La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ATTIVITA SVOLTA NEL PROGETTO PQM DAGLI ALUNNI DELLA CLASSE 1 a B DELLA SCUOLA SECONDARIA I GRADO DI CUSERCOLI CON IL PROF. IVAN GRAZIANI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ATTIVITA SVOLTA NEL PROGETTO PQM DAGLI ALUNNI DELLA CLASSE 1 a B DELLA SCUOLA SECONDARIA I GRADO DI CUSERCOLI CON IL PROF. IVAN GRAZIANI."— Transcript della presentazione:

1 ATTIVITA SVOLTA NEL PROGETTO PQM DAGLI ALUNNI DELLA CLASSE 1 a B DELLA SCUOLA SECONDARIA I GRADO DI CUSERCOLI CON IL PROF. IVAN GRAZIANI

2 FRA AZIONI E FRAZIONI Questa attività di tipo laboratoriale è nata dallesigenza di umanizzare il concetto di frazione, cercando di collegarlo ad azioni che quotidianamente vengono svolte. Spesso le frazioni vengono subite dai nostri alunni e non capite completamente, e non sempre per colpa loro. Osservare lutilizzo delle frazioni in diversi contesti facilita la comprensione del concetto. Qui vengono presentati i cartelloni preparati dagli alunni per lesposizione in: Matematica in mostra.

3 Frazioni dal tutto alla parte In questo cartellone si sottolinea limportanza di specificare cosa si intende per uguale quando si divide un intero in parti uguali. Si introducono le unità frazionarie e le frazioni equivalenti. Inoltre, con lesempio delle caramelle si evidenzia che non è sempre possibile suddividere un intero nel discreto (n° di oggetti, persone, ecc.), mentre generalmente si può nel continuo (superfici, volumi, ecc.). Attraverso il tangram vengono vi- sualizzate parti equiestese di forma diversa.

4

5 Frazioni dalla parte al tutto In questo cartellone si percorre il procedimento inverso a quello del cartellone precedente. Sia con lesempio del cerchio diviso in cinque spicchi che con il muro di 15 mattoni, si introduce il concetto di frazioni complementari e si incontrano nuovamente quelle equivalenti. Inoltre, viene rilevato che come parte del tutto non ha senso parlare di frazioni con numeratore maggiore del denominatore. A tale proposito vengono presentati alcuni esempi tratti da libri di testo in cui si presentano esercizi che possono generare misconcezioni.

6

7 Frazioni come operatore Questo cartellone mostra limpiego della frazione come nuova operazione che comprende due note operazioni (divisione e moltiplicazione). Attraverso lesempio proposto si evi- denzia che lordine in cui si utilizzano le due operazioni può essere adattato alle necessità della situazione affrontata. Anche in questo caso, si nota che nel discreto non è sempre possibile ope- rare.

8

9 Frazioni come quoziente In questo cartellone viene illustrata la corrispondenza tra la linea di frazio- ne e il segno del diviso (:). Viene anche mostrata la differenza rispetto al risultato, dal quale non risulta più evidente il senso della frazione. Vengono, inoltre, affrontate e smontate due credenze popolari per cui il risultato di una moltipli- cazione debba essere sempre maggio- re dei due fattori, mentre nelle divi- sioni il quoziente dovrebbe essere sempre minore del dividendo. Tali convinzioni cadono con fattori o divisori minori di uno.

10

11 Frazioni come numero Questo cartellone è una logica conse- guenza del precedente nel quale già si presentava il numero decimale come risultato di una divisione. Tuttavia, gli alunni si sono resi conto del fatto che non tutti i numeri decimali sono uguali. Con questa attività a piccoli gruppi di 2-3 alunni sono state affrontate diverse divisioni, constatando che in base ai divisori dei denominatori si generano numeri decimali limitati, illimitati perio- dici semplici oppure composti.

12

13 Frazioni su una retta orientata Rappresentando le frazioni su una retta orientata si evidenzia il fatto che tutte le frazioni con il numeratore minore del denominatore si collocano tra 0 e 1, mentre quelle con il numeratore mag- giore del denominatore vanno da 1 a infinito. Non abbiamo utilizzato i termini proprio e improprio, attribuendo anche uno speranzoso colore verde alle frazioni con numeratore più grande. Questa attività serve anche per con- frontare tra loro le frazioni e ordinarle in senso crescente o decrescente.

14

15 Frazioni come rapporto Il modo più semplice per introdurre luso della frazione come rapporto è attraverso una ricetta; nel nostro caso quella della torta di mamma Paola. Appare logico che raddoppiando le persone si debbano raddoppiare anche le dosi. Ma se le persone sono 6 si deve ricorrere alle frazioni. La stessa cosa accade con le persone che spostano lo scatolone. Qui viene anche mostrato come in un problema vada valutata la plausibilità del risul- tato. La risposta 2 persone e mezzo non è possibile, quindi diventano 3. In fondo vengono mostrati i rapporti con cui vengono costruite le cartine geografiche.

16

17 Frazioni come probabilità La probabilità semplice si può intro- durre già con le frazioni. In questo caso nasce spontanea la formula della probabilità, lavorando a piccoli gruppi con monete e dadi, non necessariamente con solo 6 facce. Dai vari esempi riportati appare evi- dente che la probabilità è data da una frazione che ha sempre il numeratore minore del denominatore e va quindi da 0 (probabilità nulla) a 1 (probabilità certa).

18

19 Frazioni come percentuali Le frazioni come percentuali offrono loccasione di fare diventare un po furbi i nostri piccoli consumatori. Abbiamo confrontato vari sconti, pre- sentati dai negozi, cercando di valuta- re quali fossero quelli più convenienti. Sono emerse diverse affermazioni che sono state poi riportate sul cartellone.

20

21 Frazioni nelle prove nazionali e internazionali In questo cartellone sono state riportate diverse prove di test nazio- nali (INVALSI) e internazionali (OCSE- PISA), contenenti quesiti sulle frazioni e assegnate negli scorsi anni ad alunni dalla 5 a primaria alla 3 a secondaria di II grado. I ragazzi si sono sorpresi di aver risolto quesiti anche rivolti alla terza classe superiore, comprendendo, tuttavia, che il concetto di frazione non cambia di significato col progredire degli studi. Per una lettura corretta degli item, il file word con le prove viene allegato a parte.

22

23 Frazioni nella musica Questa attività è nata dopo aver visionato il cortometraggio Paperino nel mondo della matemagica. Gli studenti hanno effettuato altre ricerche, scoprendo il prezioso contri- buto di Pitagora. Con il passaggio dalla lunghezza della corda al numero di vibrazioni, si introduce anche la frazione reciproca. Poi, con laiuto del docente di musica, abbiamo potuto notare luso delle frazioni nel pentagramma e nelle scale musicali.

24


Scaricare ppt "ATTIVITA SVOLTA NEL PROGETTO PQM DAGLI ALUNNI DELLA CLASSE 1 a B DELLA SCUOLA SECONDARIA I GRADO DI CUSERCOLI CON IL PROF. IVAN GRAZIANI."

Presentazioni simili


Annunci Google