La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistemi di relazione tra Stato e confessioni religiose Il sistema degli accordi tra Stato e minoranze religiose. Tipologie - in Italia - Legge generale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistemi di relazione tra Stato e confessioni religiose Il sistema degli accordi tra Stato e minoranze religiose. Tipologie - in Italia - Legge generale."— Transcript della presentazione:

1 Sistemi di relazione tra Stato e confessioni religiose Il sistema degli accordi tra Stato e minoranze religiose. Tipologie - in Italia - Legge generale sui culti Prof. Giovanni Cimbalo – Università di Bologna

2 Stato e confessioni religiose di minoranza Sistema concordatario Sistemi di accordi ecclesiastici o intese Sistemi a concertazione obbligatoria Sistemi di negoziazione con preventiva concertazione Sistemi a legislazione negoziata Regolamentazione unilaterale

3 Sistema concordatario Il concordato è un accordo di diritto internazionale che riguarda esclusivamente le relazioni con la Chiesa Cattolica. Esso può assumere diverse forme: può trattarsi di un testo onnicomprensivo (Italia) o di specifici accordi su determinate materie (Spagna, Austria)

4 Sistemi di accordi ecclesiastici o intese Gli accordi ecclesiastici sono tipici dei rapporti tra lo Stato e le confessioni protestanti. Le intese previste dallordinamento italiano si rifanno a questa tipologia, ma hanno copertura costituzionale attraverso lart. 8 della Costituzione.

5 Sistemi a concertazione obbligatoria La concertazione obbligatoria è prevista per gli accordi con le confessioni di minoranza dallordinamento spagnolo Lo Stato conclude accordi di collaborazione solo con grandi famiglie, individuate come tali secondo la comune opinione.

6 Sistemi di negoziazione con preventiva concertazione Questa tipologia è tipica dellordinamento olandese. Lo Stato negozia con un unico organismo, l I.C.O., che rappresenta tutte le confessioni religiose. LI.C.O. (Interkerkelijk Contact in Overheidszaken) è retto da uno statuto di tipo consociativo che consente alle confessioni che ne fanno parte di pesare nelle decisioni a senconda della loro consistenza numerica

7 Sistemi a legislazione negoziata Lordinamento distingue tra culti riconosciuti e culti non riconosciuti Lattività dei culti riconosciuti è regolata da una apposita legge, negoziata di fatto con la confessione religiosa. Lattività dei culti non riconosciuti è regolata dal diritto comune.

8 Regolamentazione unilaterale Lordinamento regola lattività dei culti con legislazione di diritto comune, in regime di separazione. Tuttavia esiste nella prassi un sistema di consultazione dei culti che consente di emanare i provvedimenti che li riguardano dopo una fase di consultazione.

9 Relazioni con i culti di minoranza: il sistema italiano I rapporti con le confessioni diverse dalla cattolica sono regolati dallart. 8 della Costituzione. Nellordinamento italiano non esiste una norma legislativa che definisca cosa è una confessione religiosa. Tale concetto è stato elaborato dalla giurisprudenza costituzionale.

10 Il testo dellart. 8 Costituzione Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge Ciò significa che tutte le confessioni – compresa la cattolica – hanno uguale libertà, ma non vuol dire che le norme che le riguardano sono uguali, poiché le loro esigenze potrebbero essere diverse.

11 Il testo dellart. 8 Costituzione Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge Ciò significa che tutte le confessioni – compresa la cattolica – hanno uguale libertà ma non vuol dire che le norme che le riguardano sono uguali, poiché le loro esigenze potrebbero essere diverse.

12 Il testo dellart. 8 Costituzione Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i loro statuti, in quanto non contrastino con lordinamento giuridico italiano Organizzarsi secondo i propri statuti è una facoltà non un obbligo. Il limite dellordinamento giuridico italiano non riguarda lesercizio del culto, ma solo i contenuti dello statuto.

13 Il testo dellart. 8 Costituzione I loro rapporti sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze Le rappresentanze sono identificabili in base agli statuti. La legge che recepisce lintesa non può essere modificata unilateralmente, ma va rinegoziata. Questa resistenza alla modifica ne fa una legge rinforzata allinterno della gerarchia delle fonti, capace di farla prevalere su altre norme.

14 Nozione di confessione religiosa La nozione di confessione religiosa è stata elaborata dalla Corte Costituzionale nella sentenza 195/97, dalla Corte di Cassazione nella sentenza 9746/1977 e dal Consiglio di Stato Sez. I, pareri n. 1390/86 e n. 2158/89. In conclusione si può affermare che una confessione religiosa è un gruppo di persone che hanno unicità di credo e di organizzazione che si ritengono confessione religiosa e sanno di esserlo. (criterio di autoreferenzialità)

15 Nozione di confessione religiosa - considerazioni Le sentenze citate suggeriscono lidea che lunico criterio per definire un gruppo confessione religiosa sia quello empirico. Mentre la Ley organica de libertad religiosa allart. 7.1 restringe lutilizzo della contrattazione alle confessioni che per numero di fedeli e diffusione territoriale hanno notorio arraigo la costituzione italiana consente di stipulare intese alle confessioni organizzate secondo propri statuti che non contrastano con lordinamento giuridico italiano. In tal modo è possibile individuare agevolmente i rappresentanti della confessione.

16 Critica al sistema delle intese Le intese stipulate si caratterizzano per la presenza di gran parte di norme comuni (cè chi ha parlato di intese fotocopia). Tuttavia la presenza di un numero sempre maggiore di intese introduce un sistema di statuti personali di stampo ottomano che sembra avere fortuna e futuro in Europa a causa della crisi degli Stati nazionali e alla creazione di macro-regioni alle quali fanno da contro altare énclaves religiose.

17 La legge sui culti ammessi In Italia sono ancora vigenti la L. 24 giugno 1929 n sui culti ammessi nello Stato e il R.D. 28 febb n. 289 attuativo di essa Sono stati presentati tre DDL con i quali si intendeva dettare una nuova normativa generale per prevenire la frammentazione legislativa prodotta dalle intese.

18 Una legge generale sulla libertà religiosa Disegno di Legge 13 settembre 1990 "Norme sulla libertà religiosa e abrogazione della legislazione sui culti ammessi" Progetto di legge n del 3 luglio 1997 "Norme sulla libertà religiosa e abrogazione della legislazione sui culti ammessi" Progetto di legge n marzo 2002 "Libertà di coscienza e di religione e abrogazione della legislazione sui culti ammessi"

19 Tutela e limiti della libertà religiosa La libertà religiosa nellordinamento italiano e comunque tutelata, indipendentemente dalla stipula di una intessa da parte della Confessione. Vediamo alcuni esempi di tutela della libertà religiosa anche in assenza di intessa: diritto agli edifici culto, libertà di coscienza e tutela penale.

20 Le norme sugli edifici di culto Nellordinamento italiano il diritto di disporre di edifici di culto é indipendente dallaver stipulato unintesa con lo Stato. Esso discende direttamente dallart. 19 della Costituzione che assicura a tutti – cittadini e stranieri il diritto di celebrare il culto. Pertanto gli Enti territoriali prevedono nel piano regolatore ledificio di culto come opera di urbanizzazione secondaria e agevolano il finanziamento per la costruzione

21 Libertà religiosa e libertà di coscienza La libertà religiosa è assicurata a tutti e quindi anche agli appartenenti alle confessioni di minoranza. Tuttavia recentemente si sono avuti scontri tra cattolici e laici sullaffissione del crocifisso negli uffici pubblici e richieste di non credenti di essere cancellati dal registro dei battezzati.

22 La tutela penale Con ripetute sentenze la Corte Costituzionale ha via via dichiarato incostituzionali numerose norme sulla tutela penale dei culti relativamente al reato di offese alla religione, di bestemmia, alla formula del giuramento.

23 La libertà di proselitismo La libertà di proselitismo è garantita dallart. 19 della Costituzione. Tuttavia in questi ultimi anni è stata legislativamente rafforzata la tutela della privacy. Risulta così tutelata – anche se con fatica – la libertà dalla religione.


Scaricare ppt "Sistemi di relazione tra Stato e confessioni religiose Il sistema degli accordi tra Stato e minoranze religiose. Tipologie - in Italia - Legge generale."

Presentazioni simili


Annunci Google