La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Apertura dell'ambiente di formazione: 26 Aprile 2005 circolare del 21/3/2005 1-Le aree di apprendimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Apertura dell'ambiente di formazione: 26 Aprile 2005 circolare del 21/3/2005 1-Le aree di apprendimento."— Transcript della presentazione:

1

2 Apertura dell'ambiente di formazione: 26 Aprile circolare del 21/3/ Le aree di apprendimento Perché Dove Quando 21-aprile-2005 dalle 16:40 alle 19:40 28-aprile-2005 dalle 16:40 alle 19:40 05-maggio-2005 dalle 16:40 alle 19:40 19maggio-2005 dalle 16:40 alle 19:40 03 giugno-2005 dalle 16:40 alle 19:40 (venerdì) 20-giugno-2005 dalle 16:40 alle 19:40 (riserva) 2-Gli autori e gli esperti 3- Le attivita' e gli strumenti4-Gli aspetti organizzativi Come Cosa Piattaforma

3 1-Le aree di apprendimento 1.1 RIFORMA DELLA SCUOLA: una panoramica aggiornata ed esaustiva dei temi della riforma della scuola (DL59 del 19/02/2004), quali la funzione tutoriale, il portfolio, la flessibilità organizzativa e i piani di studio personalizzati.

4 1-Le aree di apprendimento 1.2 VALUTAZIONE: strumenti e metodi per valutare il percorso formativo degli studenti, indirizzarli ed orientarli al mondo del lavoro ed essere in grado di formulare un'autovalutazione del proprio approccio didattico.

5 1-Le aree di apprendimento 1.3 CONTESTI DI VITA E RELAZIONI: analisi della condizione giovanile nella scuola e nella società e delle modalità di collaborazione tra famiglia e territorio al fine di creare e valorizzare nuovi percorsi di apprendimento. Si individueranno, inoltre, gli strumenti di mediazione dei conflitti tra i vari attori dell'istituzione scolastica: dirigenti, docenti e studenti.

6 1-Le aree di apprendimento 1.4 TECNOLOGIA E DIDATTICA Descrizione delle potenzialità delle TIC applicate alla didattica, analisi degli strumenti e delle strategie di collaborazione e sperimentazione del valore aggiunto offerto dall'approccio ludico. Strumenti pratici e nozionistici per ampliare la diffusione dell'utilizzo dei Learning Objects.

7 1-Le aree di apprendimento 1.5 EUROPA E INTERCULTURA: introduzione allo statuto della cittadinanza europea e al concetto di identità e appartenenza, sullo sfondo del dialogo interculturale mondiale, della promozione dei diritti umani e dell'educazione alla pace, al fine di sensibilizzare lo studente alle relazioni con persone di altre e diverse culture. Analisi e riflessione sulle buone pratiche rintracciabili nel panorama scolastico internazionale.

8 1-Le aree di apprendimento 1.6 DISABILITÀ E DISAGIO SCOLASTICO: fornire gli elementi di base e le competenze necessarie per distinguere tra disturbi dell'apprendimento specifici, aspecifici e comportamentali, e individuare le varie manifestazioni del disagio, al fine di effettuare un'efficace personalizzazione della didattica.

9 1-Le aree di apprendimento 1.7 APPROFONDIMENTI DISCIPLINARI: un panorama di attività che offrono per i vari ordini di scuola spunti didattici innovativi e metodologie formative efficaci all'interno delle diverse aree disciplinari.

10 1-Le aree di apprendimento 1.8 LINGUA STRANIERA: strumenti per l'acquisizione di competenze metodologico- didattiche e progettuali inerenti all'insegnamento e all'apprendimento della LS.

11 1-Le aree di apprendimento 1.8 LINGUA STRANIERA: strumenti per l'acquisizione di competenze metodologico- didattiche e progettuali inerenti all'insegnamento e all'apprendimento della LS.

12 2-Gli autori e gli esperti Allo sviluppo dell'intero ambiente di apprendimento contribuiscono, attraverso dispense e altro materiale informativo, docenti Universitari, associazioni disciplinari e professionali. Saranno sempre disponibili la ricerca e la selezione garantita in ambito europeo ed internazionale da EUN e dall'unità italiana di Eurydice. Le interazioni sui forum tematici saranno moderate e coordinate da esperti della materia.

13 3- Le attivita' e gli strumenti di condivisione - Laboratori individuali e di gruppo: attraverso web quest, studi di caso, progettazione e realizzazione di oggetti didattici. - Materiali di approfondimento: bibliografie ed editoriali. - community: forum di discussione generali e specifici Attraverso l'incontro sui forum, moderati da esperti indicati da Associazioni professionali e disciplinari, Puntoedu diventa un luogo privilegiato in cui il dibattito sulle pratiche didattiche, sulle esperienze individuali, sugli strumenti che gli insegnanti utilizzano quotidianamente trova sviluppo e verifica.

14 4-Gli aspetti organizzativi 1-ISCRIZIONI: Uffici Scolastici Regionali di competenza. 2-Percorso personalizzato in base alle proprie competenze pregresse, arrivando a conseguire i 50 crediti previsti dal piano formativo equivalenti a 25 ore on line (+ 15 in presenza). 3- Al termine il corsista riceverà un attestato 4- Gli e-tutor hanno il compito di aiutare il corsista a scegliere il proprio percorso attraverso gli incontri in presenza e quelli online nelle classi virtuali. 5-Il registro delle attività riporta le date e le ore delle attività che si svolgeranno in presenza. 6-Affinché ad alcune attività svolte dai corsisti vengano riconosciuti i crediti occorre che l'e-tutor dia la sua "validazione.

15 HELP ISCRIZIONI SE… si riscontrano problemi di funzionamento nella procedura d'iscrizione; si riscontrano problemi di funzionamento tecnico; consulta le FAQ (Frequently Asked Questions) redatte da INDIRE. Se hai bisogno di ulteriori chiarimenti scrivi aFAQ indicando denominazione, indirizzo e codice meccanografico PER INFO RELATIVE… gli aspetti organizzativi della formazione; le sedi dei corsi; la scelta degli e-tutor e dei direttori di corso; la data di inizio della formazione. consulta la pagina informativa consulta la pagina informativa relativa all'USR di appartenenza cliccando sulla tua regione nella cartina dell'Italia. Vai alla cartinaVai alla cartina

16

17 1. Cosa fare se un docente non risulta iscritto? Il docente deve rivolgersi al proprio dirigente scolastico per segnalare la sua situazione in modo ufficiale all'USR competente. Tenendo conto della segnalazione, l'USR procederà all'iscrizione. 2. Da quante ore sarà composta la formazione? Il modello di e-learning consente la registrazione delle attività effettivamente svolte online. E' stato concordato con gli USR che il numero minimo delle ore online è di 25 (da raggiungere attraverso il sistema dei crediti che consente di convertire le attività svolte con le ore attestate) e il numero delle ore in presenza è di 15. Le ore di attività in presenza potranno essere aumentate a discrezione di ogni USR e quelle online sono lasciate alla decisione del corsista. FAQ

18 3. Il campo deve essere riempito al momento dell'iscrizione? Se nel precaricamento, tra i dati forniti dal Ministero, non è presente l' personale dei docenti preghiamo l'e-tutor di recuperare questo dato. Nel caso degli e-tutor e dei direttori del corso, sarà cura dell'USR competente provvedere alla registrazione dell' in modo da attivare, tra l'altro, anche la funzionalità di "non ho mai ricevuto la password". 4. Chi ha il compito di consegnare i codici di accesso personali agli iscritti? Gli USR possono stampare gli elenchi degli e-tutor e direttori di corso con relative password e consegnarle o farle pervenire via . L'e-tutor, associandosi i propri corsisti nella formazione della classe virtuale troverà, ad ambiente aperto, una funzione che consente di stampare la password per ogni corsista e potrà così consegnarla durante il primo incontro in presenza. Infine, ogni utente che ha presente, tra i dati di iscrizione, anche l' può richiedere i codici di accesso attraverso la funzione "non ho mai ricevuto la password". FAQ


Scaricare ppt "Apertura dell'ambiente di formazione: 26 Aprile 2005 circolare del 21/3/2005 1-Le aree di apprendimento."

Presentazioni simili


Annunci Google