La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Docente Prof. GIOIA II SEMESTRE A.A. 2004-2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Docente Prof. GIOIA II SEMESTRE A.A. 2004-2005."— Transcript della presentazione:

1

2 CORSO DI STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Docente Prof. GIOIA II SEMESTRE A.A

3 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO 1. Che cosè la storia del pensiero economico? 2. Il mercantilismo: la nuova dimensione economica e il tema dello sviluppo economico 3. La fisiocrazia: il mercato, le sue regole il circuito economico. 4. Leconomia classica: la scienza economica e lanalisi del sistema capitalistico. 6. Marx e lanalisi del capitalismo. Sviluppo e crisi. 7. La crisi del sistema classico.

4 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO 8. La rivoluzione marginalista: la prima generazione (Jevons, Menger, Walras). 9. La seconda generazione: gli sviluppi della scuola austriaca e Vilfredo Pareto 10. Alfred Marshall 11. La scuola storica tedesca delleconomia e listituzionalismo. 12. J. A. Schumpeter 13. J. M. Keynes 14. Gli sviluppi postkeynesiani

5 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Perché la storia del pensiero economico? La scienza come costruzione di una visione del mondo I quadri di riferimento del lavoro scientifico Lo sviluppo della scienza secondo T. Kuhn: paradigmi e rivoluzioni scientifiche Scienze della natura e scienze sociali La relatività del sapere scientifico: sul piano teorico e sul piano storico Le scienze sociali e lagente conoscente Le ideologie e le teorie scientifiche Schumpeter e lanalisi economica. La compresenza di diversi paradigmi scientifici nelle scienze sociali

6 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia CIRCUITO ECONOMICO

7 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia I DIFFERENTI MICROCIRCUITI DEL CIRCUITO ECONOMICO Consumatore M D M Imprenditore D M D

8 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Economia e società medievale Leredità del passato. La dottrina cristiana. Individui e comunità: la doppia dipendenza. Giustizia distributiva e giustizia commutativa Leggi naturali e ripartizione della ricchezza sociale: gerarchia sociale Fiducia e reciprocità dei vantaggi negli scambi. Dottrine fondamentali: Giusto prezzo e condanna dellusura. Giusto prezzo come sintesi compatibile con la giustizia distributiva e con la giustizia commutativa. Lusura, il capitale e il problema dellarricchimento. Proprietà e rischio: il tema dellinteresse

9 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Le trasformazioni economico-sociali del XV e XVI sec. 1. La trasformazione del sistema economico 2. La diffusione degli scambi mercantili 3. lOlanda e il commercio internazionale 4. Homo oeconomicus e libertà di commercio 5. La nuova dimensione politica: gli stati nazionali 6. Mercanti e manifatture 4. La scienza, la natura, la società: F. Bacone

10 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Francesco Bacone ( ) La vecchia scienza e il mondo nuovo Scienza e meccanica: lutilità della scienza. Sapere è potere La critica alla logica aristotelica e al sillogismo La teoria degli Idola: idola (idola tribus, idola specus, idola fori, idola theatri) Linduzione: la costruzione di nuovi principi

11 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Il mercantilismo Lo sforzo di liberarsi della visione pauperistica. La costruzione della scienza economica La legittimazione della ricchezza e della dilatazione dei consumi La prima fase di sviluppo del mercantilismo:Il bullionismo Ricchezza = denaro? La critica smithiana Ricchezza e sviluppo economico. Il lavoro e la sua produttività. Il ruolo della moneta Il commercio internazionale e la bilancia dei pagamenti

12 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Autori mercantilisti F. Bacone N. Barbon R. Cantillon J. Child B. Davanzati J. Locke G. Malynes T. Mun W. Petty, ecc. SEMINARIO CON IL PROF. LLUIS ARGEMI (13-15 Aprile)

13 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Fisiocrazia La prima scuola economica Perché Fisiocrazia? F. Quesnay Agricoltura e sviluppo Settore industriale Laissez faire e commercio internazionale Il Tableau Economique: illustrazione

14 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Tableau économique PROPRIETARI FONDIARIARTIGIANI IMPRENDITORI AGRICOLI DD MMM AAAMM D

15 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Tableau Economique (1) PROPRIETARI FONDIARIARTIGIANI IMPRENDITORI AGRICOLI DD MMM AAAMM D D

16 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Tableau Economique (2) PROPRIETARI FONDIARIARTIGIANI IMPRENDITORI AGRICOLI AM DMD MAAMM

17 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Tableau Economique (3) PROPRIETARI FONDIARIARTIGIANI IMPRENDITORI AGRICOLI AM MMA MADDM

18 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Economia politica classica Adam Smith David Ricardo Thomas Robert Malthus John Stuart Mill

19 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Smith pensatore illuminista Il metodo scientifico degli scritti giovanili Fenomeni naturali e sociali come caos Ipotesi scientifiche come costruzione di un ordine Relativismo scientifico: al variare delle conoscenze variano le ipotesi e lordine del mondo.

20 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Das A. Smith Problem Il presunto contrasto tra la Teoria dei sentimenti morali e la Ricchezza delle nazioni Sympathy e relazioni umane Fiducia e reciprocità Le regole sociali e le istituzioni Limpartial spectator Lespansione della società commerciale

21 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Adam Smith e la Ricchezza delle Nazioni Inquiry into the Nature and the Causes of the Wealth of Nations (1776) Le peculiarità del capitalismo Divisione del lavoro: effetti sulla produttività del lavoro Reddito naz (Y=πL); reddito pro cap (Y/P= πL/P) Attori sociali: classi Destino del capitalismo: caduta tendenziale del saggio medio di profitto Saggio medio di profitto

22 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia A. Smith: la teoria del valore-lavoro Mercato e mano invisibile Le ragioni di scambio dei beni Teoria del valore-lavoro: stadio primitivo e stadio capitalistico. Lavoro contenuto e lavoro comandato A (1h) = B (1h) A (1h) = C (1/2h) + D (1/2h) A comanda B o (C + D): i.e. le medesime quantità di tempo di lavoro. LAV CONTENUTO = LAV. COMANDATO

23 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia A. Smith e il problema del profitto Teoria del valore-lavoro: genesi del profitto Valore Prezzo Redditi sociali (rendita, profitti e salari) Prezzo naturale Costo di produzione Prezzo di mercato Il problema del profitto

24 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia David Ricardo Leggi della distribuzione e sviluppo economico Analisi della distribuzione del sovrappiù: profitto variabile fondamentale ai fini dello sviluppo economico (п S I ) Teoria del valore-lavoro Smith e il problema irrisolto della genesi del profitto. Composizione del valore nello stadio primitivo e nello stadio capitalistico Valore = lavoro indiretto (strumenti di prod e mat. prime)+ lavoro diretto Classi sociali e proprietà degli strumenti di produzione: spiegazione ricardiana del profitto come reddito residuale

25 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia D. Ricardo e la caduta del s. d. p. Il problema dello sviluppo economico La caduta tendenziale del saggio medio di profitto Rendimenti decrescenti in agricoltura La polemica contro i percettori di rendita

26 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Rendimenti decrescenti in economia

27 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Thomas Robert Malthus Il saggio sulla popolazione (1798) I problemi dello sviluppo economico: la teoria delle crisi I limiti della concezione smith-ricardiana in tema di crisi e squilibri economici La concezione di Ricardo su progresso tecnico e occupazione La critica alla legge degli sbocchi o legge di Say

28 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia LA LEGGE DEGLI SBOCCHI (SAY) O = D Y = reddito sociale; C = consumo; S= risparmio DA = C + I (domanda aggregata del paese) Y = C + S S I Y = C + I Le crisi come fenomeni congiunturali

29 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Malthus: il sottoconsumismo e le crisi Che cosa si intende per sottoconsumismo Salari e consumo Profitto = Consumo + Risparmi Risparmi (parte di ricchezza non consumata), nel caso siano investiti aumentano la produzione (beni da consumare): chi può acquistare i nuovi beni? Ruolo della rendita

30 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia John Stuart Mill Un grande intellettuale dellOttocento: logica, economia, sociologia e scienza politica Il ruolo dellinduzione. Leconomia come scienza deduttiva: lhomo oeconomicus Dalla teoria del valore-lavoro alla teoria del costo di produzione. Il problema dello sviluppo economico Crisi e fluttuazioni: la difesa della legge di Say Caduta tendenziale del saggio medio di profitto Stato stazionario

31 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia KARL MARX FILOSOFO, SOCIOLOGO ED ECONOMISTA: IL GIUDIZIO DI SCHUMPETER LE FONTI DEL PENSIERO MARXIANO: HEGEL; SOCIALISMO FRANCESE, ECONOMIA POLITICA MARX E LECONOMIA POLITICA CLASSICA LA TEORIA DEL VALORE-LAVORO: LA CRITICA A SMITH E A RICARDO W L invece W = FL Distinzione tra Lavoro e Forza-lavoro SAGGIO DI SFRUTTAMENTO o di PLUSVALORE: Pv/v (v = capitale variabile)

32 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia IL PLUSVALORE Il capitalista acquista la forza lavoro per 8 ore in un giorno 8 ore nuovo valore prodotto – I salari contengono lavoro pari a 4 ore=lavoro necessario – Giornata lavorativa - lavoro necessario= pluslavoro – Pluslavoro (pv)= plusvalore che si trasforma in profitto SAGGIO DI PROFITTO: Pv/c+v (c = capitale costante)

33 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia RIPRODUZIONE SEMPLICE E RIPRODUZIONE ALLARGATA: M-D-M ; D-M-D D M (mp + v) Prod M D (D+ΔD) Riprod. Allargata: Dilatazione della produzione e del consumo Se per qualsiasi ragione D troppo piccolo o lo sbocco dei beni dovesse trovare ostacoli la riproduzione allargata del capitale potrebbe incepparsi – Crisi settoriali divengono crisi generali – Il capitalismo ha un andamento ciclico – Esercito industriale di riserva (disoccupati) - Ciclo delloccupazione MARX: SVILUPPO E CRISI

34 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia La caduta tendenziale del saggio di profitto Le macchine che sostituiscono il lavoro aumento della produttività aumento del plusvalore Composizione organica del capitale q = c/v Ma aumenta la composizione organica del capitale (q) caduta (tendenziale) del saggio di profitto

35 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia MARGINALISMO UTILITA DEI BENI E MARGINALISMO TEORIA SOGGETTIVA DEL VALORE Sullo sfondo cè la filosofia utilitarista di J. Bentham ( ) Introduction to the Principles of Morals (1780) – Scelte tra alternative: contenuto di benessere per i soggetti – Consequenzialismo: si giudica un atto solo in base ai suoi risultati – non in base alle intenzioni o alle procedure – Lobiettivo è il massimo di benessere per il maggior numero

36 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia MARGINALISMO:AUTORI William Stanley. Jevons, inglese ( ) – (1871) Theory of Political Economy; laustriaco Carl. Menger ( ), – (1871) Principi fondamentali di Economia Politica il francese Leon Walras ( ), – (1874) gli Elementi di economia pura (scritto indipendentemente) Anticipatore il tedesco Hermann Heinrich Gossen ( ). – Sviluppo delle leggi del commercio umano (1854)

37 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Dalle risorse ai beni finali Produzione: via a senso unico dalle risorse (input) ai beni finali (output) (Classici e Marx: processo circolare) – Il prodotto è qualitativamente differente dai mezzi di produzione utilizzati

38 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Lhomo oeconomicus Scelte razionali degli individui I primi marginalisti: homo oeconomicus – soggetto che sceglie solo in base a regole economiche e non ha altre dimensioni – Due sensazioni: piacere nel consumare e pena nel procurarsi i beni – Pena deriva dalla scarsità Debbo lavorare Debbo rinunciare alle alternative

39 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Scarsità, mercato ed equilibrio Le scelte si impongono perché le risorse sono scarse Le scelte avvengono nel mercato Si raggiunge un equilibrio – Si ha equilibrio quando, date le circostanze, nessuno ha convenienza a mutare le proprie scelte

40 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia LEGGE DI GOSSEN – Livello di utilità decrescente mano a mano che consumiamo dosi successive di un bene DosiUtilità marginale

41 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Il grafico dellutilità marginale Ogni punto nella curva ha come coordinate lutilità marginale (asse delle ordinate) e le dosi del bene (asse delle ascisse) La curva è decrescente

42 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Dallutilità marginale allutilità totale Utilità totale è la somma delle utilità marginali QuantitàUtilità marginaleUtilità totale

43 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Utilità totale e utilità marginale Utilità totale = somma delle utilità marginali delle dosi consumate – tre dosi di cibo utilità totale = =130 utilità marginale = la variazione dellutilità totale dovuta al consumo di ununità in più del bene UT/ Q, utilità marginale della terza dose di cibo = =20.

44 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Il grafico dellutilità totale La curva dellutilità totale è crescente – E concava verso il basso (la sua pendenza diminuisce (cioè il tasso di crescita è decrescente)

45 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia La seconda legge di Gossen Regola della massimizzazione Il soggetto ha un reddito limitato. Quali e quanti beni consumare per massimizzare lutilità I dati del problema: reddito limitato e prezzi dei beni Soluzione: Eguagliare i rapporti tra le utilità marginali e i prezzi per tutti i beni – Lultima lira spesa in ciascun bene deve dare la stessa utilità – Cibo e vestiario: Reddito = 120 – Prezzo cibo = 10 prezzo vestiario 20

46 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Massimizzare Supponiamo che: UMa cibo = 5 e Uma vestiario = 25. Se rinuncio a due unità di cibo perderò approssimativamente un utilità pari a 10 (2x5) Con 20 risparmiate posso consumare ununità in più di vestiario che mi apporta unutilità pari a 25 25>10. La mia soddisfazione è migliorata Si noti che i prezzi sono importanti perché dicono quanto vestiario in più posso consumare rinunciando al cibo e viceversa

47 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Una tabella Quantità di cibo Utilità marginale Utilità totale Quantità di vestiairo Utilità marginale Utilità totale

48 CORSO DI ECONOMIA POLITICA Docente Prof. Gioia Spiegazione Da ricordare R=120 Pc=10 e Pv =20 Lutilità è massimizzata con 4 dosi di cibo e 4 di vestiario – Somma delle utilità totali =250 (rapporto utilità marginali ponderate = 1) – 6 di cibo e 3 vestiario somma utilità =243 (utilità marg. pond.= 0,5 e 1,25) – 2 cibo e 5 vestiario =245 (utilità marg. pond. 3 e 0,75)


Scaricare ppt "CORSO DI STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Docente Prof. GIOIA II SEMESTRE A.A. 2004-2005."

Presentazioni simili


Annunci Google