La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lo strano caso dellinsetto stecco: anfigonia e partenogenesi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lo strano caso dellinsetto stecco: anfigonia e partenogenesi."— Transcript della presentazione:

1 Lo strano caso dellinsetto stecco: anfigonia e partenogenesi

2 La riproduzione dellinsetto stecco è sessuata ed ovipara: la femmina, giunta a maturità, produce uova. La riproduzione sessuata

3 Le uova dellinsetto stecco sono uno strabiliante esempio di varietà di forme. Eccone accanto alcuni esempi: sembrano semi sia per il colore (omocromia) che per la forma (omormorfismo) ; anche le uova infatti presentano il mimetismo criptico. Luovo

4 Le uova di insetto stecco sono anche un esempio di ingegneria: lopercolo permette luscita delle neanidi, il micropilo è orientato presso la spermateca per lentrata dello sperma. Una femmina, a seconda della specie cui appartiene, può deporre dalle 150 alle 1000 uova e lincubazione può durare mesi o anni Luovo opercolo micropilo piastra del micropilo

5 Le uova sono deposte singolarmente e inserite in substrati

6

7 Le uova vengono deposte singolarmente e spesso lanciate al suolo. Sequenza fotografica

8 Dalle uova nascono neanidi: i fasmidi sono infatti insetti eterometaboli

9 Il dimorfismo sessuale nei fasmidi è evidente FemminaMaschio Maggiori dimensioniDimensioni minori Non volaIn alcune specie vola Ovopositore- -Strutture di difesa Antenne più corte in alcune specie Antenne lunghe in alcune specie

10 Il dimorfismo sessuale In Bacillus rossius Il maschio non è dotato di ali e non ha le antenne più lunghe della femmina. Si distingue dalla femmina per la taglia più piccola e dagli organi genitali. Apparato riproduttore Insetto stecco maschio

11 Presenza di piastra subgenitale che copre ledeago Il dimorfismo sessuale: il maschio

12 -Piastra subgenitale a barca -3 paia di valve interne o esterne Il dimorfismo sessuale: la femmina

13 Determinazione del sesso In molti Insetti si ha un sistema simile a quello dei mammiferi, con femmine XX e maschi XY, ma con un meccanismo diverso. Nei Mammiferi la presenza di Y determina il maschio. Negli Insetti invece è determinante il numero delle X, con l'Y ridotto a "segnaposto": gli X0 sono maschi e gli XXY femmine.

14 Giunti a maturità sessuale, maschio e femmina si accoppiano e gli spermi del maschio fecondano luovo. La fecondazione è perciò interna. Le due cellule aploidi fondendosi generano un embrione diploide. La riproduzione sessuata anfigonica

15 Per la loro modesta mobilità, per le abitudini notturne e lesiguo numero di maschi gli incontri non sono frequenti, perciò non cè corteggiamento, né lotta tra maschi per laccoppiamento. La riproduzione sessuata anfigonica

16 Laccoppiamento in genere è lunghissimo. La femmina conserva gli spermi nella spermateca. La riproduzione sessuata anfigonica

17 La risposta evolutiva alla difficoltà di accoppiamento è stata la partenogenesi, infatti, in mancanza di fecondazione, la femmina si riproduce attraverso uova NON fecondate. La riproduzione per partenogenesi

18 Nonostante lassenza di fecondazione, la partenogenesi viene considerata una riproduzione sessuata in quanto luovo che si sviluppa deriva da una linea germinale ben differenziata. Alcuni autori definiscono la partenogenesi una riproduzione unisessuale, in quanto presenta i gameti, ma non fecondati. La riproduzione per partenogenesi

19 Il vantaggio della partenogenesi risiede nel risparmio energetico e di tempo per le specie che lo presentano. Il processo evidentemente non comporta aumento di variabilita' genetica, pertanto lo si riscontra in specie che vivono in condizioni ambientali La riproduzione per partenogenesi piuttosto stabili o quando le condizioni ambientali risultano particolarmente favorevoli (abbondanza di cibo, temperatura costante, bassa densita' ecologica, etc.).

20 La partenogenesi è un fenomeno complesso che può essere classificato in base al sesso degli individui generati La partenogenesi può essere Sesso prodottoEsempi ArrenotocaSolo maschiApi TelitocaSolo femmineInsetti stecco DeuterotocaEntrambi i sessiAlcune specie di farfalle

21 -occasionale se si presenta solo in alcune popolazioni di una data specie quando si verificano condizioni particolari. La femmina può deporre uova anfigoniche, ma, se non incontra il maschio, produce uova partenogenetiche dalle quali si svilupperanno solo femmine, come nei fasmidi - da parassitosi, come avviene in molti pesci da acquario come i lebistes La partenogenesi può essere 1. Accidentale ed è presente in specie che si riproducono per via anfigonica, ma che occasionalmente possono riprodursi partenogeneticamente e si distingue in

22 2. Geografica può essere continua, ma limitata a certe popolazioni. Nei Fasmidi, il Bacillus rossius presenta molte popolazioni partenogenetiche in Italia e nella penisola Balcanica La partenogenesi può essere

23 3.Facoltativa quando è la madre a determinare la fecondazione o meno delluovo. Nel caso dellape domestica la partenogenesi comporta la produzione di soli maschi, mentre le femmine vengono prodotte per anfigonia. L'ape regina viene fecondata ununica volta in occasione del volo nuziale e conserva gli spermatozoi lintera vita (4-5 anni) La partenogenesi può essere

24 Dopo pochi giorni la regina inizia a deporre in piccole celle e se apre la spermateca le uova vengono fecondate e si sviluppano in femmine, altrimenti nascono maschi. E stato suggerito che la diversa grandezza delle celle serva a favorire lapertura o meno della spermateca. La partenogenesi facoltativa delle api

25 La partenogenesi può essere 4. Obbligatoria e si distingue in -Indefinita quando si presenta in specie totalmente incapaci di riprodursi per via anfigonica per assenza di maschi -Ciclica con alternarsi di generazioni anfigoniche e partenogenetiche, come nella Dafnia pulex o di piccoli Artropodi spesso fitoparassiti. Dafnia

26 La partenogenesi obbligatoria ciclica In primavera/estate le specie a partenogenesi ciclica si riproducono per partenogenesi diploide, dando diverse generazioni di femmine: una popolazione di sole femmine è in grado di occupare una nicchia ambientale in un tempo molto più rapido di una con maschi (i maschi non fanno figli da soli) perché tutti gli individui sono fertili, quindi il numero aumenta esponenzialmente. Poiché questa modalità di riproduzione comporta una diminuzione di variabilità genetica, Rotiferi verso la fine dell'autunno ritornano a comparire i maschi, grazie a una partenogenesi aploide. In questo modo verso l'inverno le popolazioni ritornano all'anfigonia che garantisce il massimo di rimescolamento genetico.

27 Nella partenogenesi aploide (o generativa), la meiosi è normale e lindividuo che si sviluppa partenogeneticamente rimane apolide; è questo il caso dei fuchi nelle api (Apis mellifica) Partenogenesi aploide

28 Il fenomeno della partenogenesi è stato scoperto nel 18° secolo da Charles Bonnet e agli inizi del 900 iniziarono i primi esperimenti di partenogenesi artificiale.

29 femmina/5-unisex-plurisex.html femmina/5-unisex-plurisex.html femmina/dizionario-maschio-femmina.html#P femmina/dizionario-maschio-femmina.html#P


Scaricare ppt "Lo strano caso dellinsetto stecco: anfigonia e partenogenesi."

Presentazioni simili


Annunci Google