La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Città di Torino, Servizi Educativi CANTIERE NIDI GRUPPO SCAMBI E CONFRONTI Esperienza del Gruppo Scambi e Confronti presso i Nidi dInfanzia di via Reiss.

Copie: 1
Città di Torino, Servizi Educativi CANTIERE NIDI GRUPPO SCAMBI E CONFRONTI Esperienza del Gruppo Scambi e Confronti presso i Nidi dInfanzia di via Reiss.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Città di Torino, Servizi Educativi CANTIERE NIDI GRUPPO SCAMBI E CONFRONTI Esperienza del Gruppo Scambi e Confronti presso i Nidi dInfanzia di via Reiss."— Transcript della presentazione:

1 Città di Torino, Servizi Educativi CANTIERE NIDI GRUPPO SCAMBI E CONFRONTI Esperienza del Gruppo Scambi e Confronti presso i Nidi dInfanzia di via Reiss Romoli e Via Orvieto 21 marzo maggio 2012

2 PROGRAMMA DELLA VISITA Ritrovo e suddivisione dei 3 compiti osservativi sullo svolgimento della visita (clima, cronaca e temi teorici) Ingresso al nido (ripresa con la videocamera) Giro di presentazione del nido (riprese con la videocamera e foto) Visione del video sul momento del pranzo da predisposto dagli educatori del nido visitato Compilazione scheda di osservazione Commento del video (riprese con la videocamera e foto) Giro di parola sulle riflessioni e le domande che la visita ha suscitato in modo tale che ci sia un monitoraggio riflessivo del percorso durante la sua realizzazione (riprese con la videocamera) TAPPE

3 LA SCHEDA DI OSSERVAZIONE PER LE EDUCATRICI CHE VISITANO IL NIDO DINFANZIA PRIMO IMPATTO 1. Le cose che ho visto per prime entrando 2. Che cosa ho visto nei seguenti spazi: soffitto pavimento pareti 0-1m pareti 1m 3. Aspetti estetici degli spazi 4. Aspetti funzionali degli spazi 5. Cè qualche aspetto che risulta sgradevole?

4 LA SCHEDA DI OSSERVAZIONE PER LE EDUCATRICI CHE VISITANO IL NIDO DINFANZIA OSSERVAZIONE IN SEZIONE 6. Ci sono materiali a disposizione dei bambini? Se sì, quali/quanti materiali sono a disposizione dei bambini? 7. Gli spazi personali per i bambini che ho visto 8. Quali elementi osservati rendono gli ambienti: a) ordinati/disordinati b) caldi-accoglienti/freddi c) stimolanti/non stimolanti d) chiari nella funzione-ben differenziati - confusi e) con zone per stare soli-nascondersi f) modificabili/fissi 9. Quali aree di apprendimento sono poste in maggiore evidenza nell'ambiente? 10. Le pareti "parlano"? Che dicono? 11. In che cosa emerge il lavoro del gruppo degli insegnanti? In che cosa il lavoro individuale? 12. Domande che mi sono venute in mente o cose che non ho capito

5 LA SCHEDA DI OSSERVAZIONE PER LE EDUCATRICI CHE VISITANO IL NIDO DINFANZIA IL GIORNO DOPO 13. Sensazioni che ho provato durante la giornata 14. Punti di contatto rispetto alle mie aspettative 15. Punti di differenza rispetto alle mie aspettative

6 TRACCIA DI PRESENTAZIONE PER LE EDUCATRICI DEL NIDO DINFANZIA VISITATO A) CARTA D'IDENTITA 1. Tipologia del Servizio 2. Da quanti anni e come è nato questo Nido? 3. Che tipo di gestione ha? 4. Che tipo di utenza ha? 5. Obiettivi (i 4 principali) di questo Nido sono 6. Il Progetto Educativo di questo Nido presenta le seguenti caratteristiche: - basi teoriche di riferimento - idea di bambino - idea di asilo nido - ruolo dell'educatrice - funzioni del collettivo

7 TRACCIA DI PRESENTAZIONE PER LE EDUCATRICI DEL NIDO DINFANZIA VISITATO B) ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO 1. Persone: - Quanti bambini vengono accolti? - Quante educatrici lavorano? Tempo pieno/Tempo parziale - Frequenza e durata dei collettivi - Quanto personale d'appoggio? 2. Sezioni: - vi e una suddivisione dei bambini in sezioni? - se si quante? ____ definite in base a ____ - se no, viene comunque effettuata una suddivisione dei bambini in gruppi? Come? - sono previsti laboratori con gruppi trasversali? 4. Relazione adulto/bambino - che tipo di rapporto educatrice/bambino? - che tipo di inserimento? 5. Organizzazione della giornata

8 TRACCIA DI PRESENTAZIONE PER LE EDUCATRICI DEL NIDO DINFANZIA VISITATO C) RAPPORTI CON LE FAMIGLIE E L'ESTERNO 1. Quanto vengono coinvolti i genitori? - elenco delle iniziative - fisicamente, fino a dove entrano nel Servizio? 2. Quale documentazione esterna? - elenco dei materiali 3. Quale documentazione interna? - elenco dei materiali Il Nido viene presentato ai colleghi così come lo trovano i bambini al mattino. La presentazione ai colleghi sarà descrittiva, vanno spiegati i criteri e le scelte effettuati. Evitare sia le valutazioni che le giustificazioni.

9 TRACCIA DI PRESENTAZIONE PER LE EDUCATRICI DEL NIDO DINFANZIA VISITATO D) ORGANIZZAZIONE DEGLI SPAZI - Quale regia per l'organizzazione degli spazi?Da chi sono stati pensati/progettati? Spazi del nido nel loro insieme e spazi specifici. - Specificare funzioni degli spazi e i tempi di utilizzo per i bambini. - Con che criteri vengono disposti i materiali? - Quale utilizzo degli arredi? (monofunzionale, polifunzionale…) - Quali spazi personali per i bambini? - Quali spazi per gli adulti e come vengono utilizzati?

10 TRACCIA DI PRESENTAZIONE PER LE EDUCATRICI DEL NIDO DINFANZIA VISITATO 1) Come e da chi e stata predisposta la visita? 2) Che effetto mi ha fatto presentare il Nido 3) Le domande più importanti che mi sono state rivolte 4) Che cosa ho pensato alla fine della visita 5) Quali stimoli? 6) Quali perplessità?

11 IL FOCUS La visita è centrata sul tema della verticalità. Il momento scelto è quello del pranzo. Si tratta di esplorare lorganizzazione per gruppi verticali al nido, analizzando un momento specifico e partendo da alcuni punti fondamentali: Nido visto come luogo collettivo,una comunità con funzionamento gruppale. La struttura nido come contesto collettivo di relazione. Chi visita osserva con sospensione del giudizio, non come turista occasionale, ma come persona che intraprende un percorso. Chi accoglie i visitatori deve essere in grado di esplicitare limplicito. La visita è occasione speciale di incontro, per raccogliere le idee, riflettere sui riferimenti pedagogici da cui si è partiti nelle nostre scelte operative.

12 RIFLESSIONI SULLESPERIENZA – RIELABORAZIONE (gruppo di lavoro) COME PROCEDERE? Leggere e fare circolare le osservazioni domande e riflessioni fatte durante la visita Fare Sintesi delle osservazioni Leggere ciò che hanno scritto i Visitati Utilizzare questo materiale per rispondere tutti insieme ad alcune domande: A cosa ci è servita questa esperienza? Cosa ci ha insegnato? Che cosa possiamo portare di interessante al nostro servizio? E alle singole professionalità? Quali approfondimenti significativi sono emersi in merito al gruppo misto e al momento del pranzo? Sintesi scritta rispetto agli argomenti emersi,alle perplessità,ai punti di accordo e disaccordo,le domande ancora aperte.

13 RIFLESSIONI SULLESPERIENZA – RIELABORAZIONE (gruppo di lavoro) Esempio di Cronaca: È sabato mattina, e con aria un po assonnata entriamo al nido. Ad accoglierci cè quasi tutto il collegio educatori presente, alcuni assistenti educativi e la responsabile pedagogica Dott.ssa Pellegrino. La Dott.ssa Trombetta appena arrivati, dà lettura al messaggio inviatoci dalla Dott.ssa Manuela Cecotti che non essendo presente, augura a tutti un buon lavoro, ricordando di non giudicare. In seguito ci viene esposto il programma della mattinata. Verso le 9.15, veniamo suddivise in due gruppi e inizia la visita, accompagnate dalle colleghe del nido, per prendere visione dei vari spazi. Verso le abbiamo ulteriormente reso piacevole questo viaggio con una pausa in cui ci è stato offerto un buon caffè e un dolce. Intorno alle ore 11, ci è stato presentato un video redatto dalle educatrici, relativo al momento del pasto, preceduto da un breve discorso di ringraziamento della R.P. Pellegrino che ha ringraziato il proprio collegio per il lavoro effettuato e da parte nostra ne è seguito un applauso di conferma. Terminato il video, si è dato spazio alle impressioni verbalizzate da alcune di noi; in particolare ne emerge una di ringraziamento per laccoglienza e la cura prestata a questo primo incontro di scambi e confronti, mettendo in evidenza il particolare del tavolino posto allingresso del nido che esprime da solo un messaggio di benvenuto a noi visitatori. Durante questo momento di riflessione abbiamo avuto modo di esprimere domande con conseguenti risposte che hanno centrato lobiettivo prefissato. Le domande sono state varie, alcune legate alle routine, altre alluso del materiale di recupero e uso degli spazi e altre alla verticalità. La mattinata è terminata facendo notare limportanza di questa esperienza che arricchisce tutti coloro che vi partecipano, visitatori e visitati. La visita si è conclusa intorno alle 13, dandoci appuntamento allincontro del 12 aprile.

14 Le cose che ho visto per prima entrando? Nido di Via Reiss: Ingresso esterno (di difficile individuazione perché non si nota il nido) e giardino Ingresso Spazio accoglienza per gli adulti e per i bambini Cartelloni Cortile interno Piante curate e disposte con familiarità Nido di Via Orvieto Spazio segreteria Siepi verdi dalle finestre Archeologia industriale Buon clima di chi accoglie e di chi viene accolto Aree esterne al nido:orto,giardino Ambienti luminosi e pareti ad altezza bambino SINTESI DELLE OSSERVAZIONI delle educatrici che hanno visitato il Nido…

15 Come si presentano gli spazi? Nido Via Reiss Ambienti caldi, luminosi, curati, ordinati, ben suddivisi, arredati in modo funzionale A misura di bambino e a misura di adulto Diversi tipi di documentazione (quale idea di bambino condiziona il tipo di documentazione e le modalità di esposizione) I nomi dei bambini si leggono spesso sulle pareti: personalizzazione delle pareti – identità dei bambini Gli armadietti sono stati personalizzati dai genitori Nido Via Orvieto Soffitti bianchi Pavimenti colorati Pareti 0-1 metri Simboli,spazi,foto,cartelloni dipinti dai bambini Didascalie rivolte agli adulti,foto e documentazioni sui particolari,indicazioni guida sugli spazi SINTESI DELLE OSSERVAZIONI delle educatrici che hanno visitato il Nido…

16 Nido Via Reiss Aspetti estetici degli spazi: Presenza di teli e decorazioni non eccessiva, giusta Arredi ed elementi di arredo predisposti con cura Armonia di colori e forme Funzionalità degli spazi: Circolarità Delimitazione in base alle funzioni Spazi strutturati e pronti per le attività Sale igieniche poco funzionali e di piccole dimensioni Quali materiali sono a disposizione dei bambini: Di tutti i tipi, strutturati e non Materiali disposti con funzionalità rispetto allattività Le pareti Presenza di documentazione Attenzione ai particolari nella documentazione fotografica Attenzione alla comunicazione verso gli adulti e verso i bambini SINTESI DELLE OSSERVAZIONI delle educatrici che hanno visitato il Nido…

17 Quali elementi osservati incidono sugli ambienti: Materiali disposti con funzionalità rispetto allattività Spazi ed angoli identificati e delimitati dagli arredi Arredi che trasmettono un senso di familiarità Presenza dei divani ed altri elementi che rendono lambiente accogliente Arredi pensati rispetto a bambini ed adulti Presenza di spazi personali per i bambini: Spazi pensati per i bambini: sala da pranzo, sala per la nanna Angoli allestiti opportunamente (es. angolo morbido, angolo dei materiali naturali…) Armadietti personalizzati SINTESI DELLE OSSERVAZIONI delle educatrici che hanno visitato il Nido…

18 Nido di Via Orvieto Aspetti estetici degli spazi: Continuità cromatica, luminosità Decorazioni curate e non eccessive Filo che conduce ai diversi spazi, menù sulla lavagna Funzionalità degli spazi: Facilità nel collocare gli oggetti,materiale accessibile ai bambini Spazi multifunzionali Per gli adulti può essere difficile lorientamento Quali materiali sono a disposizione di bambini: Presenti con angoli strutturati,lettura casetta,manipolazione,ecc Le pareti Cartelloni descrittivi delle attività proposte Documentazione sugli eventi della giornata SINTESI DELLE OSSERVAZIONI delle educatrici che hanno visitato i Nidi…

19 Quali elementi osservati incidono sugli ambienti: Mobili disposti con funzionalità,ambienti dipinti con colori caldi e riposanti,disposizione degli ambienti e angoli accurata e senza stimoli eccessivi Spazi multifunzionali Presenza di spazi personali per i bambini: Spazi pensati per i bambini: sala da pranzo, sala per la nanna Angoli allestiti opportunamente (es. angolo morbido, angolo dei materiali naturali…) Armadietti personalizzati SINTESI DELLE OSSERVAZIONI delle educatrici che hanno visitato il Nido…

20 Aree di apprendimento evidenziate nellambiente: Nido Via Reiss Giochi di gruppo Libero movimento Espressività Socializzazione Gioco simbolico In ogni spazio si rileva la presenza di stimoli adeguati a più aree di apprendimento (coesistono), per dare ai bambini maggiori opportunità. Si percepisce in generale il lavoro di Collegio, il fermento del confronto e del decidere insieme. Nido Via Orvieto Libero movimento Giochi di gruppo Esplorazione sensoriale Competenze sociali,espressive SINTESI DELLE OSSERVAZIONI delle educatrici che hanno visitato il Nido… Documentazione fotografica ospiti link

21 1. Come e da chi è stata predisposta la visita? Le visite sono iniziate con la presentazione del Nido da parte delle nostre Responsabili. Per poter osservare con maggior serenità ci siamo divise in due gruppi. Ciascun gruppo è stato accompagnato dalle educatrici del gruppo Scambi. 2. Che effetto mi ha fatto presentare il Nido Nei giorni precedenti la visita in noi si è creato un clima di agitazione e di attesa rispetto ad un eventuale giudizio che sarebbe stato espresso dalle colleghe in visita. Essendo per noi un periodo difficile a causa della carenza di personale è stato gratificante vedere riconosciuto ed apprezzato il lavoro svolto dal Collegio. Gli sguardi manifestavano un autentico interesse e curiosità man mano che si procedeva nella visita degli spazi. SINTESI DELLE EDUCATRICI DEL GRUPPO OSPITANTE…

22 3. Le domande più importanti che mi sono state rivolte Tra le tante domande poste le più importanti sono state: · Perché abbiamo scelto di lavorare con materiale pericoloso? · Perché il materiale è a portata di mano dei bambini? · Come documentiamo?. Come il gruppo di lavoro condivide e mantiene le scelte educative?. Quali i criteri di turnazione del gruppo di lavoro? 4. Che cosa ho pensato alla fine della visita Sebbene ci sia stato un iniziale imbarazzo si è creato un clima disteso che ha permesso un piacevole scambio di pensieri. Eravamo contente di essere riuscite a trasmettere in modo chiaro il nostro modo di lavorare, di essere riuscite a far recepire limpegno e la cura quotidiana. SINTESI DELLE EDUCATRICI DEL GRUPPO OSPITANTE…

23 5. Quali stimoli? La preparazione alla visita ci ha portato a: ridiscutere lidea di bambino, rivisitare gli spazi, ripensare al come facciamo documentazione e se attraverso essa riusciamo a rendere espliciti tutti gli aspetti del nostro fare quotidiano. 6. Quali perplessità? Secondo noi, la mancanza della dott.ssa Cecotti è stata sentita maggiormente nel momento della discussione. Pensiamo che la sua presenza avrebbe arricchito il dibattito. SINTESI DELLE EDUCATRICI DEL GRUPPO OSPITANTE…

24 Quindi: Riflessione e discussione sullidea di bambino Rivedere, ridiscutere alcuni aspetti… tralasciati sinora Risistemare Trovare vecchie documentazioni… che possono aiutare a ripercorrere il cambiamento nel modo di documentare Lo Scambio ha permesso un MOVIMENTO DI PENSIERO Lo Scambio ha rappresentato una modalità per METTERE A DISPOSIZIONE CON GRATUITA Lo Scambio è stata unoccasione per FAR EMERGERE IL VALORE DELLA COLLEGIALITA (CONDIVISIONE) E IL RUOLO DEL RESPONSABILE PEDAGOGICO NEI PROCESSI DI FORMAZIONE Documentazione fotografica ospitanti

25 A COSA E SERVITA QUESTA ESPERIENZA? Costruire nuova Forma mentis: strumenti, metodo che ti cambia nel modo di pensare, nel modo di vedere le cose Rafforzare il senso di appartenenza al sistema e al gruppo Avere ulteriore opportunità di verifica e autoverifica Riconoscere e valorizzare la nostra professionalità; cogliere quanto è ricco il nostro agire Scorgere i bambini presenti nel percorso formativo Rispettare e considerare il lavoro degli altri

26 A COSA E SERVITA QUESTA ESPERIENZA? Rispettare e considerare il lavoro degli altri Cogliere limplicito (gesti, sguardi…) e dare significato alle azioni Gestire le emozioni Cogliere una ricchezza di stimoli Porsi domande Arricchirsi di differenti punti di vista e differenti soluzioni Cercare risposte a domande e problemi (es. organizzazione gruppi verticali) Sperimentare gli scambi per trasformarli in modalità consolidata di confronto e formazione Le fotografie link

27 Borelli Antonino Virgin Loredana (Via Orvieto) Cirigliano Angela (Via Carutti) Di Chio Sabrina Barberi Fiorella (Via Vittime di Bologna) De Matteis Daniela (Via Reiss Romoli) EDUCATRICI/EDUCATORI DEL GRUPPO SCAMBI Alligri Angela (Via Delleani) Ferrero Manuela Tumiati Simonetta (Via Passoni) Botticella Manuela (Via Fontanesi) Di Riso Carmela (Via Lugaro) Barbara Lazzari (Via Deledda) Kiriyama Marina (Via Camino) Boffa Barbara (Corso Cirie) Laviano Fulvia (Via Romita) De Luca Laura Baschirotto Patrizia (Via Montenovegno) Givone Tiziana (Via Garrone) Dante Susanna (Via Romita)


Scaricare ppt "Città di Torino, Servizi Educativi CANTIERE NIDI GRUPPO SCAMBI E CONFRONTI Esperienza del Gruppo Scambi e Confronti presso i Nidi dInfanzia di via Reiss."

Presentazioni simili


Annunci Google