La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Quando sono iniziate le indagini? Alcuni elementi tratti dallinvio degli atti dal PM al GIP tribunale di Milano: Mese di 22 Marzo 2006 Esposto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Quando sono iniziate le indagini? Alcuni elementi tratti dallinvio degli atti dal PM al GIP tribunale di Milano: Mese di 22 Marzo 2006 Esposto."— Transcript della presentazione:

1

2

3

4

5

6 Quando sono iniziate le indagini? Alcuni elementi tratti dallinvio degli atti dal PM al GIP tribunale di Milano: Mese di 22 Marzo 2006 Esposto anonimo al Nucleo Regionale Guardia Finanza In cui si segnalava che i pazienti ricoverati sarebbero stati sottoposti ad interventi diversi rispetto a quelli effettivamente necessari per ottenere rimborsi maggiori …la segnalazione accenna anche al fatto che la presunta truffa verrebbe perpetrata con il benestare di personale della Regione Lombardia che effettuerebbe controlli fittizi sullattività della clinica.. Nellesercizio 2005 ha registrato un incremento del 39% in termini di ricavi dellattività sanitaria, grazie alla messa in esercizio ed accreditamento delle UUOO Chirurgia toracica e Neurochirurgia per un totale di 95 posti letto. I ricavi per prestazioni di ricovero sono cresciuti del 49% rispetto al 2004, mentre le prestazioni ambulatoriali del 6,6. I ricavi da solventi hanno avuto un incremento del 93% per i ricoveri e del 16,5% per prestazioni ambulatoriali.

7 Ricoveri analizzati anni 2005 e 2006 – Alcuni esempi di DRG indicati come codifica abnorme per fatturare maggiormente DRG fatturatoDRG accertatotariffa fatturata tariffa accertata differenza reparto Neurochi rurgia Neurochi rurgia Ortopedi a Ortopedi a urologia 386varie otorino Chirurgi a Toracica Chirurgi a Toracica

8 LAssessorato Regionale ha sempre autorizzato laumento dei letti e di servizi avvenuto in pochissimi anni per la clinica santa rita ed la ASL Città di Milano ha proceduto al rimborso nonostante fosse abnorme la superproduzione in crescita esponenziale e fosse operante il tetto della produzione per tutte le altre strutture pubbliche e private. Intanto il fatturato della Clinica Santa Rita è cresciuto solo dal 2005 al 2006 del 15% passando da 42 a 49 milioni di euro, mentre dal 2000 al 2006 lesborso regionale alla Clinica indagata per i ricoveri è passato da 22 milioni ai 49 milioni.(+122%). I ricoveri annui nello stesso periodo sono passati da 9164 a

9 Delibere Giunta Regionaleoggetto 47420/VI del 29 dicembre 1999 Nulla osta per ampliamento e riorganizzazione interna per ulteriori 38 PL 47975/VI del 28 gennaio 2000accreditamento 49137/VI del 17 marzo 2000integrazione accreditamento 49721/VI del 27 aprile 2000 Nulla osta per ampliamento e riorganizzazione interna per ulteriori 57 PL 18584/VII del 5 agosto 2004 Autorizzazione alla messa in esercizio delle UUOO Chirurgia Toracica e Neurochirurgia per un totale di 95 Posti letto Alcuni provvedimenti che hanno ampliato Laccreditamento della Clinica Santa Rita

10

11

12 FATTURATO SANTA RITA SPA

13 Dal sito dellIstituto Clinico Città Studi (ex Casa di cura Santa Rita) 11 maggio 2009 Cambio di nome e un nuovo direttore generale: due elementi di novità che contribuiranno a migliorare la governance e la gestione della struttura, che vanno ad aggiungersi a quanto il nuovo management sta facendo in tal senso dallo scorso luglio: dal rinnovo degli organi direttivi con la nomina di un Cda completamente rinnovato (presieduto dallavvocato Luigi Colombo) alla decisione di risarcire le Istituzioni per i danni sia morali che materiali determinati dalla precedente gestione; dalladozione di un nuovo Modello Organizzativo e di un Codice Etico – entrambi finalizzati ad assicurare una maggiore trasparenza e a garantire il pieno rispetto della legalità – alla creazione di un organismo di Vigilanza, presieduto dallavvocato Angela Monti e di cui fa parte anche il dott. Marino Nonis, massimo esperto di DRG in Italia. Il nuovo direttore generale – Lassemblea degli azionisti ha nominato direttore generale della struttura il dr Luciano Angelini. Nato nel 1944 a Roma, Angelini si è laureato in medicina e chirurgia allUniversità degli Studi di Milano; ha conseguito due successive specializzazioni, in Ematologia e Igiene. Tra gli incarichi ricoperti in precedenza, quella di direttore sanitario dellIstituto Clinico Mater Domini di Castellanza e amministratore delegato per due anni, del quale ha curato in particolare la riorganizzazione della struttura di ricovero, il progetto del nuovo padiglione ospedaliero, quello per la gestione informatica delle cartelle cliniche e il percorso di accreditamento presso la Joint Commission International. Il nuovo nome – Oltre alla nomina di Angelini, è stato deliberato il cambio della ragione sociale della struttura di via Jommelli, che da oggi prende il nome di Istituto Clinico Città Studi. Larrivo del dr Angelini e il cambio di nome - ha commentato il presidente, Luigi Colombo - si inseriscono nel percorso di cambiamento avviato lo scorso luglio. Tanti cambiamenti con lobiettivo di rendere la struttura un riferimento importante per il territorio e la città di Milano.

14 DELIBERAZIONE N. VIII/9014 DEL 20 FEBBRAIO 2009 Oggetto: DETERMINAZIONI IN ORDINE AL CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI SANITARIE ED AI REQUISITI DI ACCREDITAMENTO D E L I B E R A Per le motivazioni indicate in premessa 1. di divulgare, tramite pubblicazione sul sito internet della D.G. Sanità, alcuni dati relativi ai risultati delle attività di verifica, monitoraggio e controllo delle prestazioni sanitarie così come riportato nellAllegato 1Pubblicazione in internet dei dati relativi ai controlli, parte integrante del presente atto; 2. di sancire lobbligo in capo alle ASL di trasmettere con cadenza almeno trimestrale ai Medici di Medicina Generale ed ai Pediatri di Libera Scelta, nel pieno rispetto della normativa vigente sulla privacy, dati relativi alle prestazioni sanitarie relative a ricoveri, assistenza ambulatoriale erogate ai loro assistiti, nonché agli esiti delle attività di controllo sulle suddette prestazioni e confermando le disposizioni in essere per il monitoraggio della spesa farmaceutica; 3. di approvare lAllegato 2 Sanzioni amministrative, parte integrante della presente deliberazione, contenente disposizioni relative alle sanzioni amministrative; 4. di stabilire, in conformità ai principi contenuti nel Codice di Deontologia Medica del 16 dicembre 2006, che i rapporti contrattuali tra medici e strutture sanitarie pubbliche o private debbano improntarsi a criteri di appropriatezza, efficacia ed efficiente utilizzo delle risorse e non possano determinare, neppure in via indiretta, situazioni di conflitto di interessi, con riferimento ad aspetti sia economici che di beneficio per la progressione della qualifica e della carriera;

15 5. di stabilire che la cartella clinica, ai fini della rimborsabilità dei relativi ricoveri a carico del SSR, debba contenere almeno gli elementi indicati nellAllegato 3 Cartella clinica, parte integrante del presente atto; 6. di stabilire che i ricoveri effettuati a carico del SSR, le cui cartelle cliniche non contengano almeno gli elementi indicati nel citato Allegato 3, non siano rimborsabili in quanto non chiaramente rappresentativi del percorso di cura del paziente; 7. di stabilire che le prestazioni di specialistica ambulatoriale prescritte da un MMG, PLS o specialista ospedaliero non corredate dalla diagnosi o dal sospetto diagnostico prevalente correttamente esplicitato non possano rappresentare un costo per il Servizio Sanitario Regionale in quanto in questi casi non vengono garantiti i minimi presupposti per la effettuazione appropriata delle prestazioni stesse;

16 8. di stabilire che una struttura di ricovero e cura con posti letto di degenza ordinaria, oltre a garantire le funzioni di Servizio di Medicina di Laboratorio e di Diagnostica per Immagini, utilizzando anche le modalità previste dalla DGR n. VII/3265/2001: deve disporre di un direttore medico di presidio, in possesso dei titoli previsti dalla normativa vigente; nellassetto organizzativo accreditato ha un DEA o un EAS o è provvista di più di 250 posti letto accreditati e a contratto o ha almeno 2 presidi deve disporre del direttore sanitario in analogia a quanto previsto dal decreto legislativo 502/92 e successive modifiche ed integrazioni; il Direttore sanitario può svolgere anche le funzioni del Direttore medico di presidio se in possesso dei titoli previsti dalla normativa vigente; deve disporre di almeno un medico presente in ogni momento delle 24 ore della giornata; deve assicurare, anche attraverso convenzioni, accordi e contratti, le funzioni di sterilizzazione e di disinfezione e sanificazione degli ambienti e degli impianti ospedalieri; nel caso di strutture che non dispongano almeno di un Pronto Soccorso e di una U.O. di Anestesia e Rianimazione, deve aver formalizzato un accordo con una struttura di ricovero e cura dotata di PS, DEA-EAS per garantire nei tempi e nei modi appropriati il trattamento di eventuali complicanze e/o urgenze; la modulazione a livello territoriale di questo requisito sarà coordinata dallAREU;

17 8. di stabilire che una struttura di ricovero e cura con posti letto di degenza ordinaria, oltre a garantire le funzioni di Servizio di Medicina di Laboratorio e di Diagnostica per Immagini, utilizzando anche le modalità previste dalla DGR n. VII/3265/2001: deve disporre di un direttore medico di presidio, in possesso dei titoli previsti dalla normativa vigente; nellassetto organizzativo accreditato ha un DEA o un EAS o è provvista di più di 250 posti letto accreditati e a contratto o ha almeno 2 presidi deve disporre del direttore sanitario in analogia a quanto previsto dal decreto legislativo 502/92 e successive modifiche ed integrazioni; il Direttore sanitario può svolgere anche le funzioni del Direttore medico di presidio se in possesso dei titoli previsti dalla normativa vigente; deve disporre di almeno un medico presente in ogni momento delle 24 ore della giornata; deve assicurare, anche attraverso convenzioni, accordi e contratti, le funzioni di sterilizzazione e di disinfezione e sanificazione degli ambienti e degli impianti ospedalieri; nel caso di strutture che non dispongano almeno di un Pronto Soccorso e di una U.O. di Anestesia e Rianimazione, deve aver formalizzato un accordo con una struttura di ricovero e cura dotata di PS, DEA-EAS per garantire nei tempi e nei modi appropriati il trattamento di eventuali complicanze e/o urgenze; la modulazione a livello territoriale di questo requisito sarà coordinata dallAREU;

18 9. di esplicitare ed integrare alcuni requisiti minimi autorizzativi e di accreditamento relativi alle strutture di ricovero e cura ed alla attività di Day Surgery, come indicato nellAllegato 4 Requisiti autorizzativi e di accreditamento, parte integrante del presente atto; 10. di stabilire le innovazioni organizzative riguardanti larea della degenza riportate nellAllegato 5 Innovazioni organizzative di accreditamento, parte integrante del presente atto; 11. di precisare le modalità di assolvimento di alcuni requisiti autorizzativi e di accreditamento, secondo quanto riportato nellAllegato 6, Modalità di assolvimento di alcuni requisiti autorizzativi di accreditamento, parte integrante del presente atto; 12. di demandare a successivo provvedimento di Giunta la disciplina per la verifica periodica, su base quinquennale, dei contratti in essere con le strutture accreditate in conformità con quanto stabilito nellAllegato 7 Verifica periodica contratti, parte integrante del presente atto; 13. di approvare lAllegato 8 Appropriatezza specifica delle prestazioni, parte integrante della presente deliberazione, contenente indicazioni sulla appropriatezza specifica delle prestazioni;

19 14. di accogliere la raccomandazione espressa dalla competente Commissione Consiliare nella seduta del : di monitorare, in stretto rapporto con le organizzazioni degli operatori di settore, le fasi di esecuzione della deliberazione, al fine di modificare o integrare le disposizioni in essa contenute qualora si rilevino criticità operative, in particolare nella redazione della cartella clinica, con conseguenti disfunzioni nell'erogazione delle prestazioni sanitari; di svolgere una relazione, da presentare alla Commissione III entro la fine dellanno 2009, sui risultati ottenuti a seguito della applicazione della deliberazione; di eliminare a pag. 13, punto 7 della delibera la frase.....o mancanti di un esauriente risposta al quesito diagnostico prevalente

20

21

22

23

24


Scaricare ppt "Quando sono iniziate le indagini? Alcuni elementi tratti dallinvio degli atti dal PM al GIP tribunale di Milano: Mese di 22 Marzo 2006 Esposto."

Presentazioni simili


Annunci Google