La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BASI FISIOLOGICHE DELLA LESIONE OSTEOPATICA (sintesi) La colonna vertebrale è un organo (W.V.Cole) UNITA INDIVISIBILE DI STRUTTURA E FUNZIONE Legame meccanico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BASI FISIOLOGICHE DELLA LESIONE OSTEOPATICA (sintesi) La colonna vertebrale è un organo (W.V.Cole) UNITA INDIVISIBILE DI STRUTTURA E FUNZIONE Legame meccanico."— Transcript della presentazione:

1 BASI FISIOLOGICHE DELLA LESIONE OSTEOPATICA (sintesi) La colonna vertebrale è un organo (W.V.Cole) UNITA INDIVISIBILE DI STRUTTURA E FUNZIONE Legame meccanico Legame Neurologico Legame Circolatorio Quindi il rachide è una struttura eminentemente integrata per se stessa ed in rapporto ad altri organi, unica e complessa, da rispettare. 1 continua

2 CORPO COME UNITA FUNZIONALE GLOBALITA Nel 1950 Korr definisce la LESIONE OSTEOPATICA come laINSIDIOSA QUINTA COLONNA DELLA SALUTE DELLUOMO e che mette in grave rischio lOmeostasi: OMEOSTASI CAPACITA DEL CORPO DI AUTOREGOLAZIONE AUTOGUARIGIONE AUTODIFESA 2 continua

3 Possiamo definire la Lesione Osteopatica come una DIMINUZIONE TOTALE O PARZIALE DI MOVIMENTO LESIONE OSTEOPATICA PRIMARIA Si svilupperanno effetti locali e a distanza: IPERESTESIA: dei muscoli e vertebre IPERIRRITABILITA: con cambiamenti della attività muscolare MODIFICAZIONE DELLA TRAMA TESSUTALE: nei muscoli, connettivo, pelle MODIFICAZIONE DEL MICROCIRCOLO: degli scambi tra sangue e tessuti CAMBIAMENTI DELLE FUNZIONI SOMATICHE E VISCERALI Troviamo come principali responsabili di questi effetti i Nervi Efferenti che emergono dal SNC: infatti lATTIVITA e lo STATO dei tessuti e degli organi sono influenzati (attraverso leccitazione e linibizione) dai nervi efferenti. Questa attività è a sua volta condizionata dal numero di influssi condotti lungo ciascuna fibra efferente (SOMMAZIONE TEMPORALE) e dal numero delle fibre implicate (SOMMAZIONE SPAZIALE). In tutti questi organi problemi insorgono quando cè sia una IPER sia una IPO attività dei Nervi Efferenti, protratte nel tempo e si manifestano attraverso effetti secondari. 3 continua

4 Effetti Secondari (nel tempo) Iperattività del Muscolo Fibrosi, cambiamenti chimici e metabolici Ipo attività Atrofia Iperattività Fibre simpatiche delle arteriole Edema, Infiammazione, Alterata permeabilità. La LESIONE OSTEOPATICA influenza i fattori che controllano lattività dei neuroni efferenti, Determinando una IPER o IPO attività di queste fibre e degli organi che vanno ad innervare. Ciò si spiega con i principi di: RECIPROCITA: TUTTO COMUNICA CON TUTTO ALLINTERNO DEL SNC.(attraverso la rete di interneuroni,ciascun neurone può influenzare gli altri o essere influenzato). CONVERGENZA: UN GRAN NUMERO DI FIBRE NERVOSE CONVERGONO SU UN SINGOLO NEURONE MOTORIO CHE RAPPRESENTA LA VIA FINALE COMUNE. 4 continua

5 Ciascuna cellula delle Corna Anteriori, riceve influssi provenienti da diverse zone attraverso le fibre che convergono e fanno sinapsi su di essa. Certe fibre convergenti esercitano una influenza eccitomotrice, altre una influenza inibitrice sullo stesso neurone motore. 5 continua

6 La Facilitazione Azione collettiva delle fibre presinaptiche sulla VIA FINALE COMUNE Il motoneurone prima di inviare uno stimolo deve essere facilitato, preriscaldato, da un certo numero di stimoli provenienti dalle fibre presinaptiche. Raggiunto il numero necessario di stimoli si arriva alla SOGLIA SUBLIMINALE. Soglia Subliminale Numero di stimoli necessari a far scaricare il neurone. Sicura che impedisce Al neurone effettore di scaricare sempre. 6 continua

7 Allorché in un certo segmento midollare, una percentuale cospicua di cellule del corno anteriore viene mantenuta in uno stato di eccitazione subliminale, basterà uno stimolo leggero a produrre una risposta riflessa. (per es.: INDIVIDUO TESO – cellule delle corna anteriori in eccitazione subliminale anche a riposo. Denslow con i suoi esperimenti dimostrò che la SOGLIA SUBLIMINALE di una zona in lesione osteopatica è più bassa che in un segmento normale (PIU LA LESIONE E SEVERA PIU LA SOGLIA E BASSA). (Si cercò di dimostrare il perché ad una leggera pressione su una spinosa di una vertebra in lesione si provocasse una contrazione riflessa dei paravertebrali, mentre per ottenere la stessa contrazione su un segmento normale ci volesse una importante pressione). Quindi Denslow, riguardo al fenomeno della Bassa Soglia nel segmento in lesione, formulò due ipotesi che tentò poi di dimostrare, attraverso diversi test sulle spinose di alcune vertebre dorsali (T4-T6-T8-T10). La prima ipotesi fù che potessero essere le apofisi dolorose a favorire labbassamento della soglia, a causa dei recettori di pressione e terminazioni nervose delle apofisi ipersensibili che scaricano di più sulle corna anteriori. La seconda fù che questo abbassamento di soglia fosse causato dall iper-irritabilità dei neuroni motori (le cellule del corno anteriore che innervano i paravertebrali del segmento in lesione sono mantenute ad un livello di eccitabilità più alta). Per confutare o dimostrare queste ipotesi Denslow procedette con i test sopraccitati; attraverso quelli basati sulla desensibilizzazione della spinosa in lesione (per es.), mediante iniezione locale di procaina, egli confermò che non era solo la spinosa dolorosa a stimolare le corna anteriori del segmento in lesione, ma che liper-eccitabilità del segmento esiste indipendentemente dagli stimoli provenienti da questa (le modificazioni palpatorie e di sensibilità della spinosa sono significative dal punto di vista diagnostico, ma sono assolutamente secondarie ad altre alterazioni midollari). Denslow confermò inoltre che la propagazione intersegmentaria dello stimolo, delleccitazione, a partire da zone sane, converge sulla zona midollare della vertebra in lesione(Principio di reciprocità: tutto comunica con tutto nel SNC – Principio di convergenza: un gran numero di fibre nervose convergono su un singolo neurone motorio che rappresenta la via finale comune). Infine Denslow dimostrò che, anche a riposo(paziente sdraiato sulla pancia) un segmento in lesione è più sensibile agli stress posturali trasmessi dai propriocettori muscolari e tendinei, rispetto alle zone sane (dove non vi è generalmente attività, né tonica né fasica, sui muscoli della colonna a riposo), infatti mantiene una certa attività muscolare in assenza di stimolazione esterna. La radice anteriore della zona in lesione ha un certo numero di motoneuroni in stato di relativa iper-eccitabilità, e questa radice si trova pronta a scaricare ad uno stimolo minimo, qualsiasi sia la provenienza. 7 continua

8 Possiamo trovare nei PROPRIOCETTORI una delle cause più probabili dellorigine delliper-eccitabilità segmentaria. PROPRIOCETTORI (recettori di lunghezza, di tensione, di pressione, nei muscoli e nel connettivo). Sensibili a problemi posturali. Recettori non adattabili. MANTENGONO CRONICAMENTE IL CIRCOLO VIZIOSO DI IRRITAZIONE LA CRONICITA DEL CIRCOLO VIZIOSO PORTA A CAMBIAMENTI STRUTTURALI CAMBIAMENTI METABOLICI CAMBIAMENTI TESSUTALI CAMBIAMENTI MORFOLOGICI 8 continua

9 Quindi possiamo ora integrare la definizione di LESIONE OSTEOPATICA: si può dire che, oltre ad essere una zona soggetta a diminuzione parziale o totale di movimento: è un SEGMENTO FACILITATO, CON LIMITE DI SOGLIA BASSO; dove il corno anteriore del segmento midollare corrispondente è bombardato da stimoli afferenti provenienti da strutture segmentarie corrispondenti; dove i propriocettori, un viscere patologico, un trigger point o qualsiasi altra struttura possono, attraverso la propria radice posteriore, essere responsabili di una facilitazione del corno anteriore. Le strutture che ricevono le fibre efferenti di questo segmento possono essere esposte ad eccitazione o inibizione eccessive. Tale FACILITAZIONE può estendersi, oltre che ai motoneuroni, anche ai neuroni pregangliari del simpatico, ai neuroni della via spinotalamica. La lesione osteopatica e centripeta, e cioè il segmento in lesione lo si considera come il punto dove convergono gli stimoli irritativi. 9 continua

10 La Terapia Manipolativa Cerca lIPO Rompe il circolo vizioso Irritativo (della lesione osteopatica) Quindi interrompe Il riflesso SOMATO - VISCERALE Il riflesso VISCERO - SOMATICO 10


Scaricare ppt "BASI FISIOLOGICHE DELLA LESIONE OSTEOPATICA (sintesi) La colonna vertebrale è un organo (W.V.Cole) UNITA INDIVISIBILE DI STRUTTURA E FUNZIONE Legame meccanico."

Presentazioni simili


Annunci Google