La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La sepsi è un problema serio Dott. Sergio Orlando - Medicina Area Critica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La sepsi è un problema serio Dott. Sergio Orlando - Medicina Area Critica."— Transcript della presentazione:

1 La sepsi è un problema serio Dott. Sergio Orlando - Medicina Area Critica

2 La sepsi è una condizione medica che inizia con uno stimolo infettivo che causa una esagerata risposta immune. La risposta infiammatoria che viene attivata per combattere linfezione causa una serie di danni a livello di organi e apparati conosciuti sotto il nome di MOF. Negli ultimi 20 anni si è riusciti solo marginalmente a ridurre lalta mortalità per sepsi, nonostante siano emerse molte evidenze a favore di alcune strategie terapeutiche. Tra queste la Surviving Sepsis Campaigne appare senza dubbio la migliore e più completa strategia a nostra disposizione; nata nel 2004 e rivista nel 2008 essa si pone lobiettivo di ridurre la mortalità per sepsi del 25 %

3

4

5 Surviving sepsis campaigne Riconoscimento Principi guida di trattamento Progettazione bundles terapeutici relativi alle prime 6 ore di trattamento ed in misura specifica per il Dipartimento di Emergenza Modifica dellorganizzazione ospedaliera sul principio delle golden hours già in atto per lIMA o lo stroke Riprogettazione della risposta assistenziale orientata al principio della intensità assistenziale

6 Perché ? Patologia acutaMortalità (%) Stroke9.3 Rottura di aneurisma aortico addominale 50.0 – 73.3 IMA2.7 – 9.6 Sepsi28 – 50

7

8 SSC Guidelines for management of severe sepsis/septic shock Dellinger et Al. SCCM/ESICM Critical Care Medicine & Intensive Care Medicine - April 2004 A. Rianimazione iniziale. B. Diagnosi. C. Terapia antibiotica. D. Controllo della fonte. E. Fluidoterapia. F. Uso dei vasopressori. G. Uso di inotropi. H. Steroidi. I. Drotrecogin Alfa (attivato). J. Somministrazione di emoderivati. K. Ventilazione meccanica nel contesto di ALI/ARDS sepsi indotti. L. Sedazione, analgesia, e blocco neuromusculare nella sepsi. M. Controllo glicemico. N. Sostituzione renale. O. Bicarbonato. P. Profilassi della trombosi venosa profonda. Q. Profilassi delle ulcere da stress. R. Considerazioni sulla limitazione del supporto.

9 Lo scopo della terapia è riassumibile in due cardini essenziali : Eradicazione del focus infettivo Rianimazione fluidica Il tutto rispettando tempi di attuazione assolutamente stretti

10 A - LA RIANIMAZIONE INIZIALE La Early Goal Direct Therapy rappresenta un approccio terapeutico che deve essere precocemente messo in atto nel momento stesso del riconoscimento del quadro di sepsi severa/shock settico senza attendere il ricovero in Terapia Intensiva/Area Critica

11 A - LA RIANIMAZIONE INIZIALE Pressione venosa centrale compresa tra 8 e 12 mmHg Pressione arteriosa media 65 mmHg Diuresi > 0,5 ml/Kg/h Saturazione venosa centrale (ScO2 da vena cava superiore) 70 % Grado B

12 A - LA RIANIMAZIONE INIZIALE Se non si raggiunge una ScO2 70 % nonostante linfusione di fluidi abbia portato la PVC tra 8 e 12 mmHg si dovrebbero somministrare emazie concentrate se lHt è < al 30 % e/o infondere dobutamina (da 2,5 fino ad un massimo di 20 µg/Kg/min) per ottenere questo obiettivo. Grado B

13 Importanza della terapia Early Goal - directed nello shock settico Trial randomizzato aperto, EGDT vs. terapia tradizionale Pazienti con shock settico (dopo fluid challenge test 20 ml/Kg di cristalloidi, o con Lattato > 4 mmol/l (36 mEq/l) Terapia standard : PVC Vasopressori per mantenere PAS > 90 mmHg Diuresi > 0,5 ml/Kg/ora Goal - directed : Come sopra più Pz monitorati con PVC e SVcO2 Se SVcO2 < 70 % EC fino a Ht > 30 % Se persiste SVcO2 < 70 % dobutamina Rivers E. et al N Engl J Med 2001;345:

14 In-hospital mortality (all patients) Standard therapy EGDT 28-day mortality 60-day mortality Mortality (%) EGDT : riduzione del 42 % del rischio di morte sia a 28 giorni che intraospedaliera -33 % del rischio relativo di morte a 60 giorni -NNT per salvare una vita in più : Importanza della Early Goal - directed Therapy nello shock settico

15 E. La fluidoterapia La rianimazione fluidica consiste nellinfusione di cristalloidi o di colloidi naturali o artificiali; non cè evidenza che supporti la superiorità degli uni sugli altri. Grado C

16 A Comparison of Albumin and Saline for Fluid Resuscitation in the Intensive Care Unit The SAFE Study Investigators A double-blind, randomised controlled trial of albumin 4% versus saline for fluid resuscitation involving 6997 patients. Conducted in 14 ICUs in Australia and two in New Zealand Conclusions: In patients in the ICU, use of either 4 percent albumin or normal saline for fluid resuscitation results in similar outcomes at 28 days.

17

18 E. La fluidoterapia Il challenge con i fluidi in pazienti con sospetta ipovolemia (sospetto inadeguato circolo arterioso) deve essere eseguito con ml di cristalloidi o con ml di colloidi in 30, ripetuti sulla base della risposta (aumento della pressione arteriosa e della diuresi) e della tolleranza (evidenza di "overload" del volume intravascolare)

19 Recenti studi dimostrano che in corso di sepsi severa/shock settico è da evitare lutilizzo dellamido idrossietilico per la possibilità di incremento dei casi di insufficienza renale acuta

20 F. I vasopressori Sia la noradrenalina che la dopamina (attraverso un catetere centrale da posizionare al più presto) rappresentano gli agenti vasopressori di prima scelta per correggere l ipotensione nello shock settico.

21 F. I vasopressori Alla luce di recenti evidenze la noradrenalina rappresenta il vasopressore di prima scelta nei pazienti con shock settico.

22 F. I vasopressori Basse dosi di dopamina non devono essere usate per la protezione renale come parte del trattamento della sepsi grave, perch é non efficaci. Grado B

23

24 F. I vasopressori La vasopressina può essere impiegata nei pazienti con shock refrattario alla adeguata rianimazione coi fluidi e ad alte dosi di vasopressori convenzionali. Nonostante siano in corso trials con la vasopressina, essa non è raccomandata come vasopressore di prima scelta a sostituzione della norepinefrina o della dopamina.

25 F. I vasopressori Tutti i pazienti in terapia con vasopressori dovrebbero avere un catetere arterioso posizionato il più precocemente possibile.

26 G. La terapia con inotropi Nei pazienti con bassa portata cardiaca, nonostante unadeguata rianimazione con i fluidi, si dovrebbe usare la dobutamina per aumentare la gittata cardiaca. La dobutamina dovrebbe essere associata ai vasopressori, quando impiegata in pazienti con bassa pressione arteriosa.

27 B. La Diagnosi Colture appropriate devono essere sempre ottenute prima di iniziare la terapia antibiotica. Per ottimizzare l'identificazione degli organismi che causano l'infezione, devono essere prelevate almeno due emocolture di cui una per via percutanea ed una prelevata attraverso ciascun catetere vascolare, a meno che il catetere non sia stato introdotto di recente (< 48 ore). E raccomandato il prelievo prima della terapia antibiotica e secondo quanto richiesto dalla clinica, di colture da altri siti come urina, fluido cerebrospinale, ferite, secrezioni delle vie respiratorie o altri fluidi corporei.

28 C. La terapia antibiotica La terapia antibiotica endovenosa deve essere iniziata possibilmente entro la prima ora dal riconoscimento della sepsi grave, dopo il prelievo delle colture appropriate.

29 Ogni ora di ritardo nellinizio della terapia antibiotica empirica è associata ad un aumento della mortalità di circa il 7,6 %

30

31 C. La terapia antibiotica Il regime antimicrobico iniziale deve sempre essere rivalutato dopo ore sulla base dei dati microbiologici e clinici, con lo scopo di impiegare antibiotici a spettro pi ù stretto per limitare lo sviluppo di resistenze, ridurre la tossicità, ridurre i costi. (DE-ESCALATION) Grado E

32 D. Il controllo del focus infettivo In ogni paziente con sepsi grave si deve valutare se è presente un focus infettivo suscettibile alle misure di controllo, nello specifico il drenaggio di un ascesso o di un focus locale di infezione, l'asportazione di tessuto necrotico infetto, la rimozione di un presidio potenzialmente infetto o del controllo definitivo di un focus che si sta infettando per contaminazione microbica.

33 D. Il controllo del focus infettivo Convincere i chirurghi a dare un occhiata

34 Source control ricerca ed eliminazione del focolaio settico Drenaggio Asportazione Rimozione presidi Controllo definitivo Ascesso intra-addominale Empiema pleurico Pielonefrite, colangite Infarto intestinale Fascite necrotizzante Necrosi pancreratica infetta Catetere vascolare infetto Catetere vescicale Tubo endotracheale colonizzato Resezione sigma per diverticolite Colecistectomia per colecistite Amputazione per mionecrosi

35 H. Gli steroidi I Corticosteroidi endovenosi (idrocortisone mg/die per 7 giorni in 3-4 somministrazioni o in infusione continua) sono raccomandati in pazienti con shock settico che, nonostante unadeguata rianimazione con i fluidi, richiedano terapia con vasopressori per mantenere unadeguata pressione arteriosa. Grado C

36 H. Gli steroidi Dosi di idrocortisone > di 300 mg giornalieri non devono essere usate nella sepsi grave e nello shock settico. Grado A

37 I.La Proteina C attivata ricombinante umana (rhAPC) La rhAPC è raccomandata nei pazienti ad alto rischio di morte ( APACHE II > 25, due o più insufficienze dorgano indotte dalla sepsi, shock settico, ARDS indotta dalla sepsi) e senza controindicazioni assolute correlate al rischio di sanguinamento o controindicazioni relative che sbilancino il potenziale effetto benefico. Grado B

38

39

40

41 J. La somministrazione di emoderivati Una volta risolta lipoperfusione ed in assenza di circostanze ulteriori, quali malattia coronarica importante, emorragia acuta, acidosi lattica (vedere le raccomandazioni a proposito della rianimazione iniziale), si dovrebbero trasfondere emazie concentrate solo quando lHb scende a valori < 7 g/dl fino ad un obiettivo di 7-9 g/dl. La somministrazione di AT III non è raccomandata per il trattamento della sepsi grave e dello shock settico.

42 J. La somministrazione di emoderivati In pazienti con sepsi grave, le piastrine devono essere somministrate quando sono < 5.000/mm 3 (5 x 10 9 /L) indipendentemente dalla presenza di sanguinamento; Quando invece la conta è tra e /mm 3 (5-30 x 10 9 /L) solo se esiste un rischio significativo di sanguinamento. Una conta delle piastrine più alta, >50.000/ mm 3 (50 x 10 9 /L) deve essere garantita in caso di procedure invasive o interventi chirurgici.

43 K. La ventilazione meccanica in corso di ALI/ARDS indotte dalla sepsi Gli alti volumi correnti associati ad alte pressioni di plateau dovrebbero essere evitati in corso di ALI/ARDS. Si deve avere come punto di partenza una diminuzione del volume corrente in 1-2 h fino un basso Tidal Volume (6 ml/Kg di peso corporeo previsto) come punto di arrivo, insieme all'obiettivo del mantenimento di una pressione di fine inspirazione, pressione di plateau, < a 30 cm H 2 O Grado B

44 K. La ventilazione meccanica in corso di ALI/ARDS indotte dalla sepsi A meno che sia controindicato, i pazienti ventilati meccanicamente devono essere posizionati semiseduti con la testata del letto sollevata a 45° per prevenire la polmonite associata al ventilatore (VAP).

45 M. Il controllo della glicemia Dopo liniziale stabilizzazione dei pazienti con sepsi grave si deve mantenere una glicemia < 150 mg/dl (8.3 mmol/l). Gli studi che supportano il ruolo del controllo glicemico hanno usato insulina in infusione continua e glucosio. Con questo protocollo la glicemia si deve monitorare frequentemente dopo linizio dellinfusione (da protocollo ogni 30-60) e regolarmente (ogni 4 h) finché la glicemia non si è stabilizzata.

46

47 O. La terapia con bicarbonato La terapia con bicarbonato allo scopo di migliorare lemodinamica o di ridurre le richieste di vasopressori non è raccomandata per il trattamento dellipoperfusione con iperlattacidemia con pH > Leffetto della somministrazione di bicarbonato sullemodinamica e sulle richieste di vasopressori ad un basso pH così come gli effetti sullesito, non sono stati studiati. Grado C

48 P. Profilassi della trombosi venosa profonda Tutti i pazienti con sepsi severa dovrebbero ricevere la profilassi per la Trombosi Venosa Profonda (TVP), indifferentemente o con piccole dosi deparina non frazionata o con eparine a basso peso molecolare. Grado A

49 P. Profilassi della trombosi venosa profonda Per i pazienti settici, che hanno delle controindicazioni alluso delleparina è raccomandato limpiego di sistemi profilattici meccanici (calze a compressione graduata o sistemi di compressione intermittente) a meno che non coesistano vasculopatie periferiche. In pazienti ad alto rischio, come quelli in sepsi grave e con storia di TVP è raccomandata una terapia combinata farmacologia e meccanica. Grado A

50 R. Considerazioni sulla limitazione del supporto La pianificazione delle direttive avanzate che includono la comunicazione delle prognosi probabili e obiettivi realistici del trattamento, dovrebbero essere discussi con i pazienti e le famiglie. Si può con pensare che le decisioni per adottare supporti meno aggressivi o addirittura per la sospensione del supporto siano prese nell'interesse del paziente.

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69 Come ottimizzare i tempi di trattamento

70 Suddivisione delle Linee Guida della SSC in BUNDLES BUNDLES sono raggruppamenti di strategie terapeutiche. Il loro scopo è di ottimizzare i tempi di applicazione e le sequenze terapeutiche. Ogni ospedale dovrebbe usare i BUNDLES per creare dei protocolli personalizzati che funzionino bene nella realtà quotidiana. Fondamentale è che TUTTI gli elementi presenti nel BUNDLE facciano parte dei protocolli locali

71 Bundle Bundle (fascio/pacchetto): a. insieme di interventi applicati ad un processo morboso che, se usati contemporaneamente, danno un outcome migliore rispetto alla applicazione individuale. b. costituzione di un bundle: legare tra loro elementi terapeutici essenziali (al massimo 3-5) con dimostrata base scientifica. c. ogni bundle dovrebbe essere semplice e poter essere facilmente misurato e definito su ogni paziente come completato o non completato d. Ogni struttura dovrebbe usare i bundles per creare dei protocolli personalizzati che funzionino bene nella realt à quotidiana.

72 Bundles Sepsis resuscitation bundle 0-6 ore Sepsis management bundle entro 24 ore

73 Sepsis resuscitation bundle da completare prima possibile e comunque entro le 6 ore Dosaggio lattati Emocolture ottenute prima della somministrazione di antibiotici Somministrazione di antibiotici a largo spettro entro 3 ore dallarrivo in ED o entro 1 ora dal ricovero in TI (optimum entro 1 ora) In caso di ipotensione e/o lattati > 36 mg/dl Fluid challenge test con 20 ml/Kg di cristalloidi o dose equivalente di colloidi Somministrare vasopressori in caso di ipotensione non responsiva al fluid challenge per mantenere una PAM > 65 mmHg

74 Sepsis resuscitation bundle da completare prima possibile e comunque entro le 6 ore In caso di persistente ipotensione nonostante il fluid challenge e/o in presenza di lattati > 36 mg/dl Raggiungere una PVC > 8 mmHg Raggiungere una saturazione venosa centrale di O2 > 70 % In caso di mancato raggiungimento di una SvcO2 > 70 % nonostante la correzione della PVC Somministrare EC se Ht < 30 % Infondere dobutamina (tra 2.5 e 20 mcg/Kg/min)

75 Sepsis management bundle da completare prima possibile e comunque entro le 24 ore Controllo della glicemia < 150 mg/dl Pressione di plateau < 30 cm H 2 O nei pazienti ventilati Considerare lutilizzo di Drotrecogin alfa secondo le Linee guida adottate Terapia con basse dosi di steroidi

76

77

78

79 grazie Non possiamo quindi sottovalutare la sepsi, ma dobbiamo considerarla uno dei maggiori problemi sanitari attuali e creare i presupposti per garantire a tutti i pazienti un trattamento ottimale e tempestivo in un ambiente adeguato.


Scaricare ppt "La sepsi è un problema serio Dott. Sergio Orlando - Medicina Area Critica."

Presentazioni simili


Annunci Google