La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le."— Transcript della presentazione:

1 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 1 Percorsi formativi per il passaggio tra l area B alla posizione economica C1 alla posizione economica C1 Il Codice dellAmministrazione Digitale Roma, 10 ottobre 2009 Antonia Pasqua RECCHIA

2 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 2 Il Codice dellAmministrazione Digitale I progetti del MiBAC Da ICT Cultura a CulturAmica

3 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 3 Premesse Premesse Organizzazione, risorse, processi/1 Ogni Istituzione si organizza secondo la propria missione e per perseguire gli obiettivi identificati, sia generali, (lungo periodo) che specifici, (medio e breve periodo) Lorganizzazione è definita dalla struttura: diverse unità organizzative con compiti ed obiettivi specifici che cooperano per la missione comune attraverso legami di tipo gerarchico e funzionale

4 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 4 Organizzazione, risorse, processi/2 Organizzazione: risorse processi Materiali e immateriali: prodotti o servizi, beni strumentali, attrezzature, immobili, denaro, personale, informazioni Insieme di attività, sequenze di decisioni e azioni, fra loro correlate, finalizzate al risultato predefinito per svolgere la missione istituzionale

5 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 5 Organizzazione, risorse, processi/3 Componenti del processo: 1. prodotti (nel caso della P.A. si tratta di servizi) 2. attività correlate (flusso del processo) Se lorganizzazione eroga servizi il processo è un Processo di servizio Procedura: tipo di processo di servizio le cui fasi sono regolate a priori in modo formalizzato; documento che descrive il processo, applicazione informatica che automatizza alcune attività del processo. Procedimento: Insieme di atti, anche eterogenei e autonomi, ma fra loro correlati e spesso sequenziali, individuati da norme specifiche, tendenti a definire un unico atto conclusivo a rilevanza esterna, generatore di effetti giuridici, il provvedimento o atto provvedimentale

6 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 6 Organizzazione, risorse, processi/4 Tipologie dei processi e delle decisioni dellIstituzione 1. Processi direzionaliconcorrono alla definizione degli obiettivi strategici (decisioni non strutturate) 2. Processi gestionaliconcorrono a tradurre gli obiettivi in criteri di gestione e controllano il raggiungimento degli obiettivi (decisioni semistrutturate) 3. Processi operativiconcorrono allattuazione degli obiettivi (decisioni per lo più strutturate)

7 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 7 Innovazione e tecnologia/1 Innovazione come strumento per migliorare la qualità delle organizzazioni: più efficienza, più efficacia, più economicità Cambiamento ed evoluzione sono connaturati ad ogni organizzazione e alla realtà del contesto in ci opera ma Gestire con successo il cambiamento è difficile La tecnologia è un potente strumento per linnovazione ma non solo………………………

8 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 8 Innovazione e tecnologia/2 Le tecnologie dellinformazione e della comunicazione (ICT) sono un potente strumento di innovazione. Linformazione è una particolare risorsa. Le ICT accelerano i processi informativi 1. tecnologie per la gestione automatizzata delle informazioni 2. teorie e metodologie per il loro utilizzo

9 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 9 Innovazione e tecnologia/3 Linnovazione, PER ESSERE EFFICACE, non può limitarsi alle componenti tecnologiche bensì deve estendersi alle componenti organizzative. Occorre superare lintrinseca inerzia delle strutture ad affrontare il nodo cruciale del ciclo dellinnovazione : riprogettazione dei processi di servizio, oltre lapplicazione della tecnologia informatica ad alcune fasi dei processi stessi.

10 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 10 Innovazione e tecnologia/4 Miglioramento e Reingegnerizzazione Approccio Total Quality Management (TQM) = Continuità nel miglioramento Approccio Business Process Reengineering (BPR)= Discontinuità nel ciclo dellinnovazione Completo ripensamento e salto prestazionale Caratteri del BPR 1. Mettere le attività in parallelo anziché in sequenza 2. Ricomposizione di attività frammentate 3. Categorizzazione e differenziazione dei flussi dei processi 4. Eliminazione delle attività che non danno valore

11 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 11 Sistemi organizzativi e sistemi informativi/1 Nella reingegnerizzazione dei processi le tecnologie informatiche possono avere un ruolo decisivo Sistema informativo = insieme delle informazioni gestite (generate, utilizzate, elaborate) dai processi Sistema informatico = parte del sistema informativo (anche le infrastrutture e le risorse umane) in cui le informazioni sono gestite mediante luso di ICT

12 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 12 Sistemi organizzativi e sistemi informativi/2 - La P.A. Le ICT sono unopportunità per la P.A. 1. Snellimento di procedimenti e di strutture organizzative 2. Riduzione dei tempi per i procedimenti 3. Integrazione di servizi tra più amministrazioni 4. Nuovi servizi non espletabili manualmente

13 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 13 La Pubblica Amministrazione che cambia: un cambiamento necessario e non procrastinabile Codice dellAmministrazione Digitale - CAD una legge semisconosciuta Decreto Legislativo 7 marzo 2005 n. 82 aggiornato con Decreto Legislativo 4 aprile 2006 n. 99 si basa sulle possibilità offerte dalla tecnologia per assicurare ai cittadini lesercizio di diritti riconosciuti

14 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali14 Entrata in vigore:1 gennaio 2006 Articolazione: CAPO I - Principi Generali artt. 1 artt CAPO II - Documento informatico e firme elettroniche; pagamenti, libri e scritture artt CAPO III- Formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici artt CAPO IV - Trasmissione informatica dei documenti artt CAPO V - Dati delle pubbliche amministrazioni e servizi in rete artt CAPO VI - Sviluppo, acquisizione e riuso di sistemi informatici nelle pubbliche amministrazioni artt CAPO VII – Regole tecniche art. 71 CAPO VIII – Sistema pubblico di connettività e Rete internazionale della pubblica amministrazione artt. 72 – 87 CAPO IX – Disposizioni transitorie finali ed abrogazioni (artt )

15 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali15 Capo I, Sezione I art. 1 - Definizioni Ai fini del presente codice si intende per: a. allineamento dei dati: il processo di coordinamento dei dati presenti in piu' archivi finalizzato alla verifica della corrispondenza delle informazioni in essi contenute; b. autenticazione informatica: la validazione dell'insieme di dati attribuiti in modo esclusivo ed univoco ad un soggetto, che ne distinguono l'identita' nei sistemi informativi, effettuata attraverso opportune tecnologie al fine di garantire la sicurezza dell'accesso; c. carta d'identita' elettronica: il documento d'identita' munito di fotografia del titolare rilasciato su supporto informatico dalle amministrazioni comunali con la prevalente finalita' di dimostrare l'identita' anagrafica del suo titolare; d. carta nazionale dei servizi: il documento rilasciato su supporto informatico per consentire l'accesso per via telematica ai servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni;

16 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali16 Capo I, Sezione I Segue Definizioni e. certificati elettronici: gli attestati elettronici che collegano i dati utilizzati per verificare le firme elettroniche ai titolari e confermano l'identita' informatica dei titolari stessi; f. certificato qualificato: il certificato elettronico conforme ai requisiti di cui all'allegato I della direttiva 1999/93/CE, rilasciati da certificatori che rispondono ai requisiti di cui all'allegato II della medesima direttiva; g. certificatore: il soggetto che presta servizi di certificazione delle firme elettroniche o che fornisce altri servizi connessi con queste ultime; h. chiave privata: l'elemento della coppia di chiavi asimmetriche, utilizzato dal soggetto titolare, mediante il quale si appone la firma digitale sul documento informatico;

17 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali17 Segue Definizioni i. chiave pubblica: l'elemento della coppia di chiavi asimmetriche destinato ad essere reso pubblico, con il quale si verifica la firma digitale apposta sul documento informatico dal titolare delle chiavi asimmetriche; l. dato a conoscibilita' limitata: il dato la cui conoscibilita' e' riservata per legge o regolamento a specifici soggetti o categorie di soggetti; m. dato delle pubbliche amministrazioni: il dato formato, o comunque trattato da una pubblica amministrazione; n. dato pubblico: il dato conoscibile da chiunque; o. disponibilita': la possibilita' di accedere ai dati senza restrizioni non riconducibili a esplicite norme di legge; p. documento informatico: la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti;

18 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali18 Segue Definizioni q. firma elettronica: l'insieme dei dati in forma elettronica, allegati oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici, utilizzati come metodo di autenticazione informatica; r. firma elettronica qualificata: la firma elettronica ottenuta attraverso una procedura informatica che garantisce la connessione univoca al firmatario e la sua univoca autenticazione informatica, creata con mezzi sui quali il firmatario puo' conservare un controllo esclusivo e collegata ai dati ai quali si riferisce in modo da consentire di rilevare se i dati stessi siano stati successivamente modificati, che sia basata su un certificato qualificato e realizzata mediante un dispositivo sicuro per la creazione della firma, quale l'apparato strumentale usato per la creazione della firma elettronica;

19 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali19 Segue Definizioni s. firma digitale: un particolare tipo di firma elettronica qualificata basata su un sistema di chiavi crittografiche, una pubblica e una privata, correlate tra loro, che consente al titolare tramite la chiave privata e al destinatario tramite la chiave pubblica, rispettivamente, di rendere manifesta e di verificare la provenienza e l'integrita' di un documento informatico o di un insieme di documenti informatici; t. fruibilita' di un dato: la possibilita' di utilizzare il dato anche trasferendolo nei sistemi informativi automatizzati di un'altra amministrazione; u. gestione informatica dei documenti: l'insieme delle attività finalizzate alla registrazione e segnatura di protocollo, nonché alla classificazione, organizzazione, assegnazione, reperimento e conservazione dei documenti amministrativi formati o acquisiti dalle amministrazioni, nell'ambito del sistema di classificazione d'archivio adottato, effettuate mediante sistemi informatici;

20 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali20 Segue Definizioni v. originali non unici: i documenti per i quali sia possibile risalire al loro contenuto attraverso altre scritture o documenti di cui sia obbligatoria la conservazione, anche se in possesso di terzi; z. pubbliche amministrazioni centrali: le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le istituzioni universitarie, gli enti pubblici non economici nazionali, l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN), le agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; aa. titolare: la persona fisica cui e' attribuita la firma elettronica e che ha accesso ai dispositivi per la creazione della firma elettronica; bb. validazione temporale: il risultato della procedura informatica con cui si attribuiscono, ad uno o piu' documenti informatici, una data ed un orario opponibili ai terzi.

21 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 21 Art. 2 Lo Stato, le regioni e le autonomie locali assicurano: la disponibilità la gestione laccesso la trasmissione la conservazione la fruibilità dellinformazione in modalità digitale e si organizzano ed agiscono a tale fine utilizzando con le modalità più appropriate le tecnologie dellinformazione e della comunicazione (ICT)

22 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 22 definizioni dato pubblico: dato conoscibile da chiunque disponibilità: possibilità di accedere ai dati senza restrizioni non riconducibili a esplicite norme di legge documento informatico: rappresentazione informatica di atti, dati o fatti giuridicamente rilevanti fruibilità di un dato: possibilità di utilizzare il dato anche trasferendolo nei sistemi informativi di unaltra P.A. strumenti: sistemi informativi – firma digitale

23 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 23 DIRITTI Art.3 Diritto alluso delle tecnologie I cittadini e le imprese hanno diritto a richiedere ed ottenere luso delle tecnologie telematiche nelle comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e con i gestori di pubblici servizi statali… Art. 4Partecipazione al procedimento amministrativo informatico La partecipazione al procedimento amministrativo e il diritto di accesso ai documenti amministrativi sono esercitabili mediante luso delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione (DPR 445/2000 )

24 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 24 ORGANIZZAZIONE DELLA P.A. Art. 12 Le pubbliche amministrazioni nellorganizzare autonomamente la propria attività utilizzano le tecnologie dellinformazione e della comunicazione per gli obiettivi di efficienza, efficacia, economicità, imparzialità, trasparenza, semplificazione e partecipazione I dirigenti rispondono dellosservanza e dellattuazione delle disposizioni i cui al presente decreto ai sensi e nei limiti degli articoli 21 e 55 del D.L.vo 165/2001, ferme restando le eventuali responsabilità penali, civili e contabili previste dalle norme vigenti

25 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 25 DUE REQUISITI 1. 1.Alfabetizzazione dei cittadini 2. 2.Formazione informatica dei dipendenti pubblici Nel MiBAC Progetto Lifelong Learning (2L) - due moduli 1. 1.Alfabetizzazione 2. 2.ECDL ed ESPI

26 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 26 Art. 15 DIGITALIZZAZIONE E RIORGANIZZAZIONE 1. 1.La riorganizzazione strutturale e gestionale delle pubbliche amministrazioni volta al perseguimento degli obiettivi di efficienza, efficacia, economicità, imparzialità, trasparenza, semplificazione e partecipazione avviene anche attraverso il migliore e più esteso utilizzo delle ICT nellambito di una coordinata strategia che garantisca il coerente sviluppo del processo di digitalizzazione 2. 2.Le PP.AA. provvedono a razionalizzare e semplificare i procedimenti amministrativi le attività gestionali, i documenti, la modulistica, le modalità di accesso e di presentazione delle istanze da parte dei cittadini e delle imprese 3. 3.la digitalizzazione dellazione amministrativa è attuata in modo da garantire la partecipazione dellItalia alla costruzione di reti transeuropee

27 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 27 Art.17 STRUTTURE PER LORGANIZZAZIONE, LINNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE per attuare le linee strategiche per la riorganizzazione e la digitalizzazione le PP AA individuano un Centro di competenza per: coordinamento strategico per lo sviluppo dei sistemi informativi indirizzo e coordinamento dello sviluppo dei servizi, sia interni che esterni, forniti dai sistemi informativi indirizzo e coordinamento della sicurezza informatica accesso dei disabili agli strumenti informatici analisi della coerenza tra organizzazione e luso delle ICT per migliorare la qualità migliorare la soddisfazione dellutenza

28 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 28 ridurre i tempi dellazione amministrativa ridurre i costi dellazione amministrativa cooperazione alla revisione dellamm.ne ai fini precedenti indirizzo, coordinamento e monitoraggio della panificazione dei s.i. progettazione e coordinamento delle iniziative rilevanti ai fini di una più efficace erogazione di servizi in rete ai cittadini e imprese mediante gli strumenti della cooperazione applicativa

29 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 29 promozione iniziative per attuare le direttive del Ministro della P.A. e delle riforme pianificazione e coordinamento del processo di diffusione dei sistemi di posta elettronica, protocollo elettronico, firma digitale, mandato informatico e delle norme per la sicurezza, laccessibilità e la fruibilità IL CENTRO DI COMPETENZA MIBAC: Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali

30 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 30 Art. 18 CONFERENZA PERMANENTE PER LINNOVAZIONE TECNOLOGICA : Consulenza al PCM o al Ministro per linnovazione per lo sviluppo e lattuazione dellinnovazione tecnologica nella P. A. E strumento di raccordo per le azioni e I programmi di innovazione delle varie amministrazioni

31 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 31 ART. 20 DOCUMENTO INFORMATICO Il documento informatico da chiunque formato, la registrazione su supporto informatico e la trasmissione con strumenti telematici conformi alle regole tecniche sono validi e rilevanti agli effetti di legge Regole tecniche: garanzia di identificabilità dellautore, integrità e immodificabilità Art. 40 FORMAZIONE DI DOCUMENTI INFORMATICI Le PP.AA. che dispongono di idonee risorse tecnologiche formano gli originali dei documenti con mezzi informatici La redazione di documenti originali s supporto cartaceo, nonché la copia di documenti infor matici su medesimo supporto, è consentita solo se necessaria e nel rispetto del principio delleconomicità

32 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 32 Art. 42 DEMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI DELLE PP AA Le PP AA valutano i costi e i benefici del recupero informatico di documenti da conservare e predispongono appositi piani di sostituzione Art. 45 VALORE GIURIDICO DELLA TRASMISISONE i documenti trasmessi da chiunque alla Pp AA con qualsiasi mezzo telematico o informatico, compreso il fax, idoneo ad accertare la fonte di provenienza, soddisfano il requisito della forma scritta e la loro trasmissione NON deve essere seguita da quella originale

33 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 33 Art. 47 TRASMISSIONE DEI DOCUMENTI ATTRAVERSO LA POSTA ELETRONICA TRA LE PP AA Le comunicazioni di documenti tra le PP AA avvengono di norma attraverso lutilizzo della posta elettronica e sono valide ai fini del procedimento amministrativo una volta che ne sia verificata la provenienza Le PP AA (entro 8 mesi) devono dotarsi di una casella di posta elettronica istituzionale ed una casella di posta elettronica certificata. Devono utilizzare la posta elettronica per comunicare con i propri dipendenti Art. 50 DISPONIBILITA DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI I dati delle PP AA sono formati, raccolti, conservati, resi disponibili e accessibili con luso delle ICT alle condizioni fissate dallordinamento

34 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 34 Art. 54 CONTENUTO DEI SITI DELLE PP AA NON SOLO VETRINA I siti devono contenere articolazione degli uffici, attribuzioni, nomi dei dirigenti, settore dellordinamento giuridico elenco dei procedimenti, a livello dirigenziale, termine per la conclusione, nome del responsabile e lnità organizzativa responsabile dellistruttoria scadenze e modalità di adempimento elenco completo delle caselle di posta elettronica istituzionale le informazione ex lege 241/90 ed ex 150/2000 elenco di tutti i bandi di gara e dei concorsi elenco dei servizi forniti in rete già disponibili e quelli in corso doi attuazione, indicando i tempi per lattivazione

35 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 35 La pubblicazione telematica produce effetti di pubblicità legale nei casi e nei modi previsti dallordinamento Art. 57 MODULI E FORMULARI Le PP AA rendono disponibili anche in via telematica lelenco della documentazione richiesta per i procedimenti, i moduli e i formulari

36 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 36 IL MiBAC Dal progetto ICT Cultura al progetto CulturAmica

37 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 37 I principi di ICT CULTURA I progetti principali CRITICITA INIZIALI contesto organizzativo in continuo mutamento processo di programmazione atipico: non si è partiti da un budget predefinito ma da un insieme di progetti ed iniziative per trovare un filo comune Valorizzare la coerenza Concertare sul territorio

38 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 38 inoltre, ottimizzare tutti gli investimenti, fatti e programmati, provenienti da diverse fonti finanziarie, componendo un quadro unitario che, a regime, raggiungerà gli importanti obiettivi individuati, ai livelli nazionali e comunitari, per i diversi settori: non solo lo specifico settore culturale settore dellinnovazione tecnologica Società dellinformazione

39 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 39 E stata seguita una precisa strategia, in linea con gli obiettivi di e-gov, che si articola in due grandi assi (programmazione triennale , , ) asse dellinnovazione amministrativa e strumentale, per ottenere maggiore efficienza gestionale, secondo le linee strategiche e gli obiettivi delle-government asse dellinnovazione amministrativa e strumentale, per ottenere maggiore efficienza gestionale, secondo le linee strategiche e gli obiettivi delle-government asse dellinnovazione nei processi di conoscenza e di valorizzazione, mediante la digitalizzazione e la diffusione sulla rete. asse dellinnovazione nei processi di conoscenza e di valorizzazione, mediante la digitalizzazione e la diffusione sulla rete.

40 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 40 A - A - ASSE DELLINNOVAZIONE AMMINISTRATIVA E STRUMENTALE - AUTOAMMINISTRAZIONE EVOLUZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO PROGETTO SICUREZZA SPC SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITA RETE FONIA/DATI/IMMAGINI PROTOCOLLO INFORMATICO (DALLA GESTIONE DOCUMENTALE AL WORKFLOW) SIAP WEB POSTA ELETTRONICA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA BACHECHE DI AMMINISTRAZIONE E-MOUSEION FIRMA DIGITALE MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI FORMAZIONE EUROPA WEB – SERVIZIO DI GESTIONE DEL PERSONALE IN ASP SVILUPPO DEL SW OPEN SOURCE

41 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 41 B - ASSE DELLINNOVAZIONE NEI PROCESSI DI CONOSCENZA E DI VALORIZZAZIONE progetti trasversali volti alla sviluppo dei sistemi per la conoscenza, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio nei diversi settori e al miglioramento dei servizi ai cittadini e ai fruitori. ACCESSIBILITÀ INTEGRAZIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI A BASE GEOGRAFICA (Atlante Beni Culturali) PORTALE DELLA CULTURA ITALIANA HOUSING E HOSTING DEI SITI WEB TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA PA (RFID) DIGITALIZZAZIONE (ART-PAST)

42 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 42 I grandi numeri PROTOCOLLO INFORMATICO AAOO in esercizio 278 Numero protocolli/ POSTA ELETTRONICA Numero caselle Competenze stipendiali via mail Messaggi /mese interni: Messaggi /mese esterni: Caselle pubblicate Rubrica P. A

43 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 43 E stato realizzato un apposito sistema di gestione web della posta con le seguenti funzionalità: APE Utenti per cambiare la password o modificare i dati relativi alla casella di posta elettronica personale o di Ufficio e per richiedere la creazione di una nuova casella di posta elettronica; APE Amministratori per gestire le caselle di posta elettronica afferenti allIstituto per il quale si è stati nominati Amministratore locale della posta elettronica e approvare le richieste di creazione di nuove caselle; Posta Web per leggere i messaggi consegnati nella casella di posta elettronica personale o di Ufficio, inviare nuovi messaggi, fruire del servizio di rubrica.

44 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 44 BACHECHE DAMMINISTRAZIONE Bacheche di Amministrazione è una applicazione intranet che consente ai dipendenti del Ministero dei Beni Culturali di visualizzare i documenti emanati dai Dipartimenti, dal Gabinetto e quelli presenti in unarea trasversale. Avvio sperimentazione Rilascio Funzionalità: Ricerca avanzata dei documenti Organizzazione dei documenti in aree Workflow relativo alla pubblicazione dei documenti nelle aree definite Newsletter Integrazione con il sistema di protocollazione e firma digitale del Ministero Integrazione con il sistema di posta elettronica: tutti i documenti presenti saranno inviati, a richiesta, alla propria casella di posta pubblica.

45 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 45 La rubrica elettronica di 409 musei statali italiani, come organizzazione di un servizio informativo verso i cittadini e i fruitori in generale del patrimonio culturale. Sostanzialmente è un motore di ricerca attraverso il quale lutente web : può visualizzare la lista dei musei e aree archeologiche statali italiani può consultare le schede informative relative agli istituti di interesse. può formulare una richiesta, sporgere un reclamo, esprimere un parere contattando direttamente il Museo, da cui riceverà una risposta ufficiale e personalizzata tramite mail.

46 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 46 EUROPA WEB FINALITA Fornire allAmministrazione un sistema web unificato di gestione del personale (amministrativa e contabile) fruibile attraverso la Intranet. Sviluppo in modalità web del sw proprietario Europa già installato in modalità client-server in molti uffici del MIBAC OBIETTIVI Semplificazione delle attività di gestione del personale Delocalizzazione delle predette attività (gli Uffici del sud potranno gestire il personale afferente agli Uffici del nord) Razionalizzazione dei sistemi Sicurezza nella trattazione dei dati personali BENEFICI Ottimizzazione delle risorse umane Razionalizzazione delle risorse economiche derivanti dai costi di: gestione, manutenzione e licenze duso.

47 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 47 LINFRASTRUTTURA DI COMUNICAZIONE: SPC Riferimenti normativi Il Sistema pubblico di connettività è disciplinato dal CAPO VIII del Codice dellAmministrazione Digitale (art. 73) Il SPC è linsieme di infrastrutture tecnologiche e di regole tecniche, per lo sviluppo, la condivisione, lintegrazione e la diffusione del patrimonio informativo e dei dati della pubblica amministrazione, necessarie per assicurare linteroperabilità di base ed evoluta e la cooperazione applicativa dei sistemi informatici e dei flussi informativi, garantendo la sicurezza, la riservatezza delle informazioni, nonché la salvaguardia e lautonomia del patrimonio informativo di ciascuna pubblica amministrazione

48 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 48 OBIETTIVI SPC : EFFICIENZA Incrementare lefficienza attraverso laumento delle prestazioni della rete dati e il miglioramento della qualità dei servizi di connettività grazie a livelli di servizio più alti sia in termini di ampiezza trasmissiva che di disponibilità del servizio. RIDUZIONE DEI COSTI Ridurre la spesa attraverso lottimizzazione delle risorse e lintegrazione delle tecnologie esistenti. Attualmente molte sedi utilizzano servizi VoIP e di videoconferenza, con lSPC questi servizi saranno estesi a tutte le sedi del MiBAC. I risparmi derivanti ammontano a circa anno rispetto alla soluzione attuale a fronte di: notevole incremento della banda a disposizione su ogni singola sede (sia centrostella, sia sedi romane, sia sedi periferiche); Ampliamento delle possibilità di risparmio grazie al VoIP attraverso il lampliamento ed il consolidamento della rete Fonia-Dati-Immagini già realizzata dallamministrazione, sia attraverso lofferta e i servizi messi a disposizione da SPC.

49 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 49 In data 7 novembre 2006 la DGITP ha sottoscritto il contratto per ladesione al SPC con il Carrier WIND al fine di dotare tutte le AAOO dell Amministrazione di sistemi di connettività a larga banda adeguati alle attuali esigenze (437 AOO)

50 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 50 NUOVA ARCHITETTURA INTERNET …. 100mbps 600mbps 10 Mbps 100 Mbps 100 Mbps L3 Velocità da 200 Kbps a 10 Mbps RETE IP/MPLS COLLEGIO ROMANO VIA GAETA VIA S. MICHELE 342 siti DIREZIONI REGIONALI e SEDI PERIFERICHE 10mbps INFRANET 2 Mbps Accesso dial up, GPRS e UMTS 10 Mbps VIA M. MERCATI

51 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 51 RETE FONIA DATI IMMAGINI RETE FONIA DATI IMMAGINI PRINCIPALI MILESTONES Lammodernamento dei sistemi di comunicazione è pertanto avvenuto nellottica di dotarsi della tecnologia del futuro. Particolare attenzione è stata posta nella definizione dellarchitettura della nuova rete. Sebbene i Carrier non avessero ancora messo a disposizione una rete IP nazionale abilitante al trasporto della VoIP, il progetto FDI MiBAC, ai fini di salvaguardare linvestimento che si stava facendo, nasceva già predisposto ad accedere a questo tipo di servizio. MiBAC è stato il primo Ministero ad adottare questa tecnologia

52 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 52 SCALABILITÀ E FLESSIBILITÀ: GLI ELEMENTI VINCENTI DELLA RETE FDI Il progetto FDI è nato con lobiettivo di coprire le sedi del Ministero a livello nazionale. Un progetto così grande richiede particolare attenzione nel disegno di una soluzione che sia scalabile e flessibile. Scalabilità : il numero elevato di sedi e la distribuzione sul territorio hanno richiesto la definizione di una architettura scalabile costituita da un core principale, costituito dalle Direzioni Regionali, dal Collegio Romano, dal San Michele, etc., e da una serie di livelli successivi che includono man mano tutte le altre sedi. La rete è in grado di rimodularsi dinamicamente man mano che nuove sedi vengono ad essa connesse. Flessibilità : Una rete che cresce nel tempo deve essere in grado di utilizzare tutti gli strumenti che linnovazioni tecnologica rende disponibile. Per questo motivo: è stata scelta una architettura logica/funzionale indipendente dalla rete di trasporto; sono state utilizzate tecnologie di importanti costruttori che nel tempo possono essere aggiornate in modo da supportare tutti i nuovi standard.

53 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 53 LA RETE NAZIONALE MULTISERVIZI FONIA DATI IMMAGINI È PROGETTATA E REALIZZATA PER GARANTIRE: integrazione di tutti i servizi (Internet, Intranet, Fonia ed Immagini e di Videoconferenza); indipendenza dallo strato tecnologico che abilita la connettivit à geografica (multicarrier) e interoperabilit à con soluzioni innovative a costo zero di esercizio (Wi-Fi, Ponti Laser, Fibra ottica) disponibili sul mercato; completa adesione alle esigenze organizzative e tecniche dell Amministrazione. centralizzazione dei servizi applicativi; capacit à di sfruttare meccanismi di protezione e sicurezza per potersi integrare con le soluzioni connettive studiate per l interoperabilit à e la cooperazione applicativa dei sistemi informatici pubblici;

54 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 54 CulturAmica: un programma di semplicità per realizzare nel MiBAC la Politica di semplificazione e ridurre gli ONERI dIMPRESA

55 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 55 Attraverso la Misurazione degli Oneri Amministrativi MOA GLI ONERI DIMPRESA (OI) per gli adempimenti e gli obblighi di documentazione derivanti dallapplicazione del Codice dei BB CC e del Paesaggio hanno un costo di euro/anno Il processo di misurazione usa la metodologia dellEU Standard Cost Model (SCM)

56 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 56 Principali componenti del programma CulturAmica Front office 1. 1.Applicazione Concorsi 2. 2.Applicazione domande on line dei contributi al cinema e allo spettacolo 3. 3.Applicazione Vincolinrete 4. 4.Applicazione SUE (Sistema Uffici Esportazione) 5. 5.e-mouseion 6. 6.Applicazione revisione sito istituzionale 7. 7.Applicazione n. 2 procedimenti di tutela per ogni settore

57 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le Relazioni sindacali 57 Back office 1. 1.Dematerializzazione 2. 2.SPC 3. 3.Rete Fonia Dati Immagini 4. 4.Formazione informatica 5. 5.Europa-web 6. 6.SIAP-web 7. 7.Incarichi extraistiuzionali-web 8. 8.Banca dati dirigenti on line 9. 9.Ferie, permessi, comandi on line


Scaricare ppt "Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lOrganizzazione, lInnovazione, la Formazione, la Qualificazione professionale e le."

Presentazioni simili


Annunci Google