La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

[ ] 1 www.caam.mi.it Il possibile contributo del CAAM Assolombarda Organizzazione zonale "Pedemontana Lombarda: quali opportunità per imprese e territorio?"

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "[ ] 1 www.caam.mi.it Il possibile contributo del CAAM Assolombarda Organizzazione zonale "Pedemontana Lombarda: quali opportunità per imprese e territorio?""— Transcript della presentazione:

1 [ ] 1 Il possibile contributo del CAAM Assolombarda Organizzazione zonale "Pedemontana Lombarda: quali opportunità per imprese e territorio?" 17 marzo 2008 Sala Aurora Palazzo Arese Borromeo, Cesano Maderno Stefano Bellinzona Direttore Generale del CAAM

2 [ ] 2 Pedemontana: una rivoluzione territoriale per Monza e Brianza Fonte: IGM Anno 1893

3 [ ] 3 Fonte: Osservatorio Territoriale Infrastrutture Nord Ovest Pedemontana: una rivoluzione territoriale per Monza e Brianza Anno 2015

4 [ ] 4 Pedemontana: una rivoluzione territoriale per Monza e Brianza Il Governo ha definitivamente assegnato 1,2 MLD che rappresentano il fondamento per lintero investimento calcolato in 4,1 MLD e per linnesco della fase esecutiva. La Pedemontana si farà! Pedemontana è una risposta importante alla drammatica congestione del traffico dellarea metropolitana che agevola i flussi trasversali in una provincia multipolare e diffusa

5 [ ] 5 Pedemontana: una rivoluzione territoriale per Monza e Brianza La rivoluzione va governata Radicale cambiamento dei flussi viabilistici Riequilibrio dei poli di attrazione lungo la direttrice E-W Asse di gravitazione della nuova Provincia di MB Profonde modifiche dei valori immobiliari Diversi orientamenti negli insediamenti produttivi e nella logistica Una volta realizzata, oltre agli incontestabili vantaggi sulla mobilità, sul piano degli assetti territoriali, la Pedemontana comporterà:

6 [ ] 6 Gli effetti della Pedemontana Lautostrada Pedemontana si configura come unopera rilevante sia per il rilancio delle economie locali dei contesti attraversati e sia per la riorganizzazione dei flussi di traffico nel nord della Regione Metropolitana Milanese. Si inserirà in una delle aree più dense del Paese con un grave deficit infrastrutturale: pertanto non genererà traffico ma anzi servirà ad alleggerire il sistema della viabilità locale e ai ridurre i costi diretti e occulti per la collettività. La fase di cantierizzazione però comporterà per svariati anni un pesante aggravio delle condizioni di congestionamento dellattuale rete stradale, con possibili riflessi negativi sulleconomia locale e sulla vita della collettività. La gestione dei cantieri e il contenimento dei disagi alle imprese e alla popolazione saranno compiti cruciali spettanti alle amministrazioni locali, le quali dovranno disporre di strumenti efficaci per governare questo tipo di trasformazioni.

7 [ ] 7 Limpatto dei cantieri sul sistema infrastrutturale di MB: – 2015: la fase di cantiere La viabilità di Monza e Brianza è già fortemente congestionata. La cantierizzazione, che durerà 5/6 anni, rischia di far collassare il sistema: i cantieri dovranno essere attentamente gestiti attraverso sistemi informativi evoluti e con la collaborazione virtuosa di tutti i soggetti coinvolti: ComuniProvincia Forze dellOrdine Camera di Commercio Associazioni di categoria ANAS CAL ASPI Serravalle Portatori di interessi Parchi PILS Autostrada Pedemontana Lombarda

8 [ ] 8 Cosè il CAAM Il CAAM è unagenzia integrata di sviluppo e di promozione del territorio che consorzia 11 Comuni di Monza e Brianza e Nord Milanese, la Provincia e la Camera di Commercio Una nuova alleanza tra sfera pubblica e mondo delle imprese capace di innescare fenomeni diffusi e persistenti di riqualificazione e di innovazione. Tale alleanza è concepita nel pieno rispetto e con la massima valorizzazione delle specificità locali, riconosciute come elementi costituitivi del tessuto sociale ed economico.

9 [ ] 9 Il settore Promozione Territorio del CAAM Esperienza decennale nella gestione dei Sistemi Informativi Territoriali (SIT) a livello sovraccomunale Dal 2006 partnership con il Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture Viarie, Rilevamento (DIIAR) del Politecnico di Milano ampliando le competenza nella gestione organizzativa e tecnica del SIT sovraccomunale e nelle modalità di interazione con gli enti sovraordinati Nel 2006 e nel 2007, ente di supporto tecnico della Provincia di Milano per la partecipazione ai finanziamenti regionali per i Data Base Topografici: come risultato concreto, 126 comuni delle Province di Milano e di Monza e Brianza avranno questo strumento entro il 2009 Con lulteriore collaborazione tra Progetto Monza e Brianza e CAAM, nel 2008 si sono aggiunti alla compagine DB Top altri 4 comuni: Bovisio Masciago, Correzzana, Triuggio e Usmate-Velate I dati del Settore Promozione Territorio

10 [ ] 10 Gli attuali Sistemi Informativi Territoriali (SIT) Le cartografie digitali e i Sistemi Informativi Territoriali sono oggi molto diffusi e utilizzati da enti e imprese. Nella grande maggioranza dei casi però, i diversi SIT oggi in uso: Non sono coordinati Ogni ente usa e gestisce i propri Non possono interscambiare dati La manutenzione è molto costosa Gli aggiornamenti sono sporadici

11 [ ] 11 I DataBase Topografici La nuova frontiera è rappresentata dai Data Base Topografici che realizzano vere e proprie infrastrutture informative, condivise tra i vari attori, che consentono una conoscenza puntuale e aggiornata di tutti i fenomeni territoriali Data Base Topografici: Sono costruiti in base a rigorosi standard internazionali Sono integralmente condivisi da tutti gli utilizzatori Sono sistematicamente aggior- nati a cura del detentore delle informazioni primarie Sono facilmente divulgabili attraverso varie modalità

12 [ ] 12 I DataBase Topografici Nel 2006 e nel 2007 Provincia di Milano e CAAM hanno partecipato con successo ai bandi di finanziamento regionale per i DBTop

13 [ ] 13 I DataBase Topografici per il tracciato di Pedemontana Con i finanziamenti regionali 2006 e 2007 molti comuni interessati dal tracciato avranno il DB Topografico entro il 2009 e quasi tutti quelli di Monza e Brianza

14 [ ] 14 La proposta del CAAM Realizzare una centrale informativa condivisa per gestire in tempo reale le informazioni Un DataBase Management System (DBMS) concepito come infrastruttura per gestire dati territoriali e fondato su Database Topografici, consente di disporre di un quadro estremamente puntuale e aggiornato delle informazioni e di inserire in tempo reale ogni trasformazione In 12/18 mesi (2008/09) la centrale informativa: Si propone come il collettore e il coordinatore dei dati Contribuisce ad assemblare le competenze specialistiche necessarie Raccoglie e armonizza le istanze provenienti dal territorio (Enti locali, imprese, portatori dinteressi, ecc) Collabora con la Provincia di Monza e Brianza nella realizzazione dellinfrastruttura informativa territoriale

15 [ ] 15 Schema concettuale della proposta Un DataBase Management System (DBMS) gestito da una centrale informativa sulla quale convergono i dati e che provvede a irradiare informazioni con la multicanalità

16 [ ] 16 Schema di funzionamento della centrale informativa

17 [ ] 17 Cronogramma per la realizzazione di un DBMS per il cantiere di Pedemontana

18 [ ] 18 I nostri riferimenti CAAM Consorzio Area Alto Milanese Sede: via A. De Gasperi, 2/A Cesano Maderno Uffici distaccati di Desio: Settore Promozione Territorio Via A. Volta, 94 Desio File: CAAM-PT-AssolombardaPedemontana-06.ppt Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "[ ] 1 www.caam.mi.it Il possibile contributo del CAAM Assolombarda Organizzazione zonale "Pedemontana Lombarda: quali opportunità per imprese e territorio?""

Presentazioni simili


Annunci Google