La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 San Paolo Appunti sulla vita e il pensiero. 2 Cronologia Circa 8 DC: secondo la tradizione nasce a Tarso Circa 20 DC: Educazione ebraica tradizionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 San Paolo Appunti sulla vita e il pensiero. 2 Cronologia Circa 8 DC: secondo la tradizione nasce a Tarso Circa 20 DC: Educazione ebraica tradizionale."— Transcript della presentazione:

1 1 San Paolo Appunti sulla vita e il pensiero

2 2 Cronologia Circa 8 DC: secondo la tradizione nasce a Tarso Circa 20 DC: Educazione ebraica tradizionale a Gerusalemme Circa 38 DC: conversione sulla via di Damasco Circa 40 DC: primo viaggio apostolico Circa 48 DC: Concilio di Gerusalemme Circa 50 DC: secondo viaggio apostolico Circa 55 DC: terzo viaggio apostolico Circa 60 DC: quarto viaggio apostolico 29 Giugno 67 DC: martirio a Roma per decapitazione

3 3 8 DC: nasce Saulo a Tarso Tarso era una città importante all'epoca di Saulo Nel 51AC aveva avuto come Proconsole Cicerone. Nel 41AC Tarso era stato il luogo del primo incontro tra Marco Antonio e Cleopatra Saulo era ebreo, ma parlava anche greco ed aveva il diritto di cittadinanza romana

4 4 20DC: Educazione ebraica tradizionale a Gerusalemme Istruito a Gerusalemme alla scuola di Gamaliele, nelle più rigide norme della legge dei padri (At)

5 5 38DC: Conversione sulla via di Damasco – Saulo diventa Paolo

6 6 Viaggi Apostolici (migliaia di Km!) Circa 40 DC Circa 50 DC Circa 55 DC Circa 60 DC

7 7 49DC: Concilio di Gerusalemme Decisioni fondamentali riguardo all'annuncio della parola ai popoli non di origine ebraica: la parola di Dio è per tutti. Paolo divental'apostolo delle genti

8 8 Martirio, 29 Giugno 67

9 9 Fatti essenziali su Paolo La vita di Paolo è trasformata dall'evento cruciale di Damasco (conversione) Paolo è l'emblema della forza dell'opera di Dio sull'uomo che accoglie la sua chiamata (chiamata) Paolo vive le gioie e i problemi della vita concreta delle comunità che converte: la teologia all'azione nel mondo (testimonianza) Paolo nasce e vive all'incrocio di tre culture romana, greca, ebraica. Anche per questo diventa l'apostolo delle genti (missionarietà)

10 10 Damasco: Saulo rinasce in Paolo Paolo perde temporaneamente la vista per tornare a vedere la vera luce. Viene battezzato quanti siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo (Gal 3,27) O non sapete che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? Per mezzo del battesimo siamo dunque stati sepolti insieme a lui nella sua morte, perché, come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova. (Rm 6,3-4)

11 11 Damasco: Paolo testimone del Risorto Ma se Cristo non è risuscitato, allora è vana la nostra predicazione ed è vana anche la vostra fede. Noi, poi, risultiamo falsi testimoni di Dio, perché contro Dio abbiamo testimoniato che egli ha risuscitato Cristo, mentre non lo ha risuscitato, se è vero che i morti non risorgono. Se infatti i morti non risorgono, neanche Cristo è risorto; ma se Cristo non è risorto, è vana la vostra fede e voi siete ancora nei vostri peccati. E anche quelli che sono morti in Cristo sono perduti. Se poi noi abbiamo avuto speranza in Cristo soltanto in questa vita, siamo da compiangere più di tutti gli uomini. Ora, invece, Cristo è risuscitato dai morti, primizia di coloro che sono morti. (1Cor 15,14)

12 12 Damasco: Paolo apostolo Paolo diventa apostolo: Paolo, apostolo non da parte di uomini né per mezzo di un uomo, ma per mezzo di Gesù Cristo e di Dio Padre che lo ha risuscitato dai morti (Gal 1,1) Vi dichiaro dunque, fratelli, che il vangelo da me annunziato non è modellato sull'uomo; infatti io non l'ho ricevuto né l'ho imparato da uomini, ma per rivelazione di Gesù Cristo (Gal 1,11)

13 13 La legge ebraica resa nuova da Paolo Noi che per nascita siamo Giudei e non pagani peccatori, sapendo tuttavia che l'uomo non è giustificato dalle opere della legge ma soltanto per mezzo della fede in Gesù Cristo, abbiamo creduto anche noi in Gesù Cristo per essere giustificati dalla fede in Cristo e non dalle opere della legge; poiché dalle opere della legge non verrà mai giustificato nessuno (Gal 2,15) Togliamo dunque ogni valore alla legge mediante la fede? Nient'affatto, anzi confermiamo la legge. (Rm 3,31)

14 14 Giustificati per la fede Non c'è dunque più nessuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù. Poiché la legge dello Spirito che dà vita in Cristo Gesù ti ha liberato dalla legge del peccato e della morte. Infatti ciò che era impossibile alla legge, perché la carne la rendeva impotente, Dio lo ha reso possibile: mandando il proprio Figlio in una carne simile a quella del peccato e in vista del peccato, egli ha condannato il peccato nella carne, perché la giustizia della legge si adempisse in noi, che non camminiamo secondo la carne ma secondo lo Spirito. (Rm 8,1)

15 15 La debolezza di Paolo e la sua forza Sappiamo infatti che la legge è spirituale, mentre io sono di carne, venduto come schiavo del peccato. Io non riesco a capire neppure ciò che faccio: infatti non quello che voglio io faccio, ma quello che detesto. Ora, se faccio quello che non voglio, io riconosco che la legge è buona; quindi non sono più io a farlo, ma il peccato che abita in me. Io so infatti che in me, cioè nella mia carne, non abita il bene; c'è in me il desiderio del bene, ma non la capacità di attuarlo; infatti io non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio. Ora, se faccio quello che non voglio, non sono più io a farlo, ma il peccato che abita in me. Io trovo dunque in me questa legge: quando voglio fare il bene, il male è accanto a me. Infatti acconsento nel mio intimo alla legge di Dio, ma nelle mie membra vedo un'altra legge, che muove guerra alla legge della mia mente e mi rende schiavo della legge del peccato che è nelle mie membra. Sono uno sventurato! Chi mi libererà da questo corpo votato alla morte? Siano rese grazie a Dio per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore! Io dunque, con la mente, servo la legge di Dio, con la carne invece la legge del peccato (Rm 7,14)

16 16 La debolezza di Paolo e la sua forza Però noi abbiamo questo tesoro in vasi di creta, perché appaia che questa potenza straordinaria viene da Dio e non da noi. (2Cor 4,7) Se infatti siamo stati completamente uniti a lui con una morte simile alla sua, lo saremo anche con la sua risurrezione. Sappiamo bene che il nostro uomo vecchio è stato crocifisso con lui, perché fosse distrutto il corpo del peccato, e noi non fossimo più schiavi del peccato. Infatti chi è morto, è ormai libero dal peccato. Ma se siamo morti con Cristo, crediamo che anche vivremo con lui, sapendo che Cristo risuscitato dai morti non muore più; la morte non ha più potere su di lui. Per quanto riguarda la sua morte, egli morì al peccato una volta per tutte; ora invece per il fatto che egli vive, vive per Dio. Così anche voi consideratevi morti al peccato, ma viventi per Dio, in Cristo Gesù. (Rm 6,5)

17 17 La debolezza di Paolo e la sua forza Perché non montassi in superbia per la grandezza delle rivelazioni, mi è stata messa una spina nella carne, un inviato di satana incaricato di schiaffeggiarmi, perché io non vada in superbia. A causa di questo per ben tre volte ho pregato il Signore che l'allontanasse da me. Ed egli mi ha detto: " Ti basta la mia grazia; la mia potenza infatti si manifesta pienamente nella debolezza ". Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perché dimori in me la potenza di Cristo. Perciò mi compiaccio nelle mie infermità, negli oltraggi, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, è allora che sono forte. (2Cor 12,7)

18 18 Paolo missionario per tutti Paolo mette una energia straordinaria nella sua azione missionaria Con coloro che non hanno legge sono diventato come uno che è senza legge, pur non essendo senza la legge di Dio, anzi essendo nella legge di Cristo, per guadagnare coloro che sono senza legge. Mi sono fatto debole con i deboli, per guadagnare i deboli; mi sono fatto tutto a tutti, per salvare ad ogni costo qualcuno. Tutto io faccio per il vangelo, per diventarne partecipe con loro. (1Cor 9,21)

19 19 Paolo missionario per tutti Viaggi innumerevoli, pericoli di fiumi, pericoli di briganti, pericoli dai miei connazionali, pericoli dai pagani, pericoli nella città, pericoli nel deserto, pericoli sul mare, pericoli da parte di falsi fratelli; fatica e travaglio, veglie senza numero, fame e sete, frequenti digiuni, freddo e nudità. E oltre a tutto questo, il mio assillo quotidiano, la preoccupazione per tutte le Chiese. (2Cor 11,26) Esposi loro il vangelo che io predico tra i pagani, ma lo esposi privatamente alle persone più ragguardevoli, per non trovarmi nel rischio di correre o di aver corso invano. (Gal 2,2)

20 20 Paolo guida spirituale della Chiesa Nelle lettere di S. Paolo troviamo le raccomandazioni pratiche per la vita delle comunità convertite (ad esempio attenzione all'amore reciproco, alla concordia e alla esemplarità del comportamento, all'uso delle offerte dei fedeli) Troviamo anche le raccomandazioni pratiche per la vita degli individui riguardo ai temi più diversi: il matrimonio, il rispetto della legge (romana), il rapporto con i pagani, l'impegno nella vita quotidiana, il rapporto uomo-donna, la castità, la carità e la risposta a problemi teologici

21 21 Paolo guida spirituale della Chiesa La chiesa sposa di Cristo – il matrimonio umano come metafora dell'unione della chiesa con Cristo Non conformatevi alla mentalità di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto. (Rm 12,2)

22 22 Paolo guida spirituale della Chiesa Poiché, come in un solo corpo abbiamo molte membra e queste membra non hanno tutte la medesima funzione, così anche noi, pur essendo molti, siamo un solo corpo in Cristo e ciascuno per la sua parte siamo membra gli uni degli altri. Abbiamo pertanto doni diversi secondo la grazia data a ciascuno di noi. Chi ha il dono della profezia la eserciti secondo la misura della fede; chi ha un ministero attenda al ministero; chi linsegnamento, allinsegnamento; chi lesortazione, allesortazione. Chi dà, lo faccia con semplicità; chi presiede, lo faccia con diligenza; chi fa opere di misericordia, le compia con gioia La carità non abbia finzioni: fuggite il male con orrore, attaccatevi al bene; amatevi gli uni gli altri con affetto fraterno, gareggiate nello stimarvi a vicenda. Non siate pigri nello zelo; siate invece ferventi nello spirito, servite il Signore. Siate lieti nella speranza, forti nella tribolazione, perseveranti nella preghiera, solleciti per le necessità dei fratelli, premurosi nellospitalità. Benedite coloro che vi perseguitano, benedite e non maledite. Rallegratevi con quelli che sono nella gioia, piangete con quelli che sono nel pianto. Abbiate i medesimi sentimenti gli uni verso gli altri; non aspirate a cose troppo alte, piegatevi invece a quelle umili. Non fatevi unidea troppo alta di voi stessi. (Rm 12,4)

23 23 Conclusione La rivelazione del Cristo lo fa rinascere uomo nuovo Lo scandalo della croce, la sapienza della croce: l'atto d'amore di Dio che mentre eravamo ancora peccatori manda il suo Figlio a morire per noi La speranza certa della resurrezione Il conflitto interiore tra il peccato / la carne e l'aspirazione al bene, risolto nella fede Non conformatevi alla mentalità di questo secolo

24 24 Conclusione Di me stesso invece non mi vanterò fuorché delle mie debolezze La spada del martirio di Paolo può essere rivista quasi come icona del combattente quotidiano, dell'affermazione del vivere cristianamente nella vita di ogni giorno: la teologia all'azione nel mondo Di Paolo abbiamo 14 lettere, primo esempio di encicliche, che supportano la sua energica azione missionaria e la sua urgenza dell'annuncio di Cristo

25 25 Conclusione Voi siete santi! Da duemila anni san Paolo continua a ripetere questo grido ai cristiani di Roma. E subito aggiunge: Dunque vivete da persone sante! Il Signore vi precede, vi accompagna, vi sostiene con la sua grazia!


Scaricare ppt "1 San Paolo Appunti sulla vita e il pensiero. 2 Cronologia Circa 8 DC: secondo la tradizione nasce a Tarso Circa 20 DC: Educazione ebraica tradizionale."

Presentazioni simili


Annunci Google