La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 QUADRO NORMATIVO Riciclaggio Impiego denaro provenienza illecita art. 648 bis c.p.(introdotto con dl 21/3/78 n. 59 convertito in legge 18/5/78 n. 191)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 QUADRO NORMATIVO Riciclaggio Impiego denaro provenienza illecita art. 648 bis c.p.(introdotto con dl 21/3/78 n. 59 convertito in legge 18/5/78 n. 191)"— Transcript della presentazione:

1 1 QUADRO NORMATIVO Riciclaggio Impiego denaro provenienza illecita art. 648 bis c.p.(introdotto con dl 21/3/78 n. 59 convertito in legge 18/5/78 n. 191) art. 648 ter c.p. (introdotto con L. 19/3/90 n. 55)

2 2 art. 648 art. 648 bis art. 648 ter (modificati con ampliamento gamma reati presupposto a tutte le fattispecie di delitto non colposo L. 9 agosto 93 n. 328 di ratifica della Convenzione di Strasburgo)

3 3 648 bissostituire o trasferire denaro delitto non colposo ostacola identificazione 648 terimpiego in attività economiche o finanziarie denaro proveniente da delitto anche colposo

4 4 ATTIVITA INTERNAZIONALE 1989Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale GAFI Raccomandazioni 1996 Riviste 2001Finanziamento al terrorismo 8 Raccomandazioni 2003 Riviste

5 5 DIRETTIVE COMUNITARIE 91/308/CEE canalizzazione trasferimento denaro obblighi collaborazione passiva attiva 2001/97/CE Amplia ai professionisti 2005/60/CE Monitorare accumulo risorse lecite per finanziamento terrorismo

6 6 NORMATIVA NAZIONALE DL 143 del 3/5/91 convertito in L. 5/7/91 n. 197 decreto antiriciclaggio In ossequio Raccomandazioni GAFI Anticipa la I° Direttiva

7 7 DISCIPLINA BASE Legge Antiriciclaggio Limitazioni uso del contante e titoli al portatore Trasferimenti > tramite intermediari abilitati Assegni > con clausola non trasferibilità

8 8 DISCIPLINA BASE Legge Antiriciclaggio Obblighi identificazione e registrazione Segnalazione di operazioni Intermediari abilitati

9 9 NORMATIVA NAZIONALE Dlgs 20 febbraio 2004 n. 56 Attua Direttiva 2001/97/CE Regolamento di attuazione Min. Economia 3/2/2006 in G.U. 7/4/2006 Istruzioni applicative UIC In vigore dal 22/4/2006

10 10 NORMATIVA NAZIONALE L. 25/1/2006 n. 29 Comunitaria 2005 Modifica Dlgs. 56/2004 Estende ad altri soggetti Decreto integrativo Delega per recepimento III Direttiva

11 11 PROBLEMI ESTENSIONE AI PROFESSIONISTI I Non recepito II Direttiva esteso legge antiriciclaggio Specificità attività professionale Segreto professionale Maggiore severità norma penale italiana

12 12 PROBLEMI ESTENSIONE AI PROFESSIONISTI II OPERAZIONI SOSPETTE Dlgs Regolamento RegolamentoIstruzioni Indeterminatezza dellobbligo PRESTAZIONE PROFESSIONALE Art. 1Definizione Art. 2Obbligo identificazione Art. 9Operazioni sospette TENUTA CONTABILITA Ampliamento arbitrario UIC Implicazioni operazioni sospette

13 13 PROBLEMI ESTENSIONE AI PROFESSIONISTI III INDIVIDUZIONE OPERAZIONI SOSPETTE Valutazione rapporti con clienti Criteri generali (Reg.)Utilizzo informazioni acquisite Rilevazione incongruenze Profilo di rischio (UIC) Aspetti oggettiviattività operazioni strumenti Indicatori anomalia UIC Specifici Generici Aspetti soggettivi

14 14 RISERVATEZZA Rispetto art. 3 comma 8 d.l. 141 alla persona divieto comunicazione oggetto di art. 3 comma 10 d.l. 141 segnalazione segreto ufficio per informazioni UIC Rispetto art. 3 comma 7 d.l. 141 al segnalante non violazione segreto professionale art. 3 bis d.l. 141 tutela identità

15 15 Dlgs 20/2/2004 n. 56 OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI Immediata vigenza Regolamento

16 16 OBBLIGHI IMMEDIATA VIGENZA Comunicazione Min. Economia notizie infrazioni art. 1 legge antiriciclaggio ANCHE IN ORDINE ALLATTIVITA DI SINDACO (Art. 7 dlgs. 20/2/2004 n. 56) Istituzione misure controllo interno e formazione (Art. 8 dlgs. 20/2/2004 n. 56) (UIC)

17 17 VIOLAZIONI E SANZIONI Art. 13 del D.L. n. 625/1979 (delitti) Violazione obbligo Multa da 2.582,28 identificazione a ,42 e registrazione

18 18 VIOLAZIONI E SANZIONI Omissione (da parte Reclusione da dellesecutore) 6 a 12 mesi e generalità multa da 516,45 persona per conto a 5.164,57 della quale esegue loperazione

19 19 VIOLAZIONI E SANZIONI Art. 5 del D.L. n. 143/1991 (Legge antiriciclaggio) Contravvenzioni Omessa istituzione Arresto da 6 a 12 dellarchivio mesi e ammenda da 5.164,56 a ,84 euro Violazione Arresto da 6 a 12 dellobbligo mesi e ammenda di segretezza da 5.164,56 a ,69 euro

20 20 VIOLAZIONI E SANZIONI Violazione Sanzione pecuniaria limitazione fino al 40% uso del contante dellimporto (art. 1 del D.L. trasferito. 3/5/1991, n. 143) Omessa Sanzione pecuniaria segnalazione didal 5% al 50% operazioni del valore sospette delloperazione SANZIONI AMMINISTRATIVE

21 21 VIOLAZIONI E SANZIONI Libretti al portatore Sanzione pecuniaria con saldo - fino al 20% del superiore asaldo se inferiore euro a euro - dal 20% al 40% se superiore a euro Infrazione Sanzione disposizioni amministrativa applicative delfino a ,69 Ministero delleconomia e delle finanze.

22 22 VIOLAZIONI E SANZIONI Art. 7 del D.L. n. 56/2004 SANZIONI AMMINISTRATIVE Violazione Dal 3% al 30% dellobbligo di dellimporto comunicare delloperazione al Ministero delleconomia e delle finanze Violazione Dal 3% al 30% degli obblighi da 500 a informativo allUIC

23 23 VIOLAZIONI E SANZIONI Mancato rispetto Da del provvedimento a euro adottato dallUIC di sospensione di operazioni segnalate come sospette

24 24 ORGANIZZAZIONE DI STUDIO Competenze tecnico giuridiche Softwarecondividere anagrafiche Integratocoerenza mandati/parcelle Rivedereaccettazione incarico mandatitrattamento dati a questo fine

25 25 ORGANIZZAZIONE DI STUDIO Formazione dipendenti/collaboratori Traccia documentale Dovere (non obbligo) Misure controllo interno Organigramma/funzionigramma Procedure interne Deleghe specifiche

26 26 REATI PRESUPPOSTO Contravvenzioni (arresto e ammenda) NO Delitti (ergastolo, reclusione, multa) SI Tutti i reati tributari Dlgs 74/2000 Anche non punibili per condono Art. 2fraudolenta per operazioni inesistenti Art. 8fatture false (cartiera) ma anche Art. 3 false scritture risparmio impostaArt. 4 infedele

27 27 III DIRETTIVA Finanziamento terrorismo anche con denaro proveniente da attività lecite Conoscenza cliente Rafforzata se rischio elevato Terzo beneficiario Estensione obblighi prestatori servizi cedenti beni Pagamento contanti >

28 28 III DIRETTIVA Valutazione autonoma per operazione frazionata Filosofia maggior approfondimento semplificazioni (considerando 19) regolamentazione per principi Testo unico Filtro Ordini per operazioni sospette


Scaricare ppt "1 QUADRO NORMATIVO Riciclaggio Impiego denaro provenienza illecita art. 648 bis c.p.(introdotto con dl 21/3/78 n. 59 convertito in legge 18/5/78 n. 191)"

Presentazioni simili


Annunci Google