La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L'OSSERVATORIO PROVINCIALE DELLE POLITICHE GIOVANILI: chiusura di un'esperienza e nuove prospettive Mercoled ì 5 ottobre 2011, ore 9.30-12.30, Sala Zodiaco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L'OSSERVATORIO PROVINCIALE DELLE POLITICHE GIOVANILI: chiusura di un'esperienza e nuove prospettive Mercoled ì 5 ottobre 2011, ore 9.30-12.30, Sala Zodiaco."— Transcript della presentazione:

1 L'OSSERVATORIO PROVINCIALE DELLE POLITICHE GIOVANILI: chiusura di un'esperienza e nuove prospettive Mercoled ì 5 ottobre 2011, ore , Sala Zodiaco della Provincia di Bologna, via Zamboni 13.

2 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio L'OSSERVATORIO PROVINCIALE DELLE POLITICHE GIOVANILI: chiusura di un'esperienza e nuove prospettive Mercoledì 5 ottobre 2011, ore , Sala Zodiaco della Provincia di Bologna, via Zamboni 13. Presentazione delle attività dal 2008 al 2011

3 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Le origini Nellaprile 2008, vengono presentati gli atti del Convegno Volere Volare, un'iniziativa promossa nel 2006 dalla Città di Sasso Marconi, in collaborazione con la Fondazione Augusta Pini ed Istituto del Buon Pastore Onlus e il Centro Accoglienza La Rupe. Grazie a questa iniziativa la Provincia di Bologna e la Fondazione Augusta Pini ed Istituto del Buon Pastore Onlus si sono confrontate ed hanno espresso entrambe la volontà e il desiderio di proseguire le attività a favore dell'agio che coinvolgono i giovani: è così nato il progetto dell'Osservatorio Politiche Giovanili per la Provincia di Bologna

4 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Le origini Nel luglio 2008 la Regione Emilia-Romagna ha approvato la L.R. n° 14 Norme in materia di politiche per le giovani generazioni nella quale è previsto allart. 36 che ciascuna Provincia approva linee triennali dindirizzo, articolate in piani annuali, sulle azioni che intende attuare a favore dei giovani, coerenti con quanto stabilito dalla presente legge e garantisce il coordinamento provinciale delle politiche giovanili LOsservatorio è pensato anche come strumento operativo del coordinamento provinciale e come sperimentazione regionale

5 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio lavvio delle attività Un impegno comune e una collaborazione concreta Il 13 ottobre 2008 i Presidenti della Provincia di Bologna, della Fondazione Augusta Pini ed Istituto del Buon Pastore Onlus e dell'Istituzione Gian Franco Minguzzi, sottoscrivono LA CONVENZIONE triennale istitutiva dellOsservatorio, per valorizzare ed incrementare le politiche giovanili. Nel novembre 2008 LOsservatorio è diventato operativo ed ha la propria sede presso lIstituzione G.F. Minguzzi in Via S. Isaia 90, Bologna. Inizia la collaborazione anche con lUniversità di Bologna alla quale viene richiesto di indicare dei docenti di diversi Dipartimenti per la loro partecipazione al Comitato Tecnico scientifico dellOsservatorio.

6 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio LA STRUTTURA organizzativa dellOsservatorio esperti, professionisti e docenti universitari La struttura dellOsservatorio : il Comitato di Gestione e Tecnico-Scientifico e lo Staff tecnico Il comitato di Gestione e tecnico-scientifico si è insediato nellottobre 2008 Sono membri del Comitato: 3 rappresentanti degli Enti che hanno costituito lOsservatorio e 7 docenti universitari dellAlma Mater La partecipazione al Comitato è stata sempre senza compensi economici per tutti i componenti. Il Comitato di gestione e tecnico-scientifico si è riunito 15 volte dallottobre 2008 al settembre 2011

7 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio LA STRUTTURA organizzativa dellOsservatorio esperti, professionisti e docenti universitari Sono membri del Comitato : Dott. Stefano Ramazza, per la Provincia di Bologna e Coordinatore del Comitato Dott.ssa Giuliana Lipparini, per la Fondazione Augusta Pini ed Istituto del Buon Pastore Prof.ssa Graziella Giovannini, per l Istituzione G.F Minguzzi Prof. Augusto Palmonari, Membro onorario Prof. Pio Enrico Ricci Bitti, Docente per il Dipartimento di Psicologia Prof. Roberto Cartocci, Docente per il Dipartimento di Scienza Politica Prof.ssa Pina Lalli, Docente per il Dipartimento di Discipline della Comunicazione Prof. Alessandro Martelli, Docente per il Dipartimento di Sociologia Prof.ssa Patrizia Dogliani, Docente per il Dipartimento di Discipline Storiche Prof.ssa Federica Zanetti, Docente per il Dipartimento di Scienze dell'Educazione

8 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio LA STRUTTURA organizzativa dellOsservatorio esperti, professionisti e docenti universitari Sono membri dello Staff Tecnico Federica Govoni e Claudio Bignami - coordinatori senior- Francesca Minadeo e Eleonora Riberto che ha sostituito Marina Manuzzi nel giugno 2011-, collaboratrici junior Lo staff tecnico ha realizzato tutte le attività previste dai Piani annuali di lavoro, in stretto collegamento con la Provincia di Bologna, mettendosi in relazione con gli operatori dei Comuni, delle Zone Socio Sanitarie e con altri operatori dell'associazionismo e della cooperazione. Ha attuato i Piani di lavoro annuale, presentando al Comitato un documento sintetico delle attività svolte, esplicitando i risultati raggiunti in relazione agli obiettivi assegnati.

9 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Sono stati assegnati allOsservatorio gli obiettivi di: migliorare il coordinamento degli enti locali e delle associazioni, sostenere la progettazione locale, fornire una conoscenza strutturata e aggiornata delle azioni promosse sul territorio in tema di politiche giovanili GLI OBIETTIVI GENERALI

10 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio monitorare i progetti di rilevanza provinciale e comunale promossi da soggetti pubblici o privati del territorio, in materia di politiche giovanili; creare un sito dell'Osservatorio e aggiornarlo costantemente con informazioni su attività locali, nazionale ed europee di politiche giovanili; predisporre e definire una metodologia di valutazione e di monitoraggio degli interventi raccolti, per valutare la loro efficacia sul territorio; formare gli operatori pubblici e dell'associazionismo per rafforzarne la capacità progettuale e gestionale; Gli obiettivi specifici

11 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio supportare il Coordinamento delle Politiche Giovanili della Provincia di Bologna e i Distretti, nell'elaborazione di strategie di politiche giovanili sul territorio. predisporre un progetto pilota per la creazione di uno spazio di aggregazione giovanile; proporre strumenti di progettazione e valutazione in condivisione con altri soggetti del pubblico e del privato; sviluppare una ricerca che ripercorra la memoria educativa delle politiche giovanili degli ultimi 50 anni; predisporre documenti di sintesi e di approfondimento su alcuni settori di Politiche Giovanili Gli obiettivi specifici

12 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio I risultati IL SITO e LA NEWSLETTER, LA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DI UN DATA BASE DI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI PUBBLICI 3. LATTIVITA DI MONITORAGGIO E DI VALUTAZIONE dei Progetti, 4. LATTIVITA DI FORMAZIONE E AUTOFORMAZIONE, 5. LA COSTRUZIONE DEI PORTAFOGLI DELLE PG, 6. LESPERIENZA PILOTA DEL SAG DI PIEVE, LA MEMORIA EDUCATIVA

13 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Alcuni dati di sintesi sulle attività e prodotti realizzati Fonte: Google Analytics

14 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Alcuni dati di sintesi sulle attività e prodotti realizzati la Newsletter, è lo strumento comunicativo attraverso il quale lOsservatorio informa tutti gli iscritti in modo capillare e tempestivo su iniziative, eventi, bandi e opportunità. La Newsletter raccoglie tutto ciò che viene di volta in volta pubblicato nelle sezioni NOTIZIE E INIZIATIVE. Ha una cadenza settimanale o quindicinale, in base alle informazioni a disposizione, e ad oggi conta oltre 600 iscritti.

15 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Alcuni dati di sintesi sulle attività e prodotti realizzati Attività di formazione e autoformazione per operatori di CAG marzo e l'aprile 2009: percorso di formazione sulla valutazione condotto dalla prof.ssa Miretta Prezza, del Dipartimento di Psicologia dellUniversità La Sapienza di Roma, con lobiettivo di favorire nei partecipanti una risistematizzazione del processo di stesura di un progetto e, in particolare, di sviluppare la conoscenza sui diversi approcci alla valutazione e le diverse tipologie utilizzabili rispetto alle finalità che si intendono perseguire settembre/ottobre 2010 e novembre/dicembre 2010 due cicli formativi sullEuroprogettazione. Il primo ciclo è stato promosso in collaborazione con il Centro Europe Direct dell'Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna e il Punto Locale Decentrato Eurodesk del Comune di Pianoro, coordinatore rete Antenne territoriali Eurodesk. Il secondo ciclo invece si è concentrato sulla simulazione pratica di progettazione, nellambito dei due programmi approfonditi durante il primo ciclo

16 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Alcuni dati di sintesi sulle attività e prodotti realizzati giugno luglio 2010 Gruppi di lavoro tra gli operatori dei CAG il gruppo sulla partecipazione, ha prodotto il documento Linee guida per la progettazione in tema di partecipazione attiva dei giovani il gruppo sulla comunicazione, ha prodotto un network formato dalle webradio giovanili del territorio bolognese che ha continuato gli incontri per tutto il 2010 realizzando un interessante giro di interviste tra le singole redazioni e, infine, alla partecipazione al network regionale delle webradio con lobiettivo di aderire ad un progetto europeo di scambi giovanili. 5 novembre 2009 Convegno Giovani Orizzonti Esperienze e Linee di Politiche Giovanili'' Si è svolta la presentazione di alcune esperienze territoriali rilevanti, per offrire uno sguardo sulle diverse zone della Provincia e sull'ampio ventaglio di tematiche che rientrano nelle politiche giovanili, mentre nel pomeriggio si è lavorato in gruppi di lavoro, attraverso la metodologia dell'Open Space Technology, al fine di produrre un documento che è stato consegnato al Coordinamento Provinciale delle Politiche Giovanili della Provincia di Bologna, come contributo per la realizzazione delle linee triennali di indirizzo.

17 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Alcuni dati di sintesi sulle attività e prodotti realizzati 5 maggio Incontro di presentazione del monitoraggio svolto l'estate 2009, su 15 spazi di aggregazione giovanile del territorio della Provincia di Bologna. Il monitoraggio dei SAG è servito per conoscere la situazione degli spazi giovanili del territorio in vista della creazione di uno spazio di aggregazione giovanile come esperienza pilota, uno degli obiettivi del piano di lavoro triennale dell'Osservatorio. 3 maggio 2011 La Memoria educativa: Ricordare per progettare - uno sguardo alle Politiche Giovanili in provincia di Bologna dagli anni '50 ad oggi E stato presentato il lavoro di ricerca dedicato al recupero della memoria educativa delle Politiche Giovanili del territorio bolognese dagli anni '50 ad oggi Questa ricerca è stata pensata come strumento di lavoro per tutti coloro che si occupano di Politiche Giovanili, nei diversi ruoli che rappresentano, nonchè per i giovani stessi.

18 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Alcuni dati di sintesi sulle attività e prodotti realizzati Il sostegno dei Tavoli di Zona per le politiche giovanili e lesperienza dei Portafogli di Zona 2009 – L'Osservatorio si è relazionato costantemente con i tavoli, per aggiornarli riguardo alle proprie attività e allelaborazione di strategie di azione a supporto del coordinamento provinciale delle politiche giovanili, e per trovare luoghi di sintesi e confronto tra gli operatori di diversi CAG. Alla redazione sperimentale del Portafoglio 2009 hanno partecipato le Zone di Bologna, Pianura Est, Porretta, Pianura Ovest ed il Comune di Pianoro.

19 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio Finanziamenti economici allOsservatorio Sono stati garantiti per lintero triennio dalla Fondazione Augusta Pini ed Istituto del Buon Pastore Onlus, per un importo medio annuo di per il personale dellintero staff tecnico, e dalla Regione Emilia Romagna per attività specifiche per due annualità per un importo medio annuo di In totale il costo MEDIO ANNUO è stato di circa comprensivo di tutte le spese per le attività dellOsservatorio (4 componenti staff tecnico, corsi di formazione per gli operatori dei CAG,posti lavoro presso la sede dellIstituzione Minguzzi, documentazione cartacea e informatica, ecc )

20 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio guardiamo avanti Cosa è già previsto per i prossimi mesi. La Provincia, in accordo con il Comitato di Gestione e Tecnico-scientifico dellOsservatorio, ha redatto un progetto per dare continuità ad alcune azioni avviate, a sostegno del Coordinamento provinciale delle politiche giovanili: aggiornamento del Data base dei progetti e monitoraggio e valutazione degli stessi; gestione e aggiornamento degli strumenti informativi come newletter e sito organizzazione di momenti di scambio e formazione tra gli operatori dei CAG Questo progetto è finanziato con somme residue assegnate allOsservatorio dalla Regione che permetteranno di svolgere tali azioni fino ad agosto 2012.

21 5 ottobre 2011 – Presentazione attività Osservatorio


Scaricare ppt "L'OSSERVATORIO PROVINCIALE DELLE POLITICHE GIOVANILI: chiusura di un'esperienza e nuove prospettive Mercoled ì 5 ottobre 2011, ore 9.30-12.30, Sala Zodiaco."

Presentazioni simili


Annunci Google