La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. Standard internazionali e norme comunitarie FATF-GAFI … raccomandazioni direttiva 91/308/CEE … sistema bancario e finanziario; direttiva 2001/97/CE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. Standard internazionali e norme comunitarie FATF-GAFI … raccomandazioni direttiva 91/308/CEE … sistema bancario e finanziario; direttiva 2001/97/CE."— Transcript della presentazione:

1 1. Standard internazionali e norme comunitarie FATF-GAFI … raccomandazioni direttiva 91/308/CEE … sistema bancario e finanziario; direttiva 2001/97/CE … attività non finanziarie e professionisti; nuove raccomandazioni del GAFI (2/2012) e prevenzione del finanziamento del terrorismo direttiva consolidata 2005/60/CE

2 Percorso disciplinare nazionale impianto originario della legge 197/91 novità del d.lgs. 153/1997 (nuove SOS) le attività non finanziarie: il d.lgs. 374/1999 i professionisti: il d.lgs. 56/2004 decreto legislativo n. 231 del 2007 la quarta direttiva

3 2. Autorità Comitato di Sicurezza Finanziaria Ministero delleconomia e delle finanze Unità di informazione finanziaria autorità di vigilanza di settore amministrazioni interessate ordini professionali forze di polizia (DIA e NSPV)

4 Unità di informazione finanziaria Financial Intelligence Units (natura amministrativa, investigativa, giudiziaria o mista) soppressione dellUIC e nascita della UIF rapporti con BI: autonomia e indipendenza il Direttore della UIF e il Comitato di esperti la UIF nellapparato antiriciclaggio

5 I compiti della UIF approfondimento finanziario delle SOS e delle ipotesi di omesse SOS analisi e studio analisi statistica dei dati aggregati predisposizione indicatori di anomalia e modelli o schemi operativi collaborazione internazionale e con lAG verifica anche ispettiva di SOS

6 3. Destinatari intermediari finanziari (art. 11, co. 1 e 2) altri esercenti attività finanziaria (11, 3) professionisti (12) revisori contabili (13) altri soggetti (14) altri destinatari (10, 2) (solo SOS)

7 iscritti albo dottori commercialisti ed esperti contabili iscritti albo dei consulenti del lavoro ogni altro soggetto che rende i servizi forniti da periti, consulenti ed altri soggetti che svolgono in maniera professionale, anche nei confronti dei propri associati o iscritti, attività in materia di contabilità e tributi ivi compresi associazioni di categoria di imprenditori e commercianti, CAF e patronati notai e avvocati prestatori di servizi relativi a società e trust ad esclusione dei soggetti indicati precedentemente professionisti (art. 12)

8 limite oggettivo per notai e avvocati in nome o per conto dei clienti compiono operazioni finanziarie o immobiliari assistono i clienti nella predisposizione o realizzazione delle seguenti operazioni: trasferimento a qualsiasi titolo di diritti reali su immobili o attività economiche gestione di denaro, strumenti finanziari o altri beni apertura o gestione di conti bancari, libretti di deposito e conti titoli organizzazione degli apporti per la costituzione, gestione o amministrazione di società costituzione, gestione o amministrazione di società, enti o trust professionisti

9 limite per SOS lobbligo non si applica per le informazioni ricevute dal cliente o ottenute nel corso dell'esame della posizione giuridica o nellesercizio dei compiti di difesa o di rappresentanza del medesimo in un procedimento giudiziario o in relazione a tale procedimento, compresa la consulenza sull'eventualità di intentare o evitare un procedimento, ove tali informazioni siano ricevute o ottenute prima, durante o dopo il procedimento stesso professionisti

10 professionisti: una comparazione analisi di un campione di 8 ordinamenti europei (eterogenei per natura della FIU) omogeneità delle categorie professionali considerate in molti Paesi, ruolo di filtro degli organi professionali con partecipazione a emanazione indicatori e controlli attribuzione di un certo grado di valutazione soggettiva e discrezionale per la rilevazione di SOS scarsa quantità delle segnalazioni in generale, ricopiare più che recepire direttiva

11 professionisti: una comparazione contenzioso sulla compatibilità tra applicazione della normativa e diritto alla difesa e al processo giusti (professionisti legali) ricorsi nazionali ed europei (Corte di Giustizia CE, 26 giugno 2007; Consiglio di Stato francese) in generale, compatibilità tra obbligo di segnalazione e diritto di difesa in direttiva per esclusione di attività giudiziaria in Francia, filtro degli Ordini nei rapporti con la FIU

12 4. Adeguata verifica CDD procedure in caso di instaurazione rapporto, esecuzione operazioni, sospetto o dubbio identificazione e verifica di identità del cliente e del titolare effettivo (presenza, documento valido, richiesta al cliente o in altro modo) informazioni sullo scopo e la natura del rapporto o della prestazione controllo costante del rapporto o della prestazione (analisi compatibilità di operazioni) adeguata verifica rafforzata e semplificata

13 Adeguata verifica approccio basato sul rischio cliente, operazione, rapporto, prestazione criteri generali (20) e autorità di vigilanza obbligo del cliente di fornire informazioni obbligo di astensione o di porre fine al rapporto se manca adeguata verifica o sospetto di riciclaggio o terrorismo

14 Obbligo di astensione obbligo di astensione (artt. 23 e 41) per carenze nelladeguata verifica > valutare SOS per sospetto riciclaggio > obbligo SOS prima di invio di SOS obbligo di astensione e sanzioni

15 astensione art. 23, comma 1 bis Nel caso in cui non sia possibile rispettare gli obblighi di adeguata verifica relativamente a rapporti continuativi già in essere, operazioni o prestazioni professionali in corso di realizzazione, gli enti o le persone soggetti al presente decreto restituiscono al cliente i fondi, gli strumenti e le altre disponibilità finanziarie di spettanza, liquidandone il relativo importo tramite bonifico su un conto corrente bancario indicato dal cliente stesso. Il trasferimento dei fondi è accompagnato da un messaggio che indica alla controparte bancaria che le somme sono restituite al cliente per l'impossibilità di rispettare gli obblighi di adeguata verifica della clientela.

16 5. Registrazione conservazione e registrazione dati archivio unico informatico archivio formato e gestito a mezzo di strumenti informatici registro della clientela (cartaceo) sistemi informatici per propria attività trasmissione dati aggregati alla UIF

17 6. Segnalazione operazioni sospette art. 3 della 197/91 … ogni operazione che … induca a ritenere provenienza delittuosa del denaro o dei beni art. 41 della 231/07 … sanno, sospettano o hanno motivi ragionevoli per sospettare … in corso, compiute o tentate operazioni di riciclaggio nozione amministrativa di riciclaggio (provenienza criminosa e autoriciclaggio) ampliamento dellobbligo

18 Procedura di segnalazione mantenuto il doppio vaglio di valutazione (locale e centrale) maggiore durata sospensione (48 ore > 5 gg.) ribadito obbligo di segnalare senza ritardo, ove possibile prima di eseguire loperazione … ritardo significativo equivale a omissione adeguamento della procedura di segnalazione dal maggio 2011 (RADAR) > dal floppy a internet

19 Analisi finanziaria delle SOS aumento di dati e informazioni > collocazione in Banca dItalia e protocollo dintesa accesso allanagrafe dei conti e depositi (e allanagrafe tributaria) prossimo adeguamento di procedure di segnalazione approfondimenti ispettivi delle SOS e delle ipotesi di omesse SOS procedura per archiviazione delle SOS infondate

20 percorso di analisi SOS Intermediari e altri soggetti obbligati UIF(filtro) SOS selezione Esame prioritario Esame ordinario Archiviazione (10 anni di evidenza) analisi finanziaria approfondimenti cartolari o ispettivi Attività investigativa Archiviazione AG GF (NSPV) AG in ipotesi di reato (ex art. 331 cpp) DIA Relazione tecnica GF (Reparti territoriali)

21 7. Dati sulle SOS prima della nascita della UIF (2007) > n nel 2008 si arriva a n , nel 2009 a n nel 2010 a n , nel 2011 a oltre , nel 2012 a quasi > trend crescente incremento settore bancario e postale scarsa attenzione da settore finanziario, assicurativo, altri operatori e professionisti adeguamento delle procedure di segnalazione dal maggio 2011 > dalla carta a internet

22 ripartizione per categoria Categoria di intermediari Banche78,565,173,179,974,9% Poste Italiane S.p.A.11,518,49,37,616,1% Intermediari finanziari8,715,116,6116,9% Imprese di assicurazione1,1 0,40,60,5% Altri0,20,30,60,91,6% Totale100,0

23 aumento delle SOS normativa … più ampia nozione dellobbligo … intervento sul contante … incertezze su adeguata verifica e astensione maggiore attenzione ai fenomeni criminali economici, con indagini della magistratura e accertamenti delle autorità di controllo sanzioni amministrative pecuniarie … carenze di feed- back … aumento generatori per maggiori indici consapevolezza o deresponsabilizzazione?

24 8. Indicatori di anomalia indicatori … art. 41 d.lgs. 231/07 … iter di emanazione lungo e complesso (intermediari, professionisti, operatori non finanziari) iter > predisposizione con altre autorità … esame comparato internazionale … integrazione decalogo con casistica ampia … consultazione informale delle associazioni di categoria … esame del CSF contenuti > parte generale con principi e regole e allegato con indicatori e sub-indici

25 finalità e principi agevolare valutazione, ridurre margini incertezza, contenere oneri, corretto e omogeneo adempimento (co. 1 e 2) non esaustività (commi 3 e 5) non automaticità (commi 4 e 7) concreta applicazione in base allattività (co. 8) rapporti tra indicatore e sub-indice (co. 6) rapporti tra indicatori generali e specifici (co. 8)

26 estensione dellobbligo non esaustività > rinvio a schemi di anomalia e a proliferazione armi distruzione di massa segnalazione operazioni a prescindere da importo operazioni rifiutate, non concluse, tentate operazioni regolate presso altri intermediari operatività con altri intermediari di dubbio profilo reputazionale o in territori a rischio valutazione per intera durata dal rapporto

27 procedure > obbligo di procedure interne di valutazione > possibilità di procedure di selezione automatica … ma obbligo per canali telefonici o telematici per servizi di tramitazione per conti di corrispondenza e assimilabili (att. conti di passaggio e assimilabili) per società di art. 10, comma 2

28 ripartizione indicatori cliente (informazioni, comportamento e profilo soggettivo) operazioni (illogiche, inusuali o incoerenti o da/per terzi) modalità di pagamento (contante, frazionamento, monetica, money transfer) specifici (servizi di investimento, assicurazioni sulla vita e finanziamento del terrorismo)

29 D.M. professionisti definizioni … ambito di applicazione … principi generali … norme finali gli indicatori non hanno carattere esaustivo … assenza di indicatori non esclude il sospetto … esigenza di prestare attenzione a ulteriori comportamenti … rinvio a schemi di anomalia indicatori sono articolati in sub-indici, che costituiscono una esemplificazione operativa (vanno letti congiuntamente)

30 D.M. professionisti due principi di fondo mera ricorrenza di operazioni o comportamenti descritti in uno o più indicatori non è motivo di per sé sufficiente per la segnalazione … è necessario valutare in concreto la rilevanza del comportamento della clientela (art. 3, comma 5) selezione degli indicatori rilevanti è effettuata alla luce della concreta attività prestata (art. 3, co. 8)

31 D.M. professionisti All. 2 > manuale del buon segnalatore … nessun contenuto prescrittivo … richiamo di principi normativi … opportunità di procedure interne per il corretto adempimento degli obblighi assenza di soglie minime per la segnalazione segnalazione di operazioni o prestazioni rifiutate sospensione delloperazione con canali informali mantenere traccia delliter valutativo seguito comunicazione dellavvenuta archiviazione ruolo degli ordini professionali nella formazione

32 9. schemi o modelli di anomalia schemi di possibili anomalie soggettive e oggettive comportamenti specifici, ricorrenti nella prassi, caratterizzati da concatenazione logica e/o ripetitività nel tempo contenuto più tecnico degli indicatori non tutti i comportamenti dello schema necessari per SOS no SOS (automaticamente) per singolo comportamento

33 gli schemi emanati Imprese in crisi Conti dedicati Frodi informatiche (phishing) Frodi Iva intracomunitaria Frodi fiscali internazionali Frodi nelle fatturazioni Abuso finanziamenti pubblici Frodi nel leasing e nel factoring Attività di gioco (a terra e on line)

34 10. Limitazioni contante e titoli divieto di trasferire denaro contante o libretti o titoli al portatore di valore superiore a euro obbligo di rilasciare moduli o assegni con clausola di non trasferibilità clausola di non trasferibilità e beneficiario per assegni e vaglia di importo superiore a euro girare solo per lincasso gli assegni m/m divieto di rilasciare assegni circolari di importo superiore a euro divieto di mantenere il saldo dei libretti al portatore superiore a euro 1.000

35 11. Sanzioni penali fattispecie penali generiche e poco punite incerta applicazione per assenza dolo e veloce prescrizione formulazioni errate e incoerenza con approccio al rischio definire fattispecie penali con determinatezza e tassatività, applicabili e adeguatamente punite depenalizzare casistica di minore rilievo, da punire con efficaci sanzioni amministrative pecuniarie introdurre il reato di auto-riciclaggio

36 Sanzioni amm per omesse SOS dall1 al 40% dellimporto per persona fisica > ruolo del responsabile di primo livello con inefficacia e conflitti > contestazione importi sproporzionati con verifiche complesse o impossibili responsabilità della persona giuridica, con obbligo di rivalsa se effettiva carenza importi elevati ma prestabiliti e sanzioni alternative

37 12. Approfondimento usura operatività estremamente frazionata, con transazioni di importo unitario contenuto …, ripetitiva nel tempo e basata su un intenso ricorso al contante e agli assegni movimentazione vorticosa, con operazioni contestuali o ravvicinate nel tempo, di segno contabile opposto e di importo identico o simile elevati volumi movimentati, notevole frequenza di operazioni di importo limitato, modalità operative inusuali (anche per mezzi di pagamento utilizzati)

38 divieti e controlli rapporti con famiglie consumatrici (cod. 600) con movimentazione non personale rapporti di portafoglio commerciale con clienti censiti come famiglie consumatrici pluralità deleghe su rapporti intestati a persone fisiche o ditte individuali rapporti con andamento irregolare (non utilizzo / intensa operatività) operazioni extra conto o per cassa rilevanti o ricorrenti (cd occasionali)

39 contante e assegni ripetuti versamenti o prelevamenti per importi inferiori (prossimi) alle soglie a cifra tonda coincidenti in dare e avere ripetuti nel tempo prelevamenti di contante con carte ricaricate in contanti e per importi complessivi vicini al plafond prelevamento con assegni m/m assegni versati e tratti per importi coincidenti / analoghi

40 assegni richiesta carnet di assegni in numero eccessivo ripetuta richiesta assegni liberi elevata incidenza assegni non utilizzati sul totale versamento assegni bancari con richiesta di assegni circolari, specie se frazionati o con resto in contanti versamento assegni con contestuale prelievo in contanti ripetuti assegni impagati a prima presentazione, specie se di analogo importo

41 assegni assegni circolari emessi in data molto antecedente assegni con segni di riconoscimento assegni sotto-soglia con pluralità di girate poco leggibili assegni con beneficiario che appare inserito da persona diversa dal traente richiami o ritorni effetti presentati o impagati pagamenti tardivi per evitare iscrizione CAI

42 finanziamenti e relazioni numerosi finanziamenti con pagamento della rate in contanti erogazione di finanziamenti a terzi … rimborsi delle rate di finanziamento da terzi attenzione a operatività posta in essere da collaboratori esterni e in alcuni settori di attività rapporti con nominativi ricorrenti rapporti con nominativi in condizioni di difficoltà tenore di vita incoerente con profilo del cliente

43 13. Approfondimento carte Sviluppo delle carte … riduzione dei costi, comodità di utilizzo, nuove fasce di clientela Clientela private e corporate Numerosità delle carte a stesso nominativo Autofinanziamento (c/credito e tabaccai) Rimborso anticipato delle carte Fenomeno del cash in – cash out

44 comunicazione carte di credito La carta di credito, di norma, ha la funzione di consentire il regolamento telematico posticipato delle transazioni Il prelevamento di contante tramite carta va considerato un servizio accessorio volto a ottenere liquidità in caso di necessità E emerso un fenomeno di utilizzo anomalo di carte di credito (anche estere) per prelevamenti di denaro contante, ripetuti e di importo rilevante, presso gli sportelli ATM della banca La collaborazione con lA.G., gli accertamenti ispettivi e la comunicazione UIF del

45 criticità organizzative Profilatura della clientela carente o del tutto assente Canali distributivi di estrazione commerciale Finestra temporale tra lattivazione della carta (immediata) e il perfezionamento delladeguata verifica (differito) Debolezza dei controlli volti a verificare la diversità tra il titolare della carta e lesecutore delle ricariche presso punti di vendita

46 elementi di anomalia Ricariche in contanti prevalenti o esclusive Prelievi di contante come modalità assorbente degli utilizzi Numerosità delle carte o elevato turnover di carte in capo ad un medesimo titolare A fronte della pluralità di intestatari, focus su altri elementiaggreganti come: punto vendita che effettua le ricariche; modalità di concatenazione temporale e geografica delle operazioni; (più raramente) esercente presso il quale utilizzata la carta Bonifici in entrata seguiti da bonifici in uscita

47 Il reato di usura (base) dazione o promessa di interessi o altri vantaggi usurari in corrispettivo della prestazione di denaro o di altra utilità il tasso usurario è fissato nel tasso medio praticato dal sistema legale aumentato di un quarto, cui si aggiunge un margine di quattro punti percentuali (max otto punti percentuali) … da 2011 … prima aumentato della metà legge 24/2001 … soluzione a problematica di sopravvenuta usurarietà dei mutui … supero al momento della promessa non del pagamento

48 la soglia dusura a favore: facilitare laccertamento del reato; favorire luniformità applicativa; ridurre laleatorietà del tasso usurario; volontà di incidere in senso equitativo sui tassi praticati e di ridurre il divario dei tassi tra il Nord e il Sud contro: effetti distorsivi sul mercato; aumento dei tassi e razionamento dellaccesso al credito; usurarietà non solo da tasso; più possibilità per lusuraio di precostituire prove a favore; vittima è costretta a ricostruire con maggior precisione le operazioni

49 rilevazione dei TEGM rilevazione trimestrale a cura della Banca dItalia … dati da banche e intermediari finanziari apposite istruzioni per la rilevazione due macro categorie di operazioni … tutti i rapporti in essere / solo i finanziamenti accesi le formule di calcolo del tasso … ex post interessi rapportati ai saldi liquidi maggiorati degli oneri in percentuale sullaccordato / ex ante TAEG aggregazioni dei dati trasmessi … (25 tassi) … impossibilità del tasso unico

50 problematiche applicative calcolo del tasso con metodologie delle istruzioni per la rilevazione certezza operativa e trasparenza … univocità dei comportamenti e confrontabilità dei tassi decreti ministeriali … gli intermediari bancari e finanziari, al fine di verificare il rispetto del limite si attengono ai criteri di calcolo delle istruzioni … visti e nota metodologica assenza di punti di riferimento alternativi … soprattutto nella valutazione del comportamento delle banche

51 problematiche applicative i prestiti degli usurai … categoria residuale … vecchia distinzione dei tassi tra banche e finanziarie le modifiche delle istruzioni rinnovo del prestito … rinegoziazione delle condizioni … nuovo incontro di volontà … rivalutazione dellusurarietà con nuove soglie esigenza di avere la documentazione … copia assegni, conto del finanziatore con anagrafe dei rapporti, estratti conto durata finanziamento e aumento del tasso

52 problematiche usura bancaria oneri inclusi ed esclusi … commissione di massimo scoperto (a parte in vecchie istruzioni, circolare B.I. 2005, caso Palmi) interessi di mora (rilevazione del 2002, decreti ministeriali, circolare ABI) esatta qualificazione del rapporto i rapporti esclusi dalla rilevazione … modifica istruzioni nel tempo … esigenza … acquisire estratti conto scalare o piano di ammortamento …

53 problematiche usura bancaria individuazione del soggetto attivo … realtà complesse … modelli organizzativi … delega di funzioni principi Corte Appello Reggio Calabria … responsabilità organi apicali (se delega generica e senza controlli) e semi- apicali … minore responsabilità di preposti (in assenza di margini di autonomia) esigenza di verificare previsioni dello statuto ed effettiva organizzazione interna … attenzione a processi di concentrazione e a continue modifiche elemento soggettivo … impossibile?

54 Usura residuale o in concreto interessi inferiori al limite di legge, altri vantaggi o compensi sproporzione rispetto alla prestazione di denaro o di altra utilità (alla luce delle concrete modalità del fatto e al tasso medio per operazioni similari) … tra massimo legale e tasso medio condizioni di difficoltà economica o finanziaria della vittima … non estremo condizionamento ma impegni rilevanti

55 usura reale il concetto di altra utilità e la punibilità dellusura reale … operazioni con beni immobili, servizi o attività professionali … è applicabile la tabella? … il ricorso alla fattispecie di usura residuale … sproporzione e condizioni difficoltà … comincia a esserci casistica …

56 mediazione usuraria procurare una somma di denaro o altra utilità facendo dare o promettere, a se o ad altri, un compenso usurario si prescinde da finanziamento e da sua liceità … come si valuta compenso? istruzioni del 2009 … rilevazione di compenso di mediazione … da luglio 2010 indicazione nel comunicato stampa trimestrale della Banca dItalia (n. 3 compensi)


Scaricare ppt "1. Standard internazionali e norme comunitarie FATF-GAFI … raccomandazioni direttiva 91/308/CEE … sistema bancario e finanziario; direttiva 2001/97/CE."

Presentazioni simili


Annunci Google