La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Livelli di analisi:una classificazione degli elementi morfologici (Leonard Bloomfield Chicago - 1 aprile 188718 aprile 1949; analisi costituenti immediati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Livelli di analisi:una classificazione degli elementi morfologici (Leonard Bloomfield Chicago - 1 aprile 188718 aprile 1949; analisi costituenti immediati."— Transcript della presentazione:

1 Livelli di analisi:una classificazione degli elementi morfologici (Leonard Bloomfield Chicago - 1 aprile aprile 1949; analisi costituenti immediati della frase e loro distribuzione; comportamentismo: analisi solo dei comportamenti; condizionamenti). Ess. inglese PREFISSOIDI

2 Livelli di analisi: prefissoidi/suffissoidi Migliorini, Bruno, I prefissoidi, in Archivio Glottologico Italiano, XXVII, 1, 1935 I prefissoidi sono morfemi che possono avere sia funzione lessicale, sia derivazionale: idro- che è lessicale in idrico, idrante e derivazionale in idroterapia, idrologico. In alcuni casi possono essere liberi e parole autonome: euro n(moneta), tele( visione) auto (mobile) cioè possono subire lessicalizzazione; Derivano dal greco o dal latino (aero, foto,. Elettrodomestico < elettro- (

3 Due ipotesi: La prima, che è alla base delle teorie dette dissociative o separazioniste, ammette una semantica regolare solo per la derivazione categoriale, cioè per quelle derivazioni che cambiano la categoria della base: la trasformazione di verbi e aggettivi in nomi, di nomi in verbi o aggettivi, di aggettivi in avverbi e così via. Non ci può essere una semantica sistematica per la derivazione non categoriale, per cui >>>>Non esiste una semantica specifica della morfologia lessicale (Il Sto a giornalaio/giornalista sono attribuiti arbitrariamente; ha senso solo studiare bullone/bullonare, rosa/rose, ecc. ) LIMITI DELLIPOTESI REGOLARITA >>>>>>>-aio può denotare un mestiere (benzinaio), un luogo (granaio) o un oggetto (vespaio), mentre un derivato in -eto denota sempre un luogo dove esiste un collettivo di piante appartenenti alla stessa categoria (canneto, pioppeto ecc.). Da fatti simili nasce il sospetto che, contrariamente allipotesi, ci sia un rapporto sistematico tra il senso della parola complessa e quello dei suoi elementi. Unevidenza ancora più forte si può ricavare dalla maniera in cui i parlanti reagiscono di fronte a pseudo-parole o a parole virtuali, cioè derivate secondo regole morfologiche produttive, ma non lessicalizzate o rare, tale pugnalataccia (manca nel DISC) o sliricizzare (qualificato come raro nel DISC). Ma questo tema è morfologico?? Teorie sulla morfologia e la semantica Ma questo tema è morfologico?? Teorie sulla morfologia e la semantica

4 Ma questo tema è morfologico?? Teorie sulla morfologia e la semantica Ma questo tema è morfologico?? Teorie sulla morfologia e la semantica La seconda ipotesi è quella composizionale: Le regole della morfologia lessicale generano strutture semantiche. fioraio, giornalaio: a. [ [ ]N + -aio]N [–astr] [+um] b. persona che esercita unattività connessa con N La prima riga stabilisce che dalla suffissazione di -aio a un nome risulta un altro nome. La seconda riga esprime due fatti semantici: ristringe la scelta del nome di base (esso deve essere un nome concreto), e indica la categoria semantica del nome derivato (esso deve designare un essere umano). La terza riga indica la maniera in cui il significato del nome derivato va creato a partire da quello del nome di base

5 Livelli di analisi: Elementi di morfologia. Cfr. italiano e lingue semitiche (inserimento a pettine) Livelli di analisi: Elementi di morfologia. Cfr. italiano e lingue semitiche (inserimento a pettine) Lingua italiana e altre lingue flessive + Morfema lessicale Morfema grammaticale Lingua araba e altre lingue semitiche Analisi dei costituenti immediati

6 Tipi Linguistici: morfolologia L. isolanti: il vietnamita tôi den nhà > chung tôi den nhà >ban tôi io venire casa > (PL) io venire casa >amico io L. agglutinanti: il turco i casi: adam adamin adama adamdan uomo di uomo a uomo da uomo kitaplarimi kitap lar im i libro plur. mio acc. L. flessiva:litaliano (o meglio L. flessive-) fusive cas/a cas/e Lat. puella / puellae /puellam ecc. (caso+numero

7 L.- polisintetiche La lingua inuit è tradizionalmente parlata in tutta l'Artide Tusaatsiarunnanngittualuujunga Sentire bene potere non molto 1°pers. indic Non sento molto bene. Questa parola è composta da una radice tusaa-, sentire, seguita da cinque affissi e suffissi: -tsiaq- bene -junnaq- essere in grado -nngit- non -tualuu- molto -junga 1a persona singolare, presente indicativo non specifico Arabo: L. introflessiva: ktb Kataba scrivere Katib scrittore Kutab scuola al Kitab il libro al kutub libri;tlb

8 Lo swahili o kiswahili(pronuncia: suahìli, chisuahìli) è una lingua bantu, della famiglia delle lingue niger-kordofaniane, diffusa in gran parte dell'Africa orientale, centrale e meridionale. È la lingua nazionale di Tanzania, Kenya e Uganda, nonché lingua ufficiale dell'Unione Africana. Lo parlano come prima lingua circa 5-10 milioni di persone, e come seconda lingua circa 80 milioni. Lo swahili, come le altre lingue bantu, ha un ricco sistema di classi nominali. Ogni sostantivo fa capo a una classe, che sono in tutto 14: sei classi di sostantivi singolari, sei di plurali una classe per gli infiniti verbali una classe a sé stante per il solo sostantivo mahali ("luogo"). Ogni classe raggruppa sostantivi con qualche tratto semantico in comune. Convenzionalmente le classi sono identificate da numeri; i numeri dispari indicano i singolari, i numeri pari indicano i plurali. Nei dizionari e nelle grammatiche, ogni classe singolare è spesso trattata assieme alla corrispondente classe plurale; si parla in questo caso, per esempio, della classe 1/2 (ovvero la classe di singolari 1 e la corrispondente classe di plurali, 2), 3/4, e via dicendo. Le classi sono anche talvolta riferite attraverso i prefissi tipici dei sostantivi della classe; la classe 1/2 viene per esempio detta anche "classe m/wa", poiché i sostantivi di classe 1 iniziano solitamente per m- e le corrispondenti forme plurali (classe 2) per wa-.

9 classe 1nomi di esseri animati (uomini e animali) -singolarees.: mtu, persona classe 2nomi di esseri animati (uomini e animali) -pluralees.: watu, persone classe 3nomi di vegetali e anche sostantivi che esprimono una azione -singolarees.: mti, albero classe 4nomi di vegetali e anche sostantivi che esprimono una azione -pluralees.:miti, alberi classe 5nomi di frutta, parti del corpo, [6] accrescitivi -singolare [6] es.:(-)chungwa, arancia es.:jicho, occhio classe 6nomi di frutta, parti del corpo, accrescitivi -plurale es.:machungwa, arance es.:macho, occhi classe 7nomi che indicano oggetti inanimati -singolarees.:kitu, cosa classe 8nomi che indicano oggetti inanimati -pluralees.:vitu, cose classe 9 nomi invariabili, che hanno la stessa forma per il plurale e per il singolare; appartengono a questa classe molti termini di origine straniera es.:nyumba/nyum ba casa/e es.:habari/habari notizia/e classe 10 classe 11nomi astratti, che non hanno plurale.es.: uzuri, bellezza. classe 12 presenti in altre lingue bantu, non utilizzate dallo swahili classe 13 classe 14 classe 15infiniti verbali classe 16classe locativa, indica un luogo vastomahali, posto

10 Tipologie o Tipi Linguistici> oggetto di studio della Linguistica Tipologica TIPO: insieme di tratti strutturali in correlazione con gli altri e, quindi, raggruppa- mento di lingue con molti caratteri in comune Tipologia Morfologica: L. isolanti (indice sintesi cioè rapporto morfema/parola è di 1:1) L. agglutinanti (i.s. 3:1) L. flessive (i.s. 2:1-3:1) L. polisintetiche (i.s. n:1)

11 Tipi Linguistici: morfologicamnente classificati Arabo: L. introflessiva: ktb kutub libro;tlb (domandare) L. isolanti: il vietnamita tôi den nhà > chung tôi den nhà >ban tôi io venire casa > (PL) io venire casa >amico io L. agglutinanti: il turco i casi: adam adamin adama adamdan uomo di uomo a uomo da uomo kitaplarimi kitap lar im i libro plur. mio acc. L. flessiva:litaliano cas/a cas/e L. flessive-fusive: il russo vody acqua [PLURALE][ACCUSATIVO]

12 L. polisintetiche : lessicalizzano le informazioni grammaticali e possono assumere in ununica parola molti morfemi lessicali eschimese angya - ghlla - ng - yug - tuq Barca-accrescitivo-comprare-desiderativo- IIIpersona singolare m.Lessicale m. lessicale e incorporanti: assumono in ununica forma loggetto Ciucki T-meni-levt-pGt-rkn Prima pers. sing. Sogg.-grande-testa- dolore- imperfetto

13 Grammaticalizzazione/ lessicalizzazione :Antoine Meillet (Moulins, 11 novembre 1866 – 21 settembre 1936)> gramaticalization >>>fenomeno per lo più diacronico Definizione La grammaticalizzazione è il fenomeno per cui forme linguistiche libere (per es., parole) perdono gradualmente lautonomia fonologica e il significato lessicale, fino a diventare forme legate con valore grammaticale (diventando, per es., desinenze). Lat. volg. manducare+habeo>>>mangerò It. tranne<<<<< in origine una forma di imperativo (tràine «togline») Francese pendant da pendre Tedesco während dal verbo durare wahren Italiano durante <<<>>>>chiaramente Negazione It. sett. Mica <<<>>>Articolo il ecc. sardo Ipse>>> (sa casa) Causa: Indebolimento semantico Erosione fonetica Direzionalità? Esiste la degrammaticalizzazione e un passaggio da gramm. a lessico? Sì : Per es. calmante bracciante ( Nome + suff. Verb. ), essere è un verbo; lessere umano; usa e getta, fai da te; fuggi fuggi

14 - non ha i casi (eccetto che nelle tre forme del pronome personale io, mi, me ecc. e di quello relativo che, cui), ma il sistema preposizionale: cfr. per es. lit. della rosa col latino rosae; lit. della goccia col tedesco: genitivo des Tropfens, nominativo der Tropfen; - per la coniugazione verbale ed anche per il passivo dei verbi si serve di forme paradigmatiche e non suffissali: cfr. ho vinto col lat. vici; it. viene cambiato col lat. mutatur; - per la formazione dei comparativi e dei superlativi aggettivali impiega sintagmi come più...di, meno... che, il più..., conservando solo forme sintetiche come ottimo o migliore; queste, però, derivano dal latino, che impiegava sempre forme sintetiche flesse (come oggi linglese, this is nicer "questo è più bello"). LITALIANO ha molte strategie perifrastiche e analitiche proprie delle lingue isolanti

15 Daltra parte litaliano presenta una serie di fenomeni propri delle lingue flessive: -tramite la desinenza di varie classi grammaticali (nome, aggettivo ecc.) fornisce informazioni sul numero e il genere e nella declinazione verbale sul tempo, modo ecc. ; lingue isolanti: Rapporto 1:1 ; Agglutinanti e polisintetiche: - impiega un gran numero di meccanismi di affissazione (tramite prefissi e suffissi prefissoidi e suffissoidi) e di composizione per la derivazione delle parole, per cui è caratterizzato da una forte oscurità morfologica. Ciò significa che, a causa della compresenza del fondo di latino classico, latino volgare e greco, molti morfemi-desinenza sono usati con diversa valenza e che è difficile prevedere anche le possibilità combinatorie che caratterizzeranno la nostra lingua in futuro

16 LITALIANO ha molte strategie per la formazione delle parole Composizione Endocentrici: la categoria di uno dei componenti è la stessa del composto >>>black-board overdose. Il componente che dà la categoria al composto è la testa e in inglese è sempre a destra. In Italiano è per lo più a sinistra: pescecane è un pesce, camposanto, ma dallingl scuolabus (è un veicolo) e dal latino terremoto Esocentrici : I composti senza testa, hanno due elementi di pari grado Senzatetto, portalettere, saliscendi Dvandva : coordinazione cassapanca o capomastro CFR Regole morfologiche

17 Tipi di Fenomeni morfologici: classificazione > per natura o per posizione Aggiunta: pl. ingl. –s, fr.-s sp. –es Raddoppiamento iconico: it. piano piano; lat.stulte stulte; intensificazione: swhaili: quasi copia vipande vipande(ruppe in mille pezzi); cinese man man molto lento (copia); distribuzione: it. a tre a tre; quasi copia: turco dergi m-ergi (giornali e simili); diminuzione: tagalog: mahiya vergognoso mahiyahiya un po vergognoso; greco ant. leipo lascio>le loipa ho lasciato;

18 Fenomeni morfologici Alternanza: ingl sing,sang, sung; Suppletivismo: essere/part.pass.stato Modulazione: modifica veicolata da tratti sosprasegmantale (capito) Sandhi:erosione confini e assimilazione liaison fr. [lesami] ; [id:omo]; [amit Ѕi< Sincronizzazine e confini di morfo: Auf/ent/halt soggiorno: - fermata

19 A proposito del raddoppiamento: In italiano i nomi dazione reduplicativi sembrano essere regolati tendenzialmente da alcune restrizioni fonetiche e morfologiche e semantiche richiedono un soggetto che si riferisca a una pluralità di individui; Fuggi fuggi, mangia mangia, corri corri >>>>>> >>> molteplicità Ballando ballando>>>>>> >>>>>> >>>>>> >>>>>> iterazione Caffè caffè>>>> >>>>>> >>>>>> >>>>> >>>>>> > autenticità Cammina cammina >>>>>>>> >>>>>> >>>>>> >> durata

20 Livelli di analisi: Elementi di morfologia. Cfr. italiano e altre lingue Livelli di analisi: Elementi di morfologia. Cfr. italiano e altre lingue Tratti morfologici: affissi e infissi Categoria numero: Italiano:bambino/bambini; Swahili: mtoto/wa-toto Funzione > intensificare laggettivo: Turco: açik aperto> apaçikspalancato; bosh vuoto>bombosh completamente vuoto Categoria aspetto: Latino: RUMPO/RUP-TUS; Greco: lambano prendo elabon presi Processi morfologici: 1.Aggiunta(uomo>uomini) e raddoppiamento (bel bello) 2.Alternanza (suppletivismo essere/stato) 3.Modulazione (càpito/capìto/capitò) 4.Sandhi (les amis vs les bonnes; bempensante da ben pensante) 5.Sincronizzazione e confini (bello>begli) 6.Transcategorizzazione (il dormire)

21 CFR Regole morfologiche X>>[[A]X+ Suff.] Y PREF. [B] X (Nome) >>>[Pref.+[B]X+] X Trova esempio [capo] N [stazione]N >>>>> capostazione] N Modificazionei fonologiche

22 Iterazione morfologica Per imitazione della ripetitività di qualcosa: per esempio del battito delle ali (Bertoldi): nomi di farfalla: Papilio lat., farfur berb., farfur arabo, viriviri bantu, borboleta portog.;; Nomi di culla, coccole, bambole, balbettare, tartagliare (in italiano anche bisbigliare, chiacchierare, sussurrare, mormorare) Per enfatizzare lassorbimento dellattenzione: fr. rester baba; it. Babba; lat. Babosus; (cfr. anche preghiere litanie e mantra) Per connotare un linguaggio con carattere infantile: Humpty Dumpty; fr. Boule Boule; (fase lallazione e cooing) Per enfatizzare identità e somiglianza: padre/madre; ted. Zwei/drei; Per enfatizzare un atteggiamento denigratorio: Bubu; blablà; gagà, tonto; Per trasmettere dinamicità: da così a cosà; con apofonia: ghirigoro; zigzag; ticchete tacchete, ping pong, boogie-woogie; wishi-washy sbiaditio, insicuro; flip flop infradito; Elementi di morfologia: Prevedibilità iterazione per iconismo

23 2. Raddoppiamento Per intensificare: lemme lemme;TURCO: kadin kadin, siki fiki (vicino), sira sira daglar (montagna); Somalo: fen/ fen fen (rosicchiare da tutti i lati); Messico Amuzgo judaa/judaaudaa (alberi foresta); notazione musicale: F/FF/FFF Per rallentare: bel bello; pian piano; Lenta la neve fiocca, fiocca, fiocca (Pascoli); Per indicare pluralità: VV.SS.;FF.SS; pp. Vs p; Per indicare ripetitività: pensa e ripensa; e cammina, cammina; Per indicare lontananza nel tempo: do/ diedi; sto/stetti; cado/cecidi; ecc. Elementi di morfologia: Prevedibilità iterazione per iconismo

24 1.Abbreviazione e diminuzione spazio: Nico, Checco, Bob; bici, foto; 2. Allungamento e aumento spazio Nellambito della comparazione, dei superlativi e dellintensificazione: bello/bellissimo; altus altior, altissimus; big, bigger, biggest; Swahili fikiri/fikiriii; Zulu kade/Kaaade ; Nellambito del tempo: mattina/mattinata; I spoke/I am playing Nellambito dello spazio: Arabo buna/bunak Nellambito delle espressioni elogiative e dispregiative: Kreuzmillionenschockshwerenot un incontro di milioni di mucchi di grandi guai; altro ess???????) Nellambito della quantità: uno /centomila; Io ho/noi abbiamo; je finis/nous finissons; modi di dire e slogan: Vecchio come Matusalemme, assolutamente per sì; ; nomi di champagne: Magnum 2 litri; Baldassare, Nabucodonosor ) Elementi di morfologia: Prevedibilità diminuzione e aumento spazio per iconismo

25 Elementi di morfologia: prevedibilità/imprevedibilità Ess. Prevedibilità( derivabilità) Totale Arabo: Kataba scrivere kaataba scriversi lun laltro Jalasa sedersi jaalasa sedersi insieme ad altri Ungherese: Tanul imparare tanulò alunno szab tagliare szabò sarto Parziale Somalo: askar soldato askarnimo essere soldato wade autista wadenimo essere autista Turco: az piccolo azal diventare piccolo, cog molto cogal diventare molto, aumentare Prevedibilità pari a zero Italiano: suppletivismo: inf. essere part.pass. stato, andare/vado, Prevedibilità nellaccordo( dal più morfologico al più semantico): Sintagma nominale (art+agg+nome) Sintagma verbale (nome+verbo) Pronome relativo+antecedente Pronome personale + suo antecedente Ma anche doppio accordo in ungherese: olvas-ok io leggo olvas-om a konievt io leggo il libro; neomelanesiano: mi luk io guardo mi luk im maen io guardo un uomo

26 Lessicale Superficiale Intermedio Morfologia & FST Elementi di morfologia: prevedibilità/imprevedibilità>>>>>> importanza per gli studi di Natural Language Processing (parte della linguistica computazionale che studia lElaborazione del Linguaggio Naturale tramite Automi a Stati Finiti e a Trasduttori Finiti Elementi di morfologia: prevedibilità/imprevedibilità>>>>>> importanza per gli studi di Natural Language Processing (parte della linguistica computazionale che studia lElaborazione del Linguaggio Naturale tramite Automi a Stati Finiti e a Trasduttori Finiti Per lattribuzione del Plurale sono necessari : 1.Lessico (radici, affissi, irregolarità); 2. Implementazione delle regole morfologiche in un dispositivo; 3. FSA cioè un dispositivo per implementare tali regole Con i Trasduttori>>>>>>>>> 1. IDENTIFICAZIONE DEI MORFEMI: Data la parola in input sul nastro A, il trasduttore la divide su B nei morfemi costituenti (radice + affissi) 2. IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA: Dati i morfemi costituenti sul nastro A, il trasduttore identifica la categoria della radice e il significato degli affissi PARSING>lat. pars analisi lessicale, grammaticale, sintattica e semantica

27 Matrici morfologiche / Matrici semantiche>>>PREVEDIBILITA Italiano Solleva-mento azione Bastimento cosa Mangiata azione del mangiare Nasata colpire con il naso Latino Impera-tor AGENTE Leta -men COSE Mancati accordi Arabo (fra numero sogg e verbo) Dakhal-a r-rajul entrò–lui luomo Dakhal –at n-nisa entrò-lei le ragazze An-nisa Dakhal–na le ragazze sono entrate Latino Quam nemo unquam voluptatem appellavit appellat Quella che nessuno mai piacere chiamava chiama Chiama piacere ciò che nessuno mai chiama così

28 Stadio 1: non è così facile … Il trasduttore può gestire per es. la regola della e-insertion o del raddoppiamento (più regole ortografiche) Regola y-replacement: berries berry +s(berrie +s) Regola raddoppio consonanti: beg begging Per le regole dei fenomeni morfologici in italiano: /x/>>>/x/+/x / / intensificatore or moltitudine or autenticità >>>??? Quasi copia Raddoppiamento iconico: it. piano piano; lat.stulte stulte; intensificazione: swhaili: quasi copia vipande si ruppe vipande vipande(ruppe in mille pezzi); cinese man lento man man molto lento (copia); distribuzione: it. a tre a tre; quasi copia: turco dergi giornali dergi m-ergi (giornali e simili); diminuzione: tagalog: mahiya vergognoso mahiyahiya un po vergognoso; greco ant. leipo lascio>leloipaho lasciato; Morfologia & FST

29 Esercizio Si considerino i prefissi aggettivali con significato negativo in italiano: S sfortunatoDis disabile In ineguagliabileIm immangiabile Ir irragionevoleIl illogico A amoraleAn analfabeta Di quanti morfemi disponiamo? a. tre b. otto c. quattro d. sette Fare verifica prevedibilità


Scaricare ppt "Livelli di analisi:una classificazione degli elementi morfologici (Leonard Bloomfield Chicago - 1 aprile 188718 aprile 1949; analisi costituenti immediati."

Presentazioni simili


Annunci Google