La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ricerca bibliografica ed Evidence Based Practice Paolo Gardois Torino. – 3 giugno 2003.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ricerca bibliografica ed Evidence Based Practice Paolo Gardois Torino. – 3 giugno 2003."— Transcript della presentazione:

1 Ricerca bibliografica ed Evidence Based Practice Paolo Gardois Torino. – 3 giugno 2003

2 LEvidence Based Practice La ricerca bibliografica in ambito biomedico va collocata in un contesto più ampio: perché si ricercano informazioni? quando? dove? … e soprattutto come?

3 LEvidence Based Practice Il contesto ideale per la ricerca bibliografica è la evidence-based practice (EBP), o pratica basata sulle evidenze. Che cosè? LEBM è luso scrupoloso, esplicito e assennato delle migliori evidenze attuali nel prendere una decisione riguardo alla cura del paziente individuale (Sackett DL et al., BMJ 1996;312:71-2)

4 LEvidence Based Practice Le evidenze vanno estratte dal meglio della letteratura scientifica corrente, ed usate in modo consapevole, non applicate meccanicamente La EBP si contrappone alla pratica basata esclusivamente sullopinione e sullesperienza personale

5 LEvidence Based Practice Fondamentale risulta laggiornamento costante delle proprie conoscenze Pertanto, occorre ricercare regolarmente e sistematicamente la letteratura

6 LEvidence Based Practice Obiettivo finale della EBP è sempre lassistenza al paziente individuale: i dati reperiti in letteratura vanno quindi ricalibrati costantemente rispetto al paziente (anamnesi, quadro clinico, preferenze, diritti) La pratica dellEBM implica lintegrazione dellesperienza clinica individuale con la miglior evidenza clinica esterna disponibile proveniente dalla ricerca sistematica (Ibid.)

7 EBP: le abilità di base 1. Impostazione del quesito clinico 2. Ricerca bibliografica 3. Valutazione critica 4. Incorporazione delle evidenze nella pratica clinica

8 EBP: le abilità di base 1. Impostazione del quesito clinico: il problema clinico devessere trasformato in una domanda precisa (quesito clinico), in modo da poter trovare una risposta pertinente una metodologia di riferimento è costituita da P.I.C.O.: Paziente o popolazione Intervento Comparazione Outcome (esito)

9 P.I.C.O. in pratica Scenario di partenza trattamento del cordone ombelicale nel neonato P: neonato sano nato a termine in un paese occidentale I: semplice pulizia del cordone C: trattamento con disinfettanti O: Primari: tempo di distacco del cordone ; infezioni ; secondari: compliance con il trattamento ; disagio psicologico

10 P.I.C.O. in pratica P - Paziente Dati anagrafici: sesso, età Dati relativi a anamnesi Per stessa patologia Per patologie che possono interferire / influire sulla patologie Dati relativi a patologia in corso: Tempo dallinsorgenza Complicazioni già in atto o rischio di complicazioni Manifestazioni specifiche di una patologia in un paziente

11 P.I.C.O. in pratica I - Intervento Si sa quali sono i principali possibili trattamenti? Se sì: ricercarli con i loro nomi Se no: ricercare per prima cosa studi riferiti alla patologia in questione reperire nomi di possibili trattamenti

12 P.I.C.O. in pratica C - Comparazione Attenzione alle popolazioni che vengono confrontate NB: su I e C, particolarmente importante la terminologia, specialmente per i Database non indicizzati. Categoria di farmaci o singoli farmaci? Nomi di sostanza vs nomi commerciali Modalità e via di somministrazione

13 P.I.C.O. in pratica O - Outcome (esito) Outcome primari e secondari Concentrarsi su alcuni outcome, perche` possono essere tantissimi

14 P.I.C.O. in pratica Tradurre PICO in parole chiave: consigli pratici dove è possibile solo fare ricerche nel testo, tenere presente: Singolari e plurali Sinonimi (usare gli USED FOR del tree di Medline e Embase) Stesso concetto espresso con termini o espressioni diverse, parzialmente o totalmente sovrapponibili (es.: bassa statura ; statura inferiore alla media ; ritardo di crescita, ecc.) Sigle Termini scritti sbagliati (specialmente sigle) Contrari

15 EBP: le abilità di base 2. Ricerca bibliografica Dipende dal quesito clinico si articola in una serie di termini di ricerca collegati da operatori logici utilizza meccanismi di filtro e raffinamento dei risultati, quando la letteratura disponibile è molta

16 EBP: le abilità di base Ricerca bibliografica: le fonti Database bibliografici Periodici e libri cartacei ed elettronici Database di: revisioni sistematiche linee guida report economici e di technology assessment Cataloghi di biblioteche Motori di ricerca specifici...

17 EBP: le abilità di base 3. Valutazione critica Deve prendere in considerazione: Validità dello studio (aspetti statistici ed epidemiologici): Rilevanza clinica: questo studio puo servire per i miei pazienti?

18 EBP: le abilità di base Validità dello studio: gli aspetti epidemiologici: distinguere tra i vari tipi di studio, relativamente a 4 grandi aree: trattamento diagnosi eziologia prognosi valutare la presenza di bias (errori sistematici)

19 EBP: le abilità di base Disegno dello studio: una gerarchia (per trattamento e diagnosi) Linee guida evidence-based > Revisioni sistematiche > Sperimentazioni cliniche randomizzate controllate (fase 4 > 3 > 2 > 1) > Studi caso - controllo non randomizzati > Studi non controllati

20 EBP: le abilità di base Strumenti di valutazione: AGREE per le linee guida Checklist (Bobbio, Dixon) per Sperimentazioni cliniche randomizzate controllate (RCT)

21 EBP: le abilità di base 4. Incorporare le evidenze nella pratica clinica E frutto delle tappe precedenti Fa parte di un processo di apprendimento continuo Difficile da valutare sistematicamente


Scaricare ppt "Ricerca bibliografica ed Evidence Based Practice Paolo Gardois Torino. – 3 giugno 2003."

Presentazioni simili


Annunci Google