La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Organizzazione funzionale del SNC; Recettori: classificazione e funzionamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Organizzazione funzionale del SNC; Recettori: classificazione e funzionamento."— Transcript della presentazione:

1 Organizzazione funzionale del SNC; Recettori: classificazione e funzionamento

2 Il sistema nervoso si divide in: Centrale: contenuto nella scatola cranica e nella spina dorsale – neuroni, fibre, glia Periferico: fibre afferenti ed efferenti Autonomo (neurovegetativo): centri nel SNC, neuroni pregangliari, gangli, neuroni postgangliari

3 La struttura funzionale del SNC si basa su archi riflessi. Elementi dellarco riflesso: Recettore Via afferente Centri Via efferente Effettore

4 Il più semplice: Riflesso monosinaptico. Esempio: Riflesso miotatico

5 Levoluzione di un SNC sempre più complesso porta alla diversificazione dei rapporti fra ingressi (sensoriali) e uscite (comandi motori). Questa è la base di una vita sempre più indipendente dallambiente esterno.

6 Organizzazione gerarchica del SNC: Telencefalo Diencefalo Mesencefalo Ponte-cervelletto Rombencefalo (bulbo o tronco) Mielencefalo (midollo spinale)

7

8 Recettori sensoriali: strutture semplici o complesse, che trasformano diversi tipi di grandezze fisiche (o chimiche) in segnali nervosi. Organizzati negli organi di senso Olfatto Gusto Udito/equilibrio Vista

9 Distribuiti sulla superficie cutanea (e delle mucose): Tatto (grossolano e fine) Vibrazioni Temperatura (freddo e caldo) Dolore (pungente e urente) Esterocettori: organi di senso e cute Interocettori o propriocettori: dallinterno del corpo

10

11 Caratteristiche generali - classificazione: Primo tipo: terminazioni nervose libere o connesse con strutture connettivali Secondo tipo: cellule sensoriali in contatto sinaptico con fibre afferenti (es. orecchio interno) Terzo tipo: con interneurone fra recettore e fibra afferente (solo nellocchio)

12 Specificità: Rispondono ad un particolare stimolo con una soglia molto bassa, ma possono rispondere anche ad altri stimoli di elevata intensità. Es.: un pugno in un occhio fa vedere le stelle

13 Adattabilità: uno stimolo persistente non viene più percepito. Es.: il cappello in testa Recettori ad adattamento rapido, lento e intermedio. Recettori ad adattamento rapido (fasici) misurano le variazioni dello stimolo Recettori ad adattamento lento (tonici) misurano lintensità dello stimolo

14

15 Principi generali di funzionamento dei recettori (di primo tipo): Lo stimolo modifica la permeabilità ionica della terminazione nervosa, in genere depolarizzandola (eccezione coni e bastoncelli, che si iperpolarizzano) Nasce un potenziale di recettore o generatore (graduato, non tutto-o- nulla)

16

17 Il potenziale generatore si propaga con correnti elettrotoniche allinizio della fibra afferente (primo nodo di Ranvier) Qui si generano potenziali dazione ogni volta che viene superata la soglia. I potenziali dazione percorrono la fibra afferente autorigenerandosi: sono tutti uguali. Lintensità dello stimolo è codificata in frequenza

18 Scarica delle fibre afferenti: In genere, scaricano a bassa frequenza anche in presenza di stimoli costanti o di nessuno stimolo. Le scariche tendono ad essere raggruppate in treni

19 Scarica continua a bassa frequenza Scarica continua ad alta frequenza Scarica a treni a bassa frequenza

20 Scarica a treni: aumento frequenza nei treni Scarica a treni: aumento frequenza dei treni Scarica a treni: aumento durata dei treni Modalità di modulazione degli impulsi nervosi

21 I neuroni con scarica basale possono ridurre la scarica o cessarla del tutto quando vengono inibiti

22 I campi recettivi: convergenza

23


Scaricare ppt "Organizzazione funzionale del SNC; Recettori: classificazione e funzionamento."

Presentazioni simili


Annunci Google