La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 1 Gli studi sulla famiglia: problemi di definizione e prospettive teoriche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 1 Gli studi sulla famiglia: problemi di definizione e prospettive teoriche."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 1 Gli studi sulla famiglia: problemi di definizione e prospettive teoriche

2 Non basta vivere insieme per essere considerati famiglia!! Individuazione regole di inclusione e/o esclusione dalla famiglia Concetto di FUNZIONE della famiglia (es. cura, riproduzione…..) Concetto di STRUTTURA la famiglia è definita dal tipo di vincolo che lega le persone che la compongono lungo due assi: 1. rapporti di sesso e 2. rapporti di generazione. Le strutture familiari sono legate ai cicli di vita sia oggi che nel passato i componenti di una famiglia, i rapporti che li legano ecc… sono in continuo mutamento! Nella definizione di famiglia altro aspetto da considerare è il confine della casa, esso non coincide sempre con quello della famiglia (accesso al cibo, rapporti sessuali….)

3 Distinzione analitico-metodologica proposta da M. Barbagli Strutture familiari designano regole con cui una convivenza si forma, trasforma, divide.. Relazioni familiari designano rapporti di autorità, affetto, sentimenti tra i conviventi. Rapporti di parentela frequenza con cui parenti si vedono, aiutano….

4 Il modello di famiglia occidentale Età al matrimonio abbastanza alta (23 anni circa per le donne). Differenza detà tra i coniugi bassa (matrimonio tra adulti coetanei con modalità neolocale). Fecondità ridotta (anche per età donna). Presenza dei servi in alcune fasi del ciclo familiare. Tale struttura è prevalente nellovest europeo e viene contrapposta a quella del modello meridionale (multipla discendente). Tutte le ricerche hanno evidenziato una diversificazione delle strutture familiari europee, nel passato e nel presente. Nessun andamento lineare ed univoco !

5 Instabilità delle famiglie del passato Tasso di mortalità elevato (ancora a metà800) di fronte alla morte il sesso e letà erano variabili cruciali! (per es. le donne morivano di più e da vedove era difficile per loro risposarsi!). Fenomeni migratori oltre alle migrazioni stagionali (per es. braccianti o venditori, ambulanti…) tali fenomeni coinvolgevano soprattutto i figli e le figlie eccedenti delle famiglie contadine. Dopo una fase di stabilizzazione tra fine800 e i primi del900 si è inserita in Italia una nuova instabilità che, nella forma più recente, si lega alle separazioni e ai divorzi.

6 Il caso italiano: non è vero che nella società tradizionale italiana, precedente lindustrializzazione, prevalesse ovunque la famiglia multipla. (M. Barbagli). CITTA Tra il XIV e XV sec. e famiglie urbane hanno attraversato 4 grandi mutamenti: 1) stabilizzazione dopo il 1660 dovuta a minore mortalità; 2) riduzione famiglie incomplete; 3) riduzione complessità dietro ai cambiamenti nei modelli di eredità (da quello patrimoniale divisibilefam multiple verticali-orizzontali a quello patrilineare indivisibile con fidecommesso e primogenitura fam. estese, a ceppo, unipersonali a quello di nuovo della divisibilitàfam. nucleari) ; 4) dal XVII riduzione servitù più lunga presenza dei figli in famiglia. CAMPAGNA Nella fam. contadina stretta interdipendenza tra ciclo di vita, attività economica e struttura ricerca equilibrio tra bocche da sfamare, forza lavoro disponibile, necessità produttive. La struttura tende a corrispondere alle esigenze della produzione agricola diverse strutture familiari nei diversi ceti agricoli. Bracciante: vende quotidianamente la sua forza-lavoro in un rapporto col padrone discontinuo ed individuale. Boaro: salariato fisso con contratto annuale però non individuale, impegnava tutta la famiglia che quindi rimane unità produttiva. Mezzadro: in quanto capo della famiglia stipula contratto annuale tra questa ed il proprietario; produzione del podere divisa a metà con in più altri compiti!! Nelle 3 famiglie erano diversi i ruoli,i tempi, le relazioni parentali, lambiente.

7 Strutture di convivenza familiare Famiglie ESTESE con una sola unità coniugale ed uno o più parenti conviventi. Famiglie MULTIPLE con due o più unità coniugali. Famiglie COMPLESSE famiglie estese + famiglie multiple. Famiglia PATRIARCALE rigida separazione dei ruoli tra i membri (per sesso, età..), fortemente asimmetrica. Famiglia CONIUGALE INTIMA sistema di ruoli flessibile, meno legata alle variabili sesso ed età, le relazioni dautorità sono più simmetriche.


Scaricare ppt "Lezione 1 Gli studi sulla famiglia: problemi di definizione e prospettive teoriche."

Presentazioni simili


Annunci Google