La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il nuovo programma di cooperazione transfrontaliera Italia - Svizzera Benedetta Sevi – DG Giovani, Sport, Promozione Attività Turistica Autorità di Gestione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il nuovo programma di cooperazione transfrontaliera Italia - Svizzera Benedetta Sevi – DG Giovani, Sport, Promozione Attività Turistica Autorità di Gestione."— Transcript della presentazione:

1 Il nuovo programma di cooperazione transfrontaliera Italia - Svizzera Benedetta Sevi – DG Giovani, Sport, Promozione Attività Turistica Autorità di Gestione IT/CH 2007 – 2013 Presente e futuro della Cooperazione Transfrontaliera Italia – Svizzera

2 Italia – Svizzera ESPERIENZE POSITIVE: Coinvolgimento delle collettività locali Coerenza con le priorità del territorio, soprattutto attraverso le politiche turistiche Integrabilità di molti progetti tra di loro Crescita della capacità locale di integrare i progetti con azioni finanziate da altri programmi Aumentare la complessità delle proposte ed in particolare lorientamento allintegrazione fra interventi nella prospettiva di un maggiore impatto sul tessuto socio – economico delle aree coinvolte

3 Le principali novità del nuovo PO Italia - Svizzera - Coordinatore unico di progetto - Territorio interessato (aree di flessibilità) - Tipi di progetto

4 Transfrontaliero Italia-Svizzera Aree di flessibilità

5 Lart. 21 del Regolamento 1080 stabilisce che, in casi debitamente giustificati, il FESR può finanziare le spese sostenute per lesecuzione di operazioni anche nelle cosiddette aree di flessibilità, entro il limite del 20% del sostegno al Programma. Anche spese sostenute da partner situati esternamente alla zona interessata dal programma possono essere ammesse qualora gli obiettivi del progetto risultino difficilmente conseguibili senza la partecipazione di tali partner.

6 PROGETTI ORDINARI : interventi di promozione della cooperazione e delle relazioni di prossimità: hanno lobiettivo di attivare e sviluppare le relazioni di cooperazione, specie in territori che presentano ancora deficit di esperienza in merito e scontano difficoltà anche di tipo fisico-naturale; in tal caso non rileva particolarmente né la dimensione né lorientamento allo sviluppo locale, quanto la creazione delle condizioni per la cooperazione. Questo tipo di interventi è assimilabile alla maggior parte degli interventi realizzati nella scorsa programmazione. PROGETTI STRATEGICI: hanno lobiettivo di affrontare alcune problematiche trasversali alla maggior parte del territorio eligibile, (sono quindi, tendenzialmente,di rilevanza multiregionale) e dovrebbero essere caratterizzati da dimensioni rilevanti. PIT (PIANI INTEGRATI TRANSFRONTALIERI): interventi caratterizzati da elevati livelli dintegrazione e complessità, mirati allintegrazione tra cooperazione e orientamento allo sviluppo locale nelle aree dei due Paesi. Qui è rilevante lattenzione al disegno di policy e al supporto gestionale di cui tali progetti hanno bisogno: trattandosi di progetti complessi si prospetta la necessità di attività di progettazione e di gestione dellattuazione specifiche, mutuate dallesperienza maturata nellambito delle iniziative di programmazione negoziata e integrata di successo.

7 Progetti ordinari: presentazione - Bando unico con più finestre di approvazione - Partenariato pubblico e/o privato - Referente unico di progetto - Presentazione on-line

8 Progetti ordinari: caratteristiche - Riferimento a una sola misura - Due o più partner in IT e in CH

9 Progetti ordinari: criteri di selezione - Valutazione tecnico-economico e finanziaria - Impatto socio-economico ed ambientale - Innovatività e sostenibilità - Priorità specifiche per le singole misure

10 Progetti ordinari: modalità di finanziamento Percentuale di finanziamento pubblico variabile, a seconda delle misure: - 60 (trasporti) - 70 (PMI, ICT) - 80 (cultura, turismo, formazione, processi di cooperazione) - 90 (rischi, ambiente, progetti a carattere sociale)

11 Suddivisione delle risorse tra gli assi.1% TOTALE 91 M (FESR + finanziamento italiano) ASSE 1 Ambiente e Territorio Coniugare lo sviluppo del territorio con la gestione sostenibile dellambiente ASSE 2 Competitività Incentivare lo sviluppo di una economia di sistema basata sullinnovazione e sullintegrazione delle risorse turistiche e delle reti e servizi di trasporto nelle aree transfrontaliere ASSE 3 Qualità della vita Incrementare la qualità della vita nellarea rafforzando i processi di cooperazione in ambito sociale e istituzionale e valorizzando il patrimonio culturale

12 1Incentivare una gestione congiunta dei rischi naturali geologici, idraulici e valanghivi) ed ambientali (ecologici) 2Salvaguardare, gestire e valorizzare le risorse ambientali 3Incentivare lintegrazione del comparto agroforestale e promuoverne linnovazione e la sperimentazione congiunta ASSE 1 Ambiente e Territorio

13 1.1 Gestione congiunta dei rischi Gestire i cambiamenti climatici Sensibilizzare e informare la popolazione Monitorare e gestire il rischio e le emergenze Studi sugli effetti dei cambiamenti climatici in termini di rischio Azioni locali di sensibilizzazione per i residenti, i turisti, gli operatori Messa a punto di sistemi comuni per il monitoraggio, la prevenzione dei rischi, i piani di protezione civile

14 1.2 Salvaguardia e gestione delle risorse ambientali Tutelare la biodiversità Pianificare il territorio in modo congiunto Risparmiare energia e promuovere le fonti rinnovabili Risanare le risorse compromesse Studi e interventi per la tutela di specie e ambienti, la gestione congiunta di aree protette, la realizzazione di reti ecologiche Incentivi alluso di risorse rinnovabili, al risparmio, allaumento di efficienza energetica degli edifici; interventi formativi e informativi sulluso sostenibile delle risorse Gestione congiunta e sostenibile di risorse idriche; interventi di risanamento e di riduzione dellinquinamento, anche con tecniche innovative

15 1.3 Diversificazione e integrazione del comparto agroforestale Valorizzare i prodotti Approfondire le possibilità di innovazione e sperimentazione congiunta Progetti a supporto delle produzioni agricole e forestali della tradizione locale Azioni di ricerca, di trasferimento e diffusione di tecnologie Applicazione di tecnologie innovative, scambi di esperienze ed iniziative divulgative

16 1Sviluppare lintegrazione dellarea turistica transfrontaliera, promuovendo la creazione di unimmagine univoca e un sistema di offerta che valorizzi le peculiarità locali 2 Incentivare la cooperazione tra PMI dei due versanti, promuovendo in particolare la cooperazione nellambito della ricerca e dellinnovazione 3Migliorare reti e servizi nel settore trasporti, promuovendo lintegrazione dellarea transfrontaliera, sia per il trasporto passeggeri che per il trasporto merci ASSE 2 Competitività

17 2.1 Sviluppo delleconomia turistica Integrare lofferta turistica transfrontaliera Valorizzare le risorse turistiche Promuovere lofferta Accordi di collaborazione tra operatori Costruzione e promozione di pacchetti turistici integrati Sostegno al turismo culturale e ambientale, allinnovazione e alla sostenibilità dellofferta turistica Diversificazione e destagionalizzazione dellofferta

18 2.2 Incentivi alle PMI Migliorare le prestazioni ambientali Incentivare gli scambi tra imprese Sostenere ricerca e innovazione Diffusione e armonizzazione della certificazione ambientale Scambi commerciali e professionali Integrazione transfrontaliera delle filiere produttive Ecoinnovazione per il risparmio idrico e energetico Azioni per il trasferimento tecnologico tra centri di ricerca e imprese

19 2.3 Integrazione dei trasporti Migliorare i trasporti sostenibili transfrontalieri Uniformare gli standard di sicurezza Valutare gli effetti delle grandi opere Studi e applicazioni per una integrazione modale e tariffaria transfrontaliera Azioni congiunte di pianificazione e informazione Valutazioni di impatto sui sistemi economici e territoriali

20 1Rafforzare lidentità comune attraverso la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio culturale 2Rafforzare le iniziative integrate di informazione e comunicazione ai cirradini e incentivare una maggiore diffusione delle ICT 3Promuovere una maggiore integrazione in ambito educativo, formativo e nel mercato del lavoro 4Rafforzare i processi di cooperazione in ambito sociale e istituzionale ASSE 3 Qualità della vita

21 3.1 Connessione tra identità e cultura Valorizzare il patrimonio ed il paesaggio Migliorare confronto e mobilità degli operatori Comunicare e promuovere la cultura Promozione e valorizzazione di itinerari culturali Applicazione di basi- dati e metodologie comuni Interventi di formazione e organizzazione di eventi duraturi Applicazione di tecniche innovative per la comunicazione culturale

22 3.2 Diffusione dellinformazione e della comunicazione con nuove tenologie Sostenere la diffusione delle ICT Favorire laccesso dei cittadini allinformazione Progetti per la condivisione di infrastrutture tecnologiche Interventi di messa in rete dei media locali Interventi di formazione e informazione

23 3.3 Integrazione tra formazione e mercato del lavoro Coordinare le risorse umane transfrontaliere Favorire lincontro tra domanda e offerta di lavoro Progetti congiunti di formazione Collaborazioni per attuare percorsi didattico-formativi riconosciuti Stages e soggiorni studio per studenti e docenti Progetti di diffusione delle informazioni e di condivisione delle banche dati

24 3.4 Cooperazione in ambito sociale e istituzionale Cooperare tra istituzioni Integrare gli immigrati e le persone svantaggiate Promuovere la parità di genere Progetti di integrazione di servizi al cittadino Azioni di cooperazione tra minoranze etniche, integrazione linguistica, diffusione della conoscenza delle diversità culturali Iniziative transfrontaliere per categorie deboli Interventi sul tema della conciliazione

25 Arch. Benedetta Sevi Autorità di Gestione Programma Operativo di Cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera Contatti in Regione Lombardia

26 U.O. Cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera Cinzia Margiocco Maria Giulia Balducci Valeria Marziali


Scaricare ppt "Il nuovo programma di cooperazione transfrontaliera Italia - Svizzera Benedetta Sevi – DG Giovani, Sport, Promozione Attività Turistica Autorità di Gestione."

Presentazioni simili


Annunci Google