Area Internal Audit

8 88 ELEMENTI CARATTERIZZANTI: INDIPENDENZA; INDIPENDENZA; OBIETTIVITA; OBIETTIVITA; ASSURANCE e CONSULENZA. ASSURANCE e CONSULENZA. IL SISTEMA DEI CONTROLLI: PRINCIPI GENERALI COSA E? LInternal Auditing è unattività indipendente e obiettiva di assurance e consulenza, finalizzata al miglioramento dellefficacia e dellefficienza dellorganizzazione. Assiste lorganizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi tramite un approccio professionale e sistematico, che genera valore aggiunto, in quanto finalizzato a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance 3) ATTIVITA di REVISIONE INTERNA

9 99 Area Internal Audit IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA DI COSA SI OCCUPA? VALUTA LADEGUATEZZA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI VERIFICA LA REGOLARITA E LA FUNZIONALITA DEI FLUSSI INFORMATIVI TRA LE STRUTTURE AZIENDALI VERIFICA LOSSERVANZA DELLE REGOLE E LA FUNZIONALITA DEI MECCANISMI di CONTROLLO INTERNO CONCERNENTI I PROCESSI, LE PROCEDURE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE AZIENDALI - ANCHE TRAMITE VALIDAZIONE DELLA NORMATIVA INTERNA EMANATA VERIFICA LESISTENZA E LADEGUATEZZA DEI PRESIDI di CONTROLLO SUI SISTEMI INFORMATIVI ANCHE ATTRAVERSO ISPEZIONI AD HOC EFFETTUA LA REVISIONE INTERNA SUL PROCESSO ICAAP

10 10 Area Internal Audit IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA INDIVIDUANDO INDIVIDUANDO COMPORTAMENTI ANOMALI, VIOLAZIONI NORMATIVE O PROCEDURALI, ATTRAVERSO LAUSILIO di IDONEI SUPPORTI TECNICO-PROCEDURALI (applicativo in access Sad-Audit, applicativo Monitor nellIntranet aziendale, …) MONITORANDO MONITORANDO NEL CONTINUUM, ANCHE CON LAUSILIO di TECNICHE A DISTANZA, LANDAMENTO DEI RISCHI ASSUNTI E LADEGUATEZZA DEI PUNTI di CONTROLLO (I E II LIVELLO) ADOTTATI VERIFICHE PERIODICHE IN LOCO EFFETTUANDO VERIFICHE PERIODICHE IN LOCO PRESSO LE DIPENDENZE, LE DIREZIONI TERRITORIALI E LE STRUTTURE di SEDE CENTRALE COME?

11 11 Area Internal Audit IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA LATTIVITA VIENE … … PIANIFICATA (PIANO ANNUALE APPROVATO DAL CDA) … FORMALIZZATA (E REGISTRATA ) … ESTESA AL GRUPPO BANCARIO (SOCIETAASSICURATIVE e di LEASING)

12 12 Sintesi alla D.G. (il cd. VERBALE ISPETTIVO) contenente lesito dellanalisi (con relativo PUNTEGGIO di RATING) e leventuale dettaglio delle anomalie riscontrate IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA Qualora lanomalia rilevata fosse di processo o procedurale, essa verrà inserita in un documento di autodiagnosi aziendale Follow up per verifica superamento eventuali carenze riscontrate Area Internal Audit

13 COMITATO di AUTODIAGNOSI 13 IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA Area Internal Audit FORMALIZZAZIONE CRITICITA ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI PREDISPOSIZIONE DI APPOSITO REGISTRO COME MAPPA DEL RISCHIO EMERGENTE RIUNIONI PERIODICHE PARTECIPAZIONE DELLE PRINCIPALI FUNZIONI AZIENDALI di CONTROLLO

14 14 IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA Area Internal Audit LA FUNZIONE RELAZIONA con APPOSITE SINTESI gli ORGANI di GESTIONE e CONTROLLO IL CDA della CAPOGRUPPO per lATTIVITASVOLTA sul GRUPPO ; IL CDA, il CS e il CCI della CAPOGRUPPO sulle RISULTANZE delle ATTIVITA di REVISIONE del SISTEMA dei RISCHI OPERATIVI in RISPONDENZA delle DISPOSIZIONI di VIGILAZA PRUDENZIALE; IL CDA della CAPOGRUPPO circa le ATTIVITA di REVISIONE SVOLTA SUL PROCESSO ICAAP IL CDA, il COLLEGIO SINDACALE e il COMITATO di CONTROLLO INTERNO della CAPOGRUPPO SULLATTIVITA di AUDIT SVOLTA A LIVELLO di BANCA e di GRUPPO; IL CDA della CAPOGRUPPO su QUANTO RIPORTATO NEL DOCUMENTO di AUTODIAGNOSI (criticità rilevate, interventi pianificati, anomalie eventualmente sistemate) ; SEMESTRALMENTEANNUALMENTE FLUSSI INFORMATIVI

15 IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA PRIMA ORA ATTIVITA ISPETTIVA PURA E SEMPLICE APPROCCIO NON RISK-BASED, PREVALENZA DELLA COMPONENTE SOGGETTIVA ATTIVITA di PROCESSO APPROCCIO ANALITICO, ANCHE IN OTTICA RISK-BASED ELEVATO INTERSCAMBIO INFORMATIVO CON LE FUNZIONI E GLI ORGANI AZIENDALI CONFORMITAalle DISPOSIZIONI di VIGILANZA (circolare 263 Bankit)

16 16 IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA IL MONITORAGGIO (1/3)

17 IL MONITORAGGIO (2/3) 17 IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA

18 18 IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA IL MONITORAGGIO (3/3)

19 19 IL SISTEMA DEI CONTROLLI: LA REVISIONE INTERNA COME NASCE LISPEZIONE

20 20 Area Internal Audit Q & A IL SISTEMA DEI CONTROLLI: Q & A


Scaricare ppt "11 LEVOLUZIONE DEL RUOLO DELLINTERNAL AUDITING IN BANCA Area Internal Audit."

Presentazioni simili


Annunci Google