La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PRATICA RIFLESSIVA C. TAYLOR, S. WHITE (2005), Ragionare i casi. La pratica della riflessività nei servizi sociali e sanitari, Gardolo di Trento, Erickson.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PRATICA RIFLESSIVA C. TAYLOR, S. WHITE (2005), Ragionare i casi. La pratica della riflessività nei servizi sociali e sanitari, Gardolo di Trento, Erickson."— Transcript della presentazione:

1 LA PRATICA RIFLESSIVA C. TAYLOR, S. WHITE (2005), Ragionare i casi. La pratica della riflessività nei servizi sociali e sanitari, Gardolo di Trento, Erickson. Il linguaggio performantico: dà forma alla realtà

2 Non basta aver tempo di riflettere Lo specchio riflette limmagine che curiamo perché venga vista da altri, e non solo dallo specchio.

3 Dimostrare di fare le cose giuste Lansia dei risultati e la pressione della dimostrazione efficiente

4 Dimostrare di fare le cose giuste Usare le risorse a disposizione Lansia dei risultati e la pressione della dimostrazione efficiente

5 Limite della sicurezza nella risposta esclusivamente tecnica Dimostrare di fare le cose giuste Usare le risorse a disposizione Lansia dei risultati e la pressione della dimostrazione efficiente

6 Conoscere lincertezza, lambiguità e la complessità della propria professione

7 Le risposte ai bisogni nascono dal confronto con le situazioni La situazione difficile rende più importante il confronto, e sfida le certezze scientifiche

8 Un approccio basato sul ragionamento e la comprensione, anziché su spiegazioni oggettive e affermazioni predittive

9 Il costruzionismo sociale Osservare il modo in cui ogni descrizione è costruita …

10 … e in che contesto nasce Sapere non è un processo neutro Il costruzionismo sociale Osservare il modo in cui ogni descrizione è costruita …

11 … e in che contesto nasce Sapere non è un processo neutro Versioni multiple possono convivere Il costruzionismo sociale Osservare il modo in cui ogni descrizione è costruita…

12 Posto che la versione di uno sia la più giusta, quanto conta questo se laltro non la condivide?

13 Concetto, pratiche e assetti sociali hanno una natura storicamente e culturalmente determinata

14 Gli scienziati si impegnano in transazioni di comunicazione in cui, attraverso il linguaggio, si assicurano risorse

15 Uso competente del linguaggio

16 Uso competente del linguaggio dellascolto

17 Uso competente del linguaggio dellascolto della restituzione

18 Uso competente del linguaggio dellascolto della restituzione della composizione

19 Uso competente del linguaggio dellascolto della restituzione della composizione del bisogno di sicurezza

20 Uso competente del linguaggio dellascolto della restituzione della composizione del bisogno di sicurezza del bisogno di appartenenza

21 Importanza del non-detto: riflette diverse aspettative legate a contesti specifici, i codici di moralità e le conoscenze dominanti

22 Il rapporto tra controllare ed essere controllato Il privilegio definitorio del ruolo: controllo, scelta, finalizzazione

23 Strutture di contrasto: lavvio della dichiarazione prepara unaspettativa che ha il potere di definire, ma il resto indica una deviazione che lascia la situazione aperta

24 Categorie di appartenenza e attese di ruolo: madre, collega, capo del personale, …

25 Azioni categorico- definite

26 Relazioni duali standard

27 Adeguatezza morale

28 Il dilemma del coinvolgimento: non solo condiziona laffidabilità, ma espone ad accuse di pregiudizio

29 La strategia dellimmunità da coinvolgimento

30 Il parlato istituzionale Autorevolezza legata alla categoria di provenienza

31 Il parlato istituzionale Muoversi da un ruolo che fa riferimento ad una categoria Autorevolezza legata alla categoria di provenienza

32 Il parlato e il parlante

33 Analizzando il parlato, riusciamo a problematizzare la relazione utente-operatore in modo efficace Agire ladeguatezza

34 Il parlato istituzionale Porsi in modo diverso di fronte a ciò che accade nella quotidianità Autorevolezza legata alla categoria di provenienza

35 Produrre identità istituzionale collettiva Parlare dallinterno di un gruppo competente

36 Il rapporto fra istituito e istituente tra parlato e parlante


Scaricare ppt "LA PRATICA RIFLESSIVA C. TAYLOR, S. WHITE (2005), Ragionare i casi. La pratica della riflessività nei servizi sociali e sanitari, Gardolo di Trento, Erickson."

Presentazioni simili


Annunci Google