La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Magistrale M. Immacolata San Giovanni Rotondo FG Il colore nellarte a cura del prof. Andrea DAgostino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Magistrale M. Immacolata San Giovanni Rotondo FG Il colore nellarte a cura del prof. Andrea DAgostino."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Magistrale M. Immacolata San Giovanni Rotondo FG Il colore nellarte a cura del prof. Andrea DAgostino

2 Arte preistorica Larte nasce quando luomo, per la prime volta e intenzionalmente decora con segni, incisioni o pitture, gli strumenti ed i luoghi della sua esistenza Le prime forme darte si manifestano nel Paleolitico superiore (ca a ca anni fa): frequenti le raffigurazioni di animali, dipinte o incise sulle pareti interne delle caverne. I colori usati erano ricavati dalla natura: terra (argilla rossa, brune e gialle); vegetali (bacche, fiori, frutti, legno carbonizzato); minerali (calcari e gessi)

3 Bisonte policromo, ca a.C. dipinto rupestre, Grotta di Altamira, Santander (Spagna)

4 Arte egizia Larte dellantico Egitto è una delle prime rappresentazioni di una cultura altamente organizzata ed evoluta. Sviluppatosi nellarco di qualche millennio (la 1° dinastia risale al 2650 a.C.), ha mantenuto caratteristiche abbastanza costanti, basate sulla celebrazione della potenza del faraone e sul rispetto della tradizione.

5 Il colore nellarte egizia La tecnica pittorica consisteva nella miscelazione di pigmenti ottenuti dalla macinazione di varie terre colorate (il rosso dellargilla, i bruni e i gialli della terra del deserto, il bianco del carbonato di calcio, ecc.) con un agglutinante, sostanza collosa a base di acqua, lattice di gomma e albume duovo (tempera) Dipingere per gli egizi significava campire (cioè riempire di colore), il contorno di una figura precedentemente disegnata. Il colore veniva steso con pennelli ricavati da fibre di palma.

6 Tomba dello scriba Menna – 1395 a.c. tempera su roccia

7 Tomba di Nefertari – La mummia del dio solare, ca 1250 a.C, tempera su muro

8 Larte in Grecia Larte greca comincia ad assumere caratteri propri e coerenti intorno al 1000 a.C. e continua la sua evoluzione sino alletà romana. Le tappe essenziali di questo sviluppo sono: Medievo ellenico a.C. Periodo di formazione a.C. Periodo arcaico a.C. Periodo severo a.C. Periodo classico a.C. Età ellenistica a.C. Venere di Milo

9 Il colore nellarte greca Contrariamente a quello che si pensa i templi greci erano decorati e colorati. Gli ordini architettonici erano regole che stabilivano le parti che costituivano il sistema colonna e le loro proporzioni (dorico, jonico e corinzio). Esempio di riproduzione dellordine jonico con volute ed ovoli.

10 La pittura vascolare Le decorazioni dei vasi è classificabile così: Pittura a figure nere, a partire dal VI sec. a.C Si impiegava una vernice nera; poi si graffiava con piccoli stilo la superficie scoprendo il colore rosso-brunastro della terracotta. Pittura a figure rosse, negli ultimi anni del VI sec. a.C. Le figure vengono lasciate del colore della terracotta, mentre lo sfondo è trattato con la vernice nera.

11 Exechias, Achille e Aiace che giocano a dadi, anfora h= 61 cm Esempio di vaso a figure nere

12 Euphronios, Lotta di Eracle ed Antèo, cratere h= 45 cm Esempio di vaso a figure rosse

13 Larte romana Larte romana sorta nel I sec a.C. si presenta come una rielaborazione di varie tendenze. Roma assorbì una grande quantità di modi espressivi dei popoli che sottomise, ad esempio gli Etruschi ed i Greci. Tuttavia gli artisti romani raggiunsero una propria originalità attraverso la esaltazione e la storicizzazione dello Stato. Inoltre svilupparono una tecnica costruttiva molto interessante per costruire strade, acquedotti, cloache, cioè opere utili allo sviluppo dellimpero. Dal sistema archivoltato degli Etruschi, riuscirono ad elaborare il sistema a volta e ed a cupola. Arco di Costantino, Roma

14 La pittura murale romana La tecnica più usata era quella dellaffresco: i colori diluiti in acqua, venivano applicati sullintonaco fresco che essiccando li fissava. Affreschi significativi si possono ammirare a Pompei, nella Villa dei Misteri: le figure femminili con colori luminosi e delicati, quelle degli uomini con toni bruno- rossastri.

15 Arte paleocristiana Legata alla religione cristiana, nella sua prima fase si caratterizza nelle catacombe. Con lEditto di Costantino del 313 d.C si sviluppò con maggior vitalità e si stabilirono i canoni estetici e stilistici. Con la morte dellimperatore Eraclio, 641 d.C, si chiuse il periodo dellarte paleocristiana. Mosaico della cupola del Mausoleo di Galla Placidia, Ravenna

16 Larte a Ravenna Dopo una serie di vicessitudini Ravenna divenne capitale dellImpero dOccidente;così la città venne in contatto con lo stile bizantino, proveniente da Costantinopoli, lantica Bisanzio. Tale stile esaltò la trascendenza della religione tramite le solennità degli atteggiamenti delle figure rappresentate e luso di fondi doro (loro simboleggiava il Paradiso). Mosaico del Battistero degli Ortodossi, Ravenna

17 I mosaici La tecnica più congeniale allarte bizantina-ravennate fu il mosaico, che permetteva luso di fondi dorati che rappresentavano il mondo ultraterreno. Teoria delle Vergini, SantApollinare Nuovo, Ravenna

18 Arte gotica Tra il XIII ed il XIV secolo si sviluppò, nella Franca del Nord, il linguaggio gotico. Principali caratteristiche furono: Lintenso misticismo, che fu espresso da forma spiccatamente verticali; Decorativismo che caratterizza ogni forma darte Vetrata della Sainte-Chapelle, Parigi

19 Le vetrate gotiche Nelle grandi cattedrali del periodo gotico, si aprono ampie finestre lungo le pareti esterne, e vengono decorate con splendide vetrate dal ricco cromatismo. I vetri colorati sono uniti tra loro da cornici, legature, formate da listelli di piombo a forma di H. Vetrate della Cattedrale di Chartres, Francia

20 La pittura medievale La tecnica più usata da artisti come Duccio di Boninsegna, fu la pittura a tempera su tavola. Annunciazioni, Maestà venivano dipinte con toni brillanti e luminosi di azzurro, rosa, giallo-oro, su un supporto di legno preparato con fondo di colla e gesso. Madonna Rucellai, Duccio di Boninsegna

21 La pittura del Rinascimento Nel XV e XVI secolo si sviluppò il Rinascimento, un movimento culturale che pose luomo al centro del mondo. La tecnica che diede impulso alla rappresentazione visiva fu le pittura con i colori ad olio ottenuti da sostanze minerali, vegetali ed animali mescolati con un medium, cioè una sostanza a base di resine ed olii che servivano a diluire ed impastare i pigmenti. Sovrapponendo uno strato di colore sullaltro, si rendono meglio le sfumature del colore stesso. Pala di Brera, Piero della Francesca

22 Van Eyck, Madonna del cancelliere Rolin Il pittore olandese Jan van Eyck (circa ) è considerato l'iniziatore della pittura rinascimentale fiamminga e probabilmente linventore dei colori ad olio.

23 Il colorismo del Cinquecento In questo secolo si cercano altre forme espressive, sempre nellottica rinascimentale, più adatte ad esprimere linquietudine e linsoddisfazione delluomo che non aveva visto i propri problemi risolti dalla razionalità quattrocentesca. Molti artisti, in questo periodo, utilizzano il colore in modo particolare. Tiziano, Carlo V in poltrona

24 Le opere di Raffaello Sanzio perseguono un ideale di bellezza che deriva da un armonioso impianto prospettico e dalluso del colore che suggerisce una luminosità morbida e dolce, con ombre delicate. La sua pittura incarnò lideale rinascimentale di serenità, equilibrio, naturalezza. Raffaello: Sposalizio della Vergine

25 Giorgione usava dipingere senza eseguire schizzi preparatori, e il colore, caldo ed intenso, conserva una freschezza ed una levità non più raggiunte. Giorgione: La tempesta

26 Tiziano Vecellio prese da Giorgione il senso del colore e la morbida sensualità delle figure, aggiungendo un impianto prospettico più articolato e una certa monumentalità drammatica. Famoso come ritrattista, arrivò ad esprimere con il colore la psicologia dei personaggi rappresentati. Tiziano: Il duca di Alba

27 La pittura di maniera Per Manierismo intendiamo alcune tendenze artistiche successive al 1520 diffusesi n Italia dopo il Sacco di Roma del 1527 In questo periodo il colore assunse una particolare importanza perché divenne oggetto di studio e strumento per esprimere in modo personale la realtà andando oltre limitazione Giulio Romano: Teti e Achille

28 Nella Deposizione (1521), conservata presso la Pinacoteca civica di Volterra, Rosso Fiorentino usò accostamenti cromatici volutamente stridenti (colori forti che risaltano drammaticamente sullo sfondo di tonalità cupa, plumbea) e una disposizione delle figure non equilibrata, bensì mossa e dinamica, discostandosi dalle convenzioni rinascimentali e ponendo così le basi per lo sviluppo del manierismo. Rosso Fiorentino, Deposizione

29 La pittura di macchia Movimento tra i più significativi e innovativi della pittura italiana dell'Ottocento, formatosi a Firenze attorno al Il termine macchiaioli deriva dalluso di giustapporre sulla tela (o su altri supporti: notevoli ad esempio le tavolette di legno di Fattori) ampie campiture di colore, con effetto quasi di macchie, che definiscono l'immagine attraverso contrasti tonali e chiaroscurali Fattori, Il campo italiano dopo la battaglia di Magenta

30 Altamura, Carlo Poerio viene tradotto in carcere Dipinto di Francesco Saverio Altamura, fervente patriota e pittore di storia risorgimentale, Ministro dell'Istruzione nel governo costituzionale di Napoli del 1848, con la reazione dell'anno seguente Carlo Poerio (Napoli Firenze 1867) fu arrestato e condannato a ventiquattro anni di lavori forzati.

31 Corrente artistica sviluppatasi in Francia nella seconda metà dellOttocento, nata dal rifiuto delle tradizioni pittoriche e scultorie contemporanee, a soggetto classico o sentimentale, e dello stile promosso dallAccademia La rivoluzione impressionista Il procedimento si fondava sulla stesura di brevi pennellate di pigmento puro, che giustapponevano perlopiù colori primari (rosso, giallo e blu), mettendoli in contrasto con i complementari (verde, viola, arancio ecc.): ne risultava unimmagine rozza e frammentaria se analizzata da vicino, ma straordinariamente efficace dalla consueta distanza dosservazione, caratterizzata da una luminosità più accesa. Monet, Impression, soleil levant

32 Nel dipinto Il bar delle Folies-Bergères, Manet riepiloga tutti i cardini della sua pittura: amore realistico, natura morta, colori piatti e riflessi di luce.

33 Particolare

34 Dipinta da Renoir nel 1881, la Colazione dei canottieri ritrae un gruppo di amici riuniti in un caffè lungo le sponde della Senna, vicino a Parigi; la sapiente alternanza di zone di luce e di ombra rendono la freschezza di un'impressione fugace catturata e fissata sulla tela in pochi istanti.

35 Post-impressionismo Termine utilizzato in pittura per indicare la varietà di stili che si diffusero dopo l'impressionismo, in particolare in Francia, tra il 1880 e il La definizione fu coniata dal critico inglese Roger Fry nel 1910, V. Van Gogh, Campo di grano con volo di corvi

36 Dipinto da Paul Gauguin nel 1888, durante il suo terzo soggiorno a Pont-Aven in Bretagna, Le Christ jaune si colloca già oltre la fase impressionista della sua produzione e condensa un percorso spirituale e teorico (noto come "sintetismo"), condiviso con artisti a lui vicini, ispirato all'arte primitiva e all'esotismo delle stampe giapponesi. In quest'opera, custodita presso la Albright-Knox Gallery di Buffalo, il gusto per il colore violento e l'esaltazione dei contorni delle figure, marcati da linee scure, si legarono a un'ispirazione di potente misticismo

37 Movimento pittorico francese, sviluppatosi tra il 1898 e il 1908 circa, caratterizzato dallabbandono dellimpostazione dellimpressionismo, teso alla fedele resa del dato visivo, a vantaggio di unarte fondata sul puro valore espressivo ed evocativo del colore, utilizzato nei toni più decisi e violenti. Il termine fauves (belve) fu utilizzato per la prima volta nel 1905 dal critico francese Louis Vauxcelles, Fauvisme H. Matisse, La stanza rossa

38 Eseguito tra il 1909 e il 1910, il grande pannello intitolato La danza (260 x 391 cm, è considerato un manifesto dell'arte di Matisse e dell'estetica fauve. L'immagine, costruita con pochissimi mezzi stilistici – sostanzialmente solo tre colori, molto accesi, stesi in campiture piatte e contenuti da segni di contorno marcati – trapassa ogni convenzione naturalistica a favore di una straordinaria espressività.

39 Corrente artistica sorta in Olanda nel 1917 per iniziativa di Piet Mondrian, Theo Van Doesburg, Bart Van der Leck e Georges Vantongerloo, Il termine neoplasticismo, secondo Mondrian, doveva rimandare a un'arte essenzialmente bidimensionale e astratta. Si proponeva inoltre di eliminare ogni proposito di imitazione della natura o di allusione simbolica al reale, ritornando agli elementi primari della pittura, al suo lessico fondamentale: i colori primari (rosso, giallo e blu), le superfici geometriche e le linee rette. Van Doesburg: Rhythm of a Russian. Neoplasticismo

40 Mondrian, Composiizone il blu, rosso e giallo

41 Pop Art Andy Warhol, Marilyn, serigrafia su tela, 1964 In queste ripetizioni Warhol, cambiando i colori giunge ad immagini sempre diverse. In questo modo riduce lespressività del soggetto, rendendolo subito vecchio e richiedendone uno sempre nuovo.

42 Fine


Scaricare ppt "Istituto Magistrale M. Immacolata San Giovanni Rotondo FG Il colore nellarte a cura del prof. Andrea DAgostino."

Presentazioni simili


Annunci Google