La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ORDINE DEI CHIMICI DELLA TOSCANA GIORNATA DI STUDIO SUL D.M. 44/04 Recepimento Dir 99/13/CE relativa alla limitazione delle emissioni di COV di talune.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ORDINE DEI CHIMICI DELLA TOSCANA GIORNATA DI STUDIO SUL D.M. 44/04 Recepimento Dir 99/13/CE relativa alla limitazione delle emissioni di COV di talune."— Transcript della presentazione:

1 ORDINE DEI CHIMICI DELLA TOSCANA GIORNATA DI STUDIO SUL D.M. 44/04 Recepimento Dir 99/13/CE relativa alla limitazione delle emissioni di COV di talune attività industriali ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana INQUADRAMENTO GENERALE Firenze, 10 Marzo 2005 Dott.ssa Gioia Bini

2 QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO V e VI Programma comunitario di azione in materia di ambiente QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Approcci strategici per la realizzazione degli obiettivi ambientali è sviluppare nuova normativa è incentivare lattuazione e lapplicazione della normativa comunitaria è proseguire le iniziative per integrare le disposizioni in materia di protezione dellambiente è promuovere modelli di consumo e di produzione sostenibili è migliorare la collaborazione con le imprese è garantire informazioni sui processi prodotti in termini di impatto ambientale Settori di intervento Cambiamenti climatici Natura e biodiversità Ambiente e salute e qualità della vita Risorse naturali e rifiuti Metodologia Integrazione tra AMBIENTE e POLITICHE

3 Inquadramento internazionale per le emissioni VI programma comunitario di azione in materia di ambiente, adottato il 24/01/2001 Settori di intervento: Cambiamenti climatici - Natura e Biodiversità - Ambiente e Salute - Risorse naturali e Rifiuti Protocollo di Goteborg, del 30 novembre 1999 Obiettivi: riduzione al 2010 di 63% per SOx 41% per NOx 40% per COV 17% per NH3 Protocollo di Kyoto, dicembre 1997 Obiettivi: riduzione al 2010 degli inquinanti gas-serra obiettivo globale: 5,2% obiettivo UE: 8% obiettivo Italia: 6,5% Direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni di gas serra nella Comunità europea Direttiva europea 2001/81/CE relativa ai limiti nazionali di emissione di alcuni inquinanti atmosferici Piano nazionale di riduzione D.Lgs 171/04

4 NH3 419 kt/a COV kt/a NOx 990 kt/a SO2 475 kt/a Limiti nazionali di emissione al 2010 Allegato I Dlgs 171/04

5 SO x Le emissioni nazionali di ossidi di zolfo sono passate da 3440 kt nel 1980 a 665 kt nel 2002 con una riduzione del 81%. La proiezione al 2010 per le emissioni totali annue di SOx è di 469,48 kt (contro 475). LItalia dovrebbe riuscire a rispettare lobiettivo di riduzione Dati Annuario APAT 2004 Il settore che incide maggiormente è quello della Combustione Le strategie di riduzione per quanto riguarda il settore energetico si basano sulla Direttiva LCP Altre sorgenti mobili Process i Produtti vi 56% 3% 20% 9% 2% 9% Combustione - Energia e industria di trasformazione Combustione - industria Processi produttivi

6 NO x Le emissioni nazionali di ossidi di azoto sono passate da 1586 kt nel 1980 a 1267 kt nel 2002 con una riduzione del 25% La proiezione al 2010 per le emissioni totali annue di NOx è di 1056,46 kt (contro 990). Se non vengono migliorate le strategie di riduzione il tetto di emissione potrebbe non essere rispettato Dati Annuario APAT 2004 Il settore che incide maggiormente è quello dei trasporti Le strategie di riduzione per quanto riguarda il settore energetico si basano sulla Direttiva LCP Combustione - industria Combustione - non industriale Combustione - Energia e industria di trasformazione 11% 6% 12% 49% 20% Altre sorgenti mobili Trasporti stradali

7 Le emissioni nazionali di COV sono passate da 2205 kt nel 1980 a 1635 kt nel 2001 con una riduzione del 26% La proiezione al 2010 per le emissioni totali annue di COV è di 1117,22 kt (contro 1159). LItalia dovrebbe riuscire a rispettare lobiettivo di riduzione Dati Annuario APAT 2004COV Il settore che incide maggiormente è quello dei trasporti e quello industriale Le strategie di riduzione si basa sullapplicazione della normativa comunitaria di riferimento (Dir 99/13/CE recepita DM 44/2004) Altre sorgenti emissive e assorbimenti Processi Produttivi Altre sorgenti mobili 6% 31% 33% 12% 11% Uso di solventi Trasporti stradali

8 NH3 Le emissioni nazionali di ammoniaca nel 2002 sono pari a 447kt La proiezione al 2010 per le emissioni totali annue di NH3 è di 432,8 kt(contro 419) Se non vengono migliorate le strategie di riduzione il tetto di emissione potrebbe non essere rispettato Dati Annuario APAT 2004 Il settore che incide maggiormente è quello dellagricoltura sottolineando però un aumento del contributo del settore dei trasporti dovuto allintroduzione delle marmitte catalitiche Processi Produttivi Trasporti stradali Agricoltur a 2% 4% 93%

9 Andamento emissioni nazionali e regionali 0 0,5 1 1,5 2 2, Mt (dato nazionale) t (dato regionale) obiettivo direttiva NEC (rec. Dlgs 171/04) ITALIA Regione Toscana NOx

10 Andamento emissioni nazionali e regionali 0 0,5 1 1,5 2 2,5 3 3, Mt (dato nazionale) t (dato regionale) ITALIA Obiettivo Direttiva NEC (rec. D.lgs 171/04) Regione Toscana SOx

11 t (dato regionale) 0 0,5 1 1,5 2 2, Mt (dato nazionale) Obiettivo Direttiva NEC (rec. D.lgs 171/04) ITALIA Regione Toscana Andamento emissioni nazionali e regionali COV

12 Emissioni regionali anno 2000-IRSE COV Centrali elettriche pubb., cogenerazione Teleriscaldamento Combustione - civile, terziario e agricoltura Combustione - industria Processi produttivi Estrazione, distribuzione combustibili fossili Uso di solventi Trasporti stradali Altre sorgenti mobili Trattamento e Smaltimento rifiuti Agricoltura - allevamenti Natura 0,7 1,3 0,8 2,3 3, ,5 3,2 1, Valori %


Scaricare ppt "ORDINE DEI CHIMICI DELLA TOSCANA GIORNATA DI STUDIO SUL D.M. 44/04 Recepimento Dir 99/13/CE relativa alla limitazione delle emissioni di COV di talune."

Presentazioni simili


Annunci Google