La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 2 Il modello atomico- planetario di Bohr.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 2 Il modello atomico- planetario di Bohr."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 2 Il modello atomico- planetario di Bohr

2 1 a ipotesi di Bohr Esiste uno stato stazionario dell'atomo caratterizzato da particolari orbite circolari lungo le quali gli elettroni si muovono senza emettere radiazioni elettromagnetiche. Gli elettroni che percorrono tali orbite stazionarie possiedono una certa quantità ben definita di energia detta livello energetico dell'orbita

3 Forza centrifuga = attrazione elettrica

4

5

6

7

8

9

10 1 elettronvolt = 1eV =1,60· J Energia di un quanto di luce (fotone), relazione di Plank : E = h·f (nel vis. IR freq ~ 1·10 15 hertz) E(J) = h·f = 6,626· (J·s) · freq(Hz) E ~ E(eV) = h·f = 4,141· (eV·s) · freq(Hz) E ~ 1..10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21 Nel 1855 J. Balmer, studiando le righe emesse dall'idrogeno, scoprì una relazione matematica che permetteva di ottenere il reciproco della lunghezza d'onda delle singole righe spettrali.con m = 3,4,5,6.... ed R H costante di Rydberg per l'idrogeno. R H = ,568 La relazione di Balmer può essere generalizzata sostituendo al numero 2 un intero n minore di m. In tal modo, è possibile prevedere per l'idrogeno l'esistenza, oltre alle 4 righe nel visibile ( una nel rosso, una nell'azzurro e due nel blu-violetto), anche altre serie, una nell'ultravioletto (serie di Lyman per n = 1) e 3 nell'infrarosso (serie di Paschen per n = 3; serie di Brackett per n = 4; serie di Pfund per n = 5), in seguito scoperte. La spiegazione della relazione di Balmer venne dal modello planetario dellatomo di Bohr e fu una delle sue principali apparenti conferme.

22

23

24

25


Scaricare ppt "Lezione 2 Il modello atomico- planetario di Bohr."

Presentazioni simili


Annunci Google