La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IndicazioniNazionaliper il curricolo Indicano una meta, non una strada Costituiscono la base comune nazionale Servono per lelaborazione del curricolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IndicazioniNazionaliper il curricolo Indicano una meta, non una strada Costituiscono la base comune nazionale Servono per lelaborazione del curricolo."— Transcript della presentazione:

1

2

3 IndicazioniNazionaliper il curricolo Indicano una meta, non una strada Costituiscono la base comune nazionale Servono per lelaborazione del curricolo da parte delle scuole

4 Indicazioni Nazionali e Obbligo distruzione PRIMARIA / SECONDARIA 1° G SECONDARIA 2° G. INFANZIA Indicazioni Nazionali per il Curricolo per la scuola dellinfanzia e per il primo ciclo distruzione Indicazioni Nazionali per il Curricolo per il secondo ciclo distruzione Obbligo di istruzione (10 anni)

5 La struttura del documento CULTURA SCUOLA PERSONA LORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO LA SCUOLA DELLINFANZIA I bambini, le famiglie, l'ambiente di apprendimento I CAMPI DI ESPERIENZA LA SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il senso dellesperienza La cittadinanza Lalfabetizzazione culturale di base Lambiente di apprendimento DISCIPLINE E AREE DISCIPLINARI

6 CULTURA SCUOLA PERSONA La scuola nel nuovo scenario Centralità della persona Per una nuova cittadinanza Per un nuovo umanesimo Quali principi ideali?

7 LORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Con chiarimenti brevi su: Campi di esperienza Discipline e aree disciplinari Traguardi di sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Valutazione Come si costruisce il curricolo?

8 LA SCUOLA DELLINFANZIA I bambini, le famiglie, l'ambiente di apprendimento Caratteristiche e fini della scuola dellinfanzia Per ogni campo: Il bambino Aspetti psicologici e cognitivi Le esperienze I traguardi I CAMPI DI ESPERIENZA 1. IL SÉ E LALTRO 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO 3. LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE 4. I DISCORSI E LE PAROLE 5. LA CONOSCENZA DEL MONDO

9 LA SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il senso dellesperienza La cittadinanza Lalfabetizzazione culturale di base Lambiente di apprendimento Caratteristiche e fini della scuola del primo ciclo /1 Valorizzare lesperienza e le conoscenze degli alunni Attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità Favorire lesplorazione e la scoperta Incoraggiare lapprendimento collaborativo. Promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere Realizzare percorsi in forma di laboratorio

10 DISCIPLINE E AREE DISCIPLINARI 1.AREA LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA ITALIANO LINGUE COMUNITARIE MUSICA ARTE E IMMAGINE CORPO MOVIMENTO SPORT 2.AREA STORICO-GEOGRAFICA STORIA GEOGRAFIA 3.AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI TECNOLOGIA Caratteristiche e fini della scuola del primo ciclo /2 Per ogni disciplina: Inquadramento nellarea Presentazione epistemologica e metodologica Traguardi di sviluppo delle competenze: Fine primaria Fine secondaria di 1° grado Obiettivi di apprendimento: Fine terza primaria Fine quinta primaria Fine terza secondaria di 1° grado

11 Per esempio: le scienze naturali e sperimentali Dalla presentazione dellArea matematico-scientifica- tecnologica : Tutte le discipline dell'area hanno come elemento fondamentale il laboratorio, inteso sia come luogo fisico (aula, o altro spazio specificamente attrezzato) sia come momento in cui l'alunno è attivo, formula le proprie ipotesi e ne controlla le conseguenze, progetta e sperimenta, discute e argomenta le proprie scelte, impara a raccogliere dati e a confrontarli con le ipotesi formulate, negozia e costruisce significati interindividuali, porta a conclusioni temporanee e a nuove aperture la costruzione delle conoscenze personali e collettive. In tutte le discipline dellarea, inclusa la matematica, avrà cura di ricorrere ad attività pratiche e sperimentali e a osservazioni sul campo, con un carattere non episodico e inserendole in percorsi di conoscenza.

12 Dalla presentazione della disciplina: uninterazione diretta degli alunni con gli oggetti e le idee Presupposto di un efficace insegnamento/apprendimento delle scienze è uninterazione diretta degli alunni con gli oggetti e le idee coinvolti nellosservazione e nello studio, che ha bisogno sia di spazi fisici adatti alle esperienze concrete e alle sperimentazioni, sia di tempi e modalità di lavoro che diano ampio margine alla discussione e al confronto. … La necessità del concorso di molteplici modi di guardare reciprocamente integrati (sguardo da fisico, da biologo, da chimico...), per interpretare se stessi e il mondo attraverso modelli sempre più raffinati, condurrà alla consapevolezza metacognitiva della necessità di procedere sempre per separazioni e ricomposizioni degli aspetti diversi dei fenomeni … è opportuno selezionare alcuni temi (campi di esperienza) D'altra parte, poiché i saperi caratteristici delle scienze naturali e sperimentali sono di per sé a carattere enciclopedico, è opportuno selezionare alcuni temi (campi di esperienza) sui quali lavorare a scuola in modo diretto e progressivamente approfondito, in continuità attraverso gli anni della scuola.

13 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria Lalunno ha capacità operative, progettuali e manuali, che utilizza in contesti di esperienza- conoscenza per un approccio scientifico ai fenomeni. Fa riferimento in modo pertinente alla realtà, e in particolare allesperienza che fa in classe, in laboratorio, sul campo, nel gioco, in famiglia, per dare supporto alle sue considerazioni e motivazione alle proprie esigenze di chiarimenti. Impara a identificarne anche da solo gli elementi, gli eventi e le relazioni in gioco, senza banalizzare la complessità dei fatti e dei fenomeni. Si pone domande esplicite e individua problemi significativi da indagare a partire dalla propria esperienza, dai discorsi degli altri, dai mezzi di comunicazione e dai testi letti. Con la guida dellinsegnante e in collaborazione con i compagni, ma anche da solo, formula ipotesi e previsioni, osserva, registra, classifica, schematizza, identifica relazioni spazio/temporali, misura, utilizza concetti basati su semplici relazioni con altri concetti, argomenta, deduce, prospetta soluzioni e interpretazioni, prevede alternative, ne produce rappresentazioni grafiche e schemi di livello adeguato. Analizza e racconta in forma chiara ciò che ha fatto e imparato. Ha atteggiamenti di cura, che condivide con gli altri, verso lambiente scolastico in quanto ambiente di lavoro cooperativo e finalizzato, e di rispetto verso lambiente sociale e naturale, di cui conosce e apprezza il valore. Ha cura del proprio corpo con scelte adeguate di comportamenti e di abitudini alimentari.

14 Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza di scuola primaria Sperimentare con oggetti e materiali [proprietà, misurazioni, relazioni, trasformazioni, cosa succede se…, cosa succede quando…, analogie tra fatti, è successo come…] Osservare e sperimentare sul campo [piante, animali, terreni, acque, venti, nuvole, pioggia, dì/notte, percorsi del sole, fasi della luna, stagioni, allevamenti di piccoli animali, orticelli, differenze/somiglianze tra viventi…] Luomo i viventi e lambiente [respirazione,movimento, articolazioni, senso della fame e della sete, organismi/ambiente, trasformazioni ambientali stagionali e artificiali…] Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta di scuola primaria Oggetti, materiali e trasformazioni [lunghezza, peso, temperatura, forza, luce, molle, recipienti, volume/capacità, consistenza, durezza, trasparenza, elasticità, densità, variabili e relazioni, invarianze e conservazioni, modelli macro e micro, irreversibilità, energia…] Osservare e sperimentare sul campo [lente, stereomicroscopio, albero, siepe, una parte del giardino, suolo, ecosistema, specie, piante, animali, funghi, batteri, cielo diurno e notturno…] Luomo i viventi e lambiente [percezione, fisiologia, vermi, insetti, anfibi, organismi, riproduzione, salute, trasformazioni ambientali…]

15 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado Lalunno ha padronanza di tecniche di sperimentazione, di raccolta e di analisi dati, sia in situazioni di osservazione e monitoraggio sia in situazioni controllate di laboratorio. Utilizza in contesti diversi uno stesso strumento matematico o informatico e più strumenti insieme in uno stesso contesto. Esplicita, affronta e risolve situazioni problematiche sia in ambito scolastico che nellesperienza quotidiana; interpreta lo svolgersi di fenomeni ambientali o sperimentalmente controllati; è in grado di decomporre e ricomporre la complessità di contesto in elementi, relazioni e sottostrutture pertinenti a diversi campi disciplinari; pensa e interagisce per relazioni e per analogie, formali e/o fattuali. Sviluppa semplici schematizzazioni, modellizzazioni, formalizzazioni logiche e matematiche dei fatti e fenomeni, applicandoli anche ad aspetti della vita quotidiana. È in grado di riflettere sul percorso di esperienza e di apprendimento compiuto, sulle competenze in via di acquisizione, sulle strategie messe in atto, sulle scelte effettuate e su quelle da compiere. Ha una visione organica del proprio corpo come identità giocata tra permanenza e cambiamento, tra livelli macroscopici e microscopici, tra potenzialità e limiti. Ha una visione dellambiente di vita, locale e globale, come sistema dinamico di specie viventi che interagiscono fra loro, rispettando i vincoli che regolano le strutture del mondo inorganico; comprende il ruolo della comunità umana nel sistema, il carattere finito delle risorse, nonché lineguaglianza dellaccesso a esse, e adotta atteggiamenti responsabili verso i modi di vita e luso delle risorse. Conosce i principali problemi legati alluso delle scienza nel campo dello sviluppo tecnologico e è disposto a confrontarsi con curiosità e interesse.

16 Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola della scuola secondaria di 1° grado Fisica e chimica [velocità, densità, concentrazione, forza, energia, temperatura, calore, modelli, rappresentazioni formali geometriche-algebriche, trasformazione chimica, acidi, basi, metalli, soluzioni, reazioni, combustione…] Astronomia e scienze della Terra [fenomeni celesti, planetario, simulazioni al computer, latitudine, longitudine, punti cardinali, sistemi di riferimento, movimenti della Terra, fasi della luna, eclissi, pianeti, costellazioni, rocce, minerali, fossili, modelli, erosione, trasporto, deposizione, rischio geomorfologico, idrogeologico, vulcanico, sismico, cambiamenti globali…] Biologia [cellula, respirazione cellulare, alimentazione, fotosintesi, crescita, sviluppo, coevoluzione, viventi, musei, classificazioni, storia della vita, della Terra e delluomo, sessualità, alimentazione, fumo, droghe, rischi ambientali, scelte sostenibili, biodiversità…]

17 Come si passa dalle Indicazioni al curricolo? Ipotesi di struttura di un curricolo di scuola /1 1.Articolazione dei traguardi di competenza e degli obiettivi di apprendimento 2.Temi e argomenti disciplinari 3.Attività didattiche 4.Strumenti e materiali 5.Criteri e strumenti per la verifica degli apprendimenti

18 1.Articolazione dei traguardi di competenza e degli obiettivi di apprendimento Individuazione di competenze attese secondo una determinata scansione temporale Fissazione di obiettivi specifici più dettagliati rispetto a quelli delle Indicazioni nazionali 2.Temi e argomenti disciplinari Scelta degli argomenti di studio relativi a ciascuna disciplina e a ciascun anno o periodo didattico Specificazioni e chiarimenti sugli argomenti disciplinari (ad esempio sul tipo di riflessione linguistica che si intende adottare)

19 3.Attività didattiche Attività ricorrenti e sistematiche per il consolidamento delle abilità Attività di costruzione e di ricerca centrate sulle idee fondamentali che si intendono sviluppare (LABORATORIO, ESPERIENZE) Attività di laboratorio vero e proprio fuori e dentro scuola Progetti particolari dei quali si evidenziano le connessioni con il curricolo 4.Strumenti e materiali Corredo minimo richiesto allalunno Materiali e sussidi utilizzati Uso delle TIC (Tecnologie Informatiche per la Comunicazione: PC, Internet, E- learning…) 5.Criteri e strumenti per la verifica degli apprendimenti Tipologie di prove in classe Prove di verifica per classi parallele Verifiche dallesterno Documento di valutazione, portfolio o altri strumenti adottati dalla scuola

20 PER ESEMPIO: Le esperienze di scienze nel curricolo 6-13 Entro la classe terza Polpette Galleggiamento Piante intere vive Animali interi vivi Zolla di terra Orto o terrario o acquario Durante le classi quarta e quinta Tiro alla fune, peso, bilance Cilindri, siringhe, bottiglie Combustioni e cotture (candela) Allungometro Tessuti e strutture al microscopio stereoscopico Muffe Acqua ghiaccio e vapore Modelli di alimentazione, respirazione e circolazione Dissezioni Esplorazioni sistematiche e ricerche nel quartiere

21 PER ESEMPIO: Le esperienze di scienze nel curricolo 6-13 Durante la scuola secondaria di 1° grado Palline e tavolette Evaporazione dellacqua Soluzioni in acqua Cromatografia Bilancia a tavoletta Arrugginimento Costruzione e taratura di una meridiana Modelli del sistema sole-terra-luna Analisi del suolo e delle rocce Dissezione di un organo di una animale alimentare (cuore di maiale, gallina…) Radiografie, modelli del sistema osteo-muscolare Materiali e racconti sulla riproduzione umana, sulla nascita e sulla sessualità Esplorazioni sistematiche, raccolte di viventi, classificazioni via via più coerenti …

22 CULTURA SCUOLA PERSONA La scuola nel nuovo scenario Centralità della persona Per una nuova cittadinanza Per un nuovo umanesimo LORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO LA SCUOLA DELLINFANZIA I bambini, le famiglie, l'ambiente di apprendimento I CAMPI DI ESPERIENZA IL SÉ E LALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO LA SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il senso dellesperienza La cittadinanza Lalfabetizzazione culturale di base Lambiente di apprendimento DISCIPLINE E AREE DISCIPLINARI AREA LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA ITALIANO LINGUE COMUNITARIE MUSICA ARTE E IMMAGINE CORPO MOVIMENTO SPORT AREA STORICO-GEOGRAFICA STORIA GEOGRAFIA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI TECNOLOGIA


Scaricare ppt "IndicazioniNazionaliper il curricolo Indicano una meta, non una strada Costituiscono la base comune nazionale Servono per lelaborazione del curricolo."

Presentazioni simili


Annunci Google