La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

In tale situazione, per modeste entità della forza risulta: Si forma un meccanismo dove il carico applicato tende ad essere trasferito da un maschio allaltro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "In tale situazione, per modeste entità della forza risulta: Si forma un meccanismo dove il carico applicato tende ad essere trasferito da un maschio allaltro."— Transcript della presentazione:

1 In tale situazione, per modeste entità della forza risulta: Si forma un meccanismo dove il carico applicato tende ad essere trasferito da un maschio allaltro attraverso un puntone diagonale. Il meccanismo ha termine quando le due cerniere sono allineate (resistenza a compressione infinita della muratura), ovvero per un certo valore di φ corrispondente allo schiacciamento della muratura.

2 Se noi applichiamo la forza orizzontale nel maschio di destra, il meccanismo non funziona perché la muratura non è resistente a trazione. Si capisce quindi limportanza che la fascia di piano sia attraversata da un tirante. Il tirante può essere aderente o meno alla fascia di piano. Se è aderente, è facile ricavare quanto si allunga ed il tiro al suo interno:

3 Se risulta invece non aderente Una stima di φ per la norma è riportata di seguito.

4 Un valore ragionevole per lp può essere l p =B/2 (N.B. e =B/4), ε p =1.5 e ponendo mediamente σ km / σ m 10 si ottiene:

5 Questultimo esempio ci fa capire come la duttilità per pareti in muratura sia essenzialmente di tipo geometrico e non di tipo materiale. In altri termini, dato il pannello in muratura, gran parte dello spostamento Δ è dovuto alla geometria del pannello, ovvero a quanto valgono B, H, G in relazione alla spinta S

6 Le fasce di piano non sono solo del tipo che abbiamo visto noi, bensì anche del tipo più semplice, con un unico cordolo che le attraversa. N.B. Rispetto al caso precedente, in questo caso varia laltezza resistente a flessione, non quella a taglio!!!!

7 Nellanalisi delle pareti per azioni ortogonali, nel caso in cui sia presente, anziché un cordolo, una trave in c.a. di dimensioni più consistenti, si può ipotizzare che lintera azione sismica trasmessa a livello del solaio di sottotetto venga assorbita dalla trave stessa. In riferimento al caso in esame, considerando lallineamento y1 ed ipotizzando la presenza di una trave in c.a. di dimensioni 20x40 cm, armata con 2+2Φ16 si ha: q v 5.11 kN/m q h 6.98 kN/mM Sdh = kNm M Rdh = 33.8 kNmM Sd /M Rd = 0.38 <<1 in cui F corrisponde alla risultante sismica totale e gli appoggi sono stati posti in corrispondenza delle pareti ortogonali

8 N.B.: Determiniamo le tensioni tangenziali tra il cordolo e la muratura sottostante: τ = N/mm 2 Le tensioni normali sono circa pari a σ 0 = 0.02 N/mm 2 Il rapporto τ/ σ 0 è indicativo della tendenza dellintera copertura. Possiamo fare la verifica a scorrimento, assumendo f vk0 = 0.1 N/mm 2 f vk = f vk σ 0 = N/mm2 f vd = N/mm 2 > τ = N/mm 2


Scaricare ppt "In tale situazione, per modeste entità della forza risulta: Si forma un meccanismo dove il carico applicato tende ad essere trasferito da un maschio allaltro."

Presentazioni simili


Annunci Google