La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Palermo, 13 Marzo 2013 Verso la nuova strategia: prime valutazioni sugli interventi realizzati e indicazioni per lavvio di un percorso partenariale partecipato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Palermo, 13 Marzo 2013 Verso la nuova strategia: prime valutazioni sugli interventi realizzati e indicazioni per lavvio di un percorso partenariale partecipato."— Transcript della presentazione:

1 Palermo, 13 Marzo 2013 Verso la nuova strategia: prime valutazioni sugli interventi realizzati e indicazioni per lavvio di un percorso partenariale partecipato Gli esiti della valutazione ex-post per il periodo Dott. Gianluca Di Cicco - Partner Deloitte Consulting

2 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited Agenda 1 Premessa Mandato valutativo Oggetto della valutazione e approccio metodologico Risorse complessive Ricerca e Innovazione (R&I) Performance attuative Esito della valutazione Società dellInformazione (SI) Performance attuative Esito della valutazione Suggerimenti

3 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited Premessa 2 Il presente documento ha lobiettivo di Descrivere il mandato valutativo assegnato, loggetto della valutazione e lapproccio metodologico adottato Dare evidenza del quadro delle risorse complessivamente attivate sul territorio siciliano per la tematica della Ricerca & Sviluppo e della Società dellinformazione Condividere i principali risultati emersi dalla valutazione ex-post Fornire indicazioni e suggerimenti per la programmazione in corso e per il periodo

4 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited Mandato valutativo 3 Valutare il successo delle politiche di sostegno negli ambiti della R&I e SI finanziate dai Fondi Strutturali (POR) e dal Fondo per le Aree Sottoutilizzate nel periodo Rafforzare la funzione di accountability dellAmministrazione regionale nei confronti dei cittadini in relazione ai risultati conseguiti dalle politiche di sostegno alla Ricerca e allinnovazione e allo sviluppo della Società dellinformazione Supportare lAdG nel riorientare le scelte operate in sede di programmazione e nellindividuare gli ambiti di aggiornamento e focalizzazione della «Strategia Regionale per lInnovazione» e del «Quadro di Riferimento Strategico per la Società dellInformazione»

5 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited Oggetto della valutazione e approccio metodologico (1/3) 4 RICERCA E INNOVAZIONE I SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE II POR Sicilia o Misura 3.14 Promozione e sostengo al sistema regionale per la ricerca e linnovazione o Misura 3.15 Reti per lo sviluppo sella Ricerca Scientifica APQ Ricerca e Innovazione Tecnologica PON Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione POR Sicilia o Misura 5.05 Reti finalizzate al miglioramento dellofferta di città o Misura 6.05 Reti e servizi per la Società dellInformazione APQ Società dellInformazione nella Regione Siciliana

6 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 5 Oggetto della valutazione e approccio metodologico (2/3) RICERCA E INNOVAZIONE I SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE II A.Performance delle attività di ricerca condotte a livello regionale in relazione ai settori e alle aree tecnico-scientifiche prioritari individuati dalla SRI B.Partecipazione degli organismi di ricerca regionali alle reti di cooperazione scientifica nazionali e internazionali e ai programmi di finanziamento europei C.Evoluzione della domanda di ricerca applicata e trasferimento tecnologico alle imprese D.Livelli di accesso e di utilizzo avanzato delle TLC da parte delle PMI E.Qualità dei servizi telematici pubblici locali e diffusione di modalità avanzate di accesso digitale agli stessi F.Utilizzo avanzato delle TLC da parte dei cittadini e grado di soddisfazione dellutenza rispetto ai servizi attivati Consorzi e Enti di Ricerca Parchi Scientifici PMI Università Cittadini Consorzi e Enti di Ricerca Enti locali Parchi Scientifici PMI Università

7 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 6 La valutazione è stata incentrata su due livelli di approccio analitico: Livello strategico o Coerenza della strategia di intervento regionale o Rilevanza degli interventi o Utilità degli interventi Livello operativo o Efficienza degli interventi attivati o Efficacia degli interventi attivati CATI ~ 200 Imprese beneficiarie Interviste Con Stakeholders Focus Group oltre 30 referenti Delphi 20 esperti coinvolti Analisi Desk Analisi Field Oggetto della valutazione e approccio metodologico (3/3) Casi Studio Regional Innovation Scorecard

8 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 7 Risorse complessive – importi programmati Ricerca e Innovazione - 773,2 milioni programmati Società dellInformazione - 388,3 milioni programmati Fonte: Elaborazione Deloitte su dati al Febbraio 2012 PON, APQ (tranne quota POR), POR, PRAI Fonte: Elaborazione Deloitte su dati al Febbraio 2012 PON, APQ (tranne quota POR), POR, PRAI

9 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 8 Risorse complessive – importi programmati e impiegati Ricerca e Innovazione - 370,7 milioni programmati Società dellInformazione - 388,3 milioni programmati 105% 87% 100% 104% 43% Fonte: Elaborazione Deloitte su dati al Febbraio 2012 PON, APQ (tranne quota POR), POR, PRAI Fonte: Elaborazione Deloitte su dati al Febbraio 2012 PON, APQ (tranne quota POR), POR, PRAI

10 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 9 R&I: Performance attuative Ricerca e Innovazione POR Sicilia – Misura 3.14 «Promozione e sostegno al sistema regionale per la ricerca e linnovazione» Migliorare e sostenere la capacità di ricerca e sviluppo delle PMI, stimolare linnovazione, di prodotto e di processo ed il trasferimento tecnologico in favore del settore produttivo. I destinatari sono stati: PMI industriali, artigiane e del settore dei servizi Importo medio progetto 90,1% Risorse spese 195 Progetti finanziati Risorse programmate Polverizzazione dei finanziamenti Scarsa propensione delle imprese allinnovazione Elevata presenza di revoche, conseguenti a rinunce dovute alla scarsa osservanza da parte delle imprese delle prescrizioni amministrativo-contabili dei bandi Introduzione di innovazioni presso il 90% delle imprese beneficiarie del finanziamento: il 52% per innovazioni di prodotto, il 21,5% per innovazioni di processo e il 16,1% per innovazioni organizzative Determinazione di un incremento del numero degli occupati per il 40% delle imprese; mantenimento dei livelli occupazionali per il 50% Concentrazione territoriale degli interventi per oltre il 50% nel territorio provinciale di Catania e di Palermo. Segue Messina con il 16,1% degli interventi

11 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 10 R&I: Performance attuative Ricerca e Innovazione POR Sicilia – Misura 3.15 «Reti per lo sviluppo della ricerca scientifica» Sviluppo di reti e collegamenti per lintegrazione dellofferta di innovazione su scala regionale e per il suo trasferimento alle imprese, alle filiere e/o ai distretti attraverso la realizzazione di laboratori tecnologici. I destinatari sono stati: Università ed Enti di ricerca, PMI e Distretti Importo medio progetto 122,5% Risorse spese 39 Progetti finanziati Risorse programmate Tardiva attivazione delle azioni di creazione e gestione dei circoli di conoscenza e sviluppo del sistema di interfaccia (con la pubblicazione dei primi bandi nel 2005) con conseguente riduzione delleffetto moltiplicativo dato dal potenziamento dei laboratori Assenza di una rete stabile di coordinamento e confronto tra PMI e mondo della ricerca Prevalenza del peso del pubblico nel mondo dellofferta di ricerca e nelle scelte strategiche per il potenziamento dei laboratori Riduzione del gap della dotazione infrastrutturale e tecnologica dei laboratori rispetto al contesto nazionale e potenziamento sensibile dellofferta di ricerca Attivazione di partnership nazionali e incremento delle collaborazioni tra offerta e domanda di ricerca Attivazione degli ILO (Industrial Liaison Office) in ottica di valorizzazione dei risultati della ricerca

12 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 11 R&I: Performance attuative Ricerca e Innovazione Accordo di Programma Quadro «Ricerca scientifica ed Innovazione tecnologica» Realizzazione di tre Distretti tecnologici di filiera nei settori dellagricoltura biologica e della pesca ecocompatibile, dei trasporti navali commerciali e da diporto e dei micro e dei nanosistemi tecnologici, in aree territoriali con significativa concentrazione imprenditoriale e di ricerca Importo medio progetto 87,2% Risorse spese 23 Progetti finanziati Risorse programmate Assenza di una preventiva analisi delle vocazioni territoriali (lato domanda e offerta di ricerca), e di una strategia di riferimento con effetto limitante sul concreto svolgimento e governance delle attività dei Distretti Peso prevalente della ricerca pubblica nelle scelte strategiche Scarsa strutturazione dei Distretti in termini di mancanza di facilities proprie e figure manageriali esperte nella gestione di progetti di ricerca Contributo sensibile al potenziamento dellofferta regionale di ricerca attraverso il supporto al testing di iniziative con elevato livello di applicazione industriale Consolidamento delle reti di relazioni esistenti e creazione di un ambiente favorevole alla attivazione di una rete tra diversi attori del sistema di Ricerca regionale

13 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 12 R&I: Performance attuative Ricerca e Innovazione PON Ricerca e Sviluppo Tecnologico (Misure I.1, I.2 e I.3) Rafforzamento della capacità innovativa delle imprese del Mezzogiorno, col fine di innalzare la competitività degli operatori (Misura I.1 «Progetti di ricerca di interesse industriale» e I.3 «Ricerca e sviluppo tecnologico nei settori strategici»); audit scientifico-tecnologici per le PMI, mirati a individuare i fabbisogni di innovazione delle imprese e orientare le scelte sperimentali e di investimento (Misura I.2 «Servizi per la promozione dellinnovazione e dello sviluppo scientifico-tecnologico») Importo medio progetto 100% Risorse spese 84 Progetti finanziati Risorse programmate Assenza di una Cabina di regia strategica e gestionale che coordinasse le diversi risorse e strumenti (POR, APQ, PON) Concentrazione dei finanziamenti, con oltre il 50% delle risorse totali, nei seguenti settori: i) trasporti (con circa 27 milioni di euro), ii) alimentare (con 26 milioni di euro); iii) telecomunicazioni (con 24 milioni di euro) Concentrazione geografica con oltre il 39% delle risorse complessive nella provincia di Catania, seguita da quella di Palermo (30%) e Messina (26%) Elevata complementarietà e sinergia rispetto alle risorse e agli interventi dellAPQ in particolare per i settori della microelettronica, dellinformatica e dellagroalimentare

14 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 13 R&I: Esito della valutazione Ricerca e Innovazione Presenza di effetti positivi dei finanziamenti alla PMI verso forme più avanzate e innovative di produzione seppur allinterno di un tessuto imprenditoriale altamente polverizzato caratterizzato da bassa propensione all'innovazione e scarsa capacità di brevettazione nei settori hi-tech Difficoltà nellaccesso al credito per le imprese: necessità di individuare strumenti di garanzia per laccesso al credito Alti livelli di spesa pubblica nel settore R&S, presenza di Università ed Enti di ricerca pubblici che detengono competenze distintive, presenza di capitale umano e personale nel settore della R&S altamente qualificato. Miglioramento delle condizioni delle condizioni di operatività del sistema dellofferta di ricerca pubblica pur senza particolari evidenze di un innalzamento significativo della performance di ricerca (brevetti, spin-off, ecc) anche a fronte di un impegno di rilevanti risorse Mancanza di una rete che organizzi e valorizzi le competenze distintive dellofferta di Università, Centri ed Enti di ricerca al fine di evitare sovrapposizioni nelle attività di R&S e creare un sistema aperto verso il mondo delle imprese Mancanza di interconnessione stabile tra domanda e offerta di ricerca, nonostante la presenza di circoscritti casi di collaborazione tra esponenti principali dei due sistemi (valorizzazione ILO) Potenziale dei Distretti tecnologici non sfruttato pienamente a causa i) della assenza di una specifica strategia regionale, ii) della scarsezza di risorse fisiche e finanziarie dedicate, iii) del mancato consolidamento del sistema di governance Strategia Regionale per lInnovazione concentrata su un numero elevato di tematiche e settori prioritari Procedure e tempistiche di attuazione non allineate alle esigenze produttive

15 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 14 SI: Performance attuative POR Sicilia – Misura 5.05 «Reti finalizzate al miglioramento dellofferta di città» Realizzazione del Sistema Informativo Territoriale Regionale (SITR) diffuso a rete sul territorio (nodo regionale e nodi provinciali e comunali) a supporto della pianificazione e del controllo del territorio Importo medio progetto 102,6% Risorse spese 54 Progetti finanziati Risorse programmate Limitatezza delle risorse dedicate allalimentazione della base dati Potenzialità del Sistema non completamente sfruttate a causa del lento popolamento della base dati attraverso i tematismi specifici forniti da province e comuni Creazione del Sistema con cartografica regionale completa, strutturato in 41 nodi territoriali Alimentazione del sistema attraverso «tematismi» (informazioni geolocalizzate) regionali, provinciali e comunali Possibilità di esplorare lutilizzo commerciale del patrimonio informativo Società dellInformazione

16 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 15 SI: Performance attuative POR Sicilia – Misura 6.05 «Reti e servizi per la Società dellInformazione» Interventi finalizzati alla diffusione delle reti e dei collegamenti fra le pubbliche amministrazioni e lerogazione di servizi telematici rivolti a migliorare i rapporti fra le istituzioni, anche a vantaggio delle imprese e dei cittadini Importo medio progetto 104,8% Risorse spese 84 Progetti finanziati Risorse programmate Adozione di opportuni atti interni per la completa diffusione dei sistemi e degli strumenti realizzati Realizzazione di interventi formativi per il corretto utilizzo delle innovazioni introdotte Necessità di portare a conclusione gli interventi avviati e non completati Realizzazione di iniziative di informatizzazione di processi e attività della PA quali, posta elettronica certificata, firma elettronica, mandato informatico e protocollo informatico Innalzamento del livello di transattività digitalizzata allinterno della PA regionale Società dellInformazione

17 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 16 SI: Performance attuative APQ Società dellInformazione nella Regione Siciliana Realizzazione di interventi finalizzati alla riduzione del digital divide e alla diffusione di servizi legati alla Società dellInformazione per la PA, le PMI e i cittadini Importo medio progetto 43% Risorse spese 15 Progetti finanziati Risorse programmate Presenza di una governance eccessivamente frammentata (molteplici Società di scopo) Tardiva adozione del Quadro di Riferimento Strategico regionale per lo sviluppo della Società dellInformazione (impatto negativo sullattuazione e la governance) Eccessiva concentrazione degli interventi a favore della PA (back office) piuttosto che di servizi rivolti a cittadini e imprese (front office) Rilevante potenziamento dellinfrastruttura regionale per la banda larga Presenza di importanti interventi di informatizzazione di servizi centrali delle attività amministrative regionali (approvvigionamenti, anagrafe sanitaria regionale, rete dei medici di base, ecc) e progetti di diffusione di servizi di e-government per cittadini ed imprese Società dellInformazione

18 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 17 SI: Esito della valutazione Società dellInformazione Carenze in termini di programmazione organica e governance degli interventi con effetti negativi sul completamento degli stessi nei termini previsti e sul raggiungimento degli risultati attesi Presenza, a livello di Strategia regionale, di un numero eccessivo e diversificato di interventi e fonti di finanziamento con effetti dispersivi, polverizzazione delle risorse e difficoltà gestionali Presenza di un sistema di governance frammentato basato sulla presenza di differenti Società di scopo (determinata da scelte politiche) fortemente influenzato da scelte politiche e da processi di razionalizzazione che hanno comportato variazioni di deleghe e competenze e interruzioni delle attività Carenze nel sistema di monitoraggio delle realizzazioni degli interventi a detrimento della quantità e qualità di dati e informazioni necessari per il corretto controllo e valutazione degli effetti e degli impatti delle misure tuttora in corso Riduzione sensibile del digital divide infrastrutturale tramite la diffusione della rete a banda larga nelle aree/città principali Presenza di interventi caratterizzati da un elevato importo finanziario medio e di specifiche best practices meritevoli di potenziamento e replica (SITR, ICT-E1, ICT-E2, ICT-E3) Scarsa riduzione del digital divide sociale a causa della prevalenza di servizi back office piuttosto che front office e limitato impatto degli interventi su cittadini e imprese

19 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 18 Suggerimenti (1/4) Strategia Regionale Realizzazione di un Piano dellInnovazione che preveda Unanalisi dell'offerta regionale di ricerca e delle relative eccellenze distintive Una rilevazione periodica delle esigenze di innovazione del sistema imprenditoriale siciliano Una identificazione di un numero ristretto di priorità strategiche per le quali allocare risorse finanziarie adeguate Sistema della Ricerca Creazione di un network di collaborazione tra aziende, Enti di Ricerca Istituzione ed Università, Regione per mettere a sistema lofferta di conoscenza e sollecitare i processi di formalizzazione e commercializzazione delle attività di R&S, attraverso: La valorizzare del ruolo dei Distretti Tecnologici, Incubatori e Industrial Liaison Offices Il sostenimento al Trasferimento Tecnologico tramite strutture apposite e incentivi Il supporto alla nascita di progetti privati nazionali ed europei nel settore R&S Capitale Umano Istituzione di un sistema di alta formazione rispondente alle esigenze del sistema produttivo regionale Sostegno alla Formazione continua attraverso strumenti quali voucher tecnologici o buoni ricerca Valorizzazione di progetti imprenditoriali a elevata innovazione attraverso strumenti quali, borse di dottorato, assistenza brevettuale, due diligence tecnologica, ecc.

20 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 19 Suggerimenti (2/4) Quadro degli incentivi Individuazione ed attivazione di nuovi strumenti finanziari che facilitino la finanziabilità degli investimenti e laccesso al credito attraverso Un Fondo regionale per il pre-seed e seed (prestito partecipativo) Un Fondo mobiliare chiuso finalizzato a investimenti nel capitale sociale di PMI per supportare progetti di sviluppo sperimentale Venture capital per start-up tecnologici Governance Centralizzazione delle funzioni di pianificazione strategica (obiettivi strategici e budget di spesa), di valutazione e controllo allinterno della Regione Siciliana, con competenze in tema di R&S, Innovazione e trasferimento tecnologico Attivazione di una struttura (es. Agenzia) con ruolo di gestione operativa e attuazione degli strumenti previsti dalle policies regionali, nonché di monitoraggio delle performance delle attività di ricerca finanziate Armonizzazione e semplificazione dei meccanismi di regolazione degli spin-off nel settore R&S

21 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 20 Suggerimenti (3/4) Strategia Regionale Definizione di una Strategia regionale in materia di Società dellinformazione che preveda Unanalisi capillare della domanda di servizi di e-government espressa dai cittadini e delle imprese Lindividuazione di un numero più ristretto di priorità Una programmazione organica degli interventi, non esclusivamente incentrata sul potenziamento strumentale ma anche sullorganizzazione ed il finanziamento stabile di interventi e servizi Completamento della Rete per la Banda larga (estensione alle Amministrazioni locali) Creazione di Piattaforme telematiche di area vasta per la gestione associata a livello intercomunale di servizi ICT (per cittadini e imprese) Completamento delle iniziative di e-government promosse a livello regionale e locale e modellizzazione/replica delle best practices Completamento dellinformatizzazione dei flussi procedurali della Regione Promozione di progetti mirati alla dematerializzazione degli archivi negli Enti locali Attivazione di un Fondo pre-seed e un Fondo seed per la nascita e lo sviluppo di imprese di servizi ICT ICT per PA, cittadini e imprese

22 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited 21 Suggerimenti (4/4) Governance Centralizzazione delle funzioni di pianificazione strategica (obiettivi strategici e budget di spesa), di valutazione e controllo allinterno della Regione Siciliana, con competenze in tema di SI Attivazione di una struttura (es. Agenzia) con ruolo di gestione operativa e attuazione degli strumenti previsti dalle policies regionali, nonché di monitoraggio delle performance delle interventi finanziati Valorizzazione di Centri di ricerca/eccellenza regionali in tema di SI e ICT e loro collegamento in rete Capitale Umano Predisposizione ed attuazione di specifici Piani di alfabetizzazione digitale del personale amministrativo degli Enti Locali Definizione di un Piano di Formazione Continua per la creazione allinterno delle imprese di figure specializzate nelle ICT per il business aziendale Realizzazione di iniziative info/formative permanenti per le categorie di soggetti maggiormente esposti al digital divide (over 50 anni e soggetti a basso reddito)

23 ©2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited


Scaricare ppt "Palermo, 13 Marzo 2013 Verso la nuova strategia: prime valutazioni sugli interventi realizzati e indicazioni per lavvio di un percorso partenariale partecipato."

Presentazioni simili


Annunci Google