La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lapplicazione nellambito del Servizio bibliotecario nazionale Laura Bonanni, Cristina Magliano Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lapplicazione nellambito del Servizio bibliotecario nazionale Laura Bonanni, Cristina Magliano Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche."— Transcript della presentazione:

1 Lapplicazione nellambito del Servizio bibliotecario nazionale Laura Bonanni, Cristina Magliano Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche Laboratorio per le metodologie della catalogazione e per la didattica Le nuove regole di catalogazione: presentazione, analisi e prospettive di applicazione 4. giornata di studio della Commissione RICA Roma, 27 febbraio 2008

2 Perché le REICA RICA non più rispondenti alle mutate esigenze delle biblioteche e dellutenza allevoluzione della teoria e della pratica catalografica a livello internazionale alle nuove tipologie di materiali sempre più presenti nelle biblioteche al passaggio dal catalogo cartaceo al catalogo automatizzato, dal catalogo di una singola istituzione al catalogo collettivo

3 Catalogo collettivo SBN SBN non soltanto strumento collettivo per la catalogazione in rete ed il prestito, ma con compiti molteplici quali: diffusione delle normative nazionali diffusione delle normative e degli standard internazionali diffusione delle necessarie interpretazioni e adattamenti delle normative gestione degli authority file nazionali

4 REICA Dall esperienza della catalogazione cooperativa è nata, da parte dellIstituto, la richiesta alla Direzione generale di costituire una Commissione per la revisione delle RICA Il sistema SBN, ha avuto come principio fondante il rispetto da parte dei partner della normativa nazionale obiettivo di SBN: applicazione delle Regole nazionali di catalogazione in un contesto informatico

5 REICA segue scritte per un catalogo generale danno indicazioni per il trattamento dei materiali speciali sulla base delle esigenze emerse dal mondo SBN: con la unificazione delle basi dati di SBN, le catalogazioni specialistiche sono andate a confluire nel catalogo collettivo generale –Necessità di diffondere per la cooperazione da parte ICCU una serie di indicazioni e normative di catalogazione per riportare ad una uniformità generale i vari trattamenti e rendere nello stesso tempo le specificità proprie dei materiali cosiddetti speciali

6 Indice 1 e RICA Analisi e programmi che avrebbero dato vita al Servizio Bibliotecario Nazionale sviluppati nel 1983 le RICA erano già state pubblicate e la loro applicazione si attuava sin dal 1978 in via sperimentale il database di Gestione Bibliografica, la procedura cardine di SBN, applicò le norme di un codice di riferimento ormai stabile alla logica di un database relazionale ci si attenne alla normativa nazionale, introducendo caratteri e punteggiatura lenfasi data alle notizie di accesso titolo ha comportato unanalisi di tali record e dei suoi attributi nonché unanalisi semantica delle relazioni da implementare

7 SBN e normative SBN come catalogo collettivo on line ha avuto necessità di regole vincolanti : – le Regole italiane di catalogazione per autori, già ampiamente conosciute ed applicate dalla comunità bibliotecaria – lapplicazione dello standard ISBD da poco introdotto a livello sperimentale dalla BNI – Guide alla catalogazione in SBN Libro moderno (1.a edizione 1987) e antico –Seconda edizione (1995) per il materiale moderno che recepiva prassi catalogazione partecipata –OPAC SBN di Indice e di polo e semplificazione dei molteplici accessi previsti dalle prime regole della Guida –attività di AC e produzione di procedure centralizzate di correzione e manutenzione del catalogo e di strumenti statistici –catalogazione cooperativa comunicazioni puntuali sulla applicabilità delle norme e diffusione di corretta interpretazione

8 Indice 2 e contesto normativo Progettato alla fine degli anni 90 nuovo modello funzionale per i record bibliografici dellIFLA (FRBR) da poco pubblicato (1998) avviati i lavori della Commissione di revisione delle RICA (1997) nuovo Indice si presentava con un capitolato già codificato e con spazi minimi per eventuali modifiche

9 SBN oggi Protocollo SBN con il quale colloquiano la maggior parte dei poli Protocollo SBN/MARC rivolto ai nuovi poli SBN/MARC protocollo al quale gradualmente si tende OPAC SBN rivolto agli utenti Nuovo pacco UNIX c/s web, tra i primi ad essere pronto al colloquio con il nuovo protocollo

10 Nuovo Indice e compatibilità tra i due protocolli Base dati alimentata in linea dalle biblioteche che, attraverso il riversamento dei dati inseriti secondo il protocollo SBN e SBN/MARC, effettuano la catalogazione partecipata Diverse le modalità di partecipazione ad SBN: più ampie: lIndice infatti è aperto anche a sistemi di biblioteca non SBN che richiedano la certificazione più differenziate: diversi sono i livelli di cooperazione che vanno dalla sola cattura dei dati alla correzione in linea delle informazioni attraverso l'utilizzo dell'Interfaccia Diretta

11 Nuovo Indice unica base dati integrata (Libro moderno, antico, Musica, Grafica e Cartografia) prevede campi e canali di ricerca specifici per le diverse tipologie di materiale, la disponibilità del documento in formato digitale usufruisce di attività di authority control integrate nellarchivio e dotate di strumenti di supporto quali archivio bibliografico dei repertori e statistiche

12 Rinnovamento tecnologico Base dati maggiormente aderente agli standard internazionali e più coerente alla semantica UNIMARC e Marc21 Nuova modalità di colloquio: messaggi che utilizzano la semantica MARC, lo schema XML e UNICODE Nei servizi di importazione e esportazione è prevista lattività di conversione tra i due formati Unimarc e SBN Marc controlli di validità delle informazioni in input

13 Differenza da Unimarc Unimarc gestisce le informazioni con record piatto SBN costruisce un reticolo di relazioni tra oggetti bibliografici, in cui ogni oggetto è identificabile e descritto in una unica occorrenza titoli di accesso in Unimarc sono riportati a livello descrittivo nei blocchi 4xx e 5xx struttura dati in SBN autonoma per i titoli di accesso. Tali titoli possono essere identificati, corretti, collegati a più documenti, collegati ad altri titoli di accesso o a elementi di authority

14 Protocolli SBN e SBN-MARC difficoltà nella fase di convivenza dei due protocolli I due protocolli di colloquio sono distinti e completamente indipendenti ma condividono la stessa base dati Il protocollo SBN consente ai Poli di continuare ad utilizzare i propri applicativi garantendo le funzionalità attualmente in uso e laccesso ai dati relativi a Libro moderno e Libro antico

15 Protocolli SBN e SBN-MARC segue 2 Il protocollo SBNMARC consente agli applicativi che lo adottano lutilizzo di un maggior numero di funzionalità e laccesso e la gestione di una più ampia tipologia di dati La base dati integrata contiene una serie di informazioni che i poli con protocollo SBN non possono gestire: - specificità di Musica, Grafica e Cartografia -campi aggiuntivi per le voci di Authority

16 Compatibilità con sistemi di gestione della biblioteca non SBN Ampliamento della partecipazione al SBN : apertura dellIndice ai s/w commerciali, cioè a quei sistemi di gestione della biblioteca che utilizzino i più diffusi formati bibliografici realizzazione di uninterfaccia standard di colloquio e certificazione da parte dellICCU qualsiasi cambiamento del protocollo implica oggi modifiche non soltanto con i poli che utilizzano i s/w gestiti dallICCU (di polo e di Indice), ma anche con i s/w certificati gestiti dalle varie ditte

17 Indice 2-Politica diversa Apertura a esigenze e aspettative diversificate con abilitazioni e parametrizzazioni differenziate: tipo di allineamento preferito tipo di reticolo che si intende gestire trattamento o meno degli spogli trattamento dei legami facoltativi con gli autori

18 Profilo utente Definizione del profilo con la scelta di gestire o meno: i tipi di materiale di cui il Polo gestisce i dati specifici (musica, cartografia, grafica). Un utente che non gestisce un tipo di materiale non può inserire documenti di quel tipo, ma può correggere le parti comuni i legami con elementi di authority gli authority files da alimentare (autori, titoli uniformi, marche, luoghi, soggetti, classi) I controlli di obbligatorietà e coerenza dei dati, a differenza del passato, sono a carico dellIndice e non dei sw periferici, come pure il calcolo delle chiavi, il cui mantenimento resta comunque imprescindibile prima di tutto per la convivenza con il protocollo SBN, che le utilizza e poi perché su esse si basano i controlli di similitudine e le attività di import

19 Qualità del catalogo Grande impegno cooperativo da parte dei partner SBN, onerose attività di pulizia, realizzazione di voci di authority control MA i dati continuano ad essere duplicati o erroneamente fusi Migrazioni, automatismi, lavori a basso compenso, mancanza di specifica formazione, superficialità nellaccostarsi ad un patrimonio comune presenza di strumenti per monitorare le attività sullIndice: necessità di interventi di tipo diverso in presenza di danni pesanti e ripetuti nei confronti della cooperazione

20 Ricerca in Indice2 Numerosi canali e filtri aiutano la ricerca: tutti i titoli ammettono il filtro per livello di autorità, per range di date di inserimento e aggiornamento; per i titoli sono ulteriori filtri: il tipo materiale e il tipo record, un range di date di pubblicazione, il codice di responsabilità con il nome dellautore Gli autori, i soggetti e le marche possono essere cercati anche mediante parole (fino a 4) A quelli generali si aggiungono i filtri specifici per le diverse tipologie di materiale Uso dei filtri in navigazione In base alle diverse esigenze è possibile anche determinare diverse tipologie di ordinamento

21 OPAC SBN Nuova interfaccia messa in linea a fine dicembre 2007 Unifica le due interfacce precedenti, quella storica del 1997 (riconoscibile per lo sfondo rosa definito convenzionalmente OPAC a pallini) e quella di qualche anno dopo SBN ON LINE LOPAC SBN attuale mantiene tutte le caratteristiche e le funzionalità del precedente, ivi compreso lo scorrimento delle liste- per stringhe e per parola- integrato con le maschere di ricerca a campi fissi, ma acquisisce anche quellorientamento ai servizi previsto da SBN On line (aggancio al servizio di prestito interbibliotecario SBN ILL e possibilità di accesso alla base dati anagrafe) Unimportante novità presente nellOPAC SBN è la possibilità di ricercare e visualizzare le registrazioni di autorità presenti nel gestionale SBN, con tutte le informazioni relative

22

23 Unix web Primo client SBN MARC Adeguamento della catalogazione partecipata al nuovo protocollo Indice SBNMARC e quindi catalogazione delle specificità del materiale cartografico, musicale, grafico, video e sonoro e delle voci di authority Possibilità di catalogare anche solo in locale titoli ed autori, inviando in Indice soltanto alcuni elementi del reticolo

24

25 Verso nuove Guide SBN La catalogazione del materiale video in SBN, %20Video.pdf?l=it Guida alla catalogazione in SBN. Musica, 2007

26 Applicabilità delle REICA Applicabilità al catalogo SBN –Core di base comune –In base a tipo materiale (SBN) e tipo record (SBN/MARC) implementazione specificità REICA: serie di indicazioni generali e analitiche per tipologie di documenti

27 REICA e catalogazione cooperativa Normative con indicazioni opzionali Esigenza per catalogo SBN di indicazioni tassative per mantenere coerenza e uniformità

28 Tipologie di modifiche Chiarimenti Semplificazioni di trattamento Modifiche di catalogazione

29 Interventi su SBN Modifiche che richiedono interventi s/w –Impatto a livello centrale –Impatto a livello locale e sui s/w commerciali certificati Modifiche catalografiche con impatto sul pregresso necessità di lavori di bonifica

30 REICA e FRBR normativa REICA innovativa e rispondente alla nuova struttura concettuale FRBR e alla logica relazionale estesa ai vari livelli logica già presente nel catalogo SBN ma adesione graduale in quanto alcune soluzioni devono necessariamente prevedere una struttura più articolata, ma già alcune scelte e semplificazioni potrebbero essere applicate

31 Chiarimenti e semplificazioni definizioni e indicazioni per trattamento monografie, seriali o collezioni (pt.I, ) raccolte di opere di uno stesso autore o di autori in collaborazione tra loro (Pt. II ): collegare i titoli uniformi delle varie opere contenute, o un titolo uniforme collettivo se le opere sono più di tre o il titolo uniforme dellopera prevalente alla descrizione della raccolta. Scelta ritenuta particolarmente efficace per le pubblicazioni musicali

32 Semplificazioni Forma più frequentemente usata per autori ed enti (ma rinuncia alla categorizzazione da molti preferita soprattutto per gli enti quali Università e simili ) cambiamenti del nome di enti e cambiamenti minori (16.0.3, e ): le indicazioni sono dettagliate con una ricca esemplificazione: SBN/MARC ha già reintrodotto il legame A4A per i rinvii reciproci

33 Innovazioni Scelte catalografiche innovative e fortemente condivise dal mondo SBN, quindi auspicabili: Richiami o rinvii reciproci ( A. ) che collegano due o più intestazioni uniformi connesse: p.es. il nome di una persona e il nome di un ente (gruppo, studio, etc.) di cui la persona fa parte oppure uno pseudonimo collettivo Scelte catalografiche già presenti in Indice 2: codifiche che indicano il ruolo degli autori nei confronti dellopera/espressione o della manifestazione, titolo uniforme per la composizione musicale, etc.

34 Applicabilità totale titolo uniforme e modifiche La completa gestione comporterebbe: nuova visualizzazione tree view del titolo uniforme con i suoi legami autori principali ai fini di una ricerca guidata ed una presentazione chiara per lutente che già in SBN vede sempre accanto al titolo uniforme il nome dellautore nuovi attributi o qualificazioni da prevedere (lingua, forma, indicazione di parte) che non devono fare parte del titolo uniforme ma avere la funzione di selezione, come già in SBN per la lingua presente come codifica nella manifestazione. Implementazione delle relazioni tra opere derivate o connesse (legame A4A), che sono un ulteriore approfondimento non previsto

35 Innovazioni: Titolo uniforme Alta valenza che lentità riveste per laccesso in cataloghi automatizzati Creazione del titolo uniforme per tutte le opere registrate nel catalogo Necessità di una modifica radicale e strutturale del s/w a livello di Indice e di polo evoluzioni software di grande entità che consentano una gestione completa e nuove modalità di visualizzazione

36 Innovazioni: Titolo uniforme segue 2 Eventuale applicabilità intermedia e parziale: applicarlo a particolari tipologie applicarlo per autori rappresentati da più titoli

37 Forma per autori Numero ordinale per le persone Reintroduzione regola più rispettosa della forma del nome per alcuni tipi di nomi di persona in contrasto con la consuetudine SBN trascrizione per gli enti del numero ordinale in numeri arabi ma come parte del nome invece che come qualificazione (Pt. III, ), lasciando lopzione in alcuni sistemi fra i quali viene espressamente citato SBN, di trascriverlo allinterno delle parentesi uncinate

38 Guida alla catalogazione SBN/MARC Dovrà tenere conto delle particolarità SBN/MARC Gruppo di analisi da parte ICCU e catalogatori SBN Mantenimento di alcune scelte SBN

39 Nuova Guida SBN/MARC Con gruppo di esperti SBN si sono affrontati i problemi di applicabilità delle REICA in SBN (in particolare: titolo uniforme, titoli uniformi collettivi, titolo uniforme per le raccolte; forma per gli autori personali e collettivi, la descrizione dei periodici, etc.). Lanalisi proseguirà per tutte le tipologie di materiali con particolare riferimento ai dati e alle codifiche previste in Indice 2

40 Scelte SBN Titolo parallelo espunto dalla descrizione e considerato come notizia collegata: motivazioni per il mantenimento si preferisce privilegiare laccesso problemi sul pregresso per la ricostruzione della sequenza modifiche da applicare ai programmi di trascodifica UNIMARC per il riconoscimento del titolo della notizia molto pesanti.

41 Scelte SBN Pubblicazioni in più unità: modifica SBN rispetto allo standard per particolari esigenze: consentire il collegamento ad un solo livello generale di tutte le notizie relative ai volumi particolari nelle successive edizioni Ritenuta scelta funzionale in quanto non obbliga a controlli continui ed economica ai fini dellOPAC

42 Lavori di bonifica I lavori di bonifica del pregresso devono essere valutati attentamente non per frenarci laddove le innovazioni sono funzionali anche e soprattutto per un catalogo di vaste proporzioni quale SBN, ma per pianificare quali interventi hanno una priorità e quali possono essere procrastinati

43 Problemi da approfondire fonti per i video punteggiatura ISBD per larea 1 delle pubblicazioni antiche (nellISBD cons si lasciano varie opzioni a discrezione dellagenzia catalografica) impostazione dellarea 4 per lantico punteggiatura per i titoli di più opere senza un titolo dinsieme. Per questultimo caso si dovrebbe definire a livello internazionale una soluzione che attualmente non sembra coerente con luso di una punteggiatura significativa esecuzioni di musica classica e interpretazioni di musica leggera per le quali sono state ipotizzate da altri gruppi che lavorano sulle normative soluzioni differenti e che necessitano di una ulteriore riflessione

44 Diffusione REICA ad SBN Una volta pubblicato il testo in maniera definitiva si darà la comunicazione ai responsabili dei poli e ne sarà data ampia diffusione sul sito dellICCU e potrà iniziare leffettiva applicabilità. LIstituto nel corso del 2009 pubblicherà le relative guide alla catalogazione. Sarà una verifica importante in quanto si applicheranno ad un catalogo generale e di impianto nazionale, già orientato ad una parcellizzazione delle informazioni, nuove soluzioni normative proiettate anche verso una gestione innovativa


Scaricare ppt "Lapplicazione nellambito del Servizio bibliotecario nazionale Laura Bonanni, Cristina Magliano Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche."

Presentazioni simili


Annunci Google