La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La semplificazione dei costi dei Fondi Strutturali: aspetti normativi e indicazioni derivanti dalla nota COCOF/09/0025/04 19 - 20 Settembre 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La semplificazione dei costi dei Fondi Strutturali: aspetti normativi e indicazioni derivanti dalla nota COCOF/09/0025/04 19 - 20 Settembre 2012."— Transcript della presentazione:

1 La semplificazione dei costi dei Fondi Strutturali: aspetti normativi e indicazioni derivanti dalla nota COCOF/09/0025/ Settembre 2012

2 2 Regolamento 396/ IDEM a)OMISSIS b)nel caso di sovvenzioni: I.i costi indiretti dichiarati su base forfetaria fino al 20% dei costi diretti di unoperazione II.i costi fissi applicando tabelle standard di costi unitari definiti dallo Stato membro; III.somme forfetarie destinate a coprire linsieme o una parte dei costi di unoperazione. La somma forfetaria di cui al primo comma, lettera b), punto iii) non eccede i euro. Sintesi del quadro normativo di riferimento Regolamento 1081/06 3. Le spese seguenti sono considerate ammissibili a un contributo del Fondo ai sensi del paragrafo 1, purché siano sostenute conformemente alla normativa nazionale comprese quelle in materia contabile e alle condizioni specifiche sottoindicate: a) OMISSIS b) Nel caso di sovvenzioni, i costi indiretti dichiarati su base forfetaria fino al 20% dei costi diretti di unoperazione

3 Aspetti attuativi e di audit Presentazione del documento di nota COCOF /09/0025/04 sulle opzioni di semplificazione dei costi, in particolare le tabelle unitarie di costo standard

4 Le opzioni di semplificazione dei costi Obiettivi del documento della CE Presentare le tre opzioni di semplificazione dei costi e la loro rispettiva origine Costruire una comune base interpretativa su queste opzioni Fornire un orientamento tecnico su come adottarle e rendicontarle Promuovere buone pratiche e renderle condivise dalle diverse Autorità Comprendere in un unico documento tutte le opzioni e tutti gli aspetti di gestione e di audit.

5 Lorigine delle opzioni della tabella standard di unità di costo Regolamento FSE : possibilità di dichiarare i costi indiretti su base forfettaria: il CUS è unestensione in termini di ulteriore semplificazione La maggioranza degli errori riscontrati dalla Corte dei Conti europea nella spesa per le azioni strutturali dovuti alla complessità delle regole Rapporto annuale 2007 della Corte dei Conti europea: fare maggiormente ricorso allutilizzo delle somme forfettarie o ai pagamenti sulla base di costi fissi piuttosto che di costi reali Parere della Corte dei Conti europea, n.1/2010: concentrarsi maggiormente sugli output piuttosto che sullinput Opzione già esistente nel Regolamento Finanziario

6 Perché il FSE? Perché è una semplificazione? Il FSE sostiene la spesa per operazioni immateriali finanziate principalmente attraverso sovvenzioni e giustificate da documenti di spesa in base ai costi effettivamente sostenuti Presenza di un gran numero di documenti di supporto necessari a giustificare la spesa anche per importi limitati Molteplicità di costi ammissibili (spesso le regole sono complesse e di difficile generalizzazione) Molti interventi di importo limitato e/o realizzati da soggetti di piccole dimensioni, anche non profit, con capacità limitate di gestione finanziaria comportano comunque attività amministrative spesso onerose.

7 Gli emendamenti ai Regolamenti FSE/FESR A seguito dellemendamento (Reg. 396/2009 e Reg. 397/2009), vi sono 4 opzioni per gestire le sovvenzioni co-finanziate dai Fondi Strutturali 1.a costi reali, 2.su forfetizzazione dei costi indiretti (nuova per il FESR, ma già esistente per il FSE) 3.tabella standard di unità di costo 4.somme forfettarie

8 La disposizione è riservata alle sovvenzioni Le opzioni di semplificazione dei costi si applicano unicamente alle sovvenzioni: se loperazione o il progetto sono stati selezionati tramite appalti pubblici di servizi o procedure in economia, non vi è possibilità di ricorrere alle opzioni di semplificazione dei costi. Infatti, in caso di appalto pubblico si acquista un servizio o la fornitura di un lavoro contro un pagamento che viene effettuato in base ad un prezzo stabilito nel contratto, senza dover ricorrere alla giustificazione dei costi reali

9 Come definire la metodologia di calcolo? Nessun metodo è definito dal Regolamento. La nota Cocof definisce le condizioni, i principi ed i criteri che dovranno essere rispettati La Commissione non verificherà le motivazioni per aver scelto un metodo rispetto ad un altro, ma esclusivamente il rispetto dei criteri previsti. La scelta della metodologia è di competenza esclusiva dellAutorità di Gestione del Programma.

10 Come definire la metodologia di calcolo? Il metodo di calcolo deve essere: –Stabilito in anticipo la possibilità del loro utilizzo deve essere prevista da parte dellAutorità di gestione, per esempio, nellinvito a presentare proposte (avviso pubblico), o al più tardi nellatto di concessione o in un atto avente effetti giuridici equivalenti; –Giusto: ragionevole, realistico, né eccessivo, né estremo. Debitamente giustificato e motivato. –Equo: non teso a favorire taluni beneficiari o tipi di operazioni rispetto ad altri. –Verificabile: basato su evidenze documentali che si possano verificare (pista di controllo). Definizione ex- nihilo dei tassi non ammessa.

11 Alcuni esempi di metodologia di calcolo Per ciascuna tipologia di operazione: Analisi dei dati storici: studio, analisi statistica, studio dedicato, ecc. Analisi di mercato: indagine sui costi vigenti per una stessa tipologia di attività in diversi contesti

12 Combinazione delle opzioni Possibilità di combinare le opzioni di semplificazione dei costi (con o senza costi reali) in presenza di due condizioni: –Diverse categorie di costi ammissibili –Diversi progetti nellambito della stessa operazione Qualora sia prevista tale possibilità occorre comunque evitare il rischio di doppio finanziamento

13 Impatto delle opzioni di semplificazione dei costi sulla certificazione di spesa Modifica il concetto di spesa sostenuta" dai beneficiari: cambia la definizione di quella che viene considerata la spesa da certificare alla Commissione. Tabelle standard di costi unitari / somme forfettarie: certificazione della sovvenzione da parte dellAutorità di Certificazione in base al reale progresso delloperazione e non alla spesa effettiva (reale).

14 14 Costi unitari standard PRODOTTI FINALITA OPPORTUNITA CRITICITA Semplificazione amministrativo- finanziaria Pagamento sulla base di tavole standard di unità di costo variabilità dei dati tra diverse tipologie di intervento variabilità dei dati allinterno della stessa tipologia di intervento verifica degli elementi qualitativi dellintervento variabilità dei dati tra diverse tipologie di intervento variabilità dei dati allinterno della stessa tipologia di intervento verifica degli elementi qualitativi dellintervento Finalità, opportunità e criticità del regime semplificato

15 15 Fasi di attività per la definizione dei costi unitari standard I FASE II FASE Tabella CUS

16 16 Ammontare del contributo erogabile In linea generale, limporto massimo del contributo erogabile è dato dalla somma tra: il prodotto tra lunità di costo standard individuata (parametro fisso) e la formazione complessiva il prodotto tra lunità di costo ora allievo (parametro variabile) e la somma delle ore di formazione teoriche frequentabili da parte dei corsisti iscritti. la macrovoce di spesa B2.3 Attività di sostegno allutenza, se prevista.

17 17 La procedura di approvazione ed impiego dei CUS Alla luce della normativa comunitaria e della metodologia definita dallAdG, sono in corso di definizione i criteri per lattuazione delle tabelle di costi standard per costi unitari. Il documento sarà approvato dalla Giunta. LAmministrazione Provinciale determinerà, in sede di programmazione annuale delle attività, gli interventi formativi su cui intende applicare le tabelle standard per costi unitari.

18 18 Alcuni elementi da considerare Il documento sulle modalità di applicazione dei CUS definirà anche: 1.la documentazione da presentare in fase di dichiarazione trimestrale di attività e di dichiarazione finale di attività; 2.i casi di decurtazione del parametro standard 3.le modalità di svolgimento dellattività di controllo di primo livello; 4.le modalità di certificazione della spesa.

19 19 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "La semplificazione dei costi dei Fondi Strutturali: aspetti normativi e indicazioni derivanti dalla nota COCOF/09/0025/04 19 - 20 Settembre 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google