La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cooperazione Italiana in Bosnia Erzegovina Pescara, 29 settembre 2007 Opportunità di cooperazione in Bosnia – Erzegovina per associazioni, imprese, università

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cooperazione Italiana in Bosnia Erzegovina Pescara, 29 settembre 2007 Opportunità di cooperazione in Bosnia – Erzegovina per associazioni, imprese, università"— Transcript della presentazione:

1 Cooperazione Italiana in Bosnia Erzegovina Pescara, 29 settembre 2007 Opportunità di cooperazione in Bosnia – Erzegovina per associazioni, imprese, università e ONG

2 Bosnia - Erzegovina Popolazione: Superficie: kmq Religione: Mussulmani 48% Ortodossi 37.1% Cattolici 14.3% altro 0.6% Lingua: Bosniaco–Serbo–Croata

3 Dati Macroeconomici PIL (US $ miliardi) 8,69,310,1 PIL (% Crescita) 6,25,05,5 PIL pro capite ($) Inflazione (%) 0,31,96,0 Disoccupazione (%) 44,6 Bilancia Commerciale (US $ milioni) Debito Estero (US $ milioni) 3927 Vedi

4 ATTIVITÀ DELLA COOPERAZIONE ITALIANA IN BIH La cooperazione Italiana è presente in Bosnia Erzegovina dal 1992, lUnità Tecnica Locale nella città di Sarajevo è stata istituita nel 1997; La cooperazione Italiana è presente in Bosnia Erzegovina dal 1992, lUnità Tecnica Locale nella città di Sarajevo è stata istituita nel 1997; In un fase iniziale lattività della Cooperazione Italiana è stata rivolta allavvio di programmi di emergenza socio- sanitari per affrontare lo stato di guerra che in quegli anni ha sconvolto la Bosnia Erzegovina; In un fase iniziale lattività della Cooperazione Italiana è stata rivolta allavvio di programmi di emergenza socio- sanitari per affrontare lo stato di guerra che in quegli anni ha sconvolto la Bosnia Erzegovina; In seguito lazione del nostro Paese si è diversificata sulla base di iniziative sia bilaterali che multilaterali, facendo dellItalia un Paese di primo piano, per programmi e interventi, realizzati sul territorio bosniaco. In seguito lazione del nostro Paese si è diversificata sulla base di iniziative sia bilaterali che multilaterali, facendo dellItalia un Paese di primo piano, per programmi e interventi, realizzati sul territorio bosniaco.

5 Canale Multilaterale LItalia è tra i primi donatori del programma di Recupero della Regione di Sebrenica, realizzato dallUNDP e della ricostruzione del Vecchio Ponte di Mostar nellambito del Pilot Cultural Heritage Project della Banca Mondiale; LItalia è tra i primi donatori del programma di Recupero della Regione di Sebrenica, realizzato dallUNDP e della ricostruzione del Vecchio Ponte di Mostar nellambito del Pilot Cultural Heritage Project della Banca Mondiale; Ha inoltre elargito un importante contributo allUNESCO per finanziare un progetto pilota per lo sviluppo del turismo culturale. Ha inoltre elargito un importante contributo allUNESCO per finanziare un progetto pilota per lo sviluppo del turismo culturale.

6 Dati Cooperazione Italiana Limpegno della Cooperazione Italiana per il periodo compreso tra il 1992 e il 2006 ammonta ad oltre di Euro; Limpegno della Cooperazione Italiana per il periodo compreso tra il 1992 e il 2006 ammonta ad oltre di Euro; 73 milioni di Euro sono relativi ad iniziative approvate nel periodo ; 73 milioni di Euro sono relativi ad iniziative approvate nel periodo ; Il Governo italiano, attraverso i diversi strumenti messi a disposizione per la cooperazione con i Paesi dellArea balcanica, finanzia programmi attualmente in corso di esecuzione per un totale di circa 20 milioni di Euro, intervenendo in diversi settori. Il Governo italiano, attraverso i diversi strumenti messi a disposizione per la cooperazione con i Paesi dellArea balcanica, finanzia programmi attualmente in corso di esecuzione per un totale di circa 20 milioni di Euro, intervenendo in diversi settori.

7 Programmi in corso in BIH Attualmente i progetti in corso sono 50 per un totale complessivo di circa 28 milioni di Euro tra finanziamenti di varia fonte. Sinteticamente: Attualmente i progetti in corso sono 50 per un totale complessivo di circa 28 milioni di Euro tra finanziamenti di varia fonte. Sinteticamente: Numero iniziative Finanziamento Finanziamento % Progetti MAE ,2886 Progetti NON MAE ,3714 Totale ,69

8 SettoriSettori

9 DESK UE LUnità di Coordinamento Progetti Finanziati dalla Commissione Europea (Desk UE) è stata costituita nellottobre del 2006, con il fine di supportare le istituzioni italiane e bosniache nellutilizzo e gestione dei progetti realizzati allinterno di programmi comunitari. LUnità di Coordinamento Progetti Finanziati dalla Commissione Europea (Desk UE) è stata costituita nellottobre del 2006, con il fine di supportare le istituzioni italiane e bosniache nellutilizzo e gestione dei progetti realizzati allinterno di programmi comunitari.

10 Obiettivi del Desk UE in BIH Svolgere un ruolo di raccordo tra entità italiane e bosniache interessate a realizzare progetti allinterno dei principali programmi dellUnione Europea relativi ai Balcani occidentali; Svolgere un ruolo di raccordo tra entità italiane e bosniache interessate a realizzare progetti allinterno dei principali programmi dellUnione Europea relativi ai Balcani occidentali; Fornire assistenza tecnica nella definizione dei partenariati e nellelaborazione delle proposte progettuali. Fornire assistenza tecnica nella definizione dei partenariati e nellelaborazione delle proposte progettuali.

11 Attività del Desk UE Creazione di un database con le indicazioni dei progetti europei in svolgimento in BiH, distinti per: Creazione di un database con le indicazioni dei progetti europei in svolgimento in BiH, distinti per: Tipologia di soggetti (Enti locali, ONG, Associazioni, Centri di Ricerca, Università, Ministeri italiani e locali) Tipologia di finanziamento (Interreg IIIA-PAO, Twinning, Twinning Light, IPA I, IPAII) quadro di tutte le iniziative, le aree di azione, i parteneriati esistenti per individuare opportunità e aree progettuali future. finalità

12 Attività del Desk UE Attività del Desk UE Collaborazione con la Delegazione della Commissione Europea in BiH e la Direzione per lIntegrazione Europea del Governo bosniaco; Collaborazione con la Delegazione della Commissione Europea in BiH e la Direzione per lIntegrazione Europea del Governo bosniaco; Collaborazione con le Università al fine di promuovere le tematiche dellintegrazione europea; Collaborazione con le Università al fine di promuovere le tematiche dellintegrazione europea; Collaborazione con le Unità di Belgrado e Tirana, vista la natura regionale dei finanziamenti comunitari. Collaborazione con le Unità di Belgrado e Tirana, vista la natura regionale dei finanziamenti comunitari. Organizzazione di incontri con tutti gli attori locali coinvolti in progetti di cooperazione con lItalia; Organizzazione di incontri con tutti gli attori locali coinvolti in progetti di cooperazione con lItalia; Attività di informazione e sensibilizzazione sulle tematiche legate allintegrazione e ai fondi IPA attraverso newsletter, seminari e workshop. Attività di informazione e sensibilizzazione sulle tematiche legate allintegrazione e ai fondi IPA attraverso newsletter, seminari e workshop. Creazione di un sito internet; Creazione di un sito internet;

13 IPA Il nuovo strumento di pre-adesione IPA previsto nella programmazione ha la finalità di supportare i Paesi Candidati/Potenzialmente Candidati nel loro percorso di avvicinamento allUE; Il nuovo strumento di pre-adesione IPA previsto nella programmazione ha la finalità di supportare i Paesi Candidati/Potenzialmente Candidati nel loro percorso di avvicinamento allUE; Lo strumento di pre-adesione IPA sostituisce gli strumenti di pre-adesione esistenti: Lo strumento di pre-adesione IPA sostituisce gli strumenti di pre-adesione esistenti: PHARE; PHARE; ISPA; ISPA; SAPARD; SAPARD; CARDS; CARDS; Lo strumento di pre-adesione per la Turchia. Lo strumento di pre-adesione per la Turchia. In questottica di semplificazione, la struttura dello strumento IPA si articola in 5 componenti: In questottica di semplificazione, la struttura dello strumento IPA si articola in 5 componenti: Institution Building ; Institution Building ; Cooperazione Transfrontaliera; Cooperazione Transfrontaliera; Sviluppo Regionale; Sviluppo Regionale; Sviluppo delle Risorse Umane; Sviluppo delle Risorse Umane; Sviluppo Rurale. Sviluppo Rurale.

14 IPA I Paesi Beneficiari sono divisi in 2 categorie, in base al loro status definito dal Consiglio: I Paesi Beneficiari sono divisi in 2 categorie, in base al loro status definito dal Consiglio: Candidati effettivi (Croazia, ex-Repubblica di Macedonia, Turchia), i quali hanno accesso a tutte e 5 le componenti di IPA; Candidati effettivi (Croazia, ex-Repubblica di Macedonia, Turchia), i quali hanno accesso a tutte e 5 le componenti di IPA; Candidati Potenziali (Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia incluso il Kosovo ai sensi del UNSCR 1244), i quali hanno accesso solo alle prime 2 componenti. Tuttavia nei Paesi pontezialmente candidati, la componente 1 può finanziare misure simili a quelle ammissibili nellambito della componente 3, 4 e 5 nei Paesi candidati. Candidati Potenziali (Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia incluso il Kosovo ai sensi del UNSCR 1244), i quali hanno accesso solo alle prime 2 componenti. Tuttavia nei Paesi pontezialmente candidati, la componente 1 può finanziare misure simili a quelle ammissibili nellambito della componente 3, 4 e 5 nei Paesi candidati.

15 Dotazioni finanziarie IPA stanziamento annuo pro capite per Paese Per la Bosnia-Erzegovina si calcola che lammontare del finanziamento IPA per il periodo sarà allincirca di 332 milioni di euro.

16 IPA Assistenza alla transizione e consolidamento istituzionale Settori di intervento Per il i principali settori di intervento sono, conformi alla logica di Copenghen: Requisisti politici (sostegno alla società civile, ai media, alla riforma della PA e dellordinamento giudiziario, riforma della polizia, riforme costituzionali, politica anticorruzione, rimpatrio di profughi e sfollati, sminamento e assistenza alle vittime di mine-antiuomo, sostegno alle minoranze); Requisisti politici (sostegno alla società civile, ai media, alla riforma della PA e dellordinamento giudiziario, riforma della polizia, riforme costituzionali, politica anticorruzione, rimpatrio di profughi e sfollati, sminamento e assistenza alle vittime di mine-antiuomo, sostegno alle minoranze); Requisiti socio-economici (sviluppo politiche fiscali ed economiche, del buon governo, della politica commerciale, riforma dellistruzione, del mercato del lavoro, della sanità pubblica, sostegno alle PMI, potenziamento delle parti sociali); Requisiti socio-economici (sviluppo politiche fiscali ed economiche, del buon governo, della politica commerciale, riforma dellistruzione, del mercato del lavoro, della sanità pubblica, sostegno alle PMI, potenziamento delle parti sociali); Standard europei (sostegno allo sviluppo di strategie e politiche settoriali, verifica della compatibilità UE delle politiche governative e delle proposte di legge). Standard europei (sostegno allo sviluppo di strategie e politiche settoriali, verifica della compatibilità UE delle politiche governative e delle proposte di legge).

17 Programma Nazionale IPA 2007 BiH Per lanno 2007 sono stati stanziati per la BiH per quanto riguarda la componente Per lanno 2007 sono stati stanziati per la BiH per quanto riguarda la componente Assistenza alla transizione e consolidamento istituzionale ; Requisiti politici ; (Protezione sociale: sminamento; Inclusione sociale: miglioramento del sistema di protezione infanzia; Società civile: ricerca attraverso il DNA delle persone disperse; P.A.: riforma costituzionale, supporto allufficio di coordinamento per la P.A. (PARCO), Supporto al DEI); Requisiti socio-economici ; (Sviluppo economico: sostegno allo sviluppo economico regionale e alle PMI, promozione delle esportazioni; Lavoro: supporto alle politiche del lavoro; Politiche sociali: riforma del sistema universitario, rafforzamento degli istituti sanitari); Standard europei ; (Istituzioni Governative: assistenza ai ministeri di riferimento per la gestione dei flussi migratori, supporto allAutorità di Regolamentazione per le Comunicazioni; Sostegno alle istituzioni di competenza per il raggiungimento dei requisiti del trattato comune sullenergia; Preparazione ai fondi pre-strutturali: sostegno e implementazione della legge sui prodotti agro-alimentari; sostegno allo sviluppo rurale); Dialogo con la società civile ; (Società civile e media: supporto alla società civile per la partecipazione al dialogo politico, sostegno allAutorità di Regolamentazione per le Comunicazioni per il raggiungimento di un maggior grado di indipendenza);

18 IPA ADRIATICO Il Programma di Cooperazione Adriatica Transfrontaliera 2007 – 2013 è riferibile alla seconda componente dellIPA; Il Programma di Cooperazione Adriatica Transfrontaliera 2007 – 2013 è riferibile alla seconda componente dellIPA; Le aree eleggibili sono identificate nellArt. 88* del regolamento di attuazione dello strumento IPA; Le aree eleggibili sono identificate nellArt. 88* del regolamento di attuazione dello strumento IPA; Per la Bosnia Erzegovina sono state richieste deroghe per la Municipalità di Sarajevo e per la Regione economica nord- occidentale e per quella centrale. Per la Bosnia Erzegovina sono state richieste deroghe per la Municipalità di Sarajevo e per la Regione economica nord- occidentale e per quella centrale. Fonte: Commission Regulation (EC) No 718/2007 del 12/06/2007

19 IPA ADRIATICO: Municipalità coinvolte

20 Tab. 1 Fonte: IPA Adriatic Cross-Border Programme (Draft /07/2007) 2007CB IPO 001; Nota: I dati non tengono in considerazione la Serbia che è in phasing out; Dimensione del Programma IPA Adriatico

21 IPA Adriatico Lesperienza dei precedenti programmi di cooperazione transfrontaliera, dellINTERREG IIIA PAO in particolare, ha dimostrato limportanza di una gestione congiunta per il nuovo Programma IPA Adriatico, pertanto: Lesperienza dei precedenti programmi di cooperazione transfrontaliera, dellINTERREG IIIA PAO in particolare, ha dimostrato limportanza di una gestione congiunta per il nuovo Programma IPA Adriatico, pertanto: la programmazione è concertata tra tutti gli attori coinvolti; la programmazione è concertata tra tutti gli attori coinvolti; il Programma IPA Adriatico utilizza fondi comunitari provenienti dal FESR e dai fondi IPA in modo proporzionale; il Programma IPA Adriatico utilizza fondi comunitari provenienti dal FESR e dai fondi IPA in modo proporzionale; la gestione dei fondi ricalca quella dei fondi strutturali e le regole saranno applicabili sia nei Paesi Membri che nei Paesi Candidati e Potenzialmente Candidati; la gestione dei fondi ricalca quella dei fondi strutturali e le regole saranno applicabili sia nei Paesi Membri che nei Paesi Candidati e Potenzialmente Candidati; i fondi sono spendibili sia allinterno che allesterno dei confini UE; i fondi sono spendibili sia allinterno che allesterno dei confini UE;

22 Priorità 1 : Cooperazione economica, sociale ed istituzionale Priorità 4 : Assistenza tecnica Potenziare ed integrare le reti infrastrutturali e promuovere lo sviluppo dei sistemi di trasporti, informazione e comunicazione. Promuovere, migliorare e proteggere le risorse naturali e culturali attraverso una gestione congiunta. Garantire la gestione, limplementazione, il monitoraggio e la valutazione del programma. Supportare la ricerca e linnovazione per favorire la competitività e lo sviluppo della zona adriatica attraverso la cooperazione economica, sociale ed istituzionale. Priorità 3 : Accesibilità e Reti Priorità 2: Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi Lobiettivo generale è rafforzare strategie comuni tra regioni adriatiche mediante azioni integrate e sostenibili IPA Adriatico Fonte: IPA Adriatic Cross-Border Programme (Draft /07/2007) 2007CB IPO 001

23 Struttura delle Priorità Obiettivi generali : Rafforzare la capacità di uno sviluppo sostenibile della Regione Adriatica attraverso una strategia dazione concertata tra i partner dei territori eleggibili PrioritàObiettivi Specifici I. COOPERAZIONE ECONOMICA, SOCIALE ED ISTITUZIONALE 1. Supportare la ricerca e linnovazione per favorire la competitività e lo sviluppo della zona adriatica attraverso la cooperazione economica, sociale ed istituzionale Migliorare la capacità di ricerca, accrescendo il livello delle competenze, incoraggiando il trasferimento di innovazione e creando un network che coinvolga imprenditori, istituzioni, università e centri ricerca con la finalità di promuovere azioni congiunte; Incentivare il sistema produttivo e territoriale per investire nella ricerca e linnovazione attraverso unofferta diversificata ed innovativa di strumenti finanziari; Creazione di un network per la cooperazione nel sociale e per le politiche del lavoro e della salute pubblica. Rafforzamento dove possibile dei network esistenti; Promuovere servizi innovativi ai cittadini attraverso lo scambio di tecniche ed expertise di governo e la diffusione di buone pratiche tra istituzioni e autorità locali;. II. RISORSE NATURALI E CULTURALI, PREVENZIONE DEI RISCHI 2. Promuovere, migliorare e proteggere le risorse naturali e culturali attraverso una gestione congiunta. Migliorare e difendere le coste anche attraverso una gestione congiunta dellambiente marino e costiero al fine di prevenire rischi ambientali; Rafforzare la capacità delle Istituzioni di preservare e gestire le risorse naturali e culturali attraverso la cooperazione regionale; Risparmio energetico e fonti energetiche rinnovabili; Sviluppo sostenibile della competitività delle località turistiche dellAdriatico, migliorando la qualità e I pacchetti turistici traendo il massimo dalle risorse naturali e culturali dellarea; III. ACCESSIBILITA E RETI 3. Potenziare ed integrare le reti infrastrutturali e promuovere lo sviluppo dei sistemi di trasporti, informazione e comunicazione Sviluppo del sistema dei trasporti (aeroporti, porti e rete viaria), garantendo linterconnessione e lintegrazione delle infrastrutture esistenti; Promozione di sistemi di trasporto al fine di migliorare i collegamenti nellarea adriatica; Migliorare e sviluppare la rete di comunicazioni e laccesso ad essa; IV. ASSISTENZA TECNICA 4. Garantire la gestione, limplementazione, il monitoraggio e la valutazione del programma. Migliorare limplementazione e amministrazione del Programma; Garantire le attività di valutazione, pubblicità e informazione; Fonte: IPA Adriatic Cross-Border Cooperation Programme, Draft 5.05 del 19/07/2007; 2007CB 16 IPO 001

24 Indicazioni Finanziarie La quota complessiva per la BIH è di 19.4 milioni di Euro per il periodo 2007 – 2010 Priorità Percentuale ammontare totale per la BIH I30% II30% III30% AT10% Fonte: Relazione della Rappresentanza Permanente Italiana presso lUE: Il nuovo strumento di Pre-Adesione Distribuita: milioni di euro milioni di euro milioni di euro milioni di euro

25 Le Prospettive in BiH nel Settore Agro - Alimentare La maggior parte della terra coltivabile non è contaminata da pesticidi e fertilizzanti chimici; La maggior parte della terra coltivabile non è contaminata da pesticidi e fertilizzanti chimici; La grande varietà climatica di cui gode la BIH, passando da un clima mediterraneo ad un clima continentale, permette la coltivazione di unampia gamma di prodotti; La grande varietà climatica di cui gode la BIH, passando da un clima mediterraneo ad un clima continentale, permette la coltivazione di unampia gamma di prodotti; Oltre 1.5 milioni di ettari di territorio in BIH sono suddivisi tra coltivazioni di cereali, ortaggi e allevamento del bestiame; Oltre 1.5 milioni di ettari di territorio in BIH sono suddivisi tra coltivazioni di cereali, ortaggi e allevamento del bestiame; Grande potenzialità per le coltivazioni biologiche; Grande potenzialità per le coltivazioni biologiche; Richiesta di prodotti di qualità in conseguenza dellaumento del reddito; Richiesta di prodotti di qualità in conseguenza dellaumento del reddito; Il settore dellitticoltura è estremamente sviluppato e in esso operano un gran numero di piccole imprese. Il settore dellitticoltura è estremamente sviluppato e in esso operano un gran numero di piccole imprese. Assenza di un sistema di certificazione dei prodotti; Assenza di un sistema di certificazione dei prodotti; Fonte: Camera di Commercio Italo-Bosniaca

26 Prospettive nel settore energetico Il settore dellenergia rappresenta una passaggio obbligato per lo sviluppo della BIH; Il settore dellenergia rappresenta una passaggio obbligato per lo sviluppo della BIH; Disponibilità di grandi risorse utilizzabili per la produzione di energia idroelettrica ( oltre km di fiumi e corsi dacqua minori); Disponibilità di grandi risorse utilizzabili per la produzione di energia idroelettrica ( oltre km di fiumi e corsi dacqua minori); Attualmente la produzione di energia complessiva della BIH supera i 4000Mw, ma è un valore che sottostima le reali capacità del paese (13 centrali idroelettriche che producono circa il 40% dellenergia e 4 centrali termoelettriche che producono il restante 60%); Attualmente la produzione di energia complessiva della BIH supera i 4000Mw, ma è un valore che sottostima le reali capacità del paese (13 centrali idroelettriche che producono circa il 40% dellenergia e 4 centrali termoelettriche che producono il restante 60%); Impianti e macchinari obsoleti e scarsamente efficienti, questo è dovuto anche alle conseguenze della guerra. Si stima che circa il 56% delle infrastrutture abbia riportato danni per un valore di circa 1 miliardo di Euro; Impianti e macchinari obsoleti e scarsamente efficienti, questo è dovuto anche alle conseguenze della guerra. Si stima che circa il 56% delle infrastrutture abbia riportato danni per un valore di circa 1 miliardo di Euro; La BiH è parte integrante del Trattato comune dellEnergia; La BiH è parte integrante del Trattato comune dellEnergia; Lattuale situazione bosniaca offre grandi opportunità che vanno dalla fornitura di know-how, volta allammodernamento gestionale del sistema, allacquisto di energia pulita proveniente da fonti rinnovabili; Lattuale situazione bosniaca offre grandi opportunità che vanno dalla fornitura di know-how, volta allammodernamento gestionale del sistema, allacquisto di energia pulita proveniente da fonti rinnovabili; Fonte: Camera di Commercio Italo-Bosniaca

27 Prospettive nel settore del turismo Il settore turistico che in BIH è stato per molti anni penalizzato dalla guerra sta vivendo un momento di completa rinascita; Il settore turistico che in BIH è stato per molti anni penalizzato dalla guerra sta vivendo un momento di completa rinascita; Secondo le stime dellOrganizzazione Mondiale del Turismo la Bosnia – Erzegovina nel periodo 1995 – 2020 avrà un tasso di crescita del settore tra i più alti del mondo; Secondo le stime dellOrganizzazione Mondiale del Turismo la Bosnia – Erzegovina nel periodo 1995 – 2020 avrà un tasso di crescita del settore tra i più alti del mondo; Le presenze turistiche dal 1995 al 2000 sono cresciute mediamente del 24% allanno; Le presenze turistiche dal 1995 al 2000 sono cresciute mediamente del 24% allanno; Per realizzare una promozione adeguata del Paese, è necessario riqualificare le strutture turistiche e sviluppare pacchetti-viaggio integrati, sopratutto nellambito delleco-turismo; Per realizzare una promozione adeguata del Paese, è necessario riqualificare le strutture turistiche e sviluppare pacchetti-viaggio integrati, sopratutto nellambito delleco-turismo; E indispensabile puntare su un turismo specializzato (sportivo, congressuale, culturale, rurale, gastronomico, ecc.). Questo, può prolungare la stagione turistica e rendere il settore di maggiore interesse per gli investimenti esteri. E indispensabile puntare su un turismo specializzato (sportivo, congressuale, culturale, rurale, gastronomico, ecc.). Questo, può prolungare la stagione turistica e rendere il settore di maggiore interesse per gli investimenti esteri. Fonte: Camera di Commercio Italo-Bosniaca

28 Prospettive nel settore del legno La trasformazione del legno e la sua lavorazione hanno sempre rappresentato un settore portante nelleconomia bosniaca; La trasformazione del legno e la sua lavorazione hanno sempre rappresentato un settore portante nelleconomia bosniaca; Il 50% del territorio bosniaco è ricoperto da foreste che possono produrre circa 7 milioni di m3 di legno per anno (produzione sostenibile); Il 50% del territorio bosniaco è ricoperto da foreste che possono produrre circa 7 milioni di m3 di legno per anno (produzione sostenibile); La produzione supera la domanda domestica e il tasso di esportazioni è piuttosto elevato. Attualmente, i principali mercati nei quali viene esportato il legno bosniaco sono quello italiano e tedesco. La produzione supera la domanda domestica e il tasso di esportazioni è piuttosto elevato. Attualmente, i principali mercati nei quali viene esportato il legno bosniaco sono quello italiano e tedesco. L80.7% delle foreste sono di proprietà dello Stato; L80.7% delle foreste sono di proprietà dello Stato; I principali fattori che ostacolano lo sviluppo del settore del legno in BiH sono: la carenza di infrastrutture, lassenza di strategie di marketing, la mancanza di impianti e la scarsa efficienza dei macchinari; I principali fattori che ostacolano lo sviluppo del settore del legno in BiH sono: la carenza di infrastrutture, lassenza di strategie di marketing, la mancanza di impianti e la scarsa efficienza dei macchinari; Ci sono diverse opportunità in questo settore: dalla commercializzazione di macchine per la lavorazione del legno e di manufatti (prodotti semi-lavorati, mobili, ecc.) al trasferimento di know-how da parte delle aziende italiane. Ci sono diverse opportunità in questo settore: dalla commercializzazione di macchine per la lavorazione del legno e di manufatti (prodotti semi-lavorati, mobili, ecc.) al trasferimento di know-how da parte delle aziende italiane. Fonte: Camera di Commercio Italo-Bosniaca

29 CONTATTI Aldo Sicignano Direttore Unità Tecnica Locale (UTL) Bosnia Erzegovina Mail. Tel EU DESK Davide Bussi European Affairs Advisor Unità Tecnica Locale (UTL) Bosnia Erzegovina Mail. Tel Maja Savic European Affairs Advisor Unità Tecnica Locale (UTL) Bosnia Erzegovina Mail. Tel


Scaricare ppt "Cooperazione Italiana in Bosnia Erzegovina Pescara, 29 settembre 2007 Opportunità di cooperazione in Bosnia – Erzegovina per associazioni, imprese, università"

Presentazioni simili


Annunci Google