La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Igiene Ambientale Temi principali: Aria: inquinanti esterni e interni, microclima e rumore effetti sulla salute Radiazioni ionizzanti e non: effetti sanitari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Igiene Ambientale Temi principali: Aria: inquinanti esterni e interni, microclima e rumore effetti sulla salute Radiazioni ionizzanti e non: effetti sanitari."— Transcript della presentazione:

1 Igiene Ambientale Temi principali: Aria: inquinanti esterni e interni, microclima e rumore effetti sulla salute Radiazioni ionizzanti e non: effetti sanitari Acqua: fabbisogno, inquinamento effetti sulla salute, potabilizzazione, risanamento delle acque reflue. Suolo: composizione, inquinamento da rifiuti solidi, effetti sanitari, norme di prevenzione. Alimenti come veicolo di esposizione ad agenti nocivi (intossicazioni, tossinfezioni, cancerogeni) Inquinamento da pesticidi

2 Aria LAtmosfera è composta dalla troposfera (circa 10 km), che sostiene la vita e la stratosfera (incompatibile con la vita, temp. -57) Dal Km della stratosfera, lozonosfera con alta concentrazione di ozono Oltre la stratosfera, ionosfera

3 Parametri di valutazione climatici e microclimatici Temperatura Umidità Pressione dellaria Ventilazione Misurati attraverso: termometri a mercurio,ad alcool, globotermometro, igrometri, psicrometri, anemometri, e centraline che integrano i parametri.

4 La composizione dellaria normale (alla temp di 0 C, e di pressione di760 mmHg) Azoto 78,09 % Ossigeno 20,95 % (stabile) Argo 0,93% Anidrite carbonica 0,03% (in aumento, con conseguente effetto serra) Trace di neon,elio, xenon

5 Inquinamento dellaria Emissione: quantità di inquinanti prodotta ed eliminata da una sorgente Concentrazione: quantità misurata per volume daria. Immissione: quantità riscontrata al livello del suolo proveniente da una emissione (che dipende dalle condizioni meteo, es. venti,umidità,quota di emissione, presenza di valli o monti, presenza di alta o bassa temperatura o umidità, temperatura del suolo, fenomeni di inversione termica,

6 Inversione termica La temperatura dellaria decresce (di circa 1C, ogni 100m) con lallontanamento dal suolo. Questo consente lallontanamento ( verso lalto) degli inquinanti prodotti dalle attività umane. In condizioni particolari, gli strati superiori possono avere una temperatura più elevata, impedendo la fuga degli inquinanti verso lalto. Laria vicino al suolo può essere raffreddata per cause climatiche (gelo) (inversione da radiazione dal suolo) (es. smog di Milano),oppure per cause di venti marini (caldi) che sovrastano laria inquinata (più fredda) della città (es. Los Angeles, Atene, Tokyo)(inversione da stasi)

7 Emissioni di Biossido di Carbonio

8 Il problema del riscaldamento globale Il contributo maggiore dovuto a: Biossido di carbonio: 61% Metano: 15% NOx: 10 % CFC: 6 % Altri: 5% Emissione pro capita: paesi industriali: Paesi EU Italia 8 9

9 Il protocolo di Kyoto (1997) Impegna i paesi industrializzati a ridurre le proprie emissioni di CO 2 e di altri gas a effetto serra (metano, protossido di azoto, tre composti fluorurati) entro il 2012 nella misura complessiva di 5,2% rispetto ai livelli del Nel 2005 solo la UK, Svezia e Luxenburgo hanno ridotto in modo da raggiungere il target. In Italia le emissioni di CO2 dal 1990 al 2004 sono aumentate del 13%. La fonte principale il trasporto.

10 Componenti inquinanti dellaria CO da combustione incompleta dei autoveicoli Composti a base di azoto (ossidi di azoto) da impianti termici, e dai autoveicoli, spec. Diesel. Effetti app. respiratorio spec. Asmatici. COV (acetone, idrocarburi come il benzene, clorofluorocarburi ecc,) provenienti da uso di solventi,carburanti, vernici ecc. Effetti tossici e cancerogeni. Ozono si forma nella troposfera in presenza di ossidi di azoto e irraggiamento solare. Aumenta nei mesi estivi. Effetti negativi sulle piante, e effetti infiammatori sul uomo, spec. Bambini anziani e malati di mal. Respiratorie (oltre 200ug/mc) Polveri totali sospese, polveri con diametro inferiori a 2,5 e inferiori a 10 u. Metalli (spec. Piombo) Cd, Cr, Asbesto

11 Il ruolo degli autoveicoli Inquinamento sempre presente ma con forte variabilità oraria e stagionale. La sua caratteristica peculiare è lemissione al livello del uomo, (spec. bambino) Scarichi ricchi di CO, IPA,CO2, Pb, SOx Motori a benzina scaricano più CO e IPA (nel passato molto Pb) Motori diesel scaricano più NOx Forti differenze se il motore lavora a regime o sotto sforzo Forti differenze secondo lo stato di manutenzione

12 Particolato Atmosferico Per particolato si intendono tutte le particelle solide o liquide sospese nell'aria, esclusa l'acqua pura, con dimensioni microscopiche. Il PM10 è il particolato atmosferico che ha un diametro uguale o inferiore a 10 µm Le particelle maggiori (da 2,5 a 10 µm) rimangono in atmosfera da poche ore a pochi giorni. Sono relativamente dannose per la salute e l'ambiente Il PM 2,5 è il particolato più pericoloso per la salute e l'ambiente: questo particolato può rimanere sospeso nell'atmosfera per giorni o settimane.

13 PENETRAZIONE IN FUNZIONE DELLE DIMENSIONI PARTICELLARI

14

15 Origini degli inquinanti particellari Le fonti di generazione del materiale particolato sono molto ampie e dipendono sia da eventi naturali che dalle attività antropiche. Un fattore di generazione è costituito dai processi di combustione a grande scala sono rappresentati da fonti naturali come ad esempio i vulcani. Nelle città entrano in gioco il riscaldamento civile e domestico e, soprattutto il traffico veicolare mentre nelle aree suburbane e rurali entrano in gioco anche le attività industriali e le attività agricole. In ambito occupazionale la formazione di particolato dipende dai processi produttivi e dai cicli tecnologici che caratterizzano le diverse mansioni.

16

17 Effetti degli inquinanti sullambiente Danni sulle piante dalla sedimentazione di polveri e sostanze tossiche Creazione di piogge acide (SOx,NOx con H2O) Disturbi degli ecosistemi acquatici da acidità o la presenza di metalli Danni sulle opere darte Aumento dei gas serra (CO2, O3, SOx, CFC) che assorbono linfrarosso con conseguente riscaldamento globale Assottigliamento dello strato di Ozono della stratosfera in seguito alla presenza di Cl (da clorofluorocarburi) e UV Formazione di smog ossidante (fotochimico), in presenza di sole e alta temperatura con produzione di ozono e altri gas irritanti. (Frequente nel inversione termica da stasi) Smog di Atene Formazione di smog riducente da inversione termica da radiazione (basa temperatura),con alta concentraqzione di SOx. Smog di Londra

18


Scaricare ppt "Igiene Ambientale Temi principali: Aria: inquinanti esterni e interni, microclima e rumore effetti sulla salute Radiazioni ionizzanti e non: effetti sanitari."

Presentazioni simili


Annunci Google