La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Vivere minibasket: per giocare, imparare e crescere ! La FIP ha nella sua missione istituzionale, la promozione e lorganizzazione dellattività agonistica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Vivere minibasket: per giocare, imparare e crescere ! La FIP ha nella sua missione istituzionale, la promozione e lorganizzazione dellattività agonistica."— Transcript della presentazione:

1

2

3 Vivere minibasket: per giocare, imparare e crescere ! La FIP ha nella sua missione istituzionale, la promozione e lorganizzazione dellattività agonistica o amatoriale come motivo fondante di riferimento, escludendo ogni forma di discriminazione razziale, religiosa e politica, e salvaguardando la tutela sanitaria delle attività sportive. Lattività di promozione sportiva della FIP viene affidata al Settore Giovanile Minibasket e Scuola, sulla base degli obiettivi stabiliti dal Consiglio Federale, in piena sintonia con le leggi dello Stato, con le norme e direttive del CONI e con gli ordinamenti sportivi internazionali, purché questi ultimi non siano in contrasto con le deliberazioni e gli indirizzi del CIO e del CONI, garantendo un costante equilibrio di diritti e doveri tra i settori professionistici e non professionistici, nonché tra le diverse categorie nellambito del medesimo settore.

4 Attraverso il Giocosport Minibasket, svolto sia nei Centri aderenti alla FIP e sia in ambito scolastico, la FIP avvicina i bambini allo sport, in un quadro progettuale di grande riferimento educativo, garantendo tale opportunità a tutti i bambini e le bambine dai 5 agli 11 anni, con un approccio graduale ed intelligente allagonismo ed alla formazione sportiva giovanile. La segreteria del Settore Minibasket gestisce i rapporti con : bambini e bambine iscritti (ed idealmente con le loro famiglie) Centri Minibasket, distribuiti sullintero territorio nazionale Istruttori che costituiscono la community del minibasket. La condivisione dei principi di riferimento tra coloro che, a diverso titolo e con specifiche competenze, vi ci si dedicano, definisce lorizzonte formativo e culturale della missione stessa. Nello slogan Vivere minibasket: per giocare, imparare e crescere! si riassume il senso ed il significato dellappartenenza di un bambino o di un adulto al mondo del Minibasket.

5 ... avvicinare i bambini allo sport, in un quadro progettuale di grande riferimento educativo (!?!)... garantendo tale opportunità a tutti i bambini e le bambine dai 5 agli 11 anni (!)... con un approccio graduale ed intelligente allagonismo ed alla formazione sportiva giovanile (!!!) La condivisione dei principi di riferimento tra coloro che, a diverso titolo e con specifiche competenze, vi ci si dedicano, definisce lorizzonte formativo e culturale della missione stessa. (... e questa lho presa tutta !!!) Vivere minibasket: per giocare, imparare e crescere!... senso e significato... del Minibasket.... E INOLTRE.....

6 DICHIARAZIONE DI GAND (2004) SULLETICA DELLO SPORT GIOVANILE Momento di sintesi Documento fondamentale per coloro che accettano di praticare e divulgare unideale sportivo che ponga in evidenza il bambino piuttosto che il risultato.

7 Idee guida Il desiderio di riportare lo sport e il suo significato primario, non solo come attività fisica rivolta a sviluppare capacità corporee e psichiche e a mantenere in efficienza il corpo, ma soprattutto semplice svago. Ideale sportivo e i suoi valori morali e culturali, quale strumento di formazione ed elevazione della persona e di solidarietà tra gli uomini ed i popoli. Sport e Giocosport come momento di formazione prezioso per la personalità dellallievo, perché lo spinge ad impegnarsi, a migliorare, a mettersi alla prova, a comprendere sacrificio ed umiltà, a stringere rapporti sociali, ad assumersi responsabilità, a diventare membro di una collettività.

8 1.Diritto di fare sport Se un ragazzo desidera avvicinarsi allo sport di sua scelta, ladulto non può negargli questa possibilità, ma deve offrire al giovane le condizioni che più si adattano al suo livello. HO IL DIRITTO DI PRATICARE LO SPORT SU MIA LIBERA SCELTA, PER CUI HO DIRITTO AD UNA EDUCAZIONE E FORMAZIONE SPORTIVA Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

9 2.Diritto di divertirsi e di giocare come un bambino Sovente quando un ragazzo abbandona lo sport a anni lo attribuisce alla troppa serietà dellambiente sportivo e alla noia che prova durante gli allenamenti. E BENE DUNQUE RICORDARE CHE NELLORIGINE STESSA DELLA PAROLA "SPORT" (DAL FRANCESE ANTICO "DESPORTES") CE LA NOZIONE DI DIVERTIMENTO. Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

10 Diritto di beneficiare di un ambiente sano Nello sport di competizione, la lotta al doping e la promozione del fair play sono obiettivi condivisi delle federazioni sportive. Questi sono comportamenti che si imparano da giovani e che un ambiente sportivo "sano" deve insegnare. NON SEMPRE È COSÌ, BASTA PENSARE ALLE DICHIARAZIONI E AI COMPORTAMENTI DI MOLTI ALLENATORI DELLE SQUADRE GIOVANILI NEI CONFRONTI DEGLI ARBITRI... Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

11 3.Diritto di essere trattato con dignità Il ragazzo non è un essere inferiore e lautorità non è quella delladulto che urla, punisce, minaccia. Lo sport a livello giovanile non dovrebbe essere fonte di frustrazione e di delusione ma di piacere e di progresso; spetta dunque alladulto creare le condizioni favorevoli allottenimento di questi obiettivi. Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

12 4.Diritto di essere circondato e allenato da persone competenti Chi si occupa di giovani lo fa investendo tempo e volontà, sovente senza domandare nulla in compenso; ciò non toglie tuttavia che egli deve formarsi, conoscere i principi dello sviluppo fisiologico e psicologico onde evitare grossolani errori. Cè ancora la tendenza da parte delle società sportive di affidare atleti giovanissimi ad allenatori poco competenti, con risultati ovviamente poco soddisfacenti sia dal punto sportivo che educativo. Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

13 5.Diritto di seguire allenamenti adeguati ai suoi ritmi Lo studio della fisiologia del bambino, del tipo di sviluppo delle sue capacità motorie e di modulazione del carico fisico sono essenziali per costruire allenamenti e lezioni adeguati. IL GIOCO DEVE ADATTARSI AL BAMBINO, MENTRE INVECE, SPESSO, I BAMBINI GIOCANO I GIOCHI DEGLI ADULTI. H.WEIN Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

14 6.Diritto di misurarsi con giovani che abbiano le medesime probabilità di successo. I giovani devono imparare a confrontarsi con linsuccesso; tuttavia, se vengono costantemente messi a confronto con avversari che non hanno le loro stesse probabilità di successo, la loro esperienza potrà essere quella o di sentirsi impotente o di sentirsi imbattibile, ciò che non è molto utile dal punto di vista educativo. Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

15 7.Diritto di partecipare a competizioni adatte alletà Dirigenti e Allenatori devono impegnarsi a far rispettare questo diritto, con gare più consone alle caratteristiche e alle capacità dei bambini e dei ragazzi. Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

16 8.Diritto di praticare lo sport in assoluta sicurezza Troppo spesso incidenti evitabili o lesioni da sovraccarico di lavoro accadono in allenamento, a causa di negligenze delladulto. INSEGNARE SIGNIFICA AVERE A CUORE LA SALUTE E IL BENESSERE DEI GIOVANI. Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

17 9.Diritto di avere i giusti tempi di riposo Saper proporre programmi di allenamento ben equilibrati, che consentano adeguati momenti di recupero. Anche nei periodi di congedo scolastico lallenatore rispetta la necessità di riposare oltre il fisico anche la mente e non impone una quantità eccessiva di allenamento. Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

18 10.Diritto di non essere un campione Tutti i ragazzi vanno considerati non solo in virtù della competenza sportiva o di una qualsiasi eccellenza dei risultati, ma anche e soprattutto per i loro limiti e per la loro inesperienza. Ma va altrettanto preservato il diritto di essere un campione, se il giovane ne ha il talento e la voglia, a condizione che non serva unicamente ad appagare lambizione dei genitori, allenatori o dirigenti. Gand 2004 Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport

19 I giochi hanno alcune delle qualità delle opere d'arte... Con le loro semplici ed inequivocabili regole, sono come tante isole di ordine nel vago e disordinato caos dell'esperienza. Quando facciamo un gioco, o anche quando guardiamo giocare altri, passiamo dall'incomprensibile universo della realtà oggettiva a un piccolo mondo ordinato fatto dall'uomo, dove ogni cosa è chiara, ha uno scopo ed è facile da capire. Aldous Huxley Ho trovato una definizione che voglio condividere...

20 Credo dunque che il Minibasket abbia alcuni problemi, credo che qualcuno tra noi non abbia compreso. E credo, anzi sono certo, che per alcuni ci siano evidenti difficoltà, distanze spesso marcate da una prospettiva educativa condivisa. Credo sia il momento di fare i conti, con la propria coerenza ed onestà professionale.

21

22

23 Il Minibasket non può ridursi a una banale occasione di svago o di sfogo. Il Minibasket può essere unimperdibile opportunità di crescita. A noi adulti il delicato compito di comprenderne per primi il senso ed il significato. E la Magia del Minibasket.

24 IMPARARE NON È SOLO TROVARE UNA RISPOSTA, IMPARARE SIGNIFICA ORGANIZZARE LE CONOSCENZE. Per me, dunque...

25 Un processo di insegnamento-apprendimento moderno supera la logica delle sequenze lineari (stimolo = risposta) ed eleva il concetto del sapere ad una cultura di acquisizione delle competenze che, non negando il sapere, lo contestualizza, concependolo come momento di crescita integrale dellallievo, con una continua dinamica di relazione tra il suo saper fare ed il suo saper essere. SVILUPPO MOTORIO E AUTOSTIMA NEI GIOVANI. AAVV.Facoltà di Medicina – Università di Foggia.

26 IMPARARE * conoscenza * esperienza * competenza * autonomia * educazione sapere fare saper fare Accompagnare al saper fare autostima

27 AUTONOMIA INDIPENDENZA AUTOSTIMA AUTODECISIONE AUTOREALIZZAZIONEAUTOSUFFICIENZA LIBERTA

28 La libertà La libertà La libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone. La libertà non è uno spazio libero; LIBERTA E PARTECIPAZIONE ! (G.Gaber)

29 E IL GIOCOSPORT il primo incontro... lapproccio adeguato... linnamoramento : DELLA PALESTRA, DEL CAMPO DEI PALLONI DEL PRIMO GOAL O CIUFF DEI NUOVI AMICI DI UN CONTESTO EDUCATIVO. Fatto di ENTUSIASMO PASSIONE e REGOLE CONDIVISE.

30 Il Giocosport che cerco di descrivere, e che mi auguro possa trovare la vostra condivisione, è dedicato allo sviluppo di competenze cognitive prima che tecniche. Un Giocosport insegnato ai bambini per capire, prima possibile, come si gioca. Un Giocosport insegnato per dare ai bambini graduali e progressivi strumenti per riconoscere – affrontare e risolvere le diverse situazioni che il gioco presenta, e che ne sono la natura fondante. IL GIOCOSPORT. Un Giocosport insegnato per dare un senso ed un significato alla dichiarazione di... ed un significato alla dichiarazione di... giocosport educativo e formativo !!! giocosport educativo e formativo !!!

31 UN GIOCOSPORT INSEGNATO PER CONOSCERERE SVILUPPARE LE ABILITA DIVENTARE COMPETENTI !

32 Garantire ai nostri bambini un ambiente educativo sano e protetto non vuol dire trascurare il loro sviluppo tecnico – tattico. Però... Anzichè richiedere unabilità… oggi si richiede la competenza, cioè un misto, specifico per ciascun individuo, di abilità nel senso stretto del termine, … di comportamento sociale, e di attitudine al lavoro di gruppo; la capacità di prendere iniziative e di assumersi delle responsabilità, affrontando il rischio delle scelte. Ettore Messina.. ?Sergio Scariolo.. ?Simone Pianiggiani.. ? (Il Libro Bianco UNESCO J. DELORS, Nelleducazione un tesoro)

33 INSEGNARE A GIOCARE ? SVILUPPARE COMPETENZE RIFERITE PRINCIPALMENTE ALLAMBITO TECNICO-TATTICO ? PRIVILEGIARE UNA SOLA STRATEGIA METODOLOGICA ? LIMITARE GLI SPAZI DI FANTASIA E DI CREATIVITA ? PRIVILEGIARE IL RISULTATO DA PRODURRE RISPETTO AL PROCESSO DA REALIZZARE ?

34 COME SI PUO ACCOMPAGNARE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ? EDUCANDO I BAMBINI A RICONOSCERE I PROBLEMI SOSTENENDO LE INTERPRETAZIONI E LE SCELTE PERSONALI AIUTANDOLI A RIFLETTERE SUGLI ERRORI PROVOCANDO ADEGUATA ATTENZIONE AI PRIMI RIFERIMENTI TECNICI STIMOLANDO LINTELLIGENZA E LAUTONOMIA Anche perché... a cosa serve conoscere la tecnica se poi non si è capaci di utilizzarla ?

35 ... ed a proposito di Metodologia : DOBBIAMO AVERE UN IDEA CHIARA DI CIO CHE VIVE UN BAMBINO DI FRONTE AD UN PROBLEMA DI GIOCO DA AFFRONTARE E RISOLVERE PERCEZIONE DEL PROBLEMA ANALISI DELLA SITUAZIONE PROGETTAZIONE DELLA SOLUZIONE SOLUZIONE MENTALE DEL PROBLEMA SOLUZIONE MOTORIA DEL COMPITO RITORNO DI INFORMAZIONI FEEDBACK DA CHE PARTE DELLA SCALA VOGLIAMO METTERCI ?

36 Educare Giocando ? Considerare i Bambini tutti attori e non semplici comparse Concedere loro (a tutti !!!), spazi e tempi giusti per esprimersi Offrire loro problemi adeguati da risolvere e non soluzioni da ricordare Lasciare la porta aperta alla libertà del poter sbagliare Accompagnarli nella riflessione e comprensione degli errori commessi Creare le condizioni per vivere positivamente le esperienze

37 LApprendimento che nasce da una motivazione personale si conserva nel tempo più a lungo. Un clima rassicurante facilita lapprendimento, soprattutto se lallievo è coinvolto in un compito che potrebbe vivere con qualche apprensione. Il Processo di Apprendimento procede tanto più velocemente quanto meno lallievo si sente minacciato e giudicato. (M.Filippi) EDUCARE GIOCANDO

38 Educare Giocando. LA LEZIONE PERNELLASULLA PREPAR(SI)... LA LEZIONE. ESPRESSIONE DI COERENZA. ANALISI E VALUTAZIONE.

39 non cercare di imporsi in modo esclusivamente autoritario Educare Giocando nella Lezione. creare un clima favorevole allapprendimento predisporre e mettere a disposizione tutti gli stumenti necessari rendere espliciti e condividere con i bambini gli obiettivi equilibrare le componenti cognitive ed emotive condividere le emozioni e le riflessioni con i propri allievi EMOZIONESCOPERTAGIOCO

40 proporre esercitazioni ed esperienze finalizzate a sostenere lacquisizione delle conoscenze con riferimenti precisi e continui allesperienza pratica. Educare Giocando nella Lezione. individuare le proposte coerenti programmare progressioni didattiche adeguate offrire ai bambini strumenti con i quali costruire il loro personale ed individuale percorso di crescita ACCOMPAGNARE I BAMBINI DALLE CONOSCENZE ALLE COMPETENZE ATTRAVERSANDO LO SVILUPPO... DELLEABILITÀ.

41 Limportanza di un Insegnante - Educatore.

42 Io non credo che qualcuno abbia mai insegnato qualcosa a qualcun altro. Contesto l'efficacia dell'insegnamento. L'unica cosa che so è che chi vuole imparare impara. Un insegnante, al massimo, è uno che facilita le cose, imbandisce la mensa, mostra agli altri che è eccitante e meravigliosa, e li invita a mangiare…" (Carl Rogers)

43 Conoscere i propri allievi saper valutare la propria realtà Avere individuato gli obiettivi educativi e didattici saper programmare Definire le proposte adeguate saper scegliere esercizi - gare e giochi per età e per capacità Sostenere i processi di apprendimento saper vivere attivamente e positivamente lallenamento Saper intervenire correggere e far riflettere SAPER INSEGNARE Condividere lidea di formazione e crescita globale AVERE PASSIONE VERA – ONESTA E SINCERA PER LINSEGNAMENTO DELLO SPORT. PER INSEGNARE A GIOCARE LISTRUTTORE DEVE : DUE COSE LESPERIENZA DEVE INSEGNARE: LA PRIMA, CHE BISOGNA CORREGGERE MOLTO; LA SECONDA, CHE NON BISOGNA CORREGGERE TROPPO ! Eugene Delacroix - Diario

44 "Gli insegnanti ideali sono quelli che si offrono come ponti verso la conoscenza e invitano i loro allievi a servirsi di loro per compiere la traversata; poi, a traversata compiuta, si ritirano soddisfatti, incoraggiandoli a fabbricarsi da soli ponti nuovi." (Nikos Kazantzakis)

45 La Cucina dellIstruttore ! Saper Insegnare !

46 Maurizio Cremonini NON DESIDERO CERCARE UNA CONDIVISIONE OCCASIONALE. MA NEMMENO SENTIRMI PRESO IN GIRO DA UNA SUPERFICIALE VOLONTA DI APPROVAZIONE, MAGARI PER SEMPLICE OPPORTUNITA. VI CHIEDO SOLO DI RIFLETTERE, DI PROVARE A PERCEPIRE, VALUTARE E RICONOSCERE VALORI DIVERSI VERSO I QUALI RIFERIRE IL GIA DIFFICILE COMPITO DI ISTRUTTORI. PER TENTARE VERAMENTE DI.... EDUCARE GIOCANDO.


Scaricare ppt "Vivere minibasket: per giocare, imparare e crescere ! La FIP ha nella sua missione istituzionale, la promozione e lorganizzazione dellattività agonistica."

Presentazioni simili


Annunci Google