La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A..b..c..con Pegghy Guggenheim COLLECTION. Il ragazzo riconosce la necessità di comprendere (da cum- prehendere) ed esprimere creativamente il proprio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A..b..c..con Pegghy Guggenheim COLLECTION. Il ragazzo riconosce la necessità di comprendere (da cum- prehendere) ed esprimere creativamente il proprio."— Transcript della presentazione:

1 a..b..c..con Pegghy Guggenheim COLLECTION

2 Il ragazzo riconosce la necessità di comprendere (da cum- prehendere) ed esprimere creativamente il proprio ambiente-territorio sviluppando un atteggiamento di stupore per approfondirne la conoscenza Il ragazzo impara ad integrare teoria-prassi-teoria. Cresce nella partecipazione sistematica a scuola e nel tempo libero, nella conoscenza ed esplorazione del proprio ambiente vivendolo emotivamente e cognitivamente, sviluppando curiosità ed interesse e usando i saperi disciplinari per codificare le proprie esperienze OLTRE LO SGUARDO: LA NATURA COME STUPORE, TRA EMOZIONE E RAGIONE

3 ARTE E SCIENZA SENTIRE E CONOSCERE LA BELLEZZA PER NOI UNA VERA CAREZZA CON LA NOSTRA PROF BUSSELLI DI ARTE E IMMAGINE ABBIAMO LAVORATO E NELLE SCIENZE CON LA PROF FRANCHINI OGNUN HA ESPLORATO ANCHE LA POIDOMANI DI ITALIANO CI HA DATO UNA MANO IN QUESTO VIAGGIO NELLA BELLEZZA IN CUI SIAMO ANDATI SENZA FRETTA PACE ABBIAM CERCATO FARE FRA LA SCIENZA E LARTE che CI HAN FATTO EMOZIONARE LA BELLEZZA DELLA NATURA A NOI INTORNO E LARTE A CUI IL GUGGENHEIM FA DA CONTORNO Luomo è unico non perché fa della scienza, né perché fa dellarte,ma perché la scienza e larte sono, allostesso modo, espressione della splendida plasticità della sua mente J Bronowski, the ascent of man La conoscenza è passione. Come ci ha insegnato Aristotele, essa nasce dallo stupore di fronte alla bellezza delle cose. È la meraviglia, lo sgomento per lo spettacolo della natura, terribile e bello ad un tempo, che spinge l'uomo alla ricerca della verità. Massimo Capaccioli Scienza e bellezza

4 A CHI LO DEDICHIAMO? A LEONARDO RISPONDIAMO ARTE E SCIENZA IN SÉ HA INCARNATO NEL LONTANO PASSATO CINQUESCENTO ANNI FA LEONARDO DA VINCI SI PRESENTAVA A MILANO DA LUDOVICO SFORZA DETTO IL MORO, SU PRESENTAZIONE DI LORENZO DE MEDICI CHE NE MAGNIFICAVA IL TALENTO, SOPRATTUTTO DI ARTISTA. TUTTAVIA LEONARDO SI PRESENTÒ COME SCIENZIATO… EGLI AFFERMAVA ESSERE LA BELLEZZA MATERIA DI VERITÀ E LA VERITÀ IN TUTTE LE SUE FORME MATERIALI ESPRESSIONE DI BELLEZZA il binomio leonardesco scienza e tecnica si amalgama nellarte In quel concetto primario di oggettivazione che è base per come lui stesso scrisse. Quindi la ricerca del vero era per Leonardo non solo alla base dellarte, ma anche del pensiero scientifico tecnico

5 A VENEZIA SIAMO ANDATI NELLARTE E NELLA SCIENZA CI SIAMO ADDENTRATI ARTE E SCIENZA PER UN NOSTRO PROGETTO AL GUGGENHEIM CON DILETTO IN IA VENTI RAGAZZI SIAMO ED ORA CON NOI IN QUESTO VIAGGIO VI INVITIAMO

6 CON LABC ORA PARTIAMO IN IPERTESTO VI PRESENTIAMO LARTE CON LA SCIENZA DI CUI EMOZIONE E RAGIONE NON FANNO SENZA QUADRI OSSERVATI ED EMOTIVAMENTE RAGIONATI ED ALTRI DA NOI REALIZZATI

7 CLICCA SULLA PAROLA E TI SI APRIRÀ CIÒ CHE ABBIAM ELABORATO A SCUOLA A come ALBEROALBERO B come BELLEZZABELLEZZA C come CAVALLOCAVALLO D come DANZATRICEDANZATRICE E come EMPIRE of ligthEMPIRE of ligth F come FANTASIAFANTASIA G come GIARDINOGIARDINO H come HELLOHELLO I come INGRESSOINGRESSO L come LANDSCAPELANDSCAPE M come MERCURIOMERCURIO N come NEONNEON O come OSSERVAZIONEOSSERVAZIONE P come POLLOKPOLLOK Q come QUADROQUADRO R come RIFLETTERERIFLETTERE S come semiMOBILEsemiMOBILE T come TESTIERA DEL LETTOTESTIERA DEL LETTO U come UNIVERSALE linguaggioUNIVERSALE linguaggio V come VOICE OF SPACEVOICE OF SPACE Z come ZAINO di arte e scienzaZAINO di arte e scienza

8 A COME ALBERO ECCO LALBERO NEL Guggenhein GIARDINO SCULTURA VIVENTE PER BENINO È UN ULIVO SIMBOLO DI VITA CHE NELLARTE CONTINUA LA PARTITA LINDA CON DAVIDE UN ULIVO HAN REALIZZATO UN QUADRO DA TUTTI AMMIRATO GIADA LALBERO NELLE STAGIONI COLORATO ED ARIANNA CON SERENA UN BOSCO DAI COLORI TRASFORMATO

9 B COME BELLEZZA LA BELLEZZA SALVERÀ IL MONDO Dostoevskij IN QUESTA COLLEZIONE NON PUÒ MANCARE UNA RIFLESSIONE UN PENSIERO CI PASSA PER LA MENTE LARTE È BELLEZZA SORPRENDENTE CON LA SCIENZA SI ANIMA E SCONVOLGE LA SCIENZA NULLA PERÒ ALLA FANTASIA TOGLIE Senso del bello come senso del mondo, mobilitazione di capacità progettuali creative, civiche più di conoscere, IMPARARE AD ESSERE la scienza ben lungi dal togliere poesia e bellezza al mondo la fa brillare di nuova luce: quella che deriva dalla conoscenza profonda e non solo dallistintiva emozione del bello. Larcobaleno della vita Richard Dawkins La conoscenza è passione. Come ci ha insegnato Aristotele, essa nasce dallo stupore di fronte alla bellezza delle cose. È la meraviglia, lo sgomento per lo spettacolo della natura, terribile e bello ad un tempo, che spinge l'uomo alla ricerca della verità. Massimo Capaccioli Scienza e bellezza

10 C COME CAVALLO ANCORA UN VIVENTE DALLARTE TRASFORMATO UN CAVALLO MECCANICO DIVENTATO NEL GIARDINO DEL Guggenhein DA NOI AMMIRATO QUESTOPERA È STATA CHIAMATA IL CAVALLO, IL TITOLO HA IN SINCRONIA CON LOPERA IL NOME E LA FORMA MA, IO COME NOME AVREI DATO IL CAVALLO MECCANICO PERCHÉ È IL LEGAMENTO CHE GIRANDO FA MUOVERE IL PIEDE. LAUTORE ERA IN EPOCA DI STANCHEZZA E FORSE AVEVA VOGLIA DI ROBOT EGLI ERA FELICE DELLINVENZIONE DI QUESTO CAVALLO PERCHÉ AVEVA INVENTATO UNA NUOVA EPOCA, LEPOCA DEL NON STRESS! HO SCELTO QUESTA SCULTURA PER COME SI COLLEGANO LE PARTI, I COLORI NON CI SONO E LASCIANO IL POSTO AL GIOCO DI LUCE. Il Cavallo, una statuetta di bronzo, rappresenta la tecnologia in un elemento dellepoca: il cavallo. Forme geometriche e poca regolarità sono caratteristiche principali dellarte contemporanea e questopera ne è piena. Si possono individuare zone di penombra e altre con riflessi bellissimi. Linterpretazione è molto personale e può creare sensazioni diverse a differenza di chi lo guarda. Lartista plasma la figura con il gesso e alla sua morte viene riprodotta in metallo. Il motivo per cui diventa famosa è comunque lidea di Raymond Duchamp-Villon del cavallo meccanico.

11 D COME DANZATRICE Il quadro mare = ballerina è stato creato da Gino Severini verso la fine del si notano molto bene le gambe e il busto mentre la faccia è poco visibile. Ho scelto di raffigurare questo quadro perché esprime molta gioia, infatti allinterno cè prevalenza di colori caldi. Questo dipinto è stato paragonato alle onde del mare per il fatto che il modo che lartista ha avuto di colorare dà un senso di movimento. Il seguente quadro sintitola La ballerina perché rappresenta una donna che balla con molta gioia e questo si capisce dai suoi movimenti aggraziati e dai colori che ha. Cè anche una prevalenza di sfumature di chiaro scuro che ti fanno sembrare più reale il disegno. Lartista può aver fatto riferimento ad un ricordo che aveva di una ballerina che ballava con i suoi bellissimi colori vivaci e pieni di felicità. UNA DANZATRICE QUASI UN ARCOBALENO DI COLORI PIENO

12 E come EMPIRE of ligth René Magritte ha usato, nel quadro L impero della luce, la tecnica olio su tela facendo un opera grande 195,4 per 131,2 cm. Quest opera è stata dipinta negli anni Limpero della luce ha come sfondo un cielo di giorno. Inoltre cè raffigurata una via in mezzo ad un boschetto e, affacciata su questa, una casa. Davanti ad essa cè un lampione acceso, che illumina il buio della via. La casa è illuminata anche da due finestre. Infine cè un albero che attraversa verticalmente quasi tutto il quadro. Nel cielo ci sono molte nubi cumuliformi. Quest opera è surreale perché il cielo è illuminato e il paesaggio è scuro dal buio della notte nello stesso momento. I colori prevalenti sono il nero e l azzurro. Questa opera si intitola Limpero della luce perchè anche se prevalgono colori scuri locchio cade sul cielo, sul lampione e sulle due finestre. Ho scelto questo quadro perchè mi ha colpito il contrasto fra chiaro-scuro, giorno-notte. Mi piace anche il fatto che i soggetti rappresentati sono del tutto reali ma Magritte, andando contro la natura, ha messo il giorno e la notte insieme nello stesso luogo e riuscendo a coprire il nero con il giallo e lazzurro. Forse il pittore era molto legato alla natura. Era calmo e felice perchè nel buio ha rappresentato la luce. Cambiava umore da così, a così (proprio come il giorno e la notte). Può darsi che avesse due personalità; simpatico, allegro, amichevole (come il giorno) quando dipingeva, e permaloso, serio e deciso con gli amici. È abbastanza fermo perchè il colore è intenso e deciso, non sfumato. LARTE SCONVOLGE LA SCIENZA MA DEL GIORNO E LA NOTTE NON PUÒ FAR SENZA QUESTO QUADRO IN MOLTI SCELTO ABBIAMO FORSE DELLA STRANEZZA INNAMORATI CI SIAMO

13 F come FANTASIA FANTASIA CIÒ CHE ALLARTE ED ALLA SCIENZA DÀ IL VIA CIOÈ COME LA GUIDA CI HA SPIEGATO NEL MUSEO LUOGO INCANTATO È LA FANTASIA CON CUI CREA IPOTESI LO SCIENZIATO LA STESSA CHE MUOVE LA MANO CON CUI IL PITTORE HA DISEGNATO

14 G come GIARDINO QUESTO IL MIO GIARDINO DOVE LARTE PUOI SENTIR VICINO OGNI ANGOLO OGNI SENTIERO TI COINVOLGE PER DAVVERO NULLA A CASO NEPPURE IL MIO TRONO CHE ORA TI MOSTRO IN DONO OPPUR LE LAPIDI ANCHE DEI CAGNOLINI CHE PER ME ERANO COME BAMBINI

15 H come HELLO È LINGLESE LA VOCE CHE QUI SUONA E CHE O DAL CALLE O CANALE ACCOGLIE OGNI PERSONA MA COME LARTE NON HA CONFINI HELLO LO COMPRENDONO I LONTANI ED I VICINI ANCORA UNA COINCIDENZA NEL LINGUAGGIO DELLARTE E DELLA SCIENZA

16 I come INGRESSO DA CHE PARTE VUOI ENTRARE? ECCO LINGRESSO DAL CANALE CI HA UN PO SORPRESO A DIRE LA VERITÀ QUELLA SCULTURA CHE VISTO ABBIAMO LÀ MA È ARTE E VUOLE STUPIRE PERCIÒ LA SORPRESA CI HA FATTO DIVERTIRE LANGELO DELLA CITTÀ DI MARINO MARINI UN BUSTO ED UNA FIGURA EQUESTRE PER GRANDI E PICCINI MA SE INVECE VUOI ENTRARE DAL PORTONE UN BEL CANCELLO PROVOCA EMOZIONE DI FERRO BEN LAVORATO DI PIETRE INCASTONATO

17 L come LANDSCAPE with red spots LA NOSTRA MONTAGNA CI HA RICORDATO QUESTO QUADRO DA KANDISKY REALIZZATO E DA NOI ASSAI COPIATO UN GIOCO DI FORME E COLORI COME LA MONTAGNA QUI FUORI

18 M come MERCURIO e MATERIA DUE QUADRI CHE SCIENTIFICAMENTE CI HANNO ENTUSIASMATO IL PRIMO ALLAUNIVERSO CI HA PORTATO ED ALLA VISIONE SOGGETTIVA PROVOCATO OGNI IMMAGINE TRASFORMATA È SEMPRE DA LLA PERSONA CHE LA BELLEZZA DELLUNIVERSO SENTE LA LUCE CHE IN QUESTI QUADRI TRASPARE DELLA MATERIA E DELLUNIVERSO CI HA FATTO INNAMORARE Il quadro è stato realizato da Giacomo Balla, Giacomo è nato nel 1871 ed è morto nel 1958, il quadro è stato fatto dallartista nel 1914 e quindi quando laveva fatto questo aveva 43 anni. Il dipinto si chiama Mercury Passing Before the Sun (Mercurio passa davanti al sole). È nella collezione Gianni Mattioli. Mercurio è il cerchio più grande quello in primo piano dove inizia il vortice e il sole è il cerchio dietro.. Questo quadro lho scelto. perché mi sembrava solare e mi sentivo gioia dentro quando lo vedevo, io lho scelto perché era difficile da fare e volevo scontrarmi con lartista, la sua colorazione, per il contrasto dei colori caldi e freddi e anche per il disordine, perché è una mia caratteristica e infine per la sfumatura che a me dà un senso di serenità e gioia. Lartista deve essere stato sicuramente un curiosone solare si capisce dai colori e con sbalzi di umore questo si capisce dai colori caldi e freddi e anche un po solitario data lombra che è nel quadro.

19 N come NEON del giardino Un neon sul muro per ricordare Che larte moderna è concettuale Vale lidea prima di tutto La stessa che nella scienza si mette a frutto Non interessa la manualità importante è il pensiero che allopera origine dà

20 O come OSSERVARE PAROLA DORDINE PER LO SCIENZIATO COME PER LARTISTA TUTTO FARE LEONARDO NEI SUOI DISEGNI DIMOSTRA CHE LOSSERVAZIONE DELLA NATURA STA ALLA BASE DELLA SUA UMANA AVVENTURA GIÀ DA FANCIULLO DISENANDO AMAVA ALLA RIPRODUZIONE DI PIANTE ED ANIMALI CHE OSSERVAVA ALLETÀ DI VENTANNI IL CELEBRE LILIUM CANDIDUM DISEGNÒ E GRANDE OSSERVATORE BOTANICO SI DIMOSTRÒ ALLA RAPPRESENTAZIONE DI PIANTE ANNOTANDO LE OSSERVAZIONI ALLA BASE DELLE SUE ARTISTICHE E SCIENTIFICHE COMPOSIZIONI È DALLOSSERVAZIONE DELLA NOSTRA NATURA CHE PURE NOI SIAMO PARTITI PER APPREZZARE LARTE DURATURA

21 P come POLLOK SECONDO ME QUANDO POLLOK HA FATTO QUESTO QUADRO VIVEVA UN MOMENTO DI MALINCONIA, DI TRISTEZZA E FORSE DI PAURA. I COLORI INFATTI SONO SCURI E ANCHE GLI SPRUZZI ED I GOGGIOLAMENTI MI DANNO QUELLIMPRESSIONE, FORSE ERA ANCHE ARRABBIATO ED IN LUI SI SCATENAVA UNA GRAN VOGLIA DI ROMPERE E DISTRUGGERE E COSÌ SCHIZZÒ LA TELA ALCHIMIA QUALE TITOLO Più ADATTO PER UNIR LARTE ALLA SCIENZA DI CUI A DETTA DEL NOSTRO LEONARDO MAI SI Può FAR SENZA STUDIA PRIMA LA SCIENZA E POI SEGUITA LA PRATICA NATA DA ESSA SCIENZA LA SCIENZA è IL CAPITANO, LA PRATICA SONO I SOLDATI DA QUESTO CI SENTIAMO AFFASCIANATI

22 Q come QUADRO MOLTI I QUADRI REALIZZATI PER DELLA NOSTRA NATURA SCOPRIRNE I LATI ABC NELLA VALPOLICELLA ABC NELLA VALPOLICELLA PROPRIO BELLA ED ABC DEL RISPETTOABC DEL RISPETTO NELLA BELLEZZA PER CUI PROVO DILETTO

23 R come RIFLETTERE QUI UNA RIFLESSIONE SI DEVE ANCORA FARE PER LARTE E LA SCIENZA CHE SIAMO ANDATI AD ESAMINARE AL NOSTRO LEONARDO FACCIAMO RIFERIMENTO CHE IN SÉ ARTE E SCIENZA HA RESO PORTENTO IN LEONARDO CÈ AMORE PROFONDO ED APPASSINATO DELLA NATURA AMORE DELLA VITA NELLARTE DURATURA UNA VISIONE DEL MONDO ILLUMINATA NELLA SUA OPERA ARTISTICA AFFRESCATA PER LEONARDO È IMPORTANTE NON PERDERE IL CONTATTO DIRETTO CON LA REALTÀ DELLA VITA E DEGLI UOMINI- HA DETTO- UN TACCUINO DELLARTISTA CI PROPONE DI TENERE PERCHÉ LA FORMA E GLI ATTI DELLE COSE IMPARIAMO A RITENERE

24 S come semiMOBILE CALDER PIONIERE DELLARTE CINETICA CHE RICORDA UNA SCIENTIFICA FONETICA REALIZZA SCULTURE CON ELEMENTI OSCILLANTI SPINTI DALLARIA E QUINDI BASCULANTI.. SEMBRA CHE LA NATURA ABBIA VOLUTO SPOSARSI CON LA SCIENZA, PERCHÉ LEQUILIBRIO E LA LEGGEREZZA SONO FONDAMENTALI IN QUESTA STUPENDA SCULTURA: LINEE ASTRATTE, FORME IMMAGINARIE, NON COLORI CUPI. LINDESCRIVIBILE GIOCO DELLA NATURA È CONSERVATO IN QUESTA SCULTURA MAGICA, PIENA DI POSIZIONE, LEGGEREZZA ED IMMAGINAZIONE. LA FANTASIA NON HA LIMITI ED IL MOBILE NE È LA PROVA, LA NOTTE È RACCHIUSA NELLE FORME ASTRATTE DELLA SCULTURA, MENTRE IL GIORNO STA ARRIVANDO, COME RAPPRESENTATO DALLE PICCOLE LASTRE INFERIORI. LA LUNA SPLENDE ANCORA, LASSÙ IN QUELLA FOGLIA BIANCA IN MEZZO AL BUIO CHE È LA NOTTE.

25 T come del letto TESTIERA QUESTOPERA SEMBRA, SE VISTA DI SFUGGITA, UN AMMASSO DI FERRAGLIA. È IN ARGENTO INVECE, MOLTO PREGIATO, E CON I RIFLESSI DELLA LUCE SEMBRA ABBAGLIARE È DI FORMA CIRCOLARE, CON MOLTE LINEE CURVE INTRECCIATE RIPIEGATE, PER DAR VITA AD ALTRE FORME CALDER LA COSTRUÌ NELLINVERNO DEL E LA DEDICÒ A PEGGY GUGGENEHEIN CHE USÒ LOPERA COME TESTIERA DEL LETTO. LA TESTIERA HA DIMENSIONI : 160 X131 cm.; SI INTITOLA SILVERBEDHEAD CHE SIGNIFICA APPUNTO TESTIERA DEL LETTO IN ARGENTO HO SCELTO DI RAPPRESENTARE CON UN DISEGNO QUETOPERA, PERCHÉ MI PIACCIONO MOLTO I METALLI PREZIOSI COME LARGENTO E PERCHÈQUARDANDOLA MI SI ACCENDE LIMMAGINAZIONE, ENTRO IN MONDI CHE SI TROVANO SOLO NELLA MIA MMENTE, LINTRECCIO DEI FILI DARGENTPO MI FANNO PENSARE AD UNA ZONA DI PALUDE CON LIBELLULE, PESCI E NINFEE…

26 U come UNIVERSALE linguaggio Non cè arte senza emozione Non cè emozione senza arte Le Corbusier QUANDO LEMOZIONE SI SPOSA CON LA RAGIONE IN UNARMONIA SENZA UGUALE ARTE È LINGUAGGIO UNIVERSALE OGNI PERSONA DENTRO LA COMPRENDE E NELLA MERAVIGLIA SI SORPRENDE

27 V come VOCE DELLARIA Il quadro la voce dellaria è stato creato da Renè Magritte nel 1931, rappresenta tre sfere in cielo, dove al centro si trova una fessura di colore nero. Rappresenta la voce dellaria. Per questo motivo lopera si intitola così. Quando guardi dallalto il cielo si vedono diverse sfumature, da quella più scura ad una più chiara. Lartista quando ha creato lopera secondo me era contento e mi pare di vederlo dai colori del prato che ha diverse tonalità di colore, ed è stato dipinto in diversi modi. LARIA CHE PASSA NELLA FESSURA COME VOCE DELLA NATURA IN QUESTE SFERE IN ALTO POSATE COME CAMPANELLINE DISEGNATE MAGRITTE CERCA DI SPOGLIARE GLI OGGETTI ED I SIGNIFICATI VA A MUTARE

28 Z come uno ZAINO di arte e scienza per Leonardo larte è scienza: anatomia e matematica ne sono i capisaldi Oggetto di conoscenza dellarte, esattamente uguale a quello della scienza, sono la natura e luomo; mutano solo i mezzi attraverso i quali la conoscenza si esprime: per la pittura sono mezzi figurativ e si fonda su - scientifici e veri princip-i, derivati dallosservazione diretta

29 A VENEZIA SIAMO ANDATI AL PEGGY GUGGENHEIM ENTRATI AD AMMIRARE LA COLLEZIONE CHE HA SUSCITATO TANTA EMOZIONE TUTTI VORREMMO RITORNARE E SUI QUADRI FANTASTICARE A VENEZIA ANDATI SIAMO PER VEDERE OPERE DARTE CHE ORA AMIAMO

30 anno scolastico CLASSI IA Scuola secondaria di primo grado Bartolomeo Lorenzi Via Pio Brugnoli FUMANE (VERONA) tel fax O sito web: Hanno animato e coordinato il lavoro di ricerca azione le professoresse: Novella Franchini (Matematica e Scienze, Busselli Tiziana (Arte e Immagine) e Rosa Poidomani (Lettere) ins referente:Tiziana Busselli dirigente scolastico Giovanni Viviani Per finire un grazie per loccasione offertaci per questa partecipazione che ci ha permesso di presentare questo percorso che siamo andati a fare la documentazione e la comunicazione fan bene alla ragione ed allemozione grazie alla COLLEZIONE a cui IN ALFABETO abbiam posto attenzione


Scaricare ppt "A..b..c..con Pegghy Guggenheim COLLECTION. Il ragazzo riconosce la necessità di comprendere (da cum- prehendere) ed esprimere creativamente il proprio."

Presentazioni simili


Annunci Google