La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pescara 30 giugno 2004 Epidemiologia assistenziale in Emato-Oncologia Profili e percorsi assistenziali Dott. Maurizio Belfiglio Consorzio Mario Negri Sud.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pescara 30 giugno 2004 Epidemiologia assistenziale in Emato-Oncologia Profili e percorsi assistenziali Dott. Maurizio Belfiglio Consorzio Mario Negri Sud."— Transcript della presentazione:

1 Pescara 30 giugno 2004 Epidemiologia assistenziale in Emato-Oncologia Profili e percorsi assistenziali Dott. Maurizio Belfiglio Consorzio Mario Negri Sud

2 Pescara 30 giugno 2004 Contenimento spesa pubblica Razionalizzazione degli interventi sanitari Garantire gli interventi di provata efficacia Ridurre gli interventi di efficacia dubbia o non documentata Necessità di documentare i risultati dellattività clinica e di giustificare i costi sostenuti in termini di miglioramento dello stato di salute degli assistiti EVIDENCE BASED MEDICINE OUTCOMES RESEARCH

3 Pescara 30 giugno 2004 Applicazione CLINICIQdV USORISORSE RCT EVIDENZE OUTCOMES Caratteristiche paziente Età, sesso, stato socio-economico Severità clinica Complicanze, comorbidità Attitudini/conoscenze dei clinici e dei pazienti Caratteristiche strutturali e organizzative

4 Pescara 30 giugno 2004 Limiti nellapplicazione dellEBM Evidenze derivanti da RCTs insufficienti Lesito finale è il risultato di strategie di intervento complesse ed articolate, con la partecipazione di figure professionali diverse

5 Pescara 30 giugno 2004 RCTs vs. Outcomes Research

6 Pescara 30 giugno 2004 Testano gli effetti di un singolo intervento su una o più misure di esito Può includere più interventi e misure di esito RCTs OR INTERVENTI RCTS vs. OUTCOMES RESEARCH

7 Pescara 30 giugno 2004 Studiano un gruppo omogeneo ed escludono i soggetti complessi Studia diversi sottogruppi di soggetti ed include pazienti con comorbidità RCTs OR RCTS vs. OUTCOMES RESEARCH POPOLAZIONE

8 Pescara 30 giugno 2004 Il disegno osservazionale limita linterpretabilità del nesso causale RCTs OR RCTS vs. OUTCOMES RESEARCH Il disegno sperimentale permette di accertare il nesso causale tra intervento ed esito INFERENZA

9 Pescara 30 giugno 2004 Mirano a massimizzare la compliance La mancanza di compliance può essere un fattore importante COMPLIANCE RCTS vs. OUTCOMES RESEARCH RCTs OR

10 Pescara 30 giugno 2004 Basati su dati ad hoc raccolti dallo sperimentatore Basata su dati di routine RCTS vs. OUTCOMES RESEARCH DATI RCTs OR

11 Pescara 30 giugno 2004 I costi non rispecchiano quelli reali dellassistenza I costi riflettono quelli reali STIMA DEI COSTI RCTS vs. OUTCOMES RESEARCH RCTs OR

12 Pescara 30 giugno 2004 Il campione può essere piccolo e il costo per ogni paziente incluso tende ad essere molto elevato Il campione può essere di dimensioni variabili e usualmente il costo tende ad essere inferiore RCTs OR DIMENSIONI E COSTI RCTS vs. OUTCOMES RESEARCH

13 Pescara 30 giugno 2004 SETTING RCTS vs. OUTCOMES RESEARCH RCTs OR Contesti di cura relativamente omogenei e controllati Contesti di cura eterogenei, senza controllo degli interventi e con controllo limitato dei dati raccolti

14 Pescara 30 giugno 2004 Obiettivi di uno studio di coorte Valutare la praticabilità/trasferibilità dei risultati della ricerca e delle linee-guida esistenti Comportamento e risultati nei gruppi di pazienti esclusi dai trials e in quelli a più alto rischio di ricevere cure inappropriate Valutare i profili di cura e confrontare la resa di strategie assistenziali differenti Monitorare i risultati e i costi della propria attività Costituire un osservatorio permanente della morbilità, mortalità e costi evitabili Evidenziare le aree di maggiore incertezza, con lo scopo di generare idee per la ricerca e per la migliore definizione di linee guida

15 Pescara 30 giugno 2004 Annon. SDOn. Paz.Infez.DiabeteTumoriIRFratture %5%3%5% %7%5%18%10% %6%5%11%8% Dati Amministrativi Regione Abruzzo (aa ) Totale SDO (cod. ICD9-CM 203.0x) N= 1611 Totale pazientiN= 651

16 Pescara 30 giugno 2004 RCT M. Attal N Engl J Med 1996;335:91-7 vs. SDO

17 Pescara 30 giugno 2004 Attal vs. SDO POPOLAZIONE aa 2001 n= 160 Alcuni criteri di esclusione Attal Caratteristiche popolazione SDO Pregresse patologie tumorali Presenza di significativa comorbidità (cardiaca, polmonare ed epatica) Età >65 anni 9% dei pazienti con diagnosi di patologie tumorali Età 65 anni: 74% 23% comorbidità cardiaca 12% comorbidità polmonare 0.3% comorbidità epatica

18 Pescara 30 giugno 2004 Trattamento dei pazienti n= 651 Etàn Nessun trattamento Solo Chemio Radio Trapianto <65 aa17362%16%5%17% 65 aa 47874%23%3%0,2% Dati Amministrativi Regione Abruzzo (aa )

19 Pescara 30 giugno 2004 Ricoveri dei pazienti in regime ordinario Ricovero ordinario range 0-32 Ricovero in DH range 0-26 EtàNessun ricovero 1 ricovero2 ricoveri>2 ricoveri <65 aa49%16%6%29% 65 aa 32%39%13%16%

20 Pescara 30 giugno 2004 Limiti: -Informazioni carenti (manca lo stadio di malattia, mancano informazioni dettagliate su terapia) -Errore di codifica della diagnosi -Necessità di integrazione con altre fonti informative Analisi SDO Possibili sviluppi: Identificare una coorte di pazienti trapiantati e seguirli nel tempo Raccolta dati ad hoc

21 Pescara 30 giugno 2004


Scaricare ppt "Pescara 30 giugno 2004 Epidemiologia assistenziale in Emato-Oncologia Profili e percorsi assistenziali Dott. Maurizio Belfiglio Consorzio Mario Negri Sud."

Presentazioni simili


Annunci Google